Apri il menu principale

Stazione di Palermo Notarbartolo

stazione ferroviaria italiana
Palermo Notarbartolo
stazione ferroviaria
Stazione Notarbartolo Palermo.JPG
Localizzazione
StatoItalia Italia
LocalitàPalermo
Coordinate38°07′57″N 13°20′31″E / 38.1325°N 13.341944°E38.1325; 13.341944Coordinate: 38°07′57″N 13°20′31″E / 38.1325°N 13.341944°E38.1325; 13.341944
LineePalermo-Trapani
Palermo Notarbartolo-Palermo Marittima
Caratteristiche
TipoStazione in trincea, passante, di diramazione
Stato attualeIn uso
OperatoreRete Ferroviaria Italiana
Attivazione1974
Binari7 (solo 3 in utilizzo)
Interscambiautobus
tram
SFM di Palermo
  White dot.svg  Palermo Centrale
White dot.svg  Guadagna
White dot.svg  Vespri
  White dot.svg  Palazzo Reale-Orleans
White dot.svg  Lolli
White dot.svg  Palermo Notarbartolo
Federico  White dot.svg White dot.svg  Francia
Fiera  White dot.svg White dot.svg  San Lorenzo
Giachery  White dot.svg White dot.svg  Cardillo-Zen
  White dot.svg  Tommaso Natale
  White dot.svg  Isola delle Femmine
  White dot.svg  Capaci
  White dot.svg  Carini Torre Ciachea
  White dot.svg  Carini
  White dot.svg  Piraineto
  White dot.svg  Punta Raisi

La stazione di Palermo Notarbartolo è una delle principali stazioni ferroviarie della città di Palermo non che punto di snodo di due delle principali linee del servizio metropolitano di Palermo.

Indice

StoriaModifica

La stazione ferroviaria di Palermo Notarbartolo fu inaugurata nel giugno del 1974 prendendo il nome dall'omonima via che la affianca, a conclusione di un lungo periodo di lavori iniziati sotto il regime fascista (negli anni trenta), sospesi nel periodo bellico e, ripresi dopo varie vicissitudini, portati a compimento negli anni settanta.

Essa nacque per snellire il traffico cittadino condizionato da circa 10 passaggi a livello che di fatto "tagliavano in due" la città.

A seguito di ciò, negli anni novanta, sfruttando il preesistente tracciato sotterraneo della vecchia linea Bivio-Olivuzza-Porto si iniziò un collegamento metropolitano da Palermo Centrale a Piazza Giachery, toccando buona parte della città.

È in costruzione un passante ferroviario che collegherà un'altra grossa fetta della città (zona sud-ovest). Con l'apertura della stazione Notarbartolo fu dismessa la vecchia Stazione Lolli ubicata nella omonima piazza.

Strutture e impiantiModifica

La struttura architettonica della stazione è molto particolare poiché vede parte della stazione sul livello stradale mentre un'altra parte compresi i binari si trovano molto sotto il livello stradale.

Italferr ha recentemente iniziato i lavori che modificheranno radicalmente il volto della stazione, rendendo parte di essa una galleria commerciale che disporrà di sei macro aree commerciali e un'area polifunzionale al livello superiore, al fine di realizzare uno spazio che si relazioni anche culturalmente alla città (950 m² al piano terra, 500 m² al primo piano) [1]

Rispetto agli originari sette binari,solo tre risultano in esercizio (2 per la linea Palermo Centrale Punta Raisi andata e ritorno, il terzo per l'anello ferroviario di Palermo).

MovimentoModifica

La stazione è servita dai treni del servizio ferroviario metropolitano, cadenzati ogni mezz'ora[2].

ServiziModifica

La stazione, la cui area commerciale era stata affidata a CentoStazioni e in seguito tornata nella gestione diretta di RFI, dispone dei seguenti servizi:

  •   Biglietteria a sportello
  •   Biglietteria automatica
  •   Servizi igienici
  •   Bar
  •   Ristorante
  •   Negozi

InterscambiModifica

Presso la stazione è presente il terminal Notarbartolo delle Linee 2, 3 e 4 del tram

  •   Fermata tram
  •   Fermata autobus
  •   Stazione taxi

NoteModifica

  1. ^ Galleria commerciale Notarbartolo, rendering e progetto mobilitapalermo.org
  2. ^ Orario ufficiale Trenitalia, quadro M95

BibliografiaModifica

  • Regione siciliana. Assessorato dei beni culturali e ambientali e della pubblica istruzione. Centro regionale per la progettazione e il restauro e Università degli Studi di Palermo. Facoltà di ingegneria. Istituto di trasporti, Le stazioni ferroviarie di Palermo. Catalogo della Mostra tenuta a Palermo nel 2000-2001, a cura di Maria Carcasio, Salvatore Amoroso; testi di Salvatore Amoroso... [et al.], Palermo, Regione siciliana. Assessorato dei beni culturali e ambientali e della pubblica istruzione. Centro regionale per la progettazione e il restauro e per le scienze naturali e applicate ai beni culturali, 2001
  • Ferrovie dello Stato: cento anni per la Sicilia. Catalogo della Mostra tenuta a Palermo nel 2005, a cura di Giovanni Palazzolo... [et al.], Roma, Collegio Ingegneri Ferroviari Italiani, 2005, 1 CD-ROM

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  • Sito ufficiale, su gallerianotarbartolo.com. URL consultato il 12 novembre 2011 (archiviato dall'url originale il 5 novembre 2011).