Apri il menu principale
Novara Nord
stazione ferroviaria
Novara staz FNM vecchia.JPG
Il fabbricato viaggiatori della vecchia stazione
Localizzazione
StatoItalia Italia
LocalitàNovara
Coordinate45°27′11.92″N 8°37′21.95″E / 45.45331°N 8.622763°E45.45331; 8.622763Coordinate: 45°27′11.92″N 8°37′21.95″E / 45.45331°N 8.622763°E45.45331; 8.622763
LineeNovara–Seregno
Caratteristiche
Tipostazione in superficie, di testa
Stato attualeDismessa
OperatoreFerrovienord
Attivazione1887
Soppressione2005
Binari2
InterscambiStazione di Novara

La stazione di Novara Nord era la stazione di testa della linea Novara–Seregno ed era la seconda stazione ferroviaria della città di Novara. Era in gestione da FerrovieNord.

Nel 2005 è stata aperta la nuova stazione è stata spostata vicino alla stazione principale delle Ferrovie dello Stato.

StoriaModifica

 
La E.740-17 in sosta nella vecchia stazione di Novara Nord

La stazione venne inaugurata nel 27 giugno 1887 insieme alla tratta Novara-Busto Arsizio, continuò il suo esercizio fino alla sua chiusura avvenuta il 2 aprile 2005 e sostituita dalla nuova.

Strutture e impiantiModifica

 
Veduta della stazione nel 2008

La stazione dismessa nel 2005 era costituita da un piazzale di due soli binari, i quali erano entrambi tronchi e in curva, obbligando a limitare la velocità di ingresso a circa 20 km/h. Dal secondo binario, si staccava un breve raccordo, interrotto da un cancello, che raggiungeva gli impianti delle Ferrovie dello Stato, permettendo lo scambio di materiale rotabile con la rete statale.

I binari erano serviti ciascuno da una banchina, con la prima, molto ampia, verso il lato stazione, e la seconda inframmezzata tra i due binari. Date le caratteristiche, per raggiungere il secondo binario esistevano solo attraversamenti a raso.

I due binari si univano subito dopo la fine della banchina centrale. A pochi metri si incontrava prima un passaggio a livello, e poi un parco binari di manovra costituito dal binario centrale (che faceva parte della linea vera e propria) e da altri due binari, uno per lato. Era indispensabile per consentire le manovre di inversione, fintanto che il materiale tipo navetta, ossia comandabile da entrambe le estremità, non ha sostituito completamente quello più datato. Sul binario più ad est era stato costruito anche un deposito mezzi.

Il fabbricato viaggiatori si trova al termine della banchina del primo binario, chiudendone l'uscita; come in molte stazioni coeve, per lasciare la stazione si deve passare attraverso il fabbricato o utilizzare il cancelletto che è posto a lato. Alle sue spalle, dopo uno slargo, si trovano i binari in uscita della stazione RFI: per superarli, gli utenti usavano la scalinata che porta in cima al cavalcavia Sempione.

Dopo la dismissione, gli impianti furono rimossi e i binari disarmati.

MovimentoModifica

La stazione era servita dai treni regionali in servizio sulla tratta MilanoSaronnoNovara, e da alcuni treni del Malpensa Express provenienti da Milano Centrale.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica