Stati italiani dell'era dei comuni

lista di un progetto Wikimedia

1leftarrow blue.svgVoce principale: Antichi Stati italiani.

L'Italia durante l'era dei comuni, all'incirca dal 1100 al 1250, era suddivisa nelle seguenti entità territoriali (tra parentesi, dove indicate, le dinastie regnanti):[1]

Entità principaliModifica

Comuni autonomi maggioriModifica

Alessandria, Ancona, Asti, Bergamo, Bologna, Brescia, Como, Cremona, Ferrara, Firenze, Genova, Lucca, Mantova, Milano[2], Novara, Padova, Parma, Pavia, Perugia, Piacenza, Pisa, Reggio Emilia, Roma, Siena, Sassari, Torino, Treviso, Vercelli, Verona, Vicenza.

Comuni autonomi minoriModifica

Acqui, Alba, Albenga, Arezzo, Assisi, Bassano, Bellinzona, Belluno, Bobbio, Ceneda, Cervia, Chieri, Chiusi, Crema, Empoli, Faenza, Feltre, Fiesole, Forlì, Gravedona, Gubbio, Iglesias, Imola, Ivrea, Lecco, Lodi, Massa, Massa Marittima, Montepulciano, Monza, Mortara, Noli, Orvieto, Pistoia, Pontremoli, Prato, Ravenna, Rimini, San Miniato, Savona, Savigliano, Tortona, Ventimiglia, Vigevano, Viterbo, Volterra.

NoteModifica

  1. ^ L'Italia nell'età dei comuni (1100-1250 circa), in Percorsi, p. 323.
  2. ^ a b c d e f g h Rinaudo, tav. 15 (L'Italia al tempo dei comuni - sec. XII e XIII).

BibliografiaModifica

  • AA. VV., I percorsi della storia - atlante, Milano, Istituto Geografico De Agostini, 1997.
  • Costanzo Rinaudo, Atlante storico, Torino, Paravia, 1942.