Steve Roach

musicista e compositore statunitense
Steve Roach
Steve Roach, Tucson (bright).jpg
NazionalitàStati Uniti Stati Uniti
GenereNew age
Musica d'ambiente
Periodo di attività musicale1979 – in attività
Strumentosintetizzatore
EtichettaFortuna, Hearts of Space, Projekt
Studio75
Live5
Raccolte4
Opere audiovisive1
Sito ufficiale

Steve Roach (La Mesa, 16 febbraio 1955) è un musicista e compositore statunitense di musica elettronica e new age.

La sua produzione artistica appartiene al genere della musica elettronica New Age e annovera composizioni classificate come musica d'ambiente, musica etnica-tribale, space music e drone music. È considerato uno dei principali innovatori nel panorama della musica elettronica contemporanea.[1]

BiografiaModifica

 
Steve Roach al Vortex Immersion Dome Concert, nel 2013

Motociclista professionista, all'età di vent'anni Roach impara a suonare il sintetizzatore da autodidatta,[2] ispirato da artisti e gruppi maestri dello strumento quali Tangerine Dream, Klaus Schulze e Vangelis. Debutta con l'album Now nel 1982, seguito da Structures from Silence nel 1984. Nel 1988 pubblica l'apprezzata serie Quiet Music e quello che la critica reputa il suo capolavoro, il doppio album Dreamtime Return.[2]

Al maturare del suo approccio alla musica d'ambiente, Roach evolve verso estese composizioni prive di percussioni[3], benché i suoi lavori contraddistinti da un linguaggio ritmico basato sulla musica trance e ambient-tribale siano quasi altrettanto numerosi.[3] Alcuni lavori sono esclusivamente per sintetizzatore, mentre altri contengono sezioni sperimentali per chitarra, e altri si aprono a più marcate influenze etniche.

Roach è uno dei primi a sostenere[4] l'utilizzo del didgeridoo nella musica d'ambiente, strumento che impara a suonare negli anni ottanta durante i suoi lunghi viaggi in Australia. Successive collaborazioni con il musicista messicano Jorge Reyes introdurranno poi un elemento preispanico nelle sue composizioni. Con la fusione di queste due influenze Roach si afferma come uno degli iniziatori[3] del sound tribale-ambient.

Vita privataModifica

Steve Roach abita a Tucson ed è sposato con Linda Kohanov, la quale ha contribuito in diverse sezioni cantate di alcuni suoi album.

Discografia parzialeModifica

  • 1982: Now
  • 1983: Traveler
  • 1984: Structures from Silence
  • 1986: Quiet Music 1
  • 1986: Empetus
  • 1986: Quiet Music 2
  • 1986: Quiet Music 3
  • 1988: Quiet Music
  • 1988: Dreamtime Return
  • 1992: World's Edge
  • 1993: The Lost Pieces (raccolta)
  • 1993: Origins
  • 1994: The Dream Circle
  • 1994: Artifacts
  • 1995: The Dreamer Descends
  • 1996: The Magnificent Void
  • 1997: On This Planet
  • 1998: Slow Heat
  • 1999: Truth & Beauty: The Lost Pieces Volume Two (raccolta)
  • 1999: Atmospheric Conditions
  • 1999: Light Fantastic
  • 2000: Early Man
  • 2000: Midnight Moon
  • 2001: Time of the Earth
  • 2001: Core
  • 2001: Streams & Currents
  • 2002: Darkest Before Dawn
  • 2003: Mystic Chords & Sacred Spaces
  • 2003: Texture Maps: The Lost Pieces Vol. 3 (raccolta)
  • 2003: Life Sequence
  • 2004: Fever Dreams
  • 2004: Holding the Space: Fever Dreams II
  • 2004: Places Beyond: The Lost Pieces Vol. 4 (raccolta)
  • 2005: Possible Planet
  • 2005: New Life Dreaming
  • 2006: Immersion : One
  • 2006: Proof Positive
  • 2006: Kairos: The Meeting of Time and Destiny
  • 2006: Immersion : Two
  • 2007: Fever Dreams III
  • 2007: Immersion : Three
  • 2008: A Deeper Silence
  • 2008: Landmass
  • 2009: Dynamic Stillness
  • 2009: Immersion: Four
  • 2009: Afterlight
  • 2009: Destination Beyond
  • 2010: Sigh of Ages
  • 2011: Immersion Five – Circadian Rhythms
  • 2012: Groove Immersion
  • 2012: Back to Life
  • 2012: Soul Tones
  • 2013: Future Flows
  • 2013: Spiral Meditations
  • 2014: The Delicate Forever
  • 2014:The Delicate Beyond
  • 2014: Bloodmoon Rising Night 2
  • 2015: Invisible
  • 2015: Bloodmoon Rising Night 3
  • 2015: Skeleton Keys
  • 2015: Etheric Imprints
  • 2015: Vortex Immersion Zone
  • 2015: Skeleton – Spiral Passage
  • 2015: Emotions Revealed
  • 2016: This Place to Be
  • 2016: Shadow of Time
  • 2016: Painting in the Dark
  • 2016: Fade to Gray
  • 2017: Spiral Revelation
  • 2017: The Passing
  • 2017: Nostalgia for the Future
  • 2017: Long Thoughts
  • 2017: Eclipse Mix
  • 2018: Molecules of Motion
  • 2018: Return to the Dreamtime
  • 2018: Electron Birth
  • 2018: Mercurius
  • 2018: Atmosphere for Dreaming
  • 2019: Bloom Ascension
  • 2019: Trance Archeology
  • 2020: Stillpoint
  • 2020: A Soul Ascends
  • 2021: Into the Majestic

Colonna SonoraModifica

VideogiochiModifica

Album dal vivoModifica

  • 1989: Stormwarning
  • 2002: All Is Now (doppio)
  • 2006: Storm Surge : Steve Roach Live at NEARfest
  • 2008: Arc of Passion (doppio)
  • 2009: Spirit Dome - Live Archive (doppio)

CollaborazioniModifica

RaccolteModifica

  • 1999: Dreaming... Now, Then: A Retrospective 1982-1997 (doppio)
  • 2001: Pure Flow: Timeroom Editions Collection 1
  • 2002: Day Out of Time
  • 2003: Space and Time: An Introduction to the Soundworlds of Steve Roach

NoteModifica

  1. ^ (EN) Steve Roach Biography Archiviato il 29 settembre 2007 in Internet Archive., Celestial Harmonies. Ultimo accesso 5 settembre 2009.
  2. ^ a b (EN) Scheda su All Music Guide, ripubblicato su Pandora Music, Ultimo accesso 5 settembre 2009.
  3. ^ a b c (EN) «Stretch out and enjoy the soundscape» di Gemma Tarlach, Milwaukee Journal Sentinel, 21 aprile 2000.
  4. ^ «Instrument owner lauds soothing effects,» The Advocate (Baton Rouge) 7 giugno 1998.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN84334351 · ISNI (EN0000 0001 1449 9891 · Europeana agent/base/64003 · LCCN (ENno98102097 · GND (DE134587367 · BNF (FRcb140302942 (data) · WorldCat Identities (ENlccn-no98102097