Apri il menu principale

Stazione di Napoli (Bayard)

ex stazione ferroviaria italiana
Napoli al Carmine
stazione ferroviaria
Stazioni napoli 1860 001.png
La stazione della società Bayard (in primo piano) affiancata dalla stazione della Società Regia (in secondo piano)
Localizzazione
StatoItalia Italia
LocalitàNapoli
Coordinate40°50′53.81″N 14°16′09.67″E / 40.848281°N 14.269352°E40.848281; 14.269352Coordinate: 40°50′53.81″N 14°16′09.67″E / 40.848281°N 14.269352°E40.848281; 14.269352
LineeNapoli-Portici
Caratteristiche
TipoStazione in superficie, di testa
Stato attualeParzialmente demolita
Attivazione1839
Soppressione1866

La stazione di Napoli della società Bayard (nota anche come Napoli al Carmine, per distinguerla dalle altre stazioni cittadine) era una stazione ferroviaria di Napoli, capolinea della ferrovia Napoli-Nocera, il cui tratto iniziale Napoli-Portici, attivato nel 1839, costituisce il più antico tronco ferroviario in Italia.

StoriaModifica

La stazione venne attivata nel 1839 all'apertura del tronco ferroviario Napoli-Portici, primo tratto della linea Napoli-Nocera completata nel 1844.

Dal 1843 la stazione fu affiancata sul lato nord dall'altra stazione napoletana, capolinea della ferrovia per Caserta; le due stazioni erano collegate da un binario di raccordo.

In seguito alla concentrazione delle due linee ferroviarie nella nuova stazione di Napoli Centrale (1866)[1], la stazione perse la sua funzione di capolinea passeggeri, declassata a impianto di servizio.

Gravemente danneggiata dai bombardamenti del 1943, in particolare dall'esplosione della nave Caterina Costa, e dal terremoto dell'Irpinia del 1980, la stazione è oggi ridotta allo stato di rudere, in condizioni di forte degrado. Ampie parti della costruzione sono state demolite.

A pochi metri dal rudere si trova una lapide che commemora l'arrivo in città di Giuseppe Garibaldi, giunto appunto in treno, il 7 settembre 1860.[2]

NoteModifica

Collegamenti esterniModifica