Strada statale 91 della Valle del Sele

strada statale italiana
Strada statale 91
della Valle del Sele
Strada Statale 91 Italia.svg
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioniCampania Campania
SS 91 percorso.png
Dati
ClassificazioneStrada statale
InizioEboli
FineTerme Forlenza
Lunghezza20,845[1] km
Provvedimento di istituzioneLegge 17/05/1928 n°1094[2]
GestoreANAS

La strada statale 91 della Valle del Sele è una strada statale che si sviluppa tutta nella Campania.

In seguito al decreto legislativo n. 112 del 1998, dal 2001, l'attuale tracciato inizia a Eboli dalla strada statale 19 delle Calabrie e termina in località Terme Forlenza nel comune di Contursi Terme. Il vecchio tracciato (ora declassato in strade regionali e provinciali) collegava le province di Salerno e Avellino passando attraverso l'Appennino campano attraversando l'alta valle del Sele. Superando la sella di Conza si incrociava con la statale Appia e proseguiva nella valle dell'Ufita fino a Grottaminarda ove sboccava sulla strada statale 90 delle Puglie.

Indice

StoriaModifica

 
SS91 presso Camaldoli

Denominata Regio Cammino di Matera, arteria stradale che collegava nell'Ottocento le province di Principato Citra e Principato Ultra con le province di Basilicata e Capitanata, fu voluta nel 1789 da re Ferdinando IV di Borbone, su proposta del Marchese di Valva, Soprintendente di Strade e Ponti. Il tracciato, che corrispondeva in parte alla normanna via antiqua fu varie volte modificato. Motivi della sua costruzione furono il congiungere i comuni dell'entroterra campano e lucano, da Eboli a Melfi, ma anche per assicurare il trasporto del grano e delle altre derrate alimentari dalle fertili pianure delle Puglie alla capitale del Regno di Napoli. Nel punto di inizio vicino Eboli venne costruito nel 1797 un epitaffio con una lapide. Restaurato nel 1990, il monumento ricorda le origini storiche della strada denominata “la via del grano”.

Località attraversateModifica

Strada statale 91 bis IrpinaModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Strada statale 91 bis Irpina.

Strada statale 91 ter Diramazione IrpinaModifica

Strada statale 91ter
Diramazione Irpina
Localizzazione
Stato  Italia
Regioni  Puglia
Dati
ClassificazioneStrada statale
InizioMonteleone di Puglia
FineBovino
Lunghezza29,50 km
Provvedimento di istituzioneD.M. 19/08/1971 - G.U. 261 del 14/10/1971[3]
GestoreTratte ANAS: nessuna (dal 2001 la gestione è passata alla Regione Puglia, che ha ulteriormente devoluto le competenze alla provincia di Foggia.

La ex Strada Statale 91ter Diramazione Irpina, ora SP 136, è una ex strada statale italiana ora provinciale che si snoda in territorio pugliese nella provincia di Foggia. I comuni di partenza ed arrivo sono Monteleone di Puglia e Bovino.

Con i suoi 29,5 km di lunghezza, la strada funge da raccordo tra la ex SS 91bis Irpina e la ex SS 161 di Ortanova, ora SP 110, attraverso il Subappennino dauno. Il suo percorso ha inizio nel comune di Monteleone di Puglia dove si stacca dalla ex SS 91bis. Da qui prosegue in territorio pugliese per i centri di Accadia e Deliceto, attraversando i rispettivi abitati.

Ai sensi del decreto legislativo n. 112 del 1998 attuato nel 2001, la gestione della strada, fino ad allora di competenza ANAS, è passata alla Regione Puglia.[4] Tuttavia la manutenzione è affidata alla provincia di Foggia.[5]

Elenco località attraversate e principali innestiModifica

Strada Statale 91 raccordo della Valle del SeleModifica

Strada statale 91 racc
della Valle del Sele
Localizzazione
Stato  Italia
Regioni  Campania
Dati
ClassificazioneStrada statale
InizioTerme Forlenza
FineStrada statale 691 Contursi-Lioni
GestoreTratte ANAS: Intero percorso

La strada statale 91 raccordo della Valle del Sele (SS 91 racc) era una strada statale italiana.

Il percorso si sviluppava all'interno del territorio comunale di Contursi Terme e la sua funzione era quella di collegare la strada statale 91 nei pressi della località Terme Forlenza con lo svincolo di Contursi Terme Ovest-Campagna, della Strada statale 691 Contursi-Lioni.

Con il Decreto Presidente del Consiglio dei Ministri 8 luglio 2010 - G.U. n. 214 del 13/09/2010, la strada è stata assorbita dalla SS 691[6]

NoteModifica