Stella del cinema

film del 1931 diretto da Mario Almirante
Stella del cinema
La stella del cinema.png
titolo di testa con il ciak
Paese di produzioneItalia
Anno1931
Durata70 min. (1.935 metri)
Dati tecniciB/N
Generecommedia, musicale
RegiaMario Almirante
SoggettoGian Bistolfi
SceneggiaturaGian Bistolfi, F. Ciarocchi
Casa di produzioneCines
Distribuzione in italianoAnonima Pittaluga
FotografiaAnchise Brizzi, Gioacchino Gengarelli
MontaggioMario Almirante, Mario Serandrei
MusichePietro Sassoli
ScenografiaCarlo Ludovico Bragaglia, Gastone Medin
CostumiGastone Medin
TruccoWilly Miller, Francesco Sala, Raimondo Van Riel
Interpreti e personaggi

Stella del cinema è un film del 1931 diretto da Mario Almirante

Nella colonna sonora del film è presente la canzone Machaquita (di Storaci e Voltolini), interpretata da Anacleto Rossi.

Nel film, inoltre, compare il primo nudo integrale femminile del cinema italiano in questo caso fatto da una comparsa

TramaModifica

Rosa Bianchi, un'attrice esordiente, per un colpo di fortuna diventa improvvisamente una celebrità nel cinema con il nome d'arte di Fiorella D'Aprile con disappunto di Nerio Fumi, il suo fidanzato, anch'egli in cerca di gloria ma costretto a far la comparsa. In giro per gli stabilimenti di posa, ascoltando alcune persone che chiacchierano, l'uomo si convince che la fidanzata sia l'amante del regista, e cerca di convincerla a lasciare il film. Al rifiuto della donna la lascia e trova un altro lavoro presso una agenzia di viaggi. Tempo dopo Nerio si reca alla prima del film che si rivela un grande successo. Rosa torna subito a casa dopo la proiezione, triste per non avere notizie del suo amato ma subito arriva un mazzo di rose con un invito a cena inviato proprio da Nereo e lei si precipita al ristorante. La coppia si è riappacificata.

ProduzioneModifica

Il racconto è soltanto un pretesto per mostrare i momenti di lavorazione negli stabilimenti della Cines, per cui si vedono gli aspetti poco conosciuti, i retroscena, la scelta delle comparse, l'arrivo di tecnici, attori e registi prima degli inizi delle riprese.

Home videoModifica

Il film, dopo 87 anni dalla sua prima uscita, è stato dapprima proiettato in televisione su Rai Tre all'interno della trasmissione Fuori orario. Cose (mai) viste; poi, nell'agosto del 2018 è stato pubblicato in DVD dalla Ripley's Home Video come primo titolo di una collana denominata "Perduti nel buio", dedicata ai film italiani considerati introvabili. Nel libretto allegato è spiegato il recupero del negativo originale, trovato in stato di decomposizione e restaurato. Come contenuto extra è presente il rarissimo trailer originale e la Rivista Cines n. 10, che all'epoca si proiettava nelle sale abbinato al film.

BibliografiaModifica

  • R. Chiti, E. Lancia - Dizionario del cinema italiano. I film, vol. 1 - Roma, Gremese, 2005, ISBN 8884403510.
  • F. Savio - Ma l'amore no: realismo, formalismo, propaganda e telefoni bianchi nel cinema italiano di regime (1930-1943) - Milano, Sonzogno, 1975.

Collegamenti esterniModifica

  Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema