Apri il menu principale

Stazione di Crespellano

stazione ferroviaria italiana
Crespellano
stazione ferroviaria
Localizzazione
StatoItalia Italia
LocalitàCrespellano di Valsamoggia
Coordinate44°30′44.11″N 11°07′47.99″E / 44.512253°N 11.129998°E44.512253; 11.129998Coordinate: 44°30′44.11″N 11°07′47.99″E / 44.512253°N 11.129998°E44.512253; 11.129998
Lineeferrovia Casalecchio-Vignola
Caratteristiche
Tipostazione in superficie, passante
Stato attualein uso
Attivazione1938
Binari2

La stazione di Crespellano è una stazione ferroviaria posta sulla linea Casalecchio-Vignola gestita dalle Ferrovie Emilia Romagna. Serve l'omonima frazione del Comune di Valsamoggia.

Indice

StoriaModifica

La stazione di Crespellano venne attivata contemporaneamente alla linea, il 28 ottobre 1938[1].

Dopo la soppressione del trasporto passeggeri sulla linea, nel 1967[2], seguita dalla fine del trasporto merci nel 1995[3], la fermata venne riattivata il 15 settembre 2003[4].

MovimentoModifica

SFM di Bologna ·
Linea S2A
   Bologna Centrale S1b S2b S3 S4a S4b S5
   Bologna Borgo Panigale
   Casteldebole
   Casalecchio Garibaldi S1a
   Casalecchio Ceretolo
   Casalecchio Palasport
   Riale
   Pilastrino
   Zola Centro
   Zola Chiesa
   Ponte Ronca
   Via Lunga
   Crespellano
   Muffa
   Bazzano
   Savignano Mulino
   Savignano Comune
   Vignola

Il servizio passeggeri è costituito dai treni della linea S2A (Bologna Centrale - Vignola) del servizio ferroviario metropolitano di Bologna, cadenzati a frequenza oraria con rinforzi semiorari nelle ore di punta.[5]

I treni sono effettuati da TPER nell'ambito del contratto di servizio stipulato con la regione Emilia-Romagna.

NoteModifica

  1. ^ Marco Damiani, Luigi Munzi, La ferrovia Casalecchio Vignola, in "I Treni Oggi" n. 15 (dicembre 1981), p. 9
  2. ^ Vanna Zanini, Riapre la Casalecchio–Vignola, in "I Treni" n. 253 (novembre 2003), p. 17.
  3. ^ Vanna Zanini, Riapre la Casalecchio–Vignola, in "I Treni" n. 253 (novembre 2003), p. 18.
  4. ^ Vanna Zanini, Riapre la Casalecchio–Vignola, in "I Treni" n. 253 (novembre 2003), p. 16.
  5. ^ Orario TPER 2016

BibliografiaModifica