Apri il menu principale

Stazione di Reggio di Calabria Pentimele

è una fermata ferroviaria posta sulla ferrovia Tirrenica Meridionale
Reggio di Calabria Pentimele
stazione ferroviaria
Stazione pentimele binari.jpg
Localizzazione
StatoItalia Italia
LocalitàReggio Calabria
Coordinate38°08′30″N 15°39′28″E / 38.141667°N 15.657778°E38.141667; 15.657778Coordinate: 38°08′30″N 15°39′28″E / 38.141667°N 15.657778°E38.141667; 15.657778
LineeTirrenica Meridionale
Caratteristiche
Tipofermata in superficie, passante
Stato attualeIn uso
Attivazione2016
Binari2
InterscambiAutobus
 
Mappa di localizzazione: Reggio Calabria
Reggio di Calabria Pentimele
Reggio di Calabria Pentimele

La stazione di Reggio di Calabria Pentimele è una fermata ferroviaria posta sulla ferrovia Tirrenica Meridionale, a servizio dell'omonimo quartiere cittadino e dell'impianto sportivo PalaCalafiore.

Indice

StoriaModifica

I propositi per realizzare una stazione a servizio del quartiere Pentimele risalgono al 2009, quando la provincia di Reggio Calabria presentò il progetto definitivo per la realizzazione di sei nuove fermate nell'area metropolitana di Reggio Calabria.[1] I lavori vennero quindi avviati nel 2015 e la fermata fu infine attivata il 12 giugno 2016.[2][3]

Strutture e impiantiModifica

La stazione dispone di 2 binari per il servizio viaggiatori. Le due banchine laterali, dotate di pensiline in acciaio, sono collegate al livello stradale e tra di loro da un sottopassaggio pedonale munito di rampe, inoltre sono presenti 16 altoparlanti e 2 monitor per fornire informazioni ai passeggeri.[3]

MovimentoModifica

Galleria d'immaginiModifica

InterscambiModifica

  •   Fermata autobus

NoteModifica

  1. ^ Progetto definitivo - Metropolitana di superficie Melito P.S-Reggio Calabria-Rosarno (PDF), su regione.calabria.it. URL consultato il 23 dicembre 2016.
  2. ^ Rete Ferroviaria Italiana, Circolare territoriale RC 7/2016
  3. ^ a b RFI, linea Melito di Porto Salvo-Rosarno: nuova fermata Reggio Calabria Pentimele (PDF), su fsnews.it, 11 giugno 2016. URL consultato il 23 dicembre 2016.