Stadio Angelo Massimino

impianto sportivo di Catania, già conosciuto come Stadio Cibali

Lo stadio Angelo Massimino di Catania, già stadio Cibali dall'omonimo quartiere catanese nel quale è collocato (è conosciuto ancora comunemente anche con questo appellativo), è lo stadio polisportivo che ospita le partite casalinghe del Catania FC. Dal 2002 è dedicato ad Angelo Massimino, il presidente che guidò i rossazzurri a più riprese tra il 1969 e il 1996. È stato anche lo stadio dell'Atletico Catania e della Jolly Componibili Catania, la squadra di calcio femminile che vinse lo scudetto 1978.

Stadio Angelo Massimino
Cibali
Informazioni generali
StatoBandiera dell'Italia Italia
UbicazionePiazza Vincenzo Spedini
quartiere Cibali
Catania
Inizio lavori1935
Inaugurazione1937
Ristrutturazione1991, 1997, 2022-2024
ProprietarioComune di Catania
ProgettoRaffaele Leone
Intitolato aAngelo Massimino
Informazioni tecniche
Posti a sedere20.806
CoperturaTribuna A
Pista d’atletica8 corsie
Mat. del terrenoErba
Dim. del terreno105 m × 68 m
Uso e beneficiari
CalcioCatania (1937-oggi)
Massiminiana (1959-1976)
Atletico Catania (1986-1988; 1994-2001)
Jolly Catania (1976-1979)
Sicula Leonzio (2017-2018)
Italia (2 incontri)
Mappa di localizzazione
Map

Storia modifica

Fu costruito dal 1935 su progetto dell'architetto Raffaele Leone per conto della ditta di proprietà dell'ingegnere Antonio Ferro e inaugurato il 28 novembre del 1937 in occasione della partita di Serie C tra ACF Catania e il Foggia, che si concluse 1-0 per i padroni di casa[1]. Battezzato Cibali (e soprannominato "stadio dei ventimila"), nel 1941 fu dedicato a Italo Balbo, salvo poi riassumere il primo nome alla caduta del fascismo.

Sin dal 1960, dopo la seconda promozione in Serie A, la dirigenza del Catania avanza l'ipotesi di lasciare l'impianto per costruire un nuovo stadio in località Pantano d'Arci a causa della pista d'atletica che impediva e, ancora oggi, impedisce una visione perfetta della partita.

Il 4 giugno 1961 lo stadio è stato teatro dell'espressione divenuta celebre «Clamoroso al Cibali!», quando il commentatore Sandro Ciotti parlò così a proposito della vittoria del Catania sull'Inter di Helenio Herrera.[2]

 
la festa del post-partita della celebre gara
 
Visione del terreno di gioco e della Tribuna Centrale dalla Tribuna B

Ristrutturato in più occasioni, ha ospitato due partite della Nazionale (nel 1998 contro la Slovacchia e nel 2002 contro gli Stati Uniti), alcune gare di vari sport, la manifestazione di chiusura delle Universiadi estive del 1997 e le gare principali dei Giochi Mondiali Militari nel 2003. È dotato di pista d'atletica a 8 corsie, di un campo di allenamento (il Cibalino), un campo di pallavolo (il PalaSpedini, dove giocarono sia la Paoletti che l'Alidea, che hanno vinto rispettivamente lo scudetto maschile e femminile di pallavolo), un campo esterno di pallacanestro (il PalaSpedini esterno) e vari uffici.
Sulla rivista il Catania calcio del febbraio 2002 vennero elencati 20 buoni motivi per cui lo stadio fosse inadeguato ma, nonostante siano stati realizzati diversi progetti, non è stata posta neanche la prima pietra di un nuovo impianto. Nel 2007, la piazza Vincenzo Spedini antistante lo stadio, è stata teatro degli scontri che hanno portato alla morte dell'ispettore di polizia Filippo Raciti.

Dalla stagione sportiva 2008-2009 è dotato di videotabellone elettronico. Nell'estate 2013 il Massimino subisce un primo intervento restyling: vengono interrate le due panchine, realizzati cinque Sky box al centro della tribuna A e due aree ristorante.

Nel 2023 è oggetto di lavori di riqualificazione per circa 6,5 milioni di euro[3]. I lavori riguardano la posa di 20.806 nuovi seggiolini; l'installazione di un nuovo tabellone luminoso largo 11,52 metri e alto 6,72 metri (77,41 mq) in sostituzione di quello esistente; il rifacimento della pista d’atletica (tra le poche del sud Italia a otto corsie); nuovi spogliatoi per gli atleti e gli arbitri; il rifacimento del sottopassaggio per l’accesso al campo; il rifacimento dei servizi igienici di tutte le tribune dello stadio, degli impianti energetici e del manto erboso in erba; la ristrutturazione di sala stampa, corridoi della mix zone, hall d’ingresso e altri interventi sulle recinzioni a vetri del parterre e di quelli divisori tra le tribune; la creazione di un nuovo, ampio spazio per cronisti e operatori radio-tv. L'intervento coinvolge anche il Cibalino, con la posa in opera del nuovo manto erboso in erba e la manutenzione straordinaria dell’impianto.[4]

Capienza modifica

 
La Curva Nord vista dalla Tribuna A.

Nel corso del tempo la capienza dello stadio ha subito notevoli variazioni per adattarsi alle crescenti norme di sicurezza: se negli anni sessanta, in Serie A, si arrivava ad ospitare oltre 40.000 tifosi sugli spalti, dopo la ristrutturazione degli anni '90, la Lega Calcio riporta una capienza di 31 530 posti,[5] mentre il Centro Nazionale di Informazione sulle Manifestazioni Sportive (CNIMS) indica una capienza certificata di 26.266 posti.[6]

In tempi più recenti, il massimo numero di spettatori paganti in un campionato si è raggiunto il 14 settembre 2002 (Catania-Genoa 3-2) con circa 28.200 spettatori; dato simile a quello per la partita di calcio Italia-Slovacchia del 1998, ma il 28 maggio 2006 (Catania-AlbinoLeffe 2-1) si è raggiunto il tutto esaurito con appena 21.327 spettatori paganti.[7]

Dopo i lavori di riqualificazione dello stadio, nel 2023, la capienza è di 20.806 posti a sedere, tutti muniti di seggiolini di colore azzurro (anello inferiore) e rosso (anello superiore)[8].

 
Coreografia Curva Sud in onore di Ciccio Famoso , vista dalla Tribuna A.
Settore Posti
Tribuna A 3.522
Tribuna B 3554
Curva Sud 5.900
Curva Nord 6.827
Settore Ospiti 1.000
Totale complessivo 20.806

Eventi modifica

Calcio modifica

Incontri della nazionale italiana modifica

Lo stadio Angelo Massimino è stato sede di due incontri amichevoli della nazionale di calcio dell'Italia: il primo, disputato il 28 gennaio 1998 contro la Slovacchia e terminato con il punteggio di 3-0 in favore degli Azzurri; il secondo, giocato il 13 febbraio 2002 contro gli Stati Uniti e terminato con il punteggio di 1-0 per i padroni di casa.[9]

Nazionale under 21 modifica

Rugby modifica

Atletica Leggera modifica

Tra i principali eventi di atletica ospitati nello stadio polisportivo, si citano in particolare:

Eventi extra-sportivi modifica

Numerosi eventi extrasportivi si sono tenuti allo stadio Cibali di Catania nel corso degli anni, tra i principali, si ricordano:

Trasporti modifica

  •   Fermate Autobus linee AMTS:
    • Spedini Cantone 433, 726
    • Cantone Spedini 433, 702, 726
    • Cifali Vecchi 433, 702, 726
    • Cifali Chisari 433, 702, 726
    • Bonadies 433, 726
    • Cibele Bonadies 433, 726
    • Aporti 702, 726
    • Fava Aporti 433, 702, 726
    • Fava Spedini 726
  •   Fermate metropolitana:
  •   Stazione ferroviaria:

Note modifica

  1. ^ Enzo Longo, Fervore e appassionato di folla e puntiglio di atleti caratterizzano la "prima" allo Stadio Polisportivo, in il Popolo del Lunedì, 29 novembre 1937.
  2. ^ Giuseppe Bagnati, Quel giorno che... "Clamoroso al Cibali!", in Gazzetta.it, 9 febbraio 2008. URL consultato il 31 ottobre 2011.
  3. ^ Stadio Massimino, lavori di riqualificazione appaltati: a fine ottobre l’inizio dei lavori, su catania.mobilita.org.
  4. ^ Alfredo Zermo, Catania, appaltata la ristrutturazione dello stadio Massimino. Seggiolini, manto erboso, spogliatoi. ecco come sarà, su La Sicilia, 21 settembre 2022. URL consultato il 1º giugno 2023.
  5. ^ Dati Lega riferiti alla stagione 2009/2010 Archiviato il 1º aprile 2010 in Internet Archive.
  6. ^ Impianti superiori a 7500 posti, dati del Comitato Nazionale di Informazione sulle Manifestazioni Sportive (PDF), su osservatoriosport.interno.it. URL consultato il 7 settembre 2009 (archiviato dall'url originale il 21 luglio 2011).
  7. ^ Statistiche Spettatori Serie B 2005-2006 Attendance Statistics of Serie B (2nd Div) 2005-2006 Albinoleffe,Ascoli,Bari,Catania,Gen, su stadiapostcards.com. URL consultato l'8 novembre 2019.
  8. ^ Stadio Angelo Massimino, su cataniafc.it.
  9. ^ LE PARTITE DISPUTATE DALL’ITALIA NELLO STADIO 'CIBALI' DI CATANIA

Altri progetti modifica

Collegamenti esterni modifica