Apri il menu principale

Stephen Schlaks

pianista, compositore e produttore discografico statunitense
Stephen Schlaks
NazionalitàStati Uniti Stati Uniti
GenereEasy listening
Pop
Periodo di attività musicale1968 – in attività
Strumentopianoforte
EtichettaBaby Records, EMI, Cetra
Album pubblicati19
Studio14
Raccolte5

Stephen Schlaks (New York, 13 maggio 1948) è un pianista, compositore e produttore discografico statunitense.

Indice

BiografiaModifica

Nato da genitori appassionati di musica, Stephen Schlaks muove i primi passi nel mondo delle note a soli sette anni. Spinto dalla madre, nota pianista, Schlaks inizia a familiarizzare con questo strumento. Successivamente, studia alla Long Island University di New York sotto la direzione di John Wolpe, con il quale compone le prime canzoni.

La prima canzone che ha avuto successo commerciale è stata Speedway del 1968, scritta a quattro mani con Mel Glazer e portata al successo da Elvis Presley, il quale la utilizza anche come sottofondo per un suo film e la inserisce nell'omonimo album.

Già affermato come artista negli Stati Uniti, Stephen Schlaks gira l'Europa in cerca di contratti che gli permettono di raggiungere notorietà anche oltre i patri confini. Approda in Italia nei primi anni '70 e firma un contratto con la neonata casa discografica Baby Records di Milano, che vede in Schlaks come un nuovo Burt Bacharach, sebbene gli stili dei due compositori siano nettamente differenti.

Nasce, nello stesso periodo, il sodalizio artistico col maestro Vince Tempera, il quale diviene l'arrangiatore e direttore d'orchestra della maggior parte degli album di Stephen Schlaks, basati principalmente sulla musica strumentale. Tra il 1975 ed il 1978 escono ben quattro album, tutti con il nome storpiato in Steven Schlaks, nell'ordine: ...sì ci sono anch'io, anticipato dal celeberrimo singolo Blue Dolphin (1975), Dream with Stephen Schlaks (1976), Composition (1977), 3rd Melody (1978).

Il successo delle musiche di Stephen Schlaks è tale che le stesse sono utilizzate come sottofondo in vari programmi radiofonici, specie durante gli oroscopi, e negli spot pubblicitari. Lo stesso Stephen Schlaks viene ben presto definito come il re del feeling. Gli anni successivi, dal 1979 al 1982, sono quelli di maggior successo. Ne sono la riprova gli LP Sensitive and Delicate (1979) e Pleasure (1980), entrambi presenti nelle prime dieci posizioni in classifica per varie settimane. Assistiamo, a partire da Sensitive and Delicate, alla correzione del nome di battesimo da Steven a Stephen. Ed è anche il periodo d'oro di un altro pianista, il francese Richard Clayderman, anche se tra questi e Schlaks non esiste rivalità in quanto Clayderman in genere non compone ma esegue pezzi non suoi.

Negli anni successivi si assiste ad un lento declino di Stephen Schlaks, poiché gli album successivi (New Temptations (1982), Europe (1984), Portable Ecstasies (1985), Shining Star (1986), Searching for Happiness (1987) e Childhood Memories (1989), tutti editi dalla Fonit Cetra) non riescono a bissare i successi dei precedenti.

CuriositàModifica

- Il singolo Blue Dolphin è da anni colonna sonora dell'"Incendio del Castello Aragonese", gioco di fuochi di artificio che ha luogo nell'ambito del Palio di Sant'Anna, manifestazione che si svolge ogni anno il 26 luglio ad Ischia.

- Per la telenovela italo-argentina I due volti dell'amore (Amor Sagrado), interpretata da Grecia Colmenares, Schlaks ha composto Il brano musicale che accompagna la sigla iniziale.

DiscografiaModifica

Album studioModifica

RaccolteModifica

  • 1992 - The Best of Stephen Schlaks (Baby Records)
  • 1993 - Forever (Baby Records)
  • 1996 - I grandi successi (RTI Music)
  • 1997 - The Best of the Best (RTI Music)
  • 2005 - Great Romance (Setteottavi)
  Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie