Stimolante

1leftarrow blue.svgVoce principale: sostanza psicoattiva.

Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.

Uno stimolante è una sostanza psicoattiva che ha un effetto stimolante sull'organismo. Il termine stimolante deriva dal latino stimulare ("stimolare"). L'Organizzazione Mondiale della Sanità definisce gli stimolanti come sostanze che aumentano, accelerano o migliorano l'attività dei nervi.[1]

Ritalin Psicostimolante a base di Metilfenidato

Fanno parte di questa categoria le sostanze in grado di esercitare azione stimolante sul sistema nervoso centrale, alcune adoperate a scopi terapeutici .

La classe degli stimolanti è piuttosto vasta e include sostanze diverse per tipologia di effetti, accomunate dal fatto di aumentare la permanenza in circolo di qualche neurotrasmettitore (in particolare della dopamina) in modo tale da aumentare le prestazioni psicofisiche e alcune funzioni biologiche. Generalmente hanno effetti di vaso-costrizione e tendono a produrre un innalzamento della pressione sanguigna, del polso e/o della respirazione, eventualmente anche delle capacità di attenzione e/o della reattività emotiva o della percezione. Sono incluse in questo gruppo sostanze di uso comune come la caffeina. La maggior parte di esse producono assuefazione psichica e alterazioni fisiologiche, a lungo termine possono indurre sindromi psicotiche e alterazioni del comportamento.

I farmaci con queste sostanze come principio attivo sono chiamati psicostimolanti o psicotonici o psicoanalettici.

Alcuni stimolanti sono classificati come stupefacente o sostanza psicotropa e a seconda delle diverse legislazioni nazionali sono inclusi nelle tabelle delle sostanze sottoposte a precise restrizioni legali per la produzione commercializzazione e consumo.

Occorrenza in naturaModifica

Molti composti stimolanti derivati da vegetali.

Pianta Parte usata Composto stimolante Stato giuridico
Coffea arabica seme caffeina, teobromina, teofillina legale
Camellia sinensis foglia caffeina, teobromina, teofillina legale
Camellia sinensis frutta caffeina, teobromina, teofillina legale
Ilez guayusa foglia caffeina legale
Panax ginseng radice steroide legale
Lepidium meyenii radice macamidi, macaeni legale
Nicotiana tabacum foglia nicotina regolamentato
Erythroxylum coca foglia cocaina, ecgonina Stupefacente
Areca catechu Noce di Areca arecolina legale
Areca catechu foglia chavibetol, chavicol, cadinene legale
Ilex paraguariensis foglia caffeina, teobromina, teofillina legale
Catha edulis foglia catinone, catina Stupefacente
Theobroma cacao seme chavibetol, chavicol, cadinene legale
Cola acuminata Noci di cola caffeina, teobromina, teofillina legale
Ephedra pianta intera efedrina, pseudoefedrina legale
Eleuterococco pianta intera β-sitosterolo, eleuteroside legale

UtilizzoModifica

MedicoModifica

Come principio attivo di farmaci gli stimolanti possono avere vari utilizzi medici. Gli stimolanti sono stati usati in medicina per molte condizioni tra cui obesità , disturbi del sonno , disturbi dell'umore , disturbi del controllo degli impulsi , asma , congestione nasale e, nel caso della cocaina, come anestetici locali. La cocaina, inizialmente utilizzata come anestetico locale per le operazioni a naso, bocca e gola, è stata completamente soppiantata da lidocaina, procaina e altre sostanze derivate più sicure. I farmaci usati per trattare l'obesità sono chiamati anoressizzanti e generalmente includono farmaci che seguono la definizione generale di stimolante, ma a questo gruppo appartengono anche altri farmaci come gli antagonisti dei recettori dei cannabinoidi.[2] Stimolanti sono usati nella gestione dei disturbi del sonno caratterizzati da sonnolenza diurna eccessiva o narcolessia , e includono stimolanti come modafinil.[3] Gli stimolanti sono usati nei disturbi del controllo degli impulsi e per il disturbo da deficit di attenzione/iperattività (ADHD); attualmente solo il metilfenidato è disponibile in Italia come farmaco. Stimolanti come epinefrina , teofillina e salbutamolo per via orale sono stati usati per trattare l'asma, la broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO) e l' apnea notturna .[4] Per queste terapie i farmaci adrenergici per via inalatoria sono ora preferiti a causa dei minori effetti collaterali sistemici. Pseudoefedrina viene usata per alleviare la congestione nasale o sinusale causata dal comune raffreddore, sinusite, raffreddore da fieno e altre allergie respiratorie; è anche usato per alleviare la congestione dell'orecchio causata da infiammazione o infezione dell'orecchio.[5]

Non medicoModifica

Un gran numero di stimolanti sono utilizzati non a fini medicali. L'anfetamina , l'MDMA ( ecstasy ) e la metanfetamina ( crystal meth ) sono usate a scopi di piacere e ricreativo. Prodotti come caffè, tè e tabacco contengono stimolanti e sono ampiamente consumati .

PericoliModifica

Alcuni stimolanti aumentano la concentrazione di alcuni neurotrasmettitori coinvolti nella sensazione di piacere. Possono quindi indurre nel consumatore una forte sensazione di euforia e/o benessere , e portarlo ad una dipendenza .

L'esempio più noto di dipendenza da uno stimolante è quello del fumo , quindi dipendenza da nicotina, ma possiamo citare anche dipendenza da cocaina e dipendenza da anfetamine . Allo stesso modo, i sintomi di astinenza possono manifestarsi dopo aver interrotto improvvisamente alcuni antidepressivi , il che comporta una qualche forma di dipendenza precedente.

La velocità di insorgenza della dipendenza e la sua intensità, come con qualsiasi altra droga che crea dipendenza , dipende da molti fattori:

  • la natura dello stimolante;
  • frequenza dei consumi;
  • la dimensione delle dosi consumate;
  • la via di somministrazione della sostanza: più veloce è l'effetto dello stimolante, maggiore è il rischio di dipendenza, perché il cervello associa più direttamente lo stimolante alla sensazione di piacere. Pertanto, l'iniezione endovenosa della sostanza è potenzialmente più avvincente dell'ingestione  ;
  • l'età e la personalità del consumatore, ecc.
  • predisposizione genetica.

Sovradosaggi di stimolanti possono causare ipertensione , palpitazioni , sudorazione e nausea , a seconda della sostanza . I sintomi psicologici includono eccitazione, aggressività, sicurezza eccessiva e insonnia . Con i derivati della cocaina e dell'anfetamina è possibile l'insorgenza di psicosi . Alcuni soppressori dell'appetito sono anche stimolanti o hanno strutture chimiche simili.

ClassificazioneModifica

Gli stimolanti possono essere classificati come segue:

Anfetamina e derivatiModifica

  • anfetamina
  • Anfetaminile
  • Lisdexamfetamina
  • metanfetamine
  • efedrina
  • Pseudoefedrina
  • Fentermina
  • Sibutramina
  • fenetillina
  • mesocarbo
  • Fenilpropanolamina (norefedrina)
  • Norpseudoefedrina (catina)

Catinone e derivatiModifica

  • Catinone
  • Dietilpropione (Amfepramon)
  • 4-MEC
  • Metcatinone
  • pirovalerone
  • Metilendiossipirovalerone

EntactogeniModifica

Questi includono derivati dell'anfetamina con un effetto empatico aggiuntivo:

  • MDMA (ecstasy)
  • MBDB
  • MDMC
  • MDA
  • MDE
  • 4-fluoramfetamina
  • 4-metiltioanfetamina
  • Mefedrone
  • Pentedrone

XantineModifica

  • Caffeina
  • Teofillina
  • Teobromina

Piperizina e derivatiModifica

  • Benzilpiperazina (BZP)
  • Metilendiossibenzilpiperazina (MDBP)
  • Meta-clorofenilpiperazina (m-CPP)
  • Trifluorometilfenilpiperazina (TFMPP)

PiperidineModifica

  • metilfenidato
  • Deossipipradrolo

OxazolidinoneModifica

  • Pemolina

BenzidrilsulfiniliModifica

  • Modafinil e Armodafinil
  • Adrafinil

Sostanze varieModifica

  • cocaina
  • Nicotina (contenuta nel tabacco)
  • Mazindol
  • Ftalimidopropiofenon

NoteModifica

  1. ^ WHO: Lexicon of alcohol and drug terms published by the World Health Organization, su web.archive.org, 4 luglio 2004. URL consultato il 13 gennaio 2022 (archiviato dall'url originale il 4 luglio 2004).
  2. ^ (EN) Lee M. Kaplan, Pharmacological Therapies for Obesity, in Gastroenterology Clinics of North America, vol. 34, n. 1, 2005-03, pp. 91–104, DOI:10.1016/j.gtc.2004.12.002. URL consultato il 13 gennaio 2022.
  3. ^ (EN) David J Heal, Sharon L Smith e Jane Gosden, Amphetamine, past and present – a pharmacological and clinical perspective, in Journal of Psychopharmacology, vol. 27, n. 6, 28 marzo 2013, pp. 479–496, DOI:10.1177/0269881113482532. URL consultato il 13 gennaio 2022.
  4. ^ M J Cushley e S T Holgate, Bronchodilator actions of xanthine derivatives administered by inhalation in asthma., in Thorax, vol. 40, n. 3, 1985-03, pp. 176–179. URL consultato il 13 gennaio 2022.
  5. ^ (EN) Phenylephrine: MedlinePlus Drug Information, su medlineplus.gov. URL consultato il 13 gennaio 2022.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàThesaurus BNCF 1011 · LCCN (ENsh85128149 · BNF (FRcb12286673r (data) · J9U (ENHE987007536425305171 (topic) · NDL (ENJA00564760