Apri il menu principale

Stadio Nuovo Romagnoli

impianto sportivo di Campobasso
Stadio Nuovo Romagnoli
Selvapiana
Nuovo Romagnoli di Campobasso.jpg
Informazioni
StatoItalia Italia
UbicazioneSelvapiana
86100 Campobasso
Inizio lavori1983
Inaugurazione1985
StrutturaPianta rettangolare
CoperturaTribuna centrale
Mat. del terrenoErba
Dim. del terreno105 x 68 m
ProprietarioComune di Campobasso
GestoreSocietà Sportiva Dilettantistica Città di Campobasso
ProgettoCostantino Rozzi
Uso e beneficiari
CalcioCampobasso
Capienza
Posti a sedere25000
7500 omologata
Mappa di localizzazione

Coordinate: 41°34′12″N 14°37′51″E / 41.57°N 14.630833°E41.57; 14.630833

Lo stadio Nuovo Romagnoli (detto anche Selvapiana dal nome della zona in cui è situato) è un impianto calcistico di Campobasso.

La capienza dello stadio è di 25000 spettatori (attualmente ridotta a 7.500)[1].

StoriaModifica

La costruzione inizia con un maxi esproprio alla famiglia Durante (il quale risarcimento arriverà dopo 10 anni di cause contro il comune di Campobasso). Viene chiamato "Nuovo Romagnoli" (perché il vecchio stadio fu effettivamente intitolato alla medaglia d'oro al valor militare Giovanni Romagnoli, aviatore campobassano morto in Libia all'inizio del XX secolo). Si può definire "gemello" dello stadio Ciro Vigorito di Benevento, è stato infatti costruito sfruttando al 90% il progetto dell'imprenditore edile Costantino Rozzi, che ha edificato anche lo stadio campano. Il complesso sportivo è stato inaugurato il 13 febbraio 1985 in occasione della gara d'andata degli ottavi di finale di Coppa Italia tra il Campobasso e la Juventus di Michel Platini e Giovanni Trapattoni, conclusasi con la vittoria per 1-0 in favore dei rossoblù.

Ha ospitato anche, il 3 giugno 2003, l'amichevole Italia-Irlanda del Nord (2-0), organizzata per raccogliere fondi dopo il terremoto che nel 2002 ha colpito il Molise. Curiosamente, gli Azzurri furono allenati dal Trap, che tornò così la seconda volta a Campobasso. Lo stesso anno il Romagnoli ospitò ben 5 partite del Napoli, impegnato in Serie B; tali partite si giocarono a porte chiuse per la squalifica dello stadio San Paolo a seguito degli incidenti scoppiati tra tifosi dell'Avellino e quelli degli azzurri che portarono alla morte di un giovane tifoso partenopeo. Gli incontri tutti finiti in parità furono: il 27 settembre Napoli-Ascoli (1-1), il 12 ottobre Napoli-Livorno (0-0), il 18 ottobre Napoli-Vicenza (1-1), il 25 ottobre Napoli-Torino (2-2) ed il 9 novembre il derby campano tra Napoli e Salernitana terminato 0-0.

Nel settembre 2012 la Regione Molise ha stanziato fondi per circa 800 000 euro, destinati ai lavori di sistemazione e messa a norma dell'impianto, così come richiesto dalla Lega Italiana Calcio Professionistico[2]. Tali lavori sono iniziati solo nel gennaio 2018.

In precedenza il Campobasso giocava nello stadio Vecchio Romagnoli.[3]

ConcertiModifica

NoteModifica

  1. ^ Copia archiviata, su primonumero.it. URL consultato il 22 luglio 2017 (archiviato dall'url originale il 3 agosto 2017).
  2. ^ Fabio Fatica, Nuovo Romagnoli, è corsa contro il tempo, informamolise.com, 29 settembre 2012. URL consultato il 4 febbraio 2013 (archiviato dall'url originale il 1º ottobre 2012).
  3. ^ Assunta Domeneghetti, Vecchio e nuovo Romagnoli: "Anomalia assoluta". Sbiadisce l’ipotesi dello stadio Scorrano, primonumero.it, 23 maggio 2015. URL consultato il 22 novembre 2015 (archiviato dall'url originale il 23 novembre 2015).