Apri il menu principale

Sportclub Rapid 1955-1956

1leftarrow blue.svgVoce principale: Sportklub Rapid.

SC Rapid
Stagione 1955-1956
AllenatoreAustria Leopold Gernhardt, poi Austria Alois Beranek, poi Austria Franz Wagner
PresidenteAustria Josef Schwarzl
Staatsliga A1º posto
Coppa dei CampioniQuarti di finale
Coppa MitropaFinale
Maggiori presenzeCampionato: Austria Robert Dienst e Austria Paul Halla (26)
Totale: Austria Halla (30)
Miglior marcatoreCampionato: Austria Gerhard Hanappi (22)
Totale: Austria Hanappi (23)
StadioPfarrwiese
Maggior numero di spettatori55 000 vs Vasas (21 luglio 1956)
Minor numero di spettatori3 000 vs Sturm Graz (26 novembre 1955)

Questa voce raccoglie le informazioni riguardanti lo Sportclub Rapid nelle competizioni ufficiali della stagione 1955-1956.

StagioneModifica

La stagione 1955-1956 del Rapid Vienna inizia con una tournée in Australia, con ben 18 amichevoli in programma dal 2 luglio al 20 agosto 1955, fra cui 5 confronti con la Nazionale australiana. Il Rapid fa ritorno da Sydney appena in tempo per l'esordio in campionato, il 28 agosto contro il Simmeringer in una rinnovata[1] Pfarrwiese, partita vinta 4-2.

Il girone d'andata del campionato di Staatsliga A vede il Rapid installarsi al primo posto della classifica, seppur in svantaggio per differenza reti; il 23 ottobre, con la vittoria nel derby contro l'Austria Vienna per 3-1, i bianco-verdi raggiungono quota 12 punti dopo 8 giornate, merito di 5 vittorie, 2 pareggi e una sola sconfitta, subita ad opera del First Vienna. Nel frattempo, i viennesi fanno il loro esordio in Coppa dei Campioni, alla quale partecipano per decisione della federazione, benché fossero giunti solo al 3º posto nella Staatsliga A 1954-1955, dietro al Wiener Sport-Club e al First Vienna campione. Negli ottavi di finale il Rapid affronta gli olandesi del PSV Eindhoven, vincendo di larga misura (6-1) la gara d'andata alla Pfarrwiese e perdendo di misura (0-1) nel ritorno a Eindhoven. A sua volta, il PSV partecipava alla Coppa dei Campioni su invito della propria federazione, in quanto il titolo olandese era stato vinto dal Willem II. Durante la seduta del consiglio d'amministrazione del 4 ottobre 1955 il direttore sportivo Leopold Gernhardt rassegna le dimissioni, l'incarico viene assegnato a Rudolf Schick[1]. Gernhardt, che dal marzo 1955 rivestiva anche il ruolo di allenatore della prima squadra, viene sostituito in panchina da Alois Beranek.

La pausa invernale inizia l'11 dicembre 1955 e dura fino al rientro in campo della Staatsliga A, il 7 marzo 1956. Durante questo periodo il Rapid ha giocato 10 amichevoli, principalmente in Nordafrica e ad Atene. Precedentemente, il 15 novembre, aveva giocato una partita amichevole all'Upton Park di Londra, contro il West Ham United, pareggiando 1-1. Mentre il campionato austriaco è fermo e dopo un viaggio ferroviario di 60 ore dalla Grecia in Austria[2], il 18 gennaio 1956 si gioca la gara d'andata dei quarti di finale di Coppa dei Campioni, a Vienna contro il Milan. Un gol di Robert Körner pareggia quello di Nordahl e la contesa termina in parità. Quasi un mese dopo, il 12 febbraio, a Milano si gioca il ritorno e i rossoneri, stavolta, dilagano fino al 7-2 conclusivo. La sconfitta costa la panchina a Beranek, che aveva assunto la guida tecnica della squadra nel gennaio 1956. Al suo posto, la dirigenza chiama Franz Wagner in qualità d'allenatore ad interim, il suo mandato scadrà poi in agosto, quando Max Merkel ne prenderà il posto[3].

Il girone di ritorno di Staatsliga A si apre con una netta affermazione sul Simmeringer (4-1), ma l'11 marzo, nel derby contro il Wacker Vienna, il Rapid viene superato per 2-0. La sconfitta dà una scossa alla squadra, che supera nettamente il Kapfenberger 6-0. Si gioca poi l'Osterturnier, tradizionale manifestazione del periodo pasquale, che attira folle di quasi 50 000 spettatori sia a Vienna che a Budapest, malgrado il carattere amichevole del torneo. All'epoca gli incassi di queste partite costituivano buona parte del budget annuale di un club di calcio e il prezzo di un biglietto per un posto in piedi era di 10 scellini[3]. Ripreso il campionato, il Rapid prosegue il duello con il Wacker. Il 18 aprile sconfigge con un netto 6-0 il Wiener Sport-Club; la settimana seguente subisce la sconfitta più pesante della stagione in patria, perdendo 5-1 contro il First Vienna, ma sarà quella l'ultima sconfitta in campionato. Nelle ultime 7 gare, il Rapid otterrà 6 vittorie e un solo pareggio, il 13 maggio contro il Wien (2-2). Alla vigilia dell'ultima sfida, Rapid e Wacker si trovano appaiate al primo posto con 41 punti[4]. I bianco-verdi affrontano, in casa, l'Austria Graz già sicuro della retrocessione, mentre il Wacker gioca il derby con l'Austria Vienna. Il Rapid dilaga (7-0) in previsione del quoziente-reti, ma la sconfitta del Wacker (3-1) rende superflui ulteriori calcoli. Il Rapid Vienna conquista il ventesimo titolo nazionale della sua storia, precedendo di due soli punti i rivali cittadini del Wacker. All'epoca, il Rapid aveva vinto quasi la metà dei campionati di calcio disputati in Austria (20 in 44 stagioni) e deteneva il record assoluto a livello europeo[4].

In quanto campione nazionale[4], a fine stagione la società prende parte alla Coppa Mitropa. Nei quarti di finale fatica a superare i cecoslovacchi dello Slovan Bratislava, battuti 3-0 a Vienna ma capaci di vincere 3-1 nel ritorno, tra le mura amiche. In semifinale, contro il Vörös Lobogó detentore della coppa, altra sfida ad alta spettacolarità. Pareggio 3-3 all'andata in Austria e successo del Rapid per 4-3 a Budapest. Grazie a questi risultati il club raggiunge la finale, dove affronta un'altra società ungherese, il Vasas. La gara d'andata, disputata a Vienna, termina con un pareggio per 3-3 e anche il retour match, a Budapest, finisce in parità (1-1). Il 4 agosto il Vasas, giocando in casa di fronte a più di 100 000 spettatori, vince lo spareggio dilagando fino al 9-2 conclusivo e aggiudicandosi il trofeo.

MaglieModifica

Per la stagione 1955-1956, il Rapid indossa una divisa interamente verde con una grande "R" bianca sul petto, a sinistra. I pantaloncini sono verdi e i calzettoni bianchi[5].

La divisa da trasferta è interamente bianca, con bordi della maglia verdi[6].

Organigramma societarioModifica

Area direttiva

Area tecnica

RosaModifica

CalciomercatoModifica

Acquisti
R. Nome da Modalità
P Dieter Pflug Wien definitivo
D Josef Höltl Kremser definitivo
D Lambert Lenzinger   Brunner SC definitivo
C Milan Nikolić LASK Linz definitivo
Cessioni
R. Nome a Modalità
D Ernst Happel RC France definitivo
D Karl Hönig Wacker definitivo
A Leopold Eineder ? definitivo
D Walter Vybiral ? definitivo
A Bruno Schlager ? definitivo
A Johann Neuhold ? definitivo
A Franz Häusler ? definitivo
C Leopold Gernhardt ritirato fine carriera

RisultatiModifica

Staatsliga AModifica

Girone di andataModifica

Vienna
28 agosto 1955
1ª giornata
Rapid Vienna4 – 2
referto
SimmeringPfarrwiese (11 000 spett.)
Arbitro:  Roman

Vienna
3 settembre 1955
2ª giornata
Wiener Sport-Club2 – 2
referto
Rapid ViennaWSC-Platz (14 500 spett.)
Arbitro:  Seipelt

Vienna
11 settembre 1955
3ª giornata
Wacker3 – 3
referto
Rapid ViennaPrater (45 000 spett.)
Arbitro:  Steiner

Kapfenberg
18 settembre 1955
4ª giornata
Kapfenberger0 – 1
referto
Rapid ViennaAlpenstadion (7 500 spett.)
Arbitro:  Stoll

Vienna
25 settembre 1955
5ª giornata
Rapid Vienna5 – 2
referto
Austria SalisburgoPfarrwiese (9 000 spett.)
Arbitro:  Straka

Vienna
2 ottobre 1955
6ª giornata
First Vienna4 – 1
referto
Rapid ViennaHohe Warte (32 000 spett.)
Arbitro:  Mayer

Vienna
8 ottobre 1955
7ª giornata
Rapid Vienna4 – 0
referto
StadlauPfarrwiese (6 000 spett.)
Arbitro:  Lasek

Vienna
23 ottobre 1955
8ª giornata
Austria Vienna1 – 3
referto
Rapid ViennaPrater (35 000 spett.)
Arbitro:  Seipelt

Vienna
6 novembre 1955
9ª giornata
Rapid Vienna2 – 1
referto
WienPfarrwiese (8 000 spett.)
Arbitro:  Freyler

Vienna
13 novembre 1955
10ª giornata
Admira Vienna3 – 5
referto
Rapid ViennaHopfengasse (7 000 spett.)
Arbitro:  Roman

Vienna
26 novembre 1955
11ª giornata
Rapid Vienna7 – 1
referto
Sturm GrazPfarrwiese (3 000 spett.)
Arbitro:  Marschall

Vienna
4 dicembre 1955
12ª giornata
Rapid Vienna5 – 1
referto
Grazer AKPfarrwiese (7 000 spett.)
Arbitro:  Prybil

Graz
10 dicembre 1955
13ª giornata
Austria Graz0 – 1
referto
Rapid ViennaGSC-Platz (5 000 spett.)
Arbitro:  Kainer

Girone di ritornoModifica

Vienna
7 marzo 1956
14ª giornata
Simmering1 – 4
referto
Rapid ViennaSimmeringer Had (5 000 spett.)
Arbitro:  Seipelt

Vienna
18 aprile 1956
15ª giornata
Rapid Vienna6 – 0
referto
Wiener Sport-ClubPfarrwiese (4 000 spett.)
Arbitro:  Mayer

Vienna
11 marzo 1956
16ª giornata
Rapid Vienna0 – 2
referto
WackerPrater (15 000 spett.)
Arbitro:  Liverani

Vienna
18 marzo 1956
17ª giornata
Rapid Vienna6 – 0
referto
KapfenbergerPfarrwiese (12 000 spett.)
Arbitro:  Marschall

Salisburgo
8 aprile 1956
18ª giornata
Austria Salisburgo0 – 4
referto
Rapid ViennaLehen (10 000 spett.)
Arbitro:  Bernardi

Vienna
22 aprile 1956
19ª giornata
Rapid Vienna1 – 5
referto
First ViennaPrater (15 000 spett.)
Arbitro:  Jonni

Vienna
6 maggio 1956
20ª giornata
Stadlau1 – 2
referto
Rapid ViennaStadlau (5 000 spett.)
Arbitro:  Seipelt

Vienna
10 maggio 1956
21ª giornata
Rapid Vienna5 – 3
referto
Austria ViennaPrater (15 000 spett.)
Arbitro:  Campanati

Vienna
12 maggio 1956
22ª giornata
Wien2 – 2
referto
Rapid ViennaFC Wien-Platz (6 000 spett.)
Arbitro:  Mayer

Vienna
27 maggio 1956
23ª giornata
Rapid Vienna4 – 0
referto
Admira ViennaPfarrwiese (6 000 spett.)
Arbitro:  Steiner

Graz
31 maggio 1956
24ª giornata
Sturm Graz2 – 3
referto
Rapid ViennaGruabn (5 000 spett.)
Arbitro:  Prybil

Graz
3 giugno 1956
25ª giornata
Grazer AK1 – 6
referto
Rapid ViennaKörösistraße (6 000 spett.)
Arbitro:  Grill

Vienna
9 giugno 1956
26ª giornata
Rapid Vienna7 – 0
referto
Austria GrazPfarrwiese (7 000 spett.)
Arbitro:  Mayer

Coppa dei CampioniModifica

Vienna
21 settembre 1955
Ottavi di finale - Andata
Rapid Vienna6 – 1
referto
PSVPfarrwiese (12 000 spett.)
Arbitro:   Schmetzer

Eindhoven
1º novembre 1955
Ottavi di finale - Ritorno
PSV1 – 0
referto
Rapid ViennaPhilips (15 000 spett.)
Arbitro:   Smidts

Vienna
18 gennaio 1956
Quarti di finale - Andata
Rapid Vienna1 – 1
referto
MilanPfarrwiese (20 000 spett.)
Arbitro:   Vlček

Milano
12 febbraio 1956
Quarti di finale - Ritorno
Milan7 – 2
referto
Rapid ViennaSan Siro (20 000 spett.)
Arbitro:   Horn

Coppa MitropaModifica

Vienna
23 giugno 1956
Quarti di finale - Andata
Rapid Vienna3 – 0
referto
Slovan BratislavaPrater (20 000 spett.)
Arbitro:   Harangozó

Bratislava
30 giugno 1956
Quarti di finale - Ritorno
Slovan Bratislava3 – 1
referto
Rapid ViennaTehelné Pole (55 000 spett.)
Arbitro:   Zsolt

Vienna
7 luglio 1956
Semifinali - Andata
Rapid Vienna3 – 3
referto
  Vörös LobogóPrater (45 000 spett.)
Arbitro:   Romčević

Budapest
14 luglio 1956
Semifinali - Ritorno
Vörös Lobogó  3 – 4
referto
Rapid ViennaNépstadion (80 000 spett.)
Arbitro:   Vlček

Vienna
21 luglio 1956
Finale - Andata
Rapid Vienna3 – 3
referto
VasasPrater (55 000 spett.)
Arbitro:   Orlandini

Budapest
28 luglio 1956
Finale - Ritorno
Vasas1 – 1
referto
Rapid ViennaNépstadion (104 000 spett.)
Arbitro:   Bernardi

Budapest
4 agosto 1956
Finale - Spareggio
Vasas9 – 2
referto
Rapid ViennaNépstadion (104 000 spett.)
Arbitro:   Vlček

StatisticheModifica

Statistiche di squadraModifica

Competizione Punti In casa In trasferta Totale DR
G V N P Gf Gs G V N P Gf Gs G V N P Gf Gs
Staatsliga A 43 13 11 0 2 56 17 13 9 3 1 37 20 26 20 3 3 93 37 +56
  Coppa dei Campioni - 2 1 1 0 7 2 2 0 0 2 2 8 4 1 1 2 9 10 -1
Coppa Mitropa - 3 1 2 0 9 6 4 1 1 2 8 16 7 2 3 2 17 22 -5
Totale - 27 17 6 4 52 18 25 12 7 6 46 35 53 30 13 10 100 54 +46

Statistiche dei giocatoriModifica

Giocatore Staatsliga A Coppa dei Campioni Coppa Mitropa Totale
                               
Bertalan, J. J. Bertalan 237--00--71--308--
Bilek, L. L. Bilek 30--10--00--40--
Dienst, R. R. Dienst 2617--31--50--3418--
Gartner, H. H. Gartner 230--30--70--330--
Gieszer, K. K. Gieszer 170--20--60--250--
Golobic, F. F. Golobic 200--21--70--291--
Halla, P. P. Halla 261--40--70--371--
Hanappi, G. G. Hanappi 2522--41--74--3627--
Höltl, J. J. Höltl 210--40--70--320--
Kaffka, R. R. Kaffka 160--30--00--190--
Körner, A. A. Körner 2115--33--64--3022--
Körner, R. R. Körner 61--21--73--155--
Lenzinger, L. L. Lenzinger 150--20--20--190--
Mehsarosch, B. B. Mehsarosch 75--21--42--138--
Nikolić, M. M. Nikolić 30--00--00--30--
Pflug, D. D. Pflug 10--00--00--10--
Probst, E. E. Probst 117--41--00--158--
Riegler, J. J. Riegler 2018--40--53--2921--
Zeman, W. W. Zeman 20--10--00--30--

NoteModifica

  1. ^ a b Holzinger, p. 227.
  2. ^ Holzinger, p. 228.
  3. ^ a b Holzinger, p. 229.
  4. ^ a b c Holzinger, p. 230.
  5. ^ Holzinger, p. 658.
  6. ^ Holzinger, p. 665.
  7. ^ Holzinger, p. 659.

BibliografiaModifica

  • Roland Holzinger, Die Chronik 1899-1999, Vienna, Verlag Oskar Buschek, 1999, ISBN 3-901331-17-4.

Collegamenti esterniModifica

  Portale Calcio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di calcio