Apri il menu principale

Stazione di Canegrate

fermata ferroviaria della linea Domodossola–Milano a servizio dell'omonimo comune

StoriaModifica

Nonostante la linea ferroviaria sia stata attivata nel 1860[1][2], la fermata venne attivata dopo il 1885[3].

La linea venne elettrificata a terza rotaia il 14 ottobre 1901[4]. Nel 1906, con l'attivazione del traforo del Sempione, la ferrovia è diventata parte dell'importante itinerario internazionale che collega Milano e la Svizzera. L'elettrificazione a linea aerea alla tensione di 3 kV venne attivata il 4 maggio 1947[5].

Strutture e impiantiModifica

Si tratta di una fermata di superficie con fabbricato viaggiatori e un piazzale a due binari: binario 1 per i treni diretti a sud (Milano - Treviglio); binario 2 per i treni diretti a nord (Gallarate - Varese).

MovimentoModifica

Dall'istituzione del servizio ferroviario suburbano di Milano, la fermata è servita dai treni della linea S5 Varese-Treviglio a frequenza semioraria cadenzata[6]; in direzione Milano - Treviglio (binario 1) ai minuti 24 e 54 di ogni ora mentre in direzione Gallarate - Varese (binario 2) ai minuti 06 e 36.

Il primo treno disponibile in direzione Milano - Treviglio è quello delle ore 5.54 mentre in direzione Gallarate - Varese passa alle ore 7.06.

Alla sera l'ultimo treno disponibile in direzione Milano - Treviglio (limitato a Pioltello) è delle 23.54 mentre in direzione Gallarate - Varese (limitato a Gallarate) parte alle 01.06.

ServiziModifica

La fermata offre i seguenti servizi:

  •   Biglietteria a sportello
  •   Sala d'attesa
  •   Servizi igienici
  •   Parcheggio bici
  •   Parcheggio auto (Via XXIV Maggio)
  •   Sottopassaggio
  •   Accessibilità per portatori di handicap (solo al binario 1 - direzione Milano)

NoteModifica

  1. ^ Sviluppo delle ferrovie italiane dal 1839 al 31 dicembre 1926, Roma, Ufficio Centrale di Statistica delle Ferrovie dello Stato, 1927.
  2. ^ Alessandro Tuzza, Trenidicarta.it. URL consultato il 22 novembre 2009.
  3. ^ Non compare in una mappa del 1885 ([1])
  4. ^ Gian Guido Turchi, 100 anni di trazione elettrica, I Treni, 1999, n. 203, p. 12.
  5. ^ Giovanni Cornolò, Automotrici elettriche dalle origini al 1983, Duegi Editrice, 2011, p. 145. ISBN 978-88-95096-05-6
  6. ^ ORARIO PROGRAMMATO 10 giugno 2018 - 9 dicembre 2018, RFI. URL consultato il 13 luglio 2018.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica