Apri il menu principale
Caserta
stazione ferroviaria
Stazione di Caserta.jpg
Localizzazione
StatoItalia Italia
LocalitàCaserta
Coordinate41°04′08″N 14°19′40″E / 41.068889°N 14.327778°E41.068889; 14.327778Coordinate: 41°04′08″N 14°19′40″E / 41.068889°N 14.327778°E41.068889; 14.327778
LineeRoma-Napoli (via Cassino)
Napoli-Foggia
Caratteristiche
TipoStazione in superficie, passante
Stato attualein uso
OperatoreRete Ferroviaria Italiana
Attivazione1843
Binari6
InterscambiAutobus urbani ed interurbani
Dintorni- Reggia di Caserta, Belvedere di San Leucio, Casertavecchia, Complesso di Sant'Agostino, Museo delle Cere, Museo d'Arte Contemporanea

La stazione di Caserta è la stazione ferroviaria dell'omonimo capoluogo di provincia, nonché una delle più importanti della Campania. Si trova all'incrocio delle linee ferroviarie Roma-Napoli (via Cassino) e Napoli-Foggia.

StoriaModifica

La stazione di Caserta è stata inaugurata il 20 dicembre 1843: fu costruita proprio di fronte alla Reggia per permettere ai sovrani di raggiungerla più facilmente. Fin dall'inizio ha avuto un ruolo fondamentale nei trasporti sia locali che nazionali, sia per quanto riguarda il traffico passeggeri che quello merci: venne infatti anche costruito un raccordo (oggi inutilizzato) che si collegava direttamente alla zona industriale di Caserta. La stazione fu completamente distrutta dal bombardamento americano del 16 settembre 1943. La costruzione del nuovo fabbricato viaggiatori fu completata nel 1950[1].

Negli ultimi anni[non chiaro] si sono svolti importanti lavori di ammodernamento che hanno portato alla soppressione di un passaggio a livello che passava proprio sulle banchine della stazione mediante l'apertura di un sottopassaggio.

Strutture e impiantiModifica

Il fabbricato viaggiatori attuale ha un aspetto moderno, su due livelli, ricco di finestre, con un'ampia entrata: vi sono ospitati diversi servizi, tutti in ampi locali, quali biglietteria, bar e sede Polfer. La stazione non dispone attualmente del servizio di deposito bagagli[2].

All'interno si contano 6 binari passanti per il servizio viaggiatori, di cui 1 riservato al servizio di metropolitana leggera, muniti di banchine, pensiline e sottopassaggio.

La stazione dispone anche di un fabbricato merci, servito da diversi binari tronchi, anche se tale servizio non viene più effettuato.

È presente una rimessa locomotive.

MovimentoModifica

Il movimento passeggeri è di circa 5.400.000 l'anno, costituito sia da pendolari, soprattutto lavoratori e studenti, che da turisti che vi si recano per vedere le bellezze della zona.

Nella stazione di Caserta fermano tutti i treni tra cui Intercity e Frecciargento. Inoltre la stazione è anche capolinea di molti treni regionali per Napoli, Benevento e Piedimonte Matese. A partire dal 2009 la stazione è collegata col passante ferroviario metropolitano di Napoli tramite la nuova relazione Napoli Gianturco-Doppio Bivio Cassino-Napoli Traccia che permette l'instradamento di treni effettuati con TAF o con ALe 724 che prestano servizio sulla nuova relazione come Metropolitano Napoli Campi Flegrei - Caserta. Inoltre vi giungono treni sia da Napoli via Villa Literno e via Cancello.

ServiziModifica

La stazione, i cui spazi commerciali sono gestiti dalla società CentoStazioni, dispone di:

Galleria d'immaginiModifica

NoteModifica

  1. ^ Giovanni di Raimondo, La ricostruzione delle F.S. alla fine del 1950, in "Ingegneria Ferroviaria" anno VI n. 1 (gennaio 1951), p. 9
  2. ^ Trasporti, Caserta farà da sola, Carlo Marino, 18 gennaio 2011. URL consultato il 1º marzo 2010.

Altri progettiModifica