Apri il menu principale

Stoccareddo

frazione del comune italiano di Gallio (Italia)
Stoccareddo
frazione
Stoccareddo – Veduta
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneCoat of Arms of Veneto.png Veneto
ProvinciaProvincia di Vicenza-Stemma.png Vicenza
ComuneGallio-Stemma.png Gallio
Territorio
Coordinate45°52′41.87″N 11°36′45″E / 45.878297°N 11.6125°E45.878297; 11.6125 (Stoccareddo)Coordinate: 45°52′41.87″N 11°36′45″E / 45.878297°N 11.6125°E45.878297; 11.6125 (Stoccareddo)
Altitudine984 m s.l.m.
Abitanti400 circa
Altre informazioni
Cod. postale36032
Prefisso0424
Fuso orarioUTC+1
Patronosan Giovanni Battista Decollato
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Stoccareddo
Stoccareddo
Sito istituzionale

Stoccareddo (Stokhare o Stòkha-Raut in cimbro[1]) è l'unica frazione di Gallio (VI). Distante circa 8 km, si sviluppa lungo le pendici orientali del Col del Rosso, sull'Altopiano dei Sette Comuni. Stoccareddo fu completamente distrutto durante la Prima Guerra Mondiale, in particolar modo durante la Battaglia dei Tre Monti, e ricostruito nei primi anni '20 attorno alla chiesa parrocchiale.

Geografia fisicaModifica

Il paese si sviluppa su un pianoro quasi a ridosso delle montagne, un balcone naturale affacciato sulla aspra e selvaggia Val Frenzela (lingua cimbra Frea-sele, divinità scandinava) dominata da quel monumento naturale che è lo "Spizegonoto", il terzo altare delle credenze pagane cimbre. La piazza è un belvedere da dove la vista spazia a 360°: alle spalle il Col del Rosso, a nord le Melette, ad est Foza, la Valpiana e S. Francesco. A sud-est, dalla piazza, si può vedere il Monte Grappa e la Val Brenta che si apre verso Bassano del Grappa e la pianura veneta. Ancora più lontano si può scorgere Padova e persino Venezia con la sua Laguna.

Architetture religioseModifica

La prima costruzione fu eretta nel 1671 ed una seconda chiesa nel 1906. Queste due chiese furono distrutte, assieme a tutto il paese, durante la prima guerra mondiale. La nuova chiesa, progettata dall'architetto Vincenzo Bonato, fu iniziata il 24 giugno 1922 e ultimata l'anno successivo. L'attuale chiesa è dedicata a San Giovanni Battista Decollato che è il patrono della parrocchia di Stoccareddo e si festeggia il 29 agosto. La chiesa ha un'ampia facciata a capanna affrescata con pitture liberty mentre la navata è in stile neogotico-alpino con ampie finestre colorate. All'interno è collocata una pala di San Giovanni mentre sta per essere decapitato eseguita da Dante Bizzotto di Rossano Veneto nel 1950, copia del più famoso dipinto di Tiepolo, conservato nella Pinacoteca Civica di Palazzo Chiericati a Vicenza.

Il paese dei BaùModifica

La gran parte della popolazione (l'80% dei 400 abitanti) porta lo stesso cognome, Baù. Il rilievo che queste persone, seppur strettamente imparentate tra loro, non presentino malattie genetiche (che invece tipicamente aumentano in questi casi di consanguineità e isolamento), e l'osservazione che l'incidenza tra i Baù delle malattie cardiovascolari e del diabete sia inferiore a quella della popolazione generale, ha suscitato notevole interesse tra i ricercatori della "Fondazione Mauro Baschirotto - L'Associazione Malattie Rare" che hanno fondato l'Istituto B.I.R.D. Europe con sede a Costozza (Vi)[2][3].

Fiere e manifestazioniModifica

  • Raduno internazionale dei Baù ogni tre anni: mesi di luglio/agosto.
  • Tradizionale Festa del Villeggiante (annuale): mese di luglio-agosto.
  • Festa del Paese: laico e religioso, Santo Patrono "San Giovani Battista Decollato" è il 29 agosto.

NoteModifica

  1. ^ cartellonistica
  2. ^ Il paese dei "tutti sani" e il segreto dei Baù, su repubblica.it. URL consultato il 31 ottobre 2010.
  3. ^ Vivono 100 anni, il mistero dei super Baù [collegamento interrotto], su ilgiornaledivicenza.it. URL consultato il 31 ottobre 2010.

Collegamenti esterniModifica

  Portale Vicenza: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Vicenza