Apri il menu principale

Stato federale della Nuova Russia

stato autoproclamato dell'Europa orientale
Nuova Russia
Nuova Russia – BandieraNuova Russia - Stemma
(dettagli)
Novorossiya location.svg
Dati amministrativi
Nome completoStato federale della Nuova Russia
Nome ufficialeСоюз Народных Республик
Lingue ufficialirusso, ucraino
CapitaleDonec'k
Politica
Forma di Statoconfederazione provvisoria
Nascita24 maggio 2014
Causafederazione tra le repubbliche popolari di Lugansk e Doneck
Fine20 maggio 2015
Causasospensione del progetto
Territorio e popolazione
Bacino geograficoEuropa orientale
Territorio originale53.201
Popolazione7.031.900 nel 2005
Economia
Valutarublo russo
Varie
TLDnon assegnato
Prefisso tel.+380 62
Nuova Russia.png
Evoluzione storica
Preceduto daFlag of Donetsk People's Republic.svg Doneck
Flag of Lugansk People's Republic.svg Lugansk
Succeduto daFlag of Donetsk People's Republic.svg Doneck
Flag of Lugansk People's Republic.svg Lugansk

La Nuova Russia è stato un tentativo di federazione, proclamata il 24 maggio 2014 attraverso un referendum, tra le repubbliche popolari di Doneck e di Lugansk, e terminata il 20 maggio 2015[1], nel contesto della guerra dell'Ucraina orientale.

In questa regione nel 2005 vivevano approssimativamente 7 milioni di persone. Nel novembre 2014 secondo l'ONU si contavano più di un milione di sfollati e più di 4.000 vittime.[2]

Indice

StoriaModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Guerra dell'Ucraina orientale.

La regione indipendentista di Doneck si autocostituì il 7 aprile 2014 quale repubblica popolare, mentre la regione indipendentista di Lugansk il successivo 27 aprile. Il 24 maggio, in seguito ad un referendum, diedero vita allo Stato federale della Nuova Russia[3].

A seguito ai tentativi internazionali di risolvere la crisi tra Ucraina e Russia, il progetto di creazione della Nuova Russia fu gradualmente accantonato, fino ad essere escluso definitivamente dagli esponenti delle due repubbliche indipendentiste nel maggio 2015[1].

ReferendumModifica

La Commissione elettorale centrale dell'Ucraina dichiarò il referendum delle repubbliche autoproclamate illegittimo, non essendo i referendum locali o regionali previsti dalla costituzione.[4]

Il quesito del referendum era: "Siete favorevoli alla legge dello Stato di auto-governo della Repubblica popolare?"

  Donec'k[5]

Preferenza Percentuale (%)
  89,07%
  No 10,19%
Affluenza 74,87%

  Luhans'k[6]

Preferenza Percentuale (%)
  96,2%
  No 3,8%
Affluenza 81,0%

Dopo la fusione, il capo della Repubblica popolare di Lugansk, Valery Bolotov, dichiarò che la creazione della Federazione non avrebbe significato una fusione in tutto e per tutto, ma la "coalizione" di repubbliche indipendenti[7].

«Le repubbliche sono indipendenti e autonome. [...] Speriamo che in futuro il referendum per l'indipendenza si terrà in altre zone filorusse in Ucraina»

(Valery Bolotov, presidente della Repubblica Popolare di Lugansk)

Il 31 maggio fu approvata la bandiera della Nuova Russia e il 26 giugno 2014 fu eletto presidente ad interim Oleg Carëv; in concomitanza fu approvata la Costituzione della Federazione.[8]

Secondo il direttore del Centro di sviluppo strategico della CSI, Aleksandr Gusev, la Nuova Russia sarebbe diventata uno Stato a tutti gli effetti.[9]

Ordinamento dello StatoModifica

Vista sulla capitale
Stadio a Lugansk

Città principaliModifica

La città principale, nonché capitale, era Donec'k, situata nel sud del paese, che contava 955.041 abitanti;[10] seguivano Lugansk, la quale contava 446.983 abitanti, e Makiïvka, con 356.118 abitanti.

Rivendicazioni territorialiModifica

 
Il territorio (in rosa) controllato dai militanti di Donbass (situazione al 18.04.2015)

Il governatore della repubblica e comandante della Milizia Popolare, Pavel Gubarev, dichiarò che nella Nuova Russia sarebbero entrate altre sei regioni del sud-est dell'Ucraina nelle quali si sarebbe dovuto tenere un referendum per l'indipendenza.[11]

Di fatto, però, le forze armate della Nuova Russia controllavano pienamente solo una parte del territorio rivendicato.

BandieraModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Bandiera della Nuova Russia.

IstituzioniModifica

Forze armateModifica

 
Soldatessa della Nuova Russia, con la bandiera da guerra sul braccio

Le forze armate della Nuova Russia erano: la Milizia popolare di Donbass, l'unità di difesa e dell'Esercito del Sud-Est Ucraino.[12]

Nel luglio 2014 le forze armate della Nuova Russia contavano circa 20 000 uomini.[13]

PoliticaModifica

Politica internaModifica

La Nuova Russia, secondo gli autori della Costituzione, era definita "un'unione tra Stati indipendenti, con il diritto di secessione e il diritto di poter entrare in altri paesi".

Politica esteraModifica

La Nuova Russia era riconosciuta ufficialmente solo dall'Ossezia del Sud.

Pavel Gubarev, governatore della Repubblica popolare di Donetsk, riguardo all'Ucraina disse:[14]

«Noi non riconosciamo il Presidente e il Parlamento dell'Ucraina. Le Repubbliche popolari di Doneck e Lugansk sono Stati indipendenti. [...] Loro dovrebbero ritirare immediatamente le loro truppe dalla terra del nostro popolo e dovrebbero cessare tutte le ostilità.»

EconomiaModifica

Il terreno, il sottosuolo, l'acqua, la flora e fauna, nonché le principali attività industriali e finanziarie, creati o di proprietà del governo ucraino, erano di proprietà pubblica, e non potevano essere di proprietà privata. Le grandi proprietà industriali e le attività finanziarie sarebbero state nazionalizzate.[15]

Il territorio della Nuova Russia, quando era parte dell'Ucraina, contava per il 20% del PIL totale ucraino.[16]

AmbienteModifica

La flora è formata da faggi, querce, pini e ginepri. L'animale selvatico più diffuso è il tasso. Nel paesaggio naturale si alternano zone di steppa boscosa a zone di steppa erbosa e di macchia. Le aree forestali ricoprono circa il 15% del territorio.

NoteModifica

  1. ^ a b Ukraine Today, Russian-backed 'Novorossiya' breakaway movement collapses, su uatoday.tv, 20 maggio 2015.
  2. ^ New York Times, Nowhere to Run in Eastern Ukraine, su nytimes.com.
  3. ^ TGCOM: Ucraina, nasce stato "Nuova Russia" - Proclamato con unione Donetsk e Lugansk
  4. ^ ipress.ua, Референдум "Донецької республіки" є нелегітимним, - ЦВК, su ipress.ua.
  5. ^ rt.com, https://rt.com/news/158276-referendum-results-east-ukraine/.
  6. ^ tvn24.pl, http://www.tvn24.pl/wiadomosci-ze-swiata,2/separatysci-o-referendum-89-proc-za-niepodlegloscia-w-obwodzie-donieckim,427203.html.
  7. ^ Precisazioni sulla Nuova Russia, su km.ru.
  8. ^ Approvata la costituzione, su lenta.ru.
  9. ^ Dichiarazione su NR, su newsbalt.ru.
  10. ^ Abitanti (RAR), su ukrstat.gov.ua.
  11. ^ Espansione della Nuova Russia (JPG), su ostro.org.
  12. ^ reuters.com, https://www.reuters.com/article/2014/04/13/us-ukraine-crisis-idUSBREA3A1B520140413.
  13. ^ itar-tass.com, http://itar-tass.com/mezhdunarodnaya-panorama/1307929.
  14. ^ Citazione presidente della RPD, top.rbc.ru, https://web.archive.org/web/20141006191646/http://top.rbc.ru/politics/24/05/2014/926005.shtml (archiviato dall'url originale il 6 ottobre 2014).
  15. ^ (RU) novorossia.su, https://web.archive.org/web/20140524061657/http://novorossia.su/node/1753 (archiviato dall'url originale il 24 maggio 2014).
  16. ^ Ansa, Il nuovo stato, su ansa.it.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

  Portale Europa: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Europa