Apri il menu principale

Lo standard di vita rappresenta il livello di benessere, comfort, beni materiali e necessità disponibili a una classe socioeconomica di una certa area geografica. Sono inclusi fattori quali il reddito, qualità e disponibilità di'impiego, disparità di classe, povertà, qualità e affordabilità di case, ore di lavoro necessarie per acquistare beni, PIL, inflazione, numero di giorni di ferie, accessibilità alle cure sanitarie, qualità e accessibilità all'istruzione, aspettativa di vita, incidenza di malattie, costo di beni e servizi, infrastrutture, crescita economica nazionale, stabilità economica e politica, libertà politica e religiosa, qualità dell'ambiente, clima e sicurezza. Lo standard di vita è legato strettamente alla qualità di vita.[1] Nel 2012, lo Human Development Index pone sei nazioni ai massimi livelli: Norvegia, Australia, USA, Paesi Bassi, Germania e Nuova Zelanda.[2]

MisurazioneModifica

Si misura generalmente per reddito pro capite, indice di povertà, servizio sanitario, income growth inequality, Disposable Energy e istruzione. Esempio può essere, il numero di frigoriferi per 1000 abitanti, o l'aspettativa di vita.

L'idea di standard può contrastare con la qualità della vita, che prende altri fattori in considerazione, non solo materiali.

NoteModifica

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàGND (DE4134319-0 · NDL (ENJA00570329