Stazione di Pavona

stazione ferroviaria italiana

La stazione di Pavona è situata sulla linea ferroviaria Roma-Velletri, costruita per servire la popolosa località di Pavona, frazione del comune di Albano Laziale.

Pavona
stazione ferroviaria
Vista del fabbricato viaggiatori
Localizzazione
StatoBandiera dell'Italia Italia
LocalitàAlbano Laziale
Coordinate41°43′31.24″N 12°36′35.49″E
Lineeferrovia Roma-Velletri
Storia
Stato attualeIn uso
Attivazione1863
Caratteristiche
TipoStazione in superficie, passante
Binari2
GestoriRete Ferroviaria Italiana
Ferrovie Laziali
Linea FL4 
  

  

 Roma Termini    
 Capanelle 
 limite tariffa urbana
   Ciampino 
 Casabianca
 Santa Maria
 delle Mole
 Pavona
 Cancelliera
 Cecchina
 Lanuvio
 San Gennaro
 Sant'Eurosia
 Velletri
 Acqua Acetosa
 Sassone
 Pantanella
 Marino Laziale
 Castel Gandolfo
 Villetta
 Albano Laziale
 Frascati

La stazione di Pavona venne attivata prima del 1902[1]. Successivamente[Quando?] venne declassata a fermata.

Il 15 dicembre 1948 venne attivato l'esercizio a trazione elettrica, con linea aerea alla tensione di 3000 V[2].

Riacquisì il rango di stazione il 14 gennaio 2000, telecomandata dal DCO di Ciampino[3].

Movimento

modifica

La stazione è interessata dal traffico generato del servizio FL 4, svolto da Trenitalia, che opera sull'intera linea con un treno ogni ora circa.

Strutture e impianti

modifica

La stazione dispone di due banchine con annesse pensiline che servono i 2 binari della linea. È presente anche un fabbricato viaggiatori, decentrato rispetto alle banchine, più precisamente adiacente al passaggio a livello posto sulla strada provinciale 101/a (Albano Laziale-Torvaianica).

Pavona è una delle tre stazioni del tratto ferroviario a binario unico in cui i treni provenienti da direzioni opposte possono effettuare lo scambio. Il binario di corsa è il numero 1, mentre il 2 è posto su tracciato deviato.

Servizi

modifica

La stazione dispone di:

  •   Sala d'attesa

Interscambi

modifica
  1. ^ Vittorio Formigari e Piero Muscolino, Orario ferroviario del 3 novembre 1902, in La metropolitana a Roma, Calosci-Cortona, 1983, p. 248.
  2. ^ Vittorio Formigari, Piero Muscolino, La metropolitana a Roma, Cortona, Calosci, 1983, p. 262.
  3. ^ Impianti FS, in I Treni, anno XXI, n. 213, marzo 2000, pp. 5-6, ISSN 0392-4602 (WC · ACNP).

Voci correlate

modifica

Altri progetti

modifica