Apri il menu principale
Star Wars: Darth Maul - Figlio di Dathomir
fumetto
Lingua orig.inglese
PaeseStati Uniti
TestiJeremy Barlow
DisegniJuan Frigeri
EditoreDark Horse Comics
1ª edizione21 maggio 2014 – 20 agosto 2014
Albi4 (completa)
Editore it.Panini Comics
1ª edizione it.30 marzo 2016
Periodicità it.mensile
Albi it.4 (completa)
Genereazione, fantascienza, fantastico

Star Wars: Darth Maul - Figlio di Dathomir (Star Wars: Darth Maul - Son of Dathomir in inglese), noto anche solo come Darth Maul - Figlio di Dathomir, è una serie a fumetti statunitense pubblicata in quattro parti a cadenza mensile dalla Dark Horse Comics nell'estate 2014, scritta da Jeremy Barlow e disegnata da Juan Frigeri.

La storia è un adattamento di uno degli archi finali della sesta stagione di Star Wars: The Clone Wars.[1][2] È l'unico fumetto del vecchio Universo espanso ad entrare nel nuovo canone.[3]

Indice

Concezione e sviluppoModifica

(EN)

«The story of Darth Maul had become an important one for the series and it was only fitting that we chose him for a comic adaptation. The comics will be based on four finished scripts that were written for Season 6. [...] The designs you will see, the plot lines, and character development in these comic books are all coming directly from the TV production. I turned over all of the art to Dark Horse so they could create an accurate representation of what we were planning for the show.»

(IT)

«La storia di Darth Maul era diventata importante per la serie ed è giusto che l'abbiamo scelto per un adattamento a fumetti. I fumetti saranno basati su quattro script finiti che sono stati scritti per la stagione 6. [...] Per disegni si vedrà, i dialoghi e la trama, e lo sviluppo del personaggio in questo fumetto sono tutti provenienti direttamente dalla produzione televisiva. Ho girato tutti i lavori della Dark Horse in modo da poter creare una rappresentazione accurata di quello che avevamo in mente per lo spettacolo.»

(Dave Filoni, supervisore della serie)

Figlio di Dathomir è stato inizialmente concepito come quattro episodi della serie televisiva Star Wars: The Clone Wars. C'erano quattro script completi che alla fine divennero un fumetto, e quelle sceneggiature furono scritte per quella che doveva essere una settima stagione completa dello show, se fosse stata ordinata dalla rete. Le sceneggiature sono state scritte in collaborazione con George Lucas, realizzandole e, per estensione, Figlio di Dathomir parte del canone ufficiale di Star Wars. Una volta che gli episodi sono stati scritti, hanno continuato il processo di produzione. Il team di The Clone Wars ha fatto alcuni lavori di progettazione per gli episodi, e quei disegni, così come le storie e i personaggi delle sceneggiature, sono stati incorporati nella miniserie comica stessa.

Dopo la cancellazione di The Clone Wars nel 2013, Lucasfilm Ltd. ha deciso di adattare i quattro episodi di Darth Maul alla miniserie a fumetti Figlio di Dathomir. Dave Filoni, il supervisore alla regia dello spettacolo, ha dichiarato che pensava che un adattamento sarebbe stata una grande idea. Non solo avrebbe permesso a Lucasfilm di continuare a raccontare storie incompiute di The Clone Wars, ma anche Filoni sapeva che Dark Horse Comics aveva fatto un ottimo lavoro su Star Wars in passato e sarebbe stato molto adatto per adattare gli episodi. Filoni ha consegnato il progetto e il lavoro narrativo per gli episodi a Dark Horse, che avrebbe permesso loro di creare, secondo le parole di Filoni, "un'accurata rappresentazione di ciò che [il team di produzione] stava progettando per lo spettacolo."

Lo scrittore Jeremy Barlow è stato scelto per adattare gli episodi in forma di fumetto, Juan Frigeri si è occupato dei disegni, Mauro Vargas dell'inchiostrazione, Wes Dzioba dei colori mentre Chris Scalf ha realizzato le cover. Barlow, che è stato assunto per la miniserie dal redattore di Star Wars Randy Stradley, si è proposto di rendere il lettore comico-friendly, sapendo che non tutti i lettori sarebbero stati a conoscenza della storia di Maul da The Clone Wars. Poiché si trattava di un adattamento di sceneggiature pre-scritte, il lavoro di Barlow richiedeva, nelle sue parole, "capacità di editing nitide" e "scelte giudiziose" per "mantenere intatte le sceneggiature il più possibile, dando al tempo stesso ai fumetti il loro entusiasmante e il flusso naturale.

Storia editorialeModifica

Il 7 gennaio 2014 venne annunciato che sarebbe stato pubblicato il fumetto Figlio di Dathomir che narra di un arco incompiuto della serie Star Wars: The Clone Wars con Darth Maul protagonista[4] e che il primo volume verrà pubblicato il 21 maggio.[5]

L'arco avrebbe continuato (e possibilmente concluso) la storia di Darth Maul, ma non è mai stata prodotta a causa della cancellazione dello show, dopo la quinta stagione. Gli episodi del fumetto si intitolano The Enemy Of My Enemy, A Tale Of Two Apprentices,Proxy War e Showdown On Dathomir.[1] Sul sito StarWars.com, è stato rilasciato materiale inedito di Son of Dathomir, con bozzetti e disegni sull'arco narrativo mai realizzato.[6]

Edizione italianaModifica

In Italia è stato pubblicato per la prima volta il 30 marzo 2016, inserito nel volume n.23 della collana Star Wars Legends de La Gazzetta dello Sport.[7] Il 27 luglio 2017 viene ripubblicato in Italia in un'edizione cartonata.[8]

TramaModifica

Parte 1Modifica

  • prima pubblicazione USA: 21 maggio 2014
  • prima pubblicazione Italia: 30 marzo 2016

In seguito agli eventi de Il senza legge, Darth Maul è stato catturato da Darth Sidious, il suo ex maestro, e imprigionato nella Guglia, una prigione separatista su Stygeon Prime. Sidious è seguito da Gar Saxon e Rook Kast, due dei seguaci della Death Watch, su ordine del primo ministro mandaloriano Almec di liberare Maul dalla prigione. Una volta liberati, Maul e i guerrieri si incontreranno con le truppe della Guardia della Morte su Zanbar.

Sidious parla con Maul nella Guglia e rivela che ha ancora un uso per il suo ex apprendista, prima che i due vengano interrotti dal conte Dooku. L'arrivo del nuovo apprendista di Sidious, Maul, che vede Dooku come un pretendente Sith e indegno del titolo di Sith Lord. Sidious e Dooku lasciano l'uno con l'altro, come Sidious spiega che ha imprigionato Maul per estrarre Madre Talzin, capo delle Sorelle della Notte, così da poter essere distrutta come una potenziale minaccia per l'eventuale regola Sith della galassia. Sidious rivela anche che ha una storia con Talzin, da cui ha ricevuto Maul quando Maul era un bambino. Sidious ordina a Dooku di trovare maggiori informazioni sul Collettivo delle Ombre di Maul, dato che Maul finirà col credere che i Sith vogliono distruggere il suo braccio, e cercare Madre Talzin per aiuto.

Dopo che Dooku interrogò brevemente Maul, Kast e Saxon montarono il loro salvataggio. I due mandaloriani raggiungono il loro capo prigioniero e lo liberano dalle sue restrizioni, prima di sparare un muro della cella degli interrogatori. Maul ei Mandaloriani si fanno strada giù per la montagna, tramite zipline, che la Guglia si siede e fugge a bordo di un combattente Gauntlet. Le forze separatiste, guidate dal generale Grievous, inseguono la nave, mentre Dooku chiarisce che Maul non deve essere ucciso, ma solo indebolito. In questo modo, può chiedere aiuto a Madre Talzin. Con le forze separatiste all'inseguimento, Maul ei Mandaloriani raggiungono Zanbar. Ancora una volta al comando del suo esercito, Maul reclama la sua Scura Oscura, l'arma appartenuta al precedente leader della Guardia della Morte, Pre Vizsla, e dice ai Mandaloriani che la guerra è alle porte.

I separatisti arrivano sulla luna e lanciano tutte le loro forze contro Maul. Death Watch è sopraffatto dai soldati droidi, mentre Maul affronta Grievous in combattimento singolo. L'esercito di Maul è rimasto gravemente danneggiato, ma Maul ordina ai suoi combattenti di bombardare l'area, eliminando anche molte forze separatiste. Maul fugge nel caos e ordina alle sue forze sopravvissute di ritirarsi. Dopo che la battaglia è finita, Grievous informa Dooku di quello che è successo, lasciando Dooku soddisfatto che Maul cercherà di trovare Madre Talzin.

Parte 2Modifica

  • prima pubblicazione USA: 18 giugno 2014
  • prima pubblicazione Italia: 30 marzo 2016

In ritirata da Zanbar, Maul contatta Madre Talzin come guida, proprio come intendevano Sidious e Dooku. Talzin usa la magia di Nightsister per parlare a Maul da lontano, e anticipa che i Sith vogliono attirarla in una trappola. Rifiutandosi di giocare, Talzin manda Maul a Ord Mantell senza di lei, dove deve raggrupparsi con i suoi alleati del Sole Nero e prepararsi per un'altra battaglia con i Separatisti, uno in cui Maul può catturare il Conte Dooku e il Generale Grievous. Una volta su Ord Mantell, Maul conferisce con i suoi alleati e li informa della battaglia imminente. Nel frattempo, Dooku e Grievous preparano la loro strategia in rotta verso il pianeta.

Maul ei suoi alleati hanno in programma di attirare i Separatisti in un punto specifico a Ord Mantell City, dove i Mandaloriani, il Sole Nero e Pyke Syndicate intraprenderanno un attacco contro l'esercito di droidi invasori. Una squadra di Fratelli Notturni, guidati dal fratello Viscus, arriva su ordine di Madre Talzin per rafforzare l'esercito di Maul. Mentre Maul saluta i Nightbrothers, i Separatisti iniziano il loro attacco, usando la loro flotta per bombardare Ord Mantell City. Il Collettivo delle Ombre inizia a difendere, mentre i Separatisti dispiegano le loro forze droidi in superficie. Una volta lì, sono incontrati in battaglia dal numero limitato ma potente di truppe Collettivo Ombroso: Mandaloriano, Pyke e Sole Nero. Nel frattempo, il conte Dooku arriva con un numero di guardie droidi, mentre Maul lascia la superficie e si dirige verso la flotta separatista. Lui e le sue navi attaccano la nave comando separatista, mentre Grievous realizza che i Separatisti sono stati attirati in una trappola. In superficie, Dooku è confrontato con i Fratelli Notturni e ne consegue un duello tra il Signore dei Sith e i guerrieri Dathomirian.

L'esercito di droidi avanza sul Collettivo dell'Ombra e prende in custodia le forze di Maul, mentre lo stesso Lord Sith rinnegato continua il suo assalto spaziale. Lui e i guerrieri Mandaloriani si imbarcano sulla nave comando Separatista e prendono il Generale Grievous in custodia, e costringono il cyborg di Kaleesh a disattivare tutti i droidi di battaglia in superficie. La disattivazione dei droidi consente alle forze dell'Ombra collettiva di raggrupparsi e catturare il Conte Dooku. Maul contatta Madre Talzin per dirle cosa è successo, e lei promette che, con Dooku e Grievous in custodia, Sidious sarà presto catturato e che realizzeranno la loro ricerca di vendetta contro l'Oscuro Signore.

Parte 3Modifica

  • prima pubblicazione USA: 16 luglio 2014
  • prima pubblicazione Italia: 30 marzo 2016

Una squadra di Jedi arriva su Ord Mantell per indagare sulle conseguenze della battaglia e riconosce il legame tra Darth Maul ei Mandaloriani una volta recuperato un elmetto della Guardia della Morte. Il Maestro Jedi Mace Windu contatta il Cancelliere Supremo Palpatine, che è segretamente Darth Sidious, per informarlo che Maul era dietro la battaglia. Windu spera di usare queste informazioni per catturare Maul e Dooku e usare le loro catture per porre fine alle Guerre dei Cloni. Windu poi parla con il compagno Jedi Obi-Wan Kenobi, Tiplee e Aayla Secura, e insieme suppongono che Maul possa essere andato in un avamposto di asteroidi Mandaloriano. Temendo che Mandalore potesse cadere ai Separatisti, Kenobi si offre volontario, insieme a Tiplee, per investigare sull'avamposto.

Nel frattempo, sull'avamposto Mandaloriano, Maul contatta Darth Sidious e informa il Signore Oscuro che Dooku e Grievous sono stati catturati. Sidious dice a Maul di ucciderli, perché non ha alcuna utilità per ciò che vede come un fallimento. Maul ordina invece a Grievous di essere preso in custodia. Mentre lo fa, i Jedi iniziano il loro approccio verso l'avamposto, e Tiplee teme che Kenobi non sia in grado di tenere sotto controllo le sue emozioni; Maul ha ucciso Satine Kryze, la duchessa di Mandalore e un caro amico personale di Kenobi. Kenobi assicura ai suoi compagni Jedi che non fallirà. Mentre la Repubblica si avvicina, Maul offre a Dooku una scelta: diventare un alleato o morire. Madre Talzin appare in una nuvola di fumo magico e rivela che anche lei fu tradita da Darth Sidious e che Darth Maul è suo figlio. Come spiega Talzin, Sidious sta anche lavorando per trovare un nuovo apprendista.

La Repubblica assalta l'avamposto e le navi della Repubblica si fanno strada attraverso il guerriero Gauntlet verso la base. Grievous usa il caos per arrivare a una capsula di salvataggio, mentre Dooku accetta di unirsi a Maul e combattere contro la festa d'imbarco di Kenobi. I Jedi arrivano sull'avamposto, dove Kenobi e Tiplee sono affrontati da Maul e Dooku. Si impegnano in un duello con la spada laser, a cui si uniscono Windu e Secura. Dooku uccide Tiplee, mentre i Mandaloriani sparano un piccolo missile verso i Jedi, rendendoli incapaci. Questo dà a Maul e Dooku il tempo di fuggire. Dopo la battaglia, Windu contatta Palpatine e lo informa di quello che è successo. Il Maestro Jedi ipotizza anche che la battaglia provi che Dooku è il Maestro dei Sith, una valutazione errata secondo cui Palpatine, il vero Signore Oscuro, permette ai Jedi di credere.

Parte 4Modifica

  • prima pubblicazione USA: 20 agosto 2014
  • prima pubblicazione Italia: 30 marzo 2016

All'indomani della Repubblica Galattica e dell'assalto Jedi contro il Collettivo delle Ombre sull'avamposto degli asteroidi Mandaloriani, Darth Maul corre verso Dathomir con i suoi alleati degli Osservatori della Morte - così come il Conte Dooku, che aveva affermato di unirsi alla vendetta di Maul contro Darth Sidious. Durante il viaggio verso Dathomir, Maul viene contattato da Ziton Moj di Black Sun e membro del Pyke Syndicate. Avendo perso la luna di Zanbar e il pianeta Ord Mantell - così come l'avamposto delle forniture - nelle loro lotte contro i Sith, i due alleati si sono preoccupati che il piano di Maul stia fallendo e che la battaglia sia diventata la vendetta personale dell'ex Signore dei Sith contro il suo vecchio maestro. Maul li assicura che saranno pagati e che, una volta morto Darth Sidious, la galassia apparterrà al Collettivo delle Ombre. Maul ordina quindi a Gar Saxon, un Mandalorian, di mantenere allineati i Pirati e il Sole Nero. Nel frattempo, Maul dice a Dooku che sa che il Signore dei Sith non è veramente un alleato, e che Dooku ha detto a Sidious di giocare al gioco di Maul. Maul ha poi preso in custodia Dooku da Rook Kast.

Una volta su Dathomir, Maul parla al fratello Viscus, che sopravvisse all'incontro con il conte Dooku durante la battaglia su Ord Mantell, e Viscus dice a Maul che i preparativi erano stati fatti per la fase successiva del loro piano. I Nightbrothers prendono Dooku davanti a Madre Talzin, che appare in una nuvola di fumo e inizia a scatenare un attacco di magia contro il Signore dei Sith.

Nel frattempo, un Sith Infiltrator arriva in orbita, portando sia il Generale Grievous che Darth Sidious, dopo aver localizzato la posizione di Dooku a Dathomir. Sidious ordina a Grievous di bloccare le comunicazioni Dathomirian e nascondere la nave, permettendo loro di arrivare su Dathomir senza essere scoperti. Maul e i Nightbrothers non vedono la nave arrivare e continuano con il loro piano, poiché Talzin usa la sua magia per attirare la forza vitale da Dooku in modo che possa usarla per manifestarsi di nuovo fisicamente. Come spiega Maul, il ritorno fisico di Talzin richiede un grande sacrificio, e hanno scelto Dooku per compiere quel sacrificio.

Mentre il processo continua, un'esplosione attraversa l'area, e Grievous e Sidious appaiono davanti a Maul per affrontarlo. Sidious ricorda al suo ex apprendista che c'è solo un piano che conta: il piano di Darth Sidious per governare la galassia. Mentre parlano, Moj e Pykes contattano Kast, informandola che gli eserciti Separatisti hanno iniziato ad attaccarli. Gli alleati dell'Ombra Collettivo chiedono di sapere dov'è Maul, ma Kast dice che non è la loro preoccupazione e che devono combattere i Separatisti.

Su Dathomir, Madre Talzin prende il controllo del corpo di Dooku, e lei e Maul si impegnano in un combattimento contro Sidious e Grievous. Talzin combatte l'Oscuro Signore dei Sith mentre Maul attacca Grievous. Sidious guadagna rapidamente il sopravvento contro Talzin, chiedendo che rilasci il suo apprendista. Sidious bombarda il corpo di Dooku con il lampo di Forza prima che Talzin rilasci Dooku e appaia di nuovo in forma fisica. Kast, nel frattempo, continua a parlare con Black Sun and the Pykes, che la informano che stanno uscendo dal Collettivo delle Ombre, lasciando Maul da solo mentre una flotta separatista emerge dall'iperspazio su Dathomir.

Maul continua la sua lotta contro Grievous, spingendolo fuori e lontano dalla battaglia. Sidious ancora una volta scatena un fulmine contro Talzin, mentre Talzin manda un torrente di energia magica verso il Signore Oscuro. Maul implora Talzin di prendere le sue forze, ma, mentre Dooku entra in combattimento con i suoi attacchi fulminei, Talzin dice a suo figlio di ritirarsi senza di lei, anche se questo significa il suo destino. Talzin usa la sua magia per lanciare telecineticamente Maul dalla mischia, e viene trascinato via da Kast e un altro guerriero mandaloriano, ma osserva Grievous che ritorna e usa due spade laser per pugnalare mortalmente Talzin attraverso il torace.

Con il suo Shadow Collective a brandelli, Maul e Death Watch fuggono da Dathomir. Sidious, Dooku e Grievous si affacciano sul corpo di Talzin, mentre Dooku dice con dispiacere che Maul è ancora una volta scappato. Sidious non è interessato, tuttavia, poiché tutto è emerso come aveva previsto. Il futuro di Maul come rivale Sith è stato distrutto, mentre i Sith hanno compiuto un altro passo verso la sicurezza del loro futuro.

AccoglienzaModifica

Il sito BadComics.it ha elogiato il protagonista Darth Maul, dicendo che "pur preservando certi capisaldi del personaggio, come la sua sete di vendetta e la sua furia, ne fa un personaggio più sfaccettato e tragico, donandogli un sofferto rapporto con una famiglia e impegnandolo in una letale partita a scacchi contro il suo ex maestro di un tempo, Sidious, e i servitori che hanno preso il suo posto: Dooku e Grievous".[9] Secondo il sito è "buona la prova alle matite di Frigeri, che decide saggiamente di abbandonare ogni riferimento visivo e grafico alla serie animata, che pure è la “madre nobile” della storia, per proporre tutti i personaggi in stile rigorosamente cinematografico".[9] La critica principale per BadComics.it, è nel fatto che nonostante "azione, trama e sviluppo dei personaggi sono validi [...] è molto probabile che il lettore casuale, convinto di immergersi in una normale avventura di Star Wars, passerà molto tempo a chiedersi chi siano Madre Talzin, la Duchessa Satine, la Ronda della Morte e molti altri riferimenti alle puntate precedenti di The Clone Wars.[9]

Il sito Star Wars Libri & Comics ha dato al fumetto un punteggio di 8.9 su 10, sottolineando il fatto che è "imprescindibile per ciascun fan di Maul - e dei cattivi in generale - Figlio di Dathomir è il perfetto esempio di fumetto ottimamente realizzato: avvincente, frenetico e. I disegni, seppur non eccezionali, risultano pienamente godibili in combinazione con l’esteso utilizzo alternato di colori contrapposti come blu e rosso.[10]

Secondo Guerrestellari.net "se siete appassionati della serie animata The Clone Wars, questo è il fumetto che fa per voi. Se non lo siete dategli comunque una chance, potrebbe essere l’occasione per approfondire uno straordinario periodo della nostra saga preferita. Come detto precedentemente, il fumetto si collega anche ad altre opere canoniche ed è piacevolissimo leggerlo per unire poi i vari tasselli del puzzle".[11]

NoteModifica

  1. ^ a b (EN) The Clone Wars Legacy, su youtube.com. URL consultato il 26 giugno 2016.
  2. ^ La Lucasfilm rende noto l'ordine cronologico di "Star Wars: The Clone Wars Legacy", su GuerreStellari.net, 5 giugno 2016.
  3. ^ (EN) Dave Filoni, Dave filoni comments on Son of Dathomir, su facebook.com, 10 gennaio 2014. URL consultato il 6 marzo 2015.
  4. ^ (EN) Star Wars: The Clone Wars Final Darth Maul Story Releasing - in Comics!, su newsarama.com. URL consultato il 3 agosto 2016.
  5. ^ (EN) Dark Horse Comics Darth Maul: Son of Dathomir Issue #1 Coming May 21st, su jedinews.co.uk. URL consultato il 3 agosto 2016.
  6. ^ (EN) "Darth Maul: Son of Dathomir Concept Art Gallery", su StarWars.com. URL consultato il 23 luglio 2016.
  7. ^ Giorgio Bondì, Star Wars Legends – bilancio di metà collana, su Star Wars libri & comics, 18 maggio 2016.
  8. ^ Carlo Federico Rossi, Star Wars: Darth Maul - Figlio di Dathomir, su Star Wars libri & comics, 27 luglio 2017.
  9. ^ a b c Fiorenzo Delle Rupi, Darth Maul: Figlio di Dathomir, la recensione, su badcomics.it, 6 agosto 2017. URL consultato il 6 agosto 2017.
  10. ^ Carlo Federico Rossi, Star Wars: Figlio di Dathomir (Panini Comics), su starwarslibricomics.it, 25 luglio 2017. URL consultato il 16 agosto 2018.
  11. ^ Massimo Sanchini, [Recensione] Star Wars: Darth Maul – Figlio di Dathomir, su guerrestellari.net, 4 settembre 2017. URL consultato il 16 agosto 2018.

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica