Sport-Club Paderborn 07

squadra di calcio tedesca
SC Paderborn 07
Calcio Football pictogram.svg
SCPaderborn07.png
Segni distintivi
Uniformi di gara
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Casa
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Trasferta
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Terza divisa
Colori sociali Azzurro e Nero.svg Blu, nero
Dati societari
Città Paderborn
Nazione Germania Germania
Confederazione UEFA
Federazione Flag of Germany.svg DFB
Campionato Bundesliga
Fondazione 1985
Presidente Germania Wilfried Finke
Allenatore Germania Steffen Baumgart
Stadio Benteler-Arena
(15 300 posti)
Sito web www.scpaderborn07.de
Palmarès
Si invita a seguire il modello di voce

Lo Sport-Club Paderborn 07 e.V., noto come Paderborn 07, o più semplicemente come Paderborn, è una società calcistica tedesca con sede a Paderborn, città della Renania Settentrionale-Vestfalia. Nella stagione 2019-2020 ha militato in Bundesliga, la massima divisione del campionato tedesco di calcio.

Fondato nel 1985, il club ha conosciuto i maggiori successi agli inizi del XXI secolo, stabilizzando la propria posizione in 2. Bundesliga e poi ottenendo per la prima volta la promozione in Bundesliga al termine della stagione 2013-2014. Dopo una doppia caduta che l'ha condotta in 3. Liga nel 2016, la squadra ha riguadagnato la massima categoria con un doppio salto tra il 2017 e il 2019.

StoriaModifica

EsordiModifica

Il club nacque nel 1985 dalla fusione del FC Paderborn e del TuS Schloß Neuhaus in TuS Paderborn-Neuhaus e assunse il nome attuale, più corto, nel 1997. Il club Neuhaus fu fondato nel 1907 come SV 07 Neuhaus, che fu unito al TuS 1910 Sennelager, squadra locale, per formare il TuS Schloss Neuhaus nel 1970.

Gli anni in Zweite BundesligaModifica

Al termine della Regionalliga Nord 2004-2005, il Paderborn fu promosso per la prima volta in Zweite Bundesliga. Il primo storico campionato, che era partito con l'obiettivo della salvezza, si concluse con un più che soddisfacente nono posto, salvezza bissata con largo anticipo anche l'anno dopo, terminato all'undicesimo posto. Termina invece al diciassettesimo posto la stagione 2007-2008, retrocedendo, ma l'anno dopo torna immediatamente in Zweite dopo aver vinto i play-off di categoria. Fra il 2009-2010 e il 2012-2013 disputa sempre ottime stagioni (5°,12°, poi ancora 5° e infine nuovamente 12º posto), mentre il capolavoro viene compiuto nel 2013-2014: Il Paderborn parte fortissimo, rimanendo in vetta per alcune giornate, prima di cedere la posizione al Colonia, restando sempre in orbita promozione, che viene conquistata a fine stagione, conclusa al secondo posto, a -9 dal Colonia ma a più 2 dal Greuther Furth, terzo. Il Paderborn viene promosso, dopo 29 anni dalla sua fondazione in Bundesliga. Come ciliegina sulla torta, Saglik vince la classifica cannonieri, con 15 reti, assieme a Jakub Sylvestr.

L'anno in BundesligaModifica

Dopo l'estate di festeggiamenti, il Paderborn si appresta, nella stagione 2014-2015, a disputare il suo primo campionato nella Bundesliga; la rosa rimane sostanzialmente immutata. I nerazzurri debuttano in Bundesliga il 24 agosto, in casa contro il Magonza, pareggiando 2-2. L'esordio in trasferta è da sogno: il Paderborn espugna L'Imtech Arena di Amburgo vincendo nettamente 0-3, cogliendo il primo successo nella serie maggiore. I nerazzurri rimangono imbattuti fino alla quinta giornata, (0-0 in casa col Colonia e prima storica vittoria casalinga in Bundesliga con un 2-0 all’ Hannover 96) dove perdono 4-0 all'Allianz Arena contro il Bayern Monaco. Il girone di andata viene chiuso addirittura al 10º posto con 23 punti. Purtroppo il girone di ritorno non proseguirà bene come quello appena passato, infatti la squadra coglie solo 3 successi (0-2 all'Hannover, 2-1 all'Augusta e 1-2 al Friburgo) e tante amare delusioni (umiliazioni come il 5-0 subito in trasferta contro il Mainz, lo 0-6 casalingo con il Bayern Monaco e il 4-0 esterno contro l'Eintracht Francoforte), retrocedendo all'ultimo posto con 32 punti. La prima stagione in Bundesliga non è interamente da buttare, poiché vengono scoperti talenti come Moritz Stoppelkamp od Elias Kachunga.

Continue promozioni e retrocessioniModifica

Ritornata in Zweite Liga per l'annata 2015-2016, il Paderborn si pone l'obiettivo di un pronto ritorno in Bundesliga. Sul fronte del mercato è ancora riconfermata in gran parte la vecchia rosa, con acquisti mirati come Marcel Ndjeng, proveniente dall'Hertha Berlino, mentre se ne vanno quattro giocatori simbolo come Kachunga, Vrancic, Wemmer e Meha. La stagione parte malissimo e così prosegue, con il Paderborn che non riesce a schiodarsi dalla zona retrocessione. L'incubo 3. Liga diventa realtà con due giornate di anticipo, a causa dell'ultimo posto a quota 28 punti. I nerazzurri, dopo sette anni consecutivi tra Zweite e Bundesliga, tornano dunque in terza serie.

L'estate del 2016 è molto movimentata: La rosa viene svecchiata e rivoluzionata, con le sole conferme di Strohdiek, Bertels e Kruse. L'inizio è disastroso, con la squadra che si trova sempre in zona retrocessione. Nel gennaio 2017 sono operati colpi di qualità in attacco, con gli arrivi di Zlatko Dedič e Roope Riski, che servono a ben poco perché, nonostante una netta ripresa alla fine del campionato, la squadra giunge terzultima, rimediando la terza retrocessione consecutiva. Tuttavia il club, a causa della mancata iscrizione del Monaco 1860, è ripescato nella terza divisione tedesca.

Nella stagione 2017-2018 la compagine nerazzurra è autrice di una grande stagione, coronata dalla promozione in 2. Bundesliga grazie al secondo posto finale. La squadra conclude poi la stagione 2018-2019 con un ottimo secondo posto, davanti all'Union Berlino per differenza reti favorevole e all'Amburgo giunto quarto, completando così un doppio salto di categoria.

La seconda storica apparizione in Bundesliga del club, quella della stagione 2019-2020, comincia male, con un solo punto ottenuto nelle prime otto giornate (1-1 sul campo del Wolfsburg). Alla nona giornata il club trova la prima vittoria stagionale battendo per 2-0 il Fortuna Düsseldorf per poi, alla dodicesima, trovarsi in vantaggio di tre gol all'intervallo sul campo del Borussia Dortmund; tuttavia i padroni di casa rimontano nel finale portando il match sul 3-3. Due giornate dopo il Paderborn trova anche la prima vittoria esterna, per 1-0 sul campo del Werder Brema, siglata da un gol al 93' di Sven Michel. Il 16 giugno 2020, complice la sconfitta per 1-0 sul campo dell'Union Berlino, la squadra retrocede aritmeticamente in 2. Bundesliga dopo una sola stagione di permanenza nella massima serie (come successo nell'unico precedente), chiudendo il campionato all'ultimo posto.

Cronistoria recenteModifica

Anno Divisione Posizione
1999–2000 Regionalliga West/Südwest (III) 13º (retrocesso)
2000–01 Oberliga Westfalen (IV) 1º (promosso)
2001–02 Regionalliga Nord (III) 14º
2002–03 Regionalliga Nord
2003–04 Regionalliga Nord
2004–05 Regionalliga Nord 2º (promosso)
2005–06 2. Bundesliga (II)
2006–07 2. Bundesliga 11º
2007–08 2. Bundesliga 17º (retrocesso)
2008–09 Regionalliga Nord (III) 3º (playoff)
2009–10 2. Bundesliga
2010−11 2. Bundesliga 12º
2011−12 2. Bundesliga
2012−13 2. Bundesliga 12º
2013−14 2. Bundesliga 2º (promosso)
2014-15 Bundesliga 18º (retrocesso)
2015-16 2.Bundesliga 18º (retrocesso)
2016-17 3.Liga 18° (ripescato)
2017-18 3.Liga 2° (promosso)
2018-19 2. Bundesliga 2° (promosso)
2019-20 Bundesliga 18º (retrocesso)

Diffusione nella cultura di massaModifica

La squadra è famosa per essere stata coinvolta in un'inchiesta giudiziaria nel 2004. Il 21 agosto di quell'anno il Paderborn sconfisse sorprendentemente per 4-2 l'Amburgo, compagine di prima divisione, in un incontro valido per la Coppa di Germania. Nel gennaio 2005 emerse che l'arbitro della partita, Robert Hoyzer, aveva ricevuto denaro da un sindacato di scommesse sportive croato per combinare il risultato, assegnando due calci di rigore al Paderborn e un discutibile cartellino rosso ad un giocatore dell'Amburgo. Poco tempo dopo affiorarono altri casi di pilotaggio dei risultati delle partite, casi in cui ufficiali di gara, allenatori e calciatori accettavano somme di denaro in cambio di influenzare i risultati delle partite. Ne risultò lo scandalo della Bundesliga 2005, il più grande nella storia del calcio tedesco dell'ultimo trentennio e ad un solo anno dai Mondiali di Germania.

PalmarèsModifica

Altri piazzamentiModifica

Secondo posto: 2013-2014, 2018-2019
Secondo posto: 2017-2018
Terzo posto: 2008-2009

Statistiche e recordModifica

Statistiche individualiModifica

Vengono riportati di seguito i calciatori per numero di presenze e gol con la maglia del Paderborn:

 
Record di presenze

I primi dieci giocatori per numero di presenze[1]:

 
Record di gol

I primi dieci giocatori per numero di gol[2]:

OrganicoModifica

Rosa 2019-2020Modifica

Aggiornata al 30 dicembre 2019.

N. Ruolo Giocatore
1   P Michael Ratajczak
2   D Uwe Hünemeier
4   D Jan-Luca Rumpf
5   D Christian Strohdiek
7   C Marlon Ritter
8   C Klaus Gjasula (capitano)
9   A Kai Pröger
11   A Sven Michel
12   C Dominik Bilogrević
13   C Sebastian Schonlau
14   A Khiry Shelton
15   D Luca Kilian
16   A Johannes Dörfler
17   P Leopold Zingerle
19   C Abdelhamid Sabiri
N. Ruolo Giocatore
20   D Laurent Jans
21   P Jannik Huth
22   C Christopher Antwi-Adjei
24   C Rifet Kapić
25   D Mohamed Dräger
27   A Babacar Gueye
29   D Jamilu Collins
30   A Streli Mamba
31   A Ben Zolinski
33   C Marcel Hilßner
34   P Leon Brüggemeier
38   C Gerrit Holtmann
39   C Sebastian Vasiliadis
  A Dennis Srbeny

Staff tecnicoModifica

Dal sito Internet ufficiale della società[3]

 
Staff dell'area tecnica

NoteModifica

  1. ^ calciozz.it, http://www.calciozz.it/team_players.php?id=4458. URL consultato il 25 febbraio 2016.
  2. ^ calciozz.it, http://www.calciozz.it/team_players.php?id=4458&pais=0&pos=0&active=99&o=gm. URL consultato il 25 febbraio 2016.
  3. ^ [1] www.scpaderborn07.de

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN190416479 · GND (DE7789047-4 · WorldCat Identities (ENviaf-190416479