Apri il menu principale

Star Wars Racer Revenge

videogioco del 2002
Star Wars Racer Revenge
videogioco
PiattaformaPlayStation 2
Data di pubblicazionePlayStation 2:
Flags of Canada and the United States.svg 11 febbraio 2002
Zona PAL 8 marzo 2002
PlayStation Network:
Flags of Canada and the United States.svg 28 aprile 2015
Zona PAL 8 ottobre 2014
GenereSimulatore di guida
TemaGuerre stellari
OrigineStati Uniti
SviluppoRainbow Studios
PubblicazioneLucasArts
Modalità di giocoGiocatore singolo, multigiocatore
Periferiche di inputDualShock 2, DualShock 3, DualShock 4
Distribuzione digitalePlayStation Network
Preceduto daStar Wars: Episodio I Racer

Star Wars Racer Revenge è un videogioco di guida ispirato alla competizione degli "sgusci" di Guerre stellari e ambientato nell'universo espanso. È collocato otto anni dopo il primo gioco Star Wars: Episodio I Racer, e ne è quindi considerato un sequel.

Modalità di gioco e gameplayModifica

A differenza del predecessore, il giocatore non potrà continuare la partita nel caso il suo sguscio vada distrutto. In compenso, il suo sguscio avrà valori relativamente alti di corazza, velocità, accelerazione e sterzo.

  • Il Gioco singolo permette al giocatore di gareggiare in tre modalità: Evento singolo (che permette di correre su uno dei tracciati sbloccati, da uno a 25 giri), Pratica (che permette di constatare quanti sgusci si possono affrontare, da 0 a 7) e Prova a tempo (appunto, una corsa contro il tempo).
  • Nella Gara Versus (Vs. Race) è possibile affrontarsi in multiplayer a schermo condiviso.
  • Il Torneo è la modalità principale del gioco, dove il giocatore percorrerà tutti i 13 tracciati del gioco, provando a vincere mentre distrugge il maggior numero di sgusci possibile. Ogni primo premio viene moltiplicato per una percentuale che varia a seconda degli sgusci distrutti in gara. Ogni gara, inoltre, possiede un Par (limite minimo) di sgusci da distruggere (in genere 2 o 3), che nel caso venga superato consente di aumentare il massimo delle abilità del personaggio scelto dal giocatore.

PersonaggiModifica

In grassetto i nuovi personaggi:

  • Anakin Skywalker (Episodio II)
  • Occo Ninebar: Neelabi esiliato dal suo omonimo pianeta natale, fatto interamente d'acqua, Occo ha giurato di non ritornare finché era diventato campione di sgusci. Gli anziani del suo popolo, infatti, non hanno approvato le sue intenzioni di diventare campione di sgusci, che vuole diventare in modo da ottenere il rispetto dei suoi simili.
  • Shrivel Baittrand: della specie Kulless, ed ex-capo meccanico dell'ex-campione Boles Roor, ricevette il suo sguscio dopo che quest'ultimo si è ritirato a vita privata dopo il Boonta Eve Classic dove vinse Anakin Skywalker.
  • Aldar Beedo
  • Ben Quadrinaros
  • Dud Bolt
  • Ody Mandrell
  • Teemto Pagalies
  • Clegg Holdfast
  • Gasgano
  • Mawhonic
  • Knire Dark: della specie Syboona, nasconde il suo sesso femminile, così come le sue attività illegali tramite la sua passione per gli sgusci. Spesso, quando le autorità sono in giro, si finge perfino paranoica a riguardo. La sua strategia è stare alla larga dagli altri avversari e cercare scorciatoie nascoste. Sebbene relativamente nuova nel mondo degli sgusci, si rivelerà di livello pari agli altri professionisti. La sua carriera finirà nel 22 BBY a seguito di un saccheggio di un suo magazzino, che conteneva chili di contrabbando, il che genererà uno scandalo nel mondo delle corse su sgusci.
  • Kraid Nemmeso: nonostante la sua (i Ghishi) sia una razza guerriera, si è ritrovato meglio nel mondo degli sgusci a causa della sua piccola stazza. Il suo nome è un anagramma di Mark DeSimone, presidente e direttore della Rainbow Studios, sviluppatore del gioco.
  • Wan Sandage (Jr.)
  • Mars Guo
  • "Scorch" Zanales: questo Daimlo, natio del pianeta Dailma, è proclamato come eroe dal suo pianeta natale dopo aver compiuto alla perfezione il suo rito di passaggio. Parla nella lingua degli Hutt ed è molto favorito dai Gamorreani. Il suo nome è un anagramma di Carlos Sanchez, artista progettatore del gioco.
  • Tzidik Wrantojo: Sulituano del pianeta acquatico Archae Teuthis egli è al corrente della pericolosità delle gare su sgusci, nonostante i media le ritengano al contrario "sicure".
  • Sebulba: questa versione di Sebulba si differenzia da quella classica del primo episodio, in quanto presenta parametri diversi.
  • Anakin Skywalker (Episodio I): si sblocca battendo tutti i record di tempo da miglior giro in tutti i circuiti.
  • Sebulba (Episodio I): si sblocca vincendo tutte le gare nella modalità Torneo con Sebulba.
  • Watto (sbloccabile): si sblocca battendo tutti i record di tempo in tre giri in tutti i circuiti.
  • Darth Maul (sbloccabile): essendo egli ritenuto morto verso la fine del primo episodio (ma tornerà nella serie animata Star Wars The Clone Wars), la sua apparizione non è canonica. Si sblocca battendo i record di K.O. in tutti i circuiti.
  • Dart Fener: si sblocca completando la modalità Torneo con Watto, Anakin Skywalker classico e Darth Maul, non prima di averli sbloccati tutti.

TracciatiModifica

  • Galactic Trials
    • Mos Espa Open
    • SoroSuub Facility
    • Orotoru G'am
    • Watchtower Run
  • Podracing Open
    • The Brightlands
    • The Badlands
    • The Ballast Complex
    • Ruins of Carnuss Gorgull
  • Hutt Championships
    • Serres Sarrano
    • Grand Reefs
    • Citadel
    • Nightlands
    • Boonta Eve Classic

AccoglienzaModifica

Sito media statistica Punteggio
GameRankings 75,62%[1]
Metacritic 73%[2]
Accoglienza
Recensione Giudizio
AllGame      [3]
EGM 6.83/10[4]
Game Informer 6.5/10[5]
GamePro      [6]
Game Revolution B−[7]
GameSpot 7.1/10[8]
GameSpy 75%[9]
GameZone 7.8/10[10]
IGN 8.4/10[11]
OMP (USA)      [12]
X-Play      [13]
Entertainment Weekly B[14]
Maxim 6/10[15]
SpazioGames.it 7/10[16]

Il gioco ha ricevuto recensioni positive dopo la sua pubblicazione. GameRankings gli ha dato il punteggio di 75.62%[1], mentre Metacritic gli ha conferito un punteggio di 73 su 100[2].

CuriositàModifica

NoteModifica

  1. ^ a b (EN) Star Wars: Racer Revenge for PlayStation 2, su GameRankings. URL consultato il 21 agosto 2016.
  2. ^ a b (EN) Star Wars: Racer Revenge for PlayStation 2 Reviews, su Metacritic. URL consultato il 21 agosto 2016.
  3. ^ (EN) Scott Alan Marriott, Star Wars: Racer Revenge - Review, in AllGame. URL consultato il 20 novembre 2014 (archiviato dall'url originale il 15 novembre 2014).
  4. ^ (EN) EGM staff, Star Wars Racer Revenge, in Electronic Gaming Monthly, nº 154, aprile 2002, p. 139.
  5. ^ (EN) Andrew Reiner, Star Wars Racer Revenge, in Game Informer, aprile 2002, p. 75. URL consultato il 17 agosto 2014 (archiviato dall'url originale il 14 novembre 2004).
  6. ^ (EN) Four-Eyed Dragon, Star Wars: Racer Revenge Review for PS2 on GamePro.com, GamePro, 8 marzo 2002. URL consultato il 17 agosto 2014 (archiviato dall'url originale il 12 febbraio 2005).
  7. ^ (EN) G-Wok, Star Wars: Racer Revenge Review, Game Revolution, February 2002. URL consultato il 17 agosto 2014.
  8. ^ (EN) Trevor Rivers, Star Wars Racer Revenge Review, GameSpot, 20 febbraio 2002. URL consultato il 17 agosto 2014.
  9. ^ (EN) Barak Tutterrow, Star Wars Racer Revenge, GameSpy, 22 febbraio 2002. URL consultato il 17 agosto 2014 (archiviato dall'url originale il 12 dicembre 2004).
  10. ^ (EN) Nick Valentino, Star Wars Racer Revenge Review - PlayStation 2, GameZone, 25 febbraio 2002. URL consultato il 17 agosto 2014 (archiviato dall'url originale il 5 ottobre 2008).
  11. ^ (EN) Douglass C. Perry, Star Wars Racer Revenge, in IGN, 22 febbraio 2002. URL consultato il 17 agosto 2014.
  12. ^ (EN) Star Wars Racer Revenge, in Official U.S. PlayStation Magazine, aprile 2002, p. 106.
  13. ^ (EN) Miguel Concepcion, 'Star Wars Racer Revenge' (PS2) Review, X-Play, 10 maggio 2002. URL consultato il 17 agosto 2014.
  14. ^ (EN) Dalton Ross, Star Wars Racer Revenge Review, in Entertainment Weekly, nº 643, 8 marzo 2002, p. 77. URL consultato il 17 agosto 2014.
  15. ^ (EN) Ryan Boyce, Star Wars: Racer Revenge, Maxim, 8 febbraio 2002. URL consultato il 20 novembre 2014 (archiviato dall'url originale il 19 agosto 2014).
  16. ^ Danilo, Star Wars Racer Revenge, SpazioGames.it, 10 aprile 2002. URL consultato il 3 novembre 2019.

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàBNF (FRcb16615601f (data)