Apri il menu principale
Stay Puft Marshmallow Man
Stay Puft Marshmallow Man.png
Screenshot tratto dal primo film di Ghostbusters
UniversoGhostbusters
Lingua orig.Inglese
AutoreDan Aykroyd (design originale)
1ª app. inGhostbusters - Acchiappafantasmi (1984)
Ultima app. inGhostbusters (2016)
Interpretato daBill Bryan (costume)

John Stocker (voce)

Frank Welker (voce)
SessoMaschio

Stay Puft Marshmallow Man, noto come l'Uomo della Pubblicità di Marshmallow è un personaggio immaginario apparso per la prima volta nel 1984, nel film Ghostbusters - Acchiappafantasmi. Raggiunse anche la popolarità con la serie televisiva a cartoni animati The Real Ghostbusters, spin-off del film. Appare anche come nemico da affrontare nel videogame del 2009 Ghostbusters: Il videogioco.

È un pupazzo bianco, vestito da marinaio, mascotte della ditta immaginaria Stay Puft, che produce appunto marshmallow.

Nel primo film il dio Gozer pronuncia la frase "Scegliete la forma del distruggitore" inteso come scegliere chi evocare per distruggere la città. Le menti di Peter, Egon e Winston sono "in bianco", senza aver pensato a nessuno, Ray invece pensa a un qualcosa che ha "amato nell'infanzia, qualcosa che non avrebbe mai portato distruzione" e si materializza Stay Puft, un pupazzo di 40 metri (come viene descritto nel secondo capitolo del film) che, dopo aver raggiunto i Ghostbuster all'ultimo piano del palazzo, viene definitivamente sconfitto, prendendo fuoco prima ed esplodendo insieme agli ultimi 3 piani del palazzo stesso, dopo la sconfitta di Gozer.

Nel cartone animato The Real Ghostbusters, è un personaggio buono, grande amico di Slimer e si allea con gli acchiappafantasmi.

Aspetto e carattereModifica

Marshmallow Man è un colosso umanoide bianco formato da marshmallows. Indossa un berretto da marinaio di color bianco, con un nastro rosso sulla parte superiore e un cinturino blu. Intorno al collo è presente un colletto blu e un fazzoletto rosso.

Si presume che nel primo film, la sua altezza sfiori i 34,3 metri mentre nel film del 2016 sia alto ben 30,5 metri.

Più volte si ricompone e viene spesso catturato dai Ghostbusters, sebbene sia meschino e distruttivo fin dall'inizio, in seguito stringe amicizia con Slimer e con i Ghostbusters nel cartone animato The Real Ghostbusters, e da quel momento in poi li aiuterà a risolvere le varie problematiche.

Design e debuttoModifica

Dan Aykroyd ha inventato lo Stay Puft Marshmallow Man per la sceneggiatura del film Ghostbusters. Decise di creare questo personaggio per mostrare che "nonostante sembrasse innocuo, gonfio e puccioso, ma a seconda delle circostanze può diventare aggressivo e cattivo".

Si nota di fatto una somiglianza con Peter O'Boyle, dal quale l'ideatore prese spunto, Peter era una guardia di sicurezza della Columbia Pictures che Reitman incontrò durante le riprese del suo precedente film Spacehunter:Adventures in the Forbidden Zone (1983).

Stay Puft nel film viene visto brevemente, viene di fatto "evocato" come una forma del dio sumero Gozer, che in precedenza presentava un aspetto di una donna androgina con pelle e occhi metallici: dopo un conflitto veloce con i Ghostbusters, una voce disincarnata di Gozer informa i Ghostbusters che la prossima cosa a cui penseranno sarà la forma che lui assumerà per distruggere il loro mondo. Ray Stantz decide di pensare a una mascotte di marshmallow quando insieme ai suoi compagni hanno la possibilità di scegliere quale forma Gozer dovrà assumere.

Un istante dopo, viene avvistato un gigantesco Marshmallow Man della Stay Puft camminare per le strade di New York. La squadra si precipita sul luogo per fermarlo sparando con i loro pacchetti di protoni, lo incendiano ma non gli arreca nessun danno. Tutti assieme, decidono di colpire il portale attraverso il quale il dio è emerso, incrociando i flussi di tutti e quattro. Il piano innesca un'esplosione che frantuma il cartello e Stay Puft esplode in mille pezzi, il tutto si trasforma in una pioggia di marshmallow che finisce sul tetto del grattacielo e sulla strada sottostante.

Effetti specialiModifica

Il personaggio visto nel film è stato creato da Bill Bryan usando delle miniature e una tuta in lattice, la quale era composta da due strati, quello esterno infiammabile mentre quello interno ignifugo. Alcuni degli errori più evidenti del film sono apparsi nelle scene di Stay Puft, per esempio a volte si vede che ha il papillon e a volte no, mentre in altre scene il rendering ottico è così di bassa qualità che sembra passi attraverso una chiesa piuttosto che schiacciarla.

  Portale Fantascienza: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di fantascienza