Apri il menu principale
Strút-Harald
Wikinger.jpg
Sbarco dei vichinghi, in una rappresentazione di metà XII secolo
Jarl dei Jómsvíkingar
Successore Thorkell l'Alto
Dinastia Dinastia di Gorm?
Padre Gorm il Vecchio?
Figli Thorkell l'Alto, Sigvaldi, Hemming
Religione paganesimo norreno?

Strút-Harald (... – 986?) fu un capo vichingo di Jomsborg o un re minore della Scania durante il tardo X secolo.

Nelle saghe è considerato figlio del re danese Gorm il Vecchio e fratellastro di Harald Denteazzurro. Secondo Snorri Sturluson, Strút-Harald sarebbe stato capo dei vichinghi di Jomsborg. Fu il padre di Sigvaldi Strút-Haraldsson e Thorkell l'Alto, a loro volti membri di spicco di Jomsborg. È considerato l'ultimo re di Scania, in quanto tentò di rivendicare l'indipendenza della regione tanto da Gorm il Vecchio quanto da Harald Denteazzurro, che in quel periodo stava unificando la Danimarca. Il tentativo però fallì. Sven I, figlio di Harald, gli assegnò il titolo di jarl come sorta di riparazione per le conquiste del padre.

Secondo la Jomsviinga saga, nell'anno 986 partecipò alla semi-leggendaria battaglia di Hjörungavágr contro Hákon Sigurdsson.

Il suo nome deriva dal fatto che indossava un elmo conico (strút) d'oro, dal peso di circa 2 kg. Al suo servizio potrebbe esservi stato lo scaldo Þjóðólfr da Hvinir.

BibliografiaModifica

  • Jomsvikinga Saga.
  • Snorri Sturluson, Heimskringla
  • Åke Ohlmarks, Fornnordiskt lexikon, Tidens förlag, 1983, uppslagsord: Strutharald sid. 324.