Stazione di Ponte Brolla (1907)

Ponte Brolla
stazione ferroviaria
Ponte Brolla LPB 090214.jpg
Il fabbricato viaggiatori
Localizzazione
StatoSvizzera Svizzera
LocalitàTegna, frazione di Ponte Brolla
Coordinate46°11′15″N 8°45′14.04″E / 46.1875°N 8.7539°E46.1875; 8.7539Coordinate: 46°11′15″N 8°45′14.04″E / 46.1875°N 8.7539°E46.1875; 8.7539
LineeLocarno-Bignasco (1907-1923)
Caratteristiche
Tipostazione superficie, passante
Stato attualeDismessa
Attivazione1907
Soppressione1923
Binari3
DintorniGalleria e ponte sul Maggia

La stazione di Ponte Brolla (spesso è chiamata Ponte Brolla LPB) delle Ferrovie Autolinee Regionali Ticinesi (FART) è stata una stazione ferroviaria passante della ferrovia Locarno-Ponte Brolla-Bignasco ("Valmaggina").

StoriaModifica

La stazione venne inaugurata nel 1907 insieme alla ferrovia Locarno-Bignasco. Continuò il suo esercizio fino al 1923, quando venne sostituita dall'attuale stazione inaugurata nello stesso anno, in occasione dell'apertura della Centovalli.

Strutture e impiantiModifica

 
Il deposito-officina di Ponte Brolla, dietro al quale la ferrovia della Vallemaggia imboccava una breve galleria.
 
Ponte sul Maggia ricostruito nel 1951 posta dopo la galleria.

La stazione era dotata di tre binari e un fabbricato viaggiatori posta sulla sponda destra della Maggia[1] in territorio di Tegna. Con l'apertura della ferrovia delle Centovalli avvenuta nel 1923 e della nuova stazione comune posta sulla sponda sinistra della Maggia in territorio di Solduno. Fino al 1987 un binario di collegamento permetteva di immettersi dalla stazione della LPB sulla ferrovia delle Centovalli (in direzione di Camedo; e viceversa) senza dover effettuare una inversione di marcia nella stazione comune[1]. Al 2017 rimane il fabbricato e i tre binari. Sul sedime della stazione sorge il deposito-officina delle FART, inaugurato il 3 ottobre 2003; esso ha inglobato anche la trincea e la galleria[2] poste immediatamente a nord della stazione[3] e il ponte sul Maggia (ricostruito nel 1951) della linea per Bignasco.

MovimentoModifica

La stazione è servita dai treni regionali della linea Locarno-Bignasco.

NoteModifica

  1. ^ a b Markus Schweyckart, op. cit., p. 55
  2. ^ Il portale lato Bignasco è stato murato
  3. ^ [Eva Lautenbach], La nuova officina FART a Ponte Brolla, «Treterre», 2003, 41, 3

BibliografiaModifica

  • Anon., L'officina FART della linea Locarno-Domodossola a Ponte Brolla, "Archi : rivista svizzera di architettura, ingegneria e urbanistica", (2005), 3, 38-41.
  • Markus Schweyckart, Elektrische Bahn Locarno-Ponte Brolla-Bignasco, Prellbock Druck & Verlag, Leissigen 1997, 143 p.
  • Hans G. Wägli, Bahnprofil Schweiz 2005, Diplory Verlag, Grafenried 2004, 142 p.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica