Apri il menu principale
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Barracuda boccagialla
Spvir ua.jpg
Sphyraena viridensis
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Actinopterygii
Ordine Perciformes
Sottordine Scombroidei
Famiglia Sphyraenidae
Genere Sphyraena
Specie S. viridensis
Nomenclatura binomiale
Sphyraena viridensis
Cuvier, 1829

Sphyraena viridensis, conosciuto comunemente come barracuda boccagialla o come barracuda mediterraneo, è una specie di pesce d'acqua salata appartenente alla famiglia Sphyraenidae.

Indice

Distribuzione e habitatModifica

La Sphyraena viridensis un tempo era circoscritta in un ristretto bacino dell'Atlantico orientale (Capo Verde, Canarie e Azzorre).
Negli ultimi dieci anni si è avuto un crescente numero di segnalazioni della sua presenza nel bacino del Mediterraneo. L'innalzamento della temperatura delle acque del mare nostrum (meridionalizzazione del Mediterraneo) ha infatti creato un ambiente ideale per la specie, che si è velocemente diffusa al punto da venire ormai comunemente indicata come barracuda del Mediterraneo, confondendolo sovente con l'unico altro sfirenide presente nelle nostre acque, il luccio di mare (Sphyraena sphyraena), dal quale però lo differenziano il preopercolo privo di squame, le caratteristiche bande verticali e le dimensioni decisamente maggiori.
Vive generalmente al largo (è un pesce pelagico) ma si può avvicinare soprattutto alle isole ed ai promontori, presso scogli a picco e coste alte e rocciose. Vive fino a 100 metri di profondità.

DescrizioneModifica

 
Alcuni esemplari

Ha un corpo molto allungato, di colorazione grigio-bluastra sul dorso e bianco-argentea sul ventre, con caratteristiche bande trasversali scure. Il muso è lungo e appuntito, con la mandibola più lunga della mascella; la bocca è armata di denti molto aguzzi e leggermente ricurvi, presenti anche sul palato. Ha due pinne dorsali, molto distanziate tra loro e la caudale è nettamente incisa e appuntita.

Può raggiungere la lunghezza di 1,30 m. Il peso medio è compreso tra 1 e 3 kg ma alcuni esemplari, specie nell'Atlantico, possono raggiungere i 10–12 kg.

 
Esemplari del Mediterraneo (Isole Medas).

Questa specie e la Sphyraena sphyraena sono state confuse per anni anche dagli ittiologi per cui non si conoscono bene le differenze tra le due. L'unico metodo certo di distinzione è nel preopercolo, nudo in questa specie e coperto di scaglie nella Sphyraena sphyraena.

BiologiaModifica

ComportamentoModifica

Tende a muoversi in gruppi numerosi.

AlimentazioneModifica

È un carnivoro, che si nutre prevalentemente di pesci, cefalopodi e crostacei.

RiproduzioneModifica

La deposizione delle uova avviene a fine primavera o inizio dell'estate.
Gli avannotti ricercano ambienti tranquilli e ricchi di alimenti come le foci dei fiumi o le insenature costiere; raggiunti i 5 cm di lunghezza raggiungono il mare aperto.

BibliografiaModifica

  • Santos, R. S., F. M. Porteiro and J. P. Barreiros. Marine fishes of the Azores. Annotated checklist and bibliography. Bull. Univ. Azores, 1997 Suppl. 1: i-xxvii + 1-244.
  • Bizsel, K.C. and B. Cihangir. A new fish record for the Turkish seas; yellow mouth barracuda (Sphyraenidae; Sphyraena viridensis Cuvier, 1829). Turk. J. Zool., 1996; 20:357-359.
  • Relini, M. and L. Orsi Relini. The two species of barracuda (Sphyraenidae) in the western Mediterranean. Cybium, 1997; 21 (2): 216-222.
  • Massutí, E., G. Morey, J. Moranta and F. Riera Presència de Sphyraena viridensis (Pisces, Sphyraenidae) a les Illes Balears. Boll. Soc. Hist. Nat. Balears, 2001; 44: 97-101.
  • Barreiros, J.P., R.S Santos and A.E. de Borba. Food habits, schooling and predatory behaviour of the yellowmouth barracuda, Sphyraena viridensis (Perciformes: Sphyraenidae) in the Azores. Cybium, 2002; 26(2):83-88.
  • Kara, M. H. and N. Bourehail. Présence du barracuda, Sphyraena viridensis (Sphyraenidae), sur les côtes de l'est Algérien. Cybium 2003; 27(1): 59-60.
  • Costa F. Atlante dei pesci dei mari italiani Mursia 1991 ISBN 88-425-1003-3
  • Louisy P., Trainito E. (a cura di) Guida all'identificazione dei pesci marini d'Europa e del Mediterraneo. Milano, Il Castello, 2006. ISBN 88-8039-472-X
  • Tortonese E. Osteichthyes, Calderini, 1975

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Pesci: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di pesci