Apri il menu principale

Stephen Fumio Hamao

cardinale e arcivescovo cattolico giapponese
Stephen Fumio Hamao
cardinale di Santa Romana Chiesa
Template-Cardinal.svg
Adveniat Regnum Tuum
 
Incarichi ricoperti
 
Nato9 marzo 1930, Tokyo
Ordinato presbitero21 dicembre 1957 dall'arcivescovo Pietro Sigismondi
Nominato vescovo5 febbraio 1970 da papa Paolo VI
Consacrato vescovo29 aprile 1970 dall'arcivescovo Bruno Wüstenberg
Elevato arcivescovo15 giugno 1998 da papa Giovanni Paolo II
Creato cardinale21 ottobre 2003 da papa Giovanni Paolo II
Deceduto8 novembre 2007, Tokyo
 

Stephen Fumio Hamao 濱尾文郎 (Tokyo, 9 marzo 1930Tokyo, 8 novembre 2007) è stato un cardinale e arcivescovo cattolico giapponese.

BiografiaModifica

Compì gli studi all'Università statale di Tokyo e al seminario maggiore interdiocesano di Tokyo, quindi dal 1951 a Roma al Collegio Urbaniano studiando filosofia e teologia e in seguito alla Pontificia Università Gregoriana studiando diritto canonico. Imparò l'inglese, il francese, l'italiano e lo spagnolo. Fu precettore di latino dell'attuale imperatore del Giappone Akihito, ma nonostante la profonda conoscenza di questa lingua, si oppose sempre alla sua reintroduzione nella liturgia cattolica.

Fu ordinato presbitero a Roma il 21 dicembre 1957.

Il 5 febbraio 1970 fu eletto vescovo titolare di Oreto e vescovo ausiliare di Tokyo e consacrato il 29 aprile dello stesso anno per l'imposizione delle mani dell'arcivescovo Bruno Wustenberg, pro-nunzio apostolico in Giappone.

Il 30 ottobre 1979 fu nominato vescovo di Yokohama.

Il 15 giugno 1998 fu nominato presidente del Pontificio Consiglio della Pastorale per i Migranti e gli Itineranti.

Papa Giovanni Paolo II lo innalzò alla dignità cardinalizia nel concistoro del 21 ottobre 2003, concedendogli la diaconia di San Giovanni Bosco in via Tuscolana.

L'11 marzo 2006 si dimise dalla presidenza del Pontificio consiglio per raggiunti limiti d'età. Il suo servizio alla Congregazione per le Cause dei Santi, di cui era consultore, ha favorito la beatificazione di 188 martiri giapponesi. Nell'agosto dello stesso anno i medici del Policlinico Gemelli gli diagnosticarono un cancro al polmone e decise di fare rientro in patria, non prima di avere un'udienza privata con Benedetto XVI.

È deceduto l'8 novembre 2007, all'età di 77 anni.

Le esequie si sono tenute il 12 novembre nella cattedrale di Santa Maria a Tokyo e sono state presiedute dal cardinale Peter Seiichi Shirayanagi, rappresentante di papa Benedetto XVI. È sepolto nel cimitero della cattedrale di Yokohama.[1]

Genealogia episcopaleModifica

NoteModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN8653247 · ISNI (EN0000 0000 2411 1398 · LCCN (ENn79000682 · NDL (ENJA00006776 · WorldCat Identities (ENn79-000682