Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Lucherino andino
Carduelis spinescens.jpg
Stato di conservazione
Status iucn3.1 LC it.svg
Rischio minimo[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Subphylum Vertebrata
Classe Aves
Sottoclasse Neornithes
Superordine Neognathae
Ordine Passeriformes
Sottordine Oscines
Infraordine Passerida
Superfamiglia Passeroidea
Famiglia Fringillidae
Sottofamiglia Carduelinae
Tribù Carduelini
Genere Spinus
Specie S. spinescens
Nomenclatura binomiale
Spinus spinescens
(Bonaparte, 1850)
Sinonimi

Carduelis spinescens
Sporagra spinescens

Il lucherino andino (Spinus spinescens (Bonaparte, 1850)) è un uccello passeriforme della famiglia Fringillidae[2].

EtimologiaModifica

Il nome scientifico della specie, spinescens, deriva da Spinus, nome che designa i lucherini: il loro nome comune, invece, è un chiaro riferimento all'areale di distribuzione della specie.

DescrizioneModifica

 
Maschio impagliato.
 
Femmina impagliata.

DimensioniModifica

Misura 9–11 cm di lunghezza, per un peso di 11,3 g[3]: questi valori rendono il lucherino andino il rappresentante di maggiori dimensioni fra i lucherini e fra i fringillidi in generale.

AspettoModifica

Si tratta di uccelli dall'aspetto minuto, muniti di becco conico sottile e appuntito, testa squadrata, ali appuntite e coda dalla punta lievemente forcuta.

Il piumaggio si presenta di colore verde oliva diffuso, più scuro su dorso e scapole e con vistose sfumature giallastre ai lati del collo, sul petto e sul ventre, mentre il sottocoda è biancastro ed il codione è di colore giallo: anche gli specchi alari sulle remiganti sono di colore giallo, mentre coda, ali, fronte e vertice sono di colore nero. Il dimorfismo sessuale è ben evidente, con le femmine che mancano del nero cefalico e presentano ivrea quasi completamente priva del giallo (che permane solo su codione e ali), mentre l'area ventrale è di colore grigio-verdastro.
In ambedue i sessi il becco è grigio-nerastro con tendenza a scurirsi in punta, le zampe sono nerastre e gli occhi sono di colore bruno scuro.

BiologiaModifica

 
Maschio in Colombia.

I lucherini andini sono uccelletti vispi e vivaci, dalle abitudini diurne e moderatamente gregarie, che all'infuori della stagione riproduttiva si muovono in coppie o in gruppetti di una ventina d'individui, talvolta in associazione con altre specie affini (come ad esempio il lucherino monaco), i quali passano la maggior parte della giornata alla ricerca di cibo fra l'erba alta o al suolo, salvo poi fare ritorno sul far della sera verso posatoi riparati per passare la notte.

AlimentazioneModifica

Si tratta di uccelli granivori la cui dieta si compone in massima parte di semi di piante erbacee e cespugliose (soprattutto Espeletiinae[3]), pinoli, bacche, germogli, foglioline e (soprattutto durante il periodo degli amori, quando il fabbisogno energetico risulta accresciuto per via dello sforzo riproduttivo) piccoli invertebrati.

RiproduzioneModifica

Sono stati trovati esemplari in riproduzione fra febbraio ed agosto: pur mancando informazioni sulla riproduzione di questi uccelli, si ha motivo di ritenere che essa non differisca in maniera significativa, per modalità e tempistica, da quanto osservabile fra gli altri lucherini e fra i fringillidi in generale.

Distribuzione e habitatModifica

 
Maschio in natura ad Armenia.
 
Maschio in natura a Bogotà.

Come intuibile dal nome comune, il lucherino andino vive nelle Ande, delle quali popola la porzione più settentrionale, nell'area compresa fra l'estremità nord-occidentale del Venezuela (stati di Trujillo, Mérida, nord dell'Aragua e Táchira, Sierra de Perijá) e la Colombia orientale (versante occidentale della Cordillera Oriental e Sierra Nevada de Santa Marta), spingendosi fino al nord dell'Ecuador (provincia del Pichincha e provincia del Carchi).

L'habitat di questi uccelli è rappresentato dalle aree cespugliose ed erbose montane appena al di sopra della linea degli alberi, spesso sul limitare della foresta nana o della foresta nebulosa[3], oltre che dal páramo ed occasionalmente anche dalle piantagioni in quota, a un'altezza compresa fra i 1800 ed i 3700 m.

TassonomiaModifica

Se ne riconoscono due sottospecie[2]:

la popolazione della Sierra Nevada de Santa Marta, generalmente considerata facente parte della sottospecie nominale, viene da alcuni autori considerata una sottospecie a sé stante col nome di S. s. capitaneus[2][3].

NoteModifica

  1. ^ (EN) BirdLife International 2012, Spinus spinescens, su IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2019.2, IUCN, 2019.
  2. ^ a b c (EN) Gill F. and Donsker D. (eds), Family Fringillidae, in IOC World Bird Names (ver 9.2), International Ornithologists’ Union, 2019. URL consultato il 26 settembre 2017.
  3. ^ a b c d (EN) Andean Siskin (Spinus spinescens), su Handbook of the Birds of the World. URL consultato il 26 settembre 2017.

Altri progettiModifica

  Portale Uccelli: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di uccelli