Apri il menu principale
Stojan Petrov Danev

Stojan Petrov Danev, in bulgaro: Стоян Петров Данев (Šumen, 25 gennaio 1858Sofia, 30 luglio 1949), è stato un politico bulgaro e primo ministro del principato di Bulgaria in due diversi mandati.

BiografiaModifica

Laureato in giurisprudenza sia all'università di Heidelberg sia all'università di Parigi, Danev prestò servizio in numerosi ruoli ministeriali, tra cui ministro degli esteri e divenne noto come forte sostenitore della Russia imperiale.[1] Durante il primo periodo di Danev come primo ministro (che cominciò il 4 dicembre 1902) venne allo scoperto la questione dei macedoni. Un gruppo conosciuto come il Comitato supremo macedone venne stabilito a Sofia da Trajko Kitančev che aveva lo scopo di reclamare la terra macedone dall'impero ottomano. Nel 1902 il gruppo sobillò una rivolta nella regione del fiume Struma, ma venne sedata e Stanev, dietro consiglio della Russia, mise fuori legge il movimento. Il suo governo fu perseguitato dalla questione macedone da allora fino al 1903 quando fu rimosso dall'incarico a causa del timore di una rivolta generale macedone, oltre che per l'opposizione alle bande guerrigliere macedoni che godevano di un certo sostegno popolare in Bulgaria, e fu rimpiazzato dal generale Račo Petrov.[2]

Danev prestò servizio in numerose governi moderati di coalizione e fu uno dei firmatari del Trattato di Londra. Quando divenne chiaro che lo zar Ferdinando non intendeva onorare i termini del trattato, Danev venne scelto per succedere a Ivan Gešov come primo ministro, anche se il suo secondo ministero fu breve (14 giugno-17 luglio 1913).

NoteModifica

  1. ^ Todor Burmov descendent is Queens' Counsel Archiviato il 17 giugno 2008 in Internet Archive.
  2. ^ S.G. Evans, A Short History of Bulgaria, London, Lawrence and Wishart, 1960, p. 147

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN54952586 · ISNI (EN0000 0000 8384 0566 · LCCN (ENn85293281 · GND (DE119188082 · WorldCat Identities (ENn85-293281