Apri il menu principale
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando l'omonimo soldato dell'Impero bizantino, vedi Stratiota.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando l'isola situata in un'ansa delle Bocche di Cattaro in Montenegro, vedi San Marco (Montenegro).
Stradioti
Stradiots.jpg
Urs Graf: Stradioti (1513 ca.)
Descrizione generale
Attivodal XV secolo al XVIII secolo
NazioneAlbania, Grecia e altre regioni nei Balcani
TipoMercenari
Ruolocavalleria leggera
Voci su unità militari presenti su Wikipedia

Gli stradioti, stradiotti o stratioti (greco: στρατιώτες, stratiotes; albanese: stratiotët) erano mercenari provenienti dai Balcani, in genere albanesi, ma anche dalmati e greci, che formavano unità militare di cavalleria della Repubblica di Venezia, del Regno di Napoli e di altri Stati dell'Europa dal XV secolo fino alla metà del XVIII secolo.[1][2]

Indice

NomeModifica

Il termine greco stratiotis/-ai (στρατιώτης/-αι) era in uso nell'antichità classica con il significato di "soldato".[3] Lo stesso termine fu usato continuamente nel periodo romano e bizantino. Il termine italiano "stradioti" potrebbe quindi essere un prestito della parola greca stratiotai.[1] In alternativa, potrebbe derivare dal termine italiano "strada", associato alla parola "viandante".[4]

Gli stradioti albanesi di Venezia venivano chiamati anche "cappelletti" a causa dei piccoli cappelli rossi che indossavano.[5]

Origine e provenienzaModifica

 
Emigrazione albanese in Grecia tra il XIV e il XVI secolo
 
Possedimenti veneziani nell'Egeo alla metà del XV secolo.

Incerta è l'identità etnica degli stradioti. Lo storico Paolo Giovio li chiamò spartiati, achei o semplicemente greci; il poeta Torquato Tasso vagabondi nati in Grecia; l'umanista e studioso Pietro Bembo greci ed epiroti; l'autore Luigi da Porto levantini albanesi con nomi greci; lo storico politico Francesco Guicciardini albanesi e coloro che provenivano dalle province circostanti della Grecia;[6] il cronista e senatore veneziano Marin Sanudo riferisce che gli stradioti erano persone che in latino venivano chiamati epiroti, greci, albanesi o turchi.[7]

Secondo uno studio dell'autore greco Kostas Mpires[8] riguardo ai nomi degli stradioti si evince che circa l'80-90% erano di origine albanese, mentre il resto era di origine slava (croati) e greca. Questi ultimi riguardavano principalmente i capitani degli stradioti. Tra questi si trovano nomi come Alexopoulos, Clada, Comnenos, Klirakopoulos, Kondomitis, Laskaris, Maniatis, Paleologo Psaris, Psendakis, Rhalles (Ralli), Spandounios, Spyliotis, Zacharopoulos ecc. Altri, come Soimiris, Vlastimiris e Voicha sembra che siano stati di origine slava meridionale.[9]

Gli autori moderni sono giunti alla conclusione che la maggior parte degli stradioti erano greci e albanesi che provenivano principalmente dalla Morea (Peloponneso), da dove molti di loro o i loro antenati erano emigrati dalle regioni più settentrionali e avevano trovato rifugio nel Despotato bizantino di Mistrà e a Lepanto, Argo, Corone, Modone, Napoli di Romania e Malvasi che, successivamente finirono sotto il dominio veneziano.[10]

StoriaModifica

Nel VII secolo compare per la prima volta il termine "stradioti" in relazione con la riforma di vasta portata degli affari militari bizantini quando la difesa delle province orientali e africane (Egitto, Siria e Africa) sotto l'assalto dei saraceni crollava in breve tempo e si è scoperto che l'organizzazione dell'esercito tardo romano che si basava principalmente su mercenari, non era all'altezza delle richieste.

Quando i crociati francesi-fiamminghi e veneziani, durante la quarta crociata (1204), si inoltrarono nei territori dell'Impero bizantino e saccheggiarono e conquistarono Costantinopoli, il termine "stradioti" divenne noto anche tra le nazioni occidentali ma, tuttavia, nel XII e XIII secolo il suo significato cambiò decisamente. Gli stradioti erano mercenari locali, che appartenevano a vari popoli residenti in "Romania" (Impero Romano, Impero romano d'Oriente ecc.). Quindi, nei paesi balcanici si trovavano stradioti greci, albanesi, valacchi e slavi. Persino i soldati musulmani di origine ottomana, che si erano stabiliti in Asia Minore, erano chiamati stradioti. Questi mercenari di origine diversa prestavano servizio per lo più nella cavalleria leggera nei principati e nelle Signorie della zona del Mar Egeo e successivamente in diversi paesi dell'Europa. Come quei "profughi" che avevano perso nella guerra contro gli ottomani casa e famiglia, gli stradioti preferivano combattere contro gli ottomani stessi, ma erano comunque disponibili per chiunque gli assoldava. Il loro coraggio era proverbiale e la loro crudeltà era notoria.[11]

Il consolidarsi del feudalesimo nell'alto medioevo (inizio/metà dell'XI secolo fino al 1250 circa) e le lotte tra i Signori feudali trasformarono l'Europa occidentale in un campo di lotte locali. L'organizzazione delle truppe era basata principalmente sull'addestramento dell'aristocrazia militare e sul legame dei signori con i loro soldati vassalli. L'ascesa degli Stati regionali e la graduale concentrazione del potere nelle mani delle grandi monarchie dinastiche hanno sostanzialmente modificato le procedure di guerra.[12]

Niccolò Machiavelli sottolineava nel suo libro "Il Principe": "Debbe adunque uno principe non avere altro obietto né altro pensiero, né prendere cosa alcuna per sua arte, fuora della guerra […] e per avverso si vede che, quando e’ principi hanno pensato piú alle delicatezze che alle arme, hanno perso lo stato loro […]".[13]

A prescindere dalla teoria di Machiavelli, i crescenti bisogni degli Stati sopra citati furono soddisfatti dall'evoluzione della tecnologia militare e dall'uso di nuove armi di distruzione di massa (cannoni, artiglieria mobile e successivamente fucili e pistole). A questi si aggiungeva il reclutamento di mercenari, esperti nell'arte della guerra con nuove tattiche militari e la graduale formazione di eserciti permanenti.[12]

 
Incisione ritraente John Hawkwood

L'Italia vide l'emergere di un fiorente mercato bellico. Fino alla metà del XIV secolo, l'Italia era un "generoso" importatore di mercenari che reclutava principalmente dalla Germania ma anche da altri paesi europei, come esempio quelli della Confederazione svizzera. Nel 1360, il condottiero inglese John Hawkwood si mise al servizio della città di Pisa contro Firenze nella Guerra dei Cent'anni.[14]

Con l'avvento degli Stati moderni organizzati che possedevano nuovi strumenti, le loro ambizioni non si limitavano solo al far valere la loro sovranità nei loro territori, ma cercavano anche di estendere la loro egemonia su tutta l'Europa. Questo ha fatti si che dal tardo Medioevo (circa 1250 fino a circa 1500) divenne necessario formare eserciti meglio istruiti e organizzati.1 Nella seconda metà del XIV° secolo, in Italia si affermarono i condottieri, i cosiddetti "Capitani di ventura" (comandanti di compagnie mercenarie private) che, in breve tempo, divennero i protagonisti indiscussi della guerra nella penisola italiana.[14]

Coloro che potevano permettersi i costosi mercenari dell'Europa occidentale, reclutavano italiani, tedeschi, svizzeri ecc. Per quel che riguarda gli svizzeri, a causa di una solidarietà di condotta all'interno della Confederazione Elvetica, non era sempre facile reclutarli perché non prendevano mai le armi quando un contingente di compatrioti erano già nelle file dei nemici.[15] Altrimenti, si accontentavano di "surrogati", come gli stradioti che si erano dimostrati altrettanto capaci nel corso dei decenni, a causa delle loro tattiche speciali di guerra (come descritto nel capitolo tattiche).

Questi stradioti erano considerati "per lo più" fedeli al Signore che li pagava. Marino Sanudo ha sottolineato nella sua opera La Spedizione di Carlo VIII in Italia, la loro fedeltà alla Repubblica di Venezia: "[...] Bernardo Contarini montava armato il suo cavallo con tutti gli stradioti [...] e faceva giurare a tutti di voler morire in onore della Signoria [... ] e urlando: Marco! Marco! [significa la Repubblica di Venezia] San Giorgio! San Giorgio! [intendendo il santo patrono degli Stradioti] se ne andarono via [...]"[16]

Altri fattori che distinguevano gli stradioti da altri mercenari erano la loro condizione di profughi; infatti, erano accompagnati dalle loro famiglie e dai loro chierici nei luoghi di lavoro e si stabilivano presso o vicino il loro luogo di servizio.[9]

Se si comportavano "bene" venivano concessi loro privilegi, onori e terre. Il conferimento di titoli ereditari (per lo più quello di cavaliere)[17] e una pensione per tutta la vita era disponibile per coloro che si distinguevano.[16] Ciò è dimostrato sia dai titoli che accumulavano i loro comandanti e le poesie in greco e italiano che descrivevano i loro atti eroici.[9] Da citare qui sono le "Lance spezzate", uomini armati che, per vari motivi (diserzione, morte) erano rimasti senza un capitano e venivano reclutati direttamente dallo Stato e organizzati in compagnie sotto la guida di un capitano nominato da loro stessi.[18] Le "Lance spezzate", per la loro virtù e fedeltà, ricevevano il privilegio di portare le armi in tutto il regno e persino nelle case del principe.[19]

Tuttavia sembra che gli stradioti apprezzavano di più premi e privilegi che il pagamento perché cercavano nel governo veneziano il consenso di organizzare delle parate per dimostrare la loro abilità con le armi che, il governo concedeva anche volentieri.[20] Pietro Bembo descrive gli stradioti nella sua Istoria Viniziana come segue: "[...] e in questi giorni [freddissimi] nel Canal Grande della città [di Venezia nel 1491] [...] dove aveva nevicato sulle acque congelate, alcuni stradioti, per divertirsi, cavalcavano con le lance l'uno contro l'altro [...]"[21]

Quello che impressionava i popoli dei paesi dell'Europa occidentale erano i balli e le canzoni degli stradioti che avevano il ritmo della danza tsamiko che gli antenati degli stradioti avevano portato dall'Epiro nella penisola meridionale greca e le canzoni malinconiche e monotone che avevano imparato in Morea.[22]

Compagnie di cavalleria leggera di stradioti si incontravano al servizio di una serie di Stati europei come nel Ducato di Milano, nella Repubblica di Genova, nel Ducato di Firenze, nel Regno di Napoli, in Gran Bretagna, Francia e Spagna, nei Paesi Bassi spagnoli, nel Sacro Romano Impero e nel Regno russo.[23] Nel XVI secolo erano presenti a Cipro, Venezia, Mantova, Roma, Napoli, Sicilia e anche a Madrid dove, probabilmente, presentavano sia le loro proposte che le loro lamentele, ma anche le richieste di botti di polvere da sparo e altro ancora, sempre imperiosamente arroganti e sempre pronti al combattimento.[24]

ReclutamentoModifica

Gli stradioti venivano reclutati in Albania, Grecia, Dalmazia, Serbia e in seguito anche in Cipro.[25][26][27] I loro nomi erano per la maggior parte albanesi, altri erano di origine greca,[28] o slava meridionale.[29][4] Fra i loro comandanti vi erano anche membri di alcune antiche e nobili famiglie bizantine quali i Paleologi e i Comneni.[4]

EquipaggiamentoModifica

Usavano delle lance chiamate Assegai, così come delle spade, mazze, arco, balestre e daghe. La loro uniforme tradizionale era un insieme di indumenti ottomani, bizantini ed europei: l'armatura era inizialmente un semplice usbergo, ma divenne più pesante con il passare del tempo. Gli stradioti erano mercenari e ricevevano la paga solo finché il loro servizio militare era necessario.[30] Dal XVIII secolo gli Stradioti non vennero più ampiamente impiegati.

TatticheModifica

Furono dei pionieri delle tattiche di cavalleria leggera durante la loro era. All'inizio del XVI secolo la cavalleria pesante negli eserciti europei fu rimodellata principalmente basandosi sugli stradioti albanesi dell'esercito veneziano, gli ussari ungheresi e le unità cavaliere mercenarie tedesche (Schwarzreiter).[31]

Impiegavano delle tattiche colpisci e scappa, imboscate, finte ritirate e altre complesse manovre. In certi aspetti, queste tattiche ricordavano quelle degli Spahi e degli Akinci ottomani. Gli stradioti erano famosi per essere chiassosi, attaccabrighe e talvolta sleali, ma la loro abilità aveva più importanza di ogni offesa alla sensibilità degli europei. Ebbero alcuni notevoli successi contro la cavalleria pesante francese durante le Guerre Italiane del Rinascimento.[25]

Stradioti nell'Impero BizantinoModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Stratiota.
 
I cambiamenti territoriali dell'Impero bizantino

Quando, nella metà del VII secolo nell'Asia Minore vennero creati nuovi distretti amministrativi, i cosiddetti themi, i loro comandanti ricevettero tutti i poteri militari e civili per il rispettivo territorio ed erano direttamente responsabili verso l'imperatore.[32] Nei themi venivano arruolati dei contandini-soldati, che, secondo la loro organizzazione, vivevano dal ricavato delle proprie terre e prestavano servizio militare in cambio di esenzioni fiscali.[33] In periodo di pace divenivano contadini, per poi tornare alle armi in caso di guerra. Per la maggior parte servivano come fanti, ma alcuni di loro anche nella cavalleria leggera.[34]Venivano anche reclutati, tramite contratti con i rispettivi governanti, armeni, magiari, cazari, rus, serbi e bulgari.[32]

Dal VIII al X secolo l'esercito bizantino, basato sugli contandini-soldati, ebbe molto successo. Numerosi attacchi da parte degli arabi alla restante area centrale dell'impero (Asia Minore) potevano essere respinti. Dalla seconda metà del X secolo l'Impero bizantino (o Impero Romano d'Oriente) passò decisamente all'offensiva; vaste aree nei Balcani e nell'Oriente furono riconquistate.[35]

Al tempo di Michele VII (1067-1078), la maggior parte dell'esercito era costituita da mercenari stranieri. Tra questi c'erano variaghi, rus, franchi, turkmeni, peceneghi, cumani e oghuz.[36] Oltre ai mercenari, c'erano anche stranieri che non servivano come volontari nell'esercito bizantino ma erano deportati, prigionieri di guerra e schiavi.[37]

Dopo la disastrosa sconfitta di Manzicerta il 26 agosto 1071 e la conseguente perdita quasi totale dell'Asia Minore, il sistema dei thema non poteva più essere tenuto e venne sostituito dal sistema della pronoia[9] che durò fino al 1453 (anno in cui cadde l'impero bizantino). Il sistema consisteva nella concessione di terra in cambio del servizio militare. Il titolare di una pronoia, pronioiardo, riscuoteva le tasse dai cittadini che vivevano entro i confini del territorio assegnato e ne tratteneva una parte come compenso.

In questo periodo l'esercito era composto da reparti mercenari, tra i quali, nella parte centrale dell'armata, gli skythikon, di origine cumana, i tagmata e soprattutto dai pronioiardi.

Stradioti nei paesi europeiModifica

 
Urs Graf (1530): stradioti

Tra i secoli XIV e XV, con l'avanzare degli ottomani verso nord-ovest, nel Mediterraneo, tra i principati albanesi, la Repubblica di Venezia, i Signori italiani e i re di Napoli e Sicilia venne creata un'alleanza alla quale, in varie occasioni, si univano la Spagna, la Francia, il Papato, i paesi dell'Europa orientale e il Mediterraneo africano. Questa alleanza proseguì nelle guerre d'Italia del XVI secolo. In questa condizione politica e sociale si aveva bisogno di eserciti mercenari particolarmente abili e gli stradioti, con i loro capitani albanesi di "buona famiglia", formavano una potente cavalleria altamente qualificata.[38]

Durante i quattro secoli di dominio ottomano nei Balcani, molti stradioti cristiani trovavano protezione tra le potenze cristiane limitrofe e servivano nelle loro forze armate. Truppe greche e albanesi servivano la Repubblica di Venezia, i governanti spagnoli in Italia (Aragonesi, asburgici, Borboni) e nei Balcani.

Durante le guerre ottomano-veneziane del XV secolo, un gran numero di stradioti che erano stati al servizio degli ultimi stati cristiani nei Balcani, trovarono impiego nei possedimenti veneziani in Grecia e, dopo il 1534, in Dalmazia. Venezia promosse con privilegi anche l'insediamento di famiglie stradiote nelle sue proprietà. Nel 1485 Venezia offrì a una compagnia di stradioti delle terre incolte sull'isola di Zante.

Gli stradioti albanesi divennero una parte standard delle forze armate quasi ovunque in Italia e anche in altri nazioni. Durante la battaglia di Avetrana in Puglia il 19 Aprile 1528 combatterono stradioti albanesi reclutati dal Regno di Napoli contro gli stradioti greco-albanesi della Repubblica di Venezia.[39]

Quando la professione degli stradioti divenne ereditaria e le loro capacità militari divenivano sempre più scadenti, verso la fine del XVI secolo il numero delle compagnie di stradioti operanti in Italia e negli altri eserciti occidentali si ridusse. In molti eserciti europei gli stradioti furono rimpiazzati dalla formazione di una cavalleria leggera che seguiva la tradizione degli stradioti stessi. Questa inversione di tendenza fu determinata anche dalla rivoluzione scientifico-militare che ristrutturò e ridisegnò gli eserciti europei nella seconda metà del XVI secolo, rendendo obsolete le tattiche degli stradioti greco-albanesi. Le nuove unità, che consistevano di gruppi etnici locali o di diverse etnie, aggiunsero alla loro armatura anche le armi da fuoco, così che la menzione di stradioti, albanesi, greci, ecc. divenne sempre più rara.[40]

Durante la Guerra dei Trent'anni, la Repubblica di Venezia reclutò fanti di origine greca meno noti, le cosiddette compagnie o milizie greche.[41]

Nuove organizzazioni militari emersero nei secoli XVII e XVIII estendendo la tradizione delle legioni balcaniche a Venezia e a Napoli. I due più grandi reggimenti stranieri, costituiti da truppe balcaniche, erano il veneziano Reggimento Cimarrioto e il Reggimento Real Macedone (fanteria leggera dei Balcani) di Napoli. Mentre il Reggimento Cimarrioto venne organizzato dai veneziani durante la quinta (1645-1669) e la sesta guerra ottomano-veneziana (1684-1699), il Reggimento Real Macedone venne formato poco dopo la fondazione del regno indipendente di Napoli (1734) sotto il re spagnolo Carlo VII.[42]

Repubblica di VeneziaModifica

 
Domini veneziani intorno al 1500 con le principali rotte
 
L'Albania veneta al momento della sua maggiore espansione nel 1448
 
Posizione dell'arcipelago "Isole Ionie"

Nel corso del XV secolo, gli stratioti prestarono servizio negli eserciti di Venezia, Milano, Genova, Francia, Inghilterra e del Sacro Romano Impero.

L'organizzazione dell'esercito veneziano era basata principalmente sui singoli capitani degli stratioti. Nel corso del tempo, la natura della relazione contrattuale cambiò. La durata dei contratti si allungò e includeva sia il servizio militare che la loro disponibilità durante il periodo di pace. La maggior parte dei comandanti si adattò al servizio permanente e il rinnovo dei contratti divenne una formalità.[43]

Nella seconda metà del XV secolo, il pagamento fu standardizzato a circa sette o otto ducati per lancia (unità militare) e il pagamento veniva effettuato dieci volte l'anno, in modo che l'importo della retribuzione fosse pari a 70 o 80 ducati all'anno. La fanteria riceveva da due ducati a due e mezzo a testa al mese e gli stratioti 4 ducati e due sacchi di mais al mese. Successivamente al 1490, il salario standard a lancia fu aumentato a 100 ducati all'anno. Va ricordato che una lancia passò da quattro a cinque uomini.[44]

Durante le campagne di guerra, gli stratioti dormivano all'aperto o erano alloggiati dalla popolazione civile; il che portò degli attriti così che ogni sera una truppa speciale era impegnata a trovare nuove sistemazioni. In tempo di pace, l'esercito veniva ospitato negli alloggi permanenti nelle zone di Brescia, Verona, Vicenza e Trevignano e nelle zone di frontiera di Ravenna, Crema, Bergamo e Gradisca d'Isonzo. Non c'erano caserme per le truppe, così gli stratioti affittavano delle case all'interno delle strutture fortificate dove si sistemavano con le loro famiglie.[45] Gli stratioti apprezzavano il diritto loro concesso di esercitare la loro religione, cioè il rito bizantino, o ortodosso o uniato e furono determinanti nella fondazione delle chiese di rito greco-bizantino a Venezia, Napoli e nelle città della Dalmazia.[46]

Kostas Mpires stima che il numero di stradioti albanesi e greci che si stabilirono nei territori veneziani e in Italia fosse di 4.500 uomini che, insieme alle loro famiglie, contavano circa 15.500 uomini. Se si considerano quelli che si stabilirono nell'Italia meridionale e in Sicilia, i numeri raggiunsero circa 25.000 persone.[9]

Quando i “clienti” degli stradioti iniziarono a formare le unità di cavalleria leggera locali, come gli ussari e i dragoni, le opportunità di lavoro degli stratioti si limitarono ai possedimenti veneziani nel Peloponneso (Corone, Modone, Nauplia e Malvasi), nelle isole Ionie (Cefalonia, Corfù, Citera, Zante) e nel Mediterraneo orientale (Creta e Cipro).[47]

La prima guerra ottomano-veneziana (1463-79)Modifica

Coriolano Cippico, che era coinvolto nella prima guerra ottomano-veneziana dal 1463 al 1479 a fianco del capitano generale Pietro Mocenigo, ha riferito riguardo agli stratioti che erano uomini generosi e pronti per qualsiasi grande impresa. Con le loro incursioni nella parte della Morea appartenente agli Ottomani, avevano devastato così tanto che quasi si spopolò.[48]

La Guerra di Ferrara (1482-1484)Modifica

Nella guerra di Ferrara (1482-1484), gli stradioti, guerrieri coraggiosi pronti per ogni pericolo, furono introdotti dai Veneziani per la prima volta sulla Terraferma veneziana negli anni 80 del XIV secolo.[7] Secondo Marino Sanudo, il 22 aprile [1482] il primo arsile (nave senza palo e sartiame) con 107 stradioti provenienti da Corone sotto il commando di Alegreto di Budva toccò il Lido di Venezia. Quando gli stradioti scesero dalla nave, sfilarono nel loro solito modo. La folla presente si meravigliò della velocità dei cavalli e dell'abilità dei cavalieri.[49] Il 12 marzo [1484] arrivò al porto di Venezia un altro arsile con 98 stradioti di Nauplia con i loro cavalli, e il 22 marzo un ulteriore arsile con 112 stradioti di Modone con i loro cavalli. Ogni giorno arrivava un arsile. Alla fine si contavano otto arsili con 1000 stradioti con i loro cavalli.[7]

"Gli stradioti mandarono una petizione alla Signoria di Venezia", perché non volevano una provvigione, come era consuetudine tra i soldati, ma richiedevano, conformemente alla loro consuetudine, due ducati per ogni "testa" viva e un ducato per quelle morte. Inoltre, secondo le loro usanze, richiedevano un comandante nobile locale e non straniero (albanese o greco), come si usava di solito. Almeno fino al 1519, il pagamento degli stradioti era inferiore a quello dei mercenari occidentali (italiani, svizzeri, tedeschi o altri).[7]

La battaglia di Foronovo (1495)Modifica

 
Stradioti nella battaglia di Fornovo

Nella battaglia di Fornovo (1495), gli stradioti dimenticarono il loro dovere e saccheggiarono 35 cavalli da soma della salmerie francese, un bottino di guerra con un valore stimato di almeno 100.000 ducati, che cadde nelle mani dei veneziani. Il bottino conteneva la spada e l'elmo del re di Francia, Carlo VIII, due stendardi reali, diversi padiglioni reali (tende), il libro di preghiere del re, reliquie, arredi preziosi e oggetti della Cappella Reale. Alessandro Benedetti, un medico veneziano al servizio nell'esercito della Lega Santa, riferì di aver visto un album di ritratti di amanti ai quali Carlo VIII aveva mostrato il suo affetto nelle diverse città italiane.[50]

Dopo che gli stradioti indisciplinati erano rimasti soddisfatti con il saccheggio, preferirono non partecipare alla battaglia ormai piuttosto cruenta. Dal momento che i restanti veneziani non potevano caricare e quindi raggiungere una conclusione della battaglia, le restanti truppe di Carlo VIII riuscirono a ritirarsi attraversando le Alpi. I veneziani e i loro alleati, momentaneamente, si erano liberati dei francesi e il bottino ricco servì alla Signoria veneziana come motivazione per una pretesa vittoria dopo la quale il loro comandante militare, Gianfrancesco Gonzaga, promise un ingresso trionfale e una magnifica ricompensa.

Tuttavia, nelle seguenti campagne, gli stradioti, con le loro tattiche di attacchi improvvisi, ritiri apparenti e contropiedi convinsero i veneziani a continuare a mantenerli tra le loro forze militari. Le forze nemiche divennero più vulnerabili agli stradioti, così che dovettero usare la loro fanteria armata di archibugio o l'artiglieria per difendersi da loro.[51]

Le guerre ottomano-veneziane (XVI-XVIII secolo)Modifica

 
Vinkhuijzen collection: Republica di Venezia, Cavalleria Stradiotta 1515–50

Ancora nelle guerre ottomano-veneziane del XVI e XVII secolo, gli stradioti erano una parte essenziale delle forze di terra che la Repubblica di Venezia ha portato in campo. Quando la Repubblica di Venezia nella terza guerra ottomano-veneziana (1537-40) perse la Morea agli Ottomani, per Venezia è stato estremamente difficile trovare stradioti greco-albanesi. Di conseguenza, i "Cappelletti" e le "forze d'oltremare" formate da dalmati, schiavoni e Çamët, acquisirono più rilevanza all'interno dell'organizzazione militare veneziana.[52] I più importanti territori di impiego di questi cappelletti erano il confine veneto-ottomano in Istria, in Friuli, la costa dalmata (Castelnuovo di Cattaro, Sebenico, Spalato, Traù, Cattaro e Zara[53] e le isole del Mar Egeo. Queste ultime si trovavano in una zona in cui i rapidi contrattacchi (soprattutto dagli Ottomani) erano possibili e decisivi.

Le isole IonieModifica

Sulle isole Ionie, gli stradioti continuarono il loro servizio fino al XVIII secolo. Questi erano discendenti di profughi dei possedimenti veneziani persi sulla terraferma, che si erano stabiliti sulle isole nel XV e XVI secolo. Ricevettero terre e privilegi, servirono da cavalieri e parteciparono alle guerre ottomano-veneziane durante il XVII secolo. Alla fine, queste unità divennero un rango ereditario. Infine alcuni stradioti o i loro discendenti divennero membri della nobiltà ionica, mentre altri si occuparono di agricoltura e altre attività.

Alla fine del XVII e l'inizio del XVIII secolo, le autorità veneziane si videro costrette a riorganizzare le compagnie degli stradioti. A Zante per esempio, ridussero il loro numero e i privilegi a causa delle assenze e dell'indisciplina. La compagnia degli stradioti di Corfù esistettero fino alla fine del dominio veneziano con l'occupazione francese nel 1797.[46]

Regno di NapoliModifica

Il Regno di Napoli, sotto gli Aragonesi spagnoli (1442-1501, 1504-1555), gli Asburgo (1516-1700, 1713-1735) e Borboni (1735-1806), era un ulteriore centro di attività militare e di immigrazione dei popoli balcanici.[42]

Mentre la Repubblica di Venezia entrò anche in relazioni commerciali con gli Ottomani, i rappresentanti della Spagna nell'Italia meridionale mostrarono sempre un atteggiamento ostile nei confronti degli Ottomani. Non si allearono mai con loro (fino alla metà del XVIII secolo) e non furono in grado di creare interessi commerciali di alcun tipo nel Mediterraneo orientale e in altri territori dei Sultani.

Nonostante l'opposizione di Venezia, gli spagnoli non nascondevano le loro aspirazioni ad estendere la loro influenza politica sulla vicina penisola balcanica. In riferimento a questa intenzione, e data la politica generale di Madrid, i Viceré di Napoli e di Sicilia dovevano essere sempre pronti a mantenere forti le forze armate; da un lato per evitare possibili rivolte dei baroni locali e dall'altra parte, fermare la continua minaccia musulmana dai Balcani. A causa dei pirati barbereschi dell'Africa settentrionale che per secoli avevano minacciato le coste dei due regni, la Sardegna e la penisola iberica orientale,[54] dovevano essere mantenute forti unità navali. Dall'altra parte doveva essere respinta una possibile invasione ottomana che fin dai tempi di Maometto II (1444-1446, 1451-1481), il Conquistatore, si trovava come la spada di Damocle sopra la Calabria e le coste adiacenti.[55] I Greci e gli albanesi che a quel tempo si trovavano già nel Regno di Napoli (e fino a un certo punto, anche quelli della Sicilia), trovarono l'opportunità di impiegarsi nella marina siciliana o nella cavalleria napoletana (stradioti) e quindi soddisfacevano una duplice esigenza; di essere ben pagati dai loro superiori spagnoli e di dare libero sfogo al loro odio verso gli ottomani.[56]

Le rivolti localiModifica

 
Calabria Ulteriore
 
Province napoletane intorno al 1454

Quando nel 1444, in Calabria Ulteriore scoppiò una rivolta guidata dal pretendente al trono di Napoli, Renato d'Angiò e dal catalano Antonio Centelles[57] contro il re Alfonso I (1442-1458), quest'ultimo fu costretto ad arruolare dei mercenari, preferendo gli stradioti.[58]

Dopo aver sedato la rivolta (1444-1445), per la sicurezza del territorio furono lasciate alcune guarnigioni di stradioti in Calabria e in Sicilia. Inoltre molti stradioti, a causa della pressione ottomana nella loro patria, preferirono stabilirsi nell'Italia meridionale facendosi raggiungere dei loro famigliari. In Calabria e Sicilia ricevettero terre e fondarono nuovi paesi o ne ripopolarono di abbandonati.[42] Nacquero così, nella provincia di Catanzaro, i paesi di Amato, Andali, Arietta (frazione di Petronà), Caraffa di Catanzaro, Casalnuovo, Gizzeria, Marcedusa, Vena di Maida (frazione di Maida), Zangarona e Zagarise. Nacquero nella provincia di Crotone, Belvedere di Spinello, Carfizzi, Casabona, Pallagorio, San Nicola dell'Alto e Zinga (frazione di Casabona). Nella provincia di Cosenza nacque Curinga e in Sicilia Contessa Entellina.[59][60][61]

Anche sotto il re Ferdinando I (1458-1494) della Casa spagnola di Aragona, la rivolta dei baroni locali (1459-1462) ha portato tra il 1460 e il 1462 all'uso di stradioti albanesi in Puglia (Terra di Bari e Terra d'Otranto) in cui il principe albanese e comandante militare Georgio Castriota, chiamato Scanderbeg, era coinvolto con le sue truppe.[62] Dopo la battaglia, una guarnigione di stratioti fu lasciata a difendere il territorio dai possibili attacchi dei ribelli. Anche in questa occasione furono fondati nuovi paesi o ripopolati luoghi abbandonati.

Il re spagnolo Ferdinando II (1495-1496) utilizzò la cavalleria d'elite degli stradioti come guardia privata e per la difesa della città Napoli contro gli stradioti albanesi arruolati dai francesi che combattevano nel Regno di Napoli.[63]

Sotto il re spagnolo Ferdinando III D'Aragona (1504-1516) il grande capitano Gonzalo Fernández de Córdoba venne inviato nell'Italia meridionale per sostenere il regno di Napoli contro l'invasione francese. In Calabria, Gonzalo aveva a sua disposizione 200 stradioti greci, cavalieri molto selezionati e 500 contadini italiani.[64]

La politica anti-ottomana dei viceréModifica

 
William Faden: La posizione della Ciamuria nel 1795

Il compito più importante dei viceré di Napoli e della Sicilia era prevenire una possibile sorpresa da parte degli Ottomani. Pertanto, dovevano sempre essere informati su ogni movimento della flotta ottomana, sui loro centri di rifornimento, sui loro comandanti e ufficiali, sui cantieri navali ottomani, sulla loro capacità di costruire o riparare navi da guerra e sui loro piani per la futura azione militare. Occasionalmente i viceré dovevano sostenere i sabotaggi delle principali basi navali ottomane, come per esempio quella di Costantinopoli. In tempo di guerra, per distrarre la pressione ottomana, dovevano essere create manovre di distrazione, che venivano formate da rivolte in vari punti dei Balcani meridionali e in particolare nelle regioni di montagna di difficile accesso, come in Maina e in Ciamuria dove gli abitanti erano sempre disposti ad agire contro gli ottomani.[65]

Piano piano venne creata una rete di spie, agenti e sabotatori che operavano su commissione ma anche per ragioni sentimentali nella capitale ottomana di Costantinopoli, in Eubea, in Morea e in altri centri ottomani, come nel Cairo, ad Alessandria o in Siria. Questi "Espias" (spie), "Confidentes" (confidenti), "Agentes" (agenti) o "Embajadores" (ambasciatori) erano in costante contatto con i governatori di Bari e di Terra d'Otranto. Con vari mezzi venivano trasmessi innumerevoli "Avisos" (messaggi), che non erano sempre del tutto affidabili o attuali. Questi trattavano le posizioni della flotta ottomana, i nuovi visir e altri ufficiali del sultano, carestie, epidemie, incendi e altri disastri nei vari territori ottomani, i nuovi arruolati vogatori e giannizzeri, le ribellioni dei pascià ottomani e altri eventi di questo tipo.[65]

Venivano segnalati anche sospetti su varie persone di fiducia o discutibili che erano informati circa i piani del sultano e le sue future offensive.[65] Si possono citare come esempio un elenco di informatori e agenti del Regno di Napoli dagli anni 1531-1533: da Valona segnalava Giovanni Ducas; da Corfù Giorgio Bulgari, Nicolò Faraclòs, Giacomo Cacuris (figlio di Francesco), Giovanni Cacuris (figlio di Giacomo), Pietro Cocalas, Michelis Coravasanis, Pietro e Andrea Cotsis Sachlikis; da Zante Giacomo Siguros e Giovanni 'de lo Greco' (il greco); da Cefalonia Giorgio 'de Cefalonia' (di Cefalonia); dalla Morea Nicolò Gaetano, Michalis Carviatis, Giorgio Covalistis, Giacomo Gaeta, Mikhail Pasacudillis, Demetrio Rondakis e Paolo Capoisios. Notizie di missioni speciali a Costantinopoli e in altre regioni dell'Impero ottomano venivano portate nel Regno di Napoli regolarmente da Giorgio Cechis e Giovanni Zagoritis. Il numero di tali informatori aumentò dal 1569.[66]

 
Chiesa dei Santi Pietro e Paolo dei Greci a Napoli

Punto di partenza di queste missioni erano di solito le coste orientali di Lecce e Otranto; ma il centro dell'organizzazione era il quartiere greco di Napoli o secondo un confidente veneziano "[...] sulla Via dei Greci, che era abitata da queste nazioni (stradioti, albanesi e greci) e le donne napoletane famigerate; non lontano dal palazzo del viceré e vicino al quartiere spagnolo, cioè nel centro di Napoli." Punto di incontro, di solito era la chiesa dei Santi Pietro e Paolo dei Greci di Napoli che agiva da mediatore tra i vari cospiratori, ribelli, spie, ecc. il viceré e il sacerdote, che aveva anche la sorveglianza spirituale di tutta la colonia.[67]

Le informazioni su questo tipo di attività dei greci e degli albanesi di Napoli iniziarono all'inizio del XVI secolo e aumentarono notevolmente dopo la comparsa dell'imperatore Carlo V (1516-1554) in Italia. Intorno al 1530 iniziò l'organizzazione della politica anti-ottomana. Da quel momento in poi, gli agenti furono inviati con istruzioni in Grecia, dove di solito tornavano con i compatrioti che dovevano fuggire nel Regno di Napoli dopo che il loro complotto veniva scoperto. Dal 1530, lo strumento principale di questa politica fu Giovanni Battista Lomellino, governatore delle province di Bari e d'Otranto e marchese di Atripalda († 1547) che inviò un gran numero di spie greche in diverse regioni importanti dell'Impero Ottomano e tenne contatti segreti con molti greci e albanesi, che espressero il desiderio di ribellarsi contro gli ottomani.[67]

Giovanni Battista Lomellino, di solito, sosteneva questi ribelli con fucili e polvere da sparo, nonché con rapporti favorevoli indirizzati a Carlo V, il quale, durante il conflitto con Solimano I (1533-1544), cercò di convincerlo a supportare i piani rivoluzionari dei greci, albanesi e slavi. In uno dei suoi rapporti all'imperatore, scritto a Napoli il 6 luglio 1530, diceva che i residenti della Grecia aspettavano a braccia aperte questo giorno sacro in cui gli spagnoli avrebbero deciso di conquistare la "Romania".[68]

Lomellino alimentava anche le ribellioni nell'Albania settentrionale,[69] era diventato un ardente sostenitore dei tentativi da parte dei Çamen di affrontare la ribellione negli anni 1530-1532[70] per mantenere la loro autonomia. Infine, dopo l'occupazione spagnola temporanea della regione di Corone (1532-1534) era diventato il portavoce degli abitanti della Morea nei loro appelli alle potenze cristiane.[71] Tra il 1532 e il 1534, molti stradioti greco-albanesi e le loro famiglie provenienti da Corone, Maina, Modone, Nauplio e Patrasso nel Peloponneso si stabilirono nei paesi del Regno di Napoli, dove ricevettero dai feudatari locali delle terre in zone scarsamente popolate e dei diritti civili. La maggior parte di questi insediamenti ricevettero sia privilegi militari che doveri. Tuttavia, queste convenzioni, diminuirono durante il XVIII secolo.[42]

Gli Asburgo spagnoli reclutarono stradioti anche nei secoli XVI e XVII; questi vennero impiegati principalmente a Napoli e in altre parti d'Italia. L'area principale di reclutamento per queste truppe era la Çamëria in Epiro.

Prima dei tanti restauri della Chiesa dei Santi Pietro e Paolo dei Greci a Napoli si trovava una lapide risalente al 1608 con la seguente iscrizione:

«Qui riposano i due Capitani di una Compagnia, ordinaria in questo regno, di trecento cavalli, nominati Sdradioti, concessa dalla Real Corona di Spagna alla casa dei detti Capitani Albanesi nell'anno 1608.»

(Attanasio Lehasca, 1843[72])

Nel Regno di Napoli sono proseguiti il reclutamento e il mantenimento di truppe stradiote fino all'inizio del XVIII secolo.[46]

FranciaModifica

 
Rappresentazione francese della battaglia di Fornovo, 1495

Nel Medioevo, spesso la Grecia forniva alla Francia cavalleggeri noti come stradioti e arguleti. Tuttavia, la designazione più conosciuta all'epoca era quella della cavalleria greca o albanese. Venivano dai possedimenti veneziani in Grecia, da Nauplia, capitale della Morea e in parte dall'Albania vicino a Durazzo.[73]

Nella battaglia di Fornovo (1495), nei pressi di Parma, per la prima volta, le truppe francesi si trovarono di fronte ai crudeli e infaticabili cavalieri balcanici: gli stradioti. La battaglia fu combattuta tra gli eserciti della Lega Santa antifrancese e l'esercito francese di Carlo VIII.[74] Il comandante delle truppe alleate era Francesco II Gonzaga, marchese di Mantova e capitano generale di Venezia. Con i suoi quasi 25.000 uomini (di cui circa 5.000 erano al soldo di Milano; tutti gli altri, compreso un contingente di quasi 2.000 stradioti al soldo di Venezia; mentre i francesi avevano un totale di circa 11.000 soldati) si sentiva forte e sfidava l'esercito invasore allo scoperto invece di ostacolare la traversata dell'Appennino.[75]

Il piano di battaglia che il comandante italiano aveva elaborato con l'aiuto dello zio veterano Ridolfo, era molto complesso e si basava su un approccio coordinato di diverse posizioni delle truppe che, attaccando contemporaneamente, avrebbero dovuto rompere e mettere in confusione l'esercito di Carlo VIII.[76] Nel frattempo, gli stradioti avrebbero dovuto aggirare il nemico per poi lanciarsi dalle colline "come aquile" sull'avanguardia francese, cosa che avrebbe portato ulteriori disordini tra le truppe nemiche, cosi che non avrebbero potuto fuggire attraverso le colline.[77] Tuttavia il piano italiano, fin dall'inizio, non funzionava a causa delle forti piogge che avevano gonfiato le acque del fiume Taro e anche per la difficoltà di coordinamento tra le varie colonne e i vari reparti.[78] Inoltre, gli stradioti dimostravano indisciplina e avidità perché, dopo aver raggiunto il loro primo obiettivo che consentiva alla cavalleria milanese di prevalere sull'avanguardia francese, si ritirarono dalla battaglia, saccheggiando l'armata nemica[79] e rubando gran parte del bottino che i francesi avevano accumulato durante la loro campagna, annullando così l'obiettivo originale di circondare le forze nemiche.[77]

Un testimone oculare della battaglia di Fornovo, Philippe de Commynes, ha descritto l'episodio nelle sue memorie come segue: "Hanno inviato alcuni dei loro stradioti, balestrieri a cavallo e alcuni uomini armati lungo una strada che era al coperto. Dopo aver attraversato il fiume, sono venuti al villaggio e hanno attaccato il nostro convoglio, che era molto grande."[80] Inoltre, "gli stradioti uccisero un nobile francese di nome Leboeuf, gli tagliarono la testa e lo portarono in trionfo al loro provveditore [superiore] sulla punta di una lancia per farsi pagare un ducato."[73] Poco dopo il ritorno a casa, il re Carlo VIII prese al soldo 400 stradioti.[81] (Vedi sopra: Battaglia di Foronovo)

Quando, nel 1507, il re Luigi XII fece una campagna contro i genovesi, conquistò la città con 2.000 stradioti. Il poeta francese Clement Marot, che allora viveva a Genova, dedicò alcuni versi agli stradioti:

«Gli stradioti sono così dotati,
Portano le lame come cavalieri,
Sventolano la loro bandiera e cavalcano così veloci,
Come se li portasse la tempesta![82]»

Durante le guerre di religione francesi (1562-1598), la cavalleria albanese combatté al fianco dell'esercito dei re di Francia.[39]

SpagnaModifica

 
Giorgio Basta

Dal momento che la Spagna e Napoli erano governati nella prima metà del XVI secolo da Carlo V, imperatore del Sacro Romano Impero, gli stratioti presto furono utilizzati non solo dall'Italia ma anche in Germania, nei Paesi Bassi e anche dagli Asburgo spagnoli.

Tra coloro che si sono distinti al servizio degli Asburgo e divennero noti come cavalieri del Sacro Romano Impero, ci sono i capitani Giacomo Diassorino, Giorgio Basta, i fratelli Vassilicò e il temuto Mercurio Bua.[47]

Paesi Bassi spagnoliModifica

Durante la rivolta dei Paesi Bassi, l'esercito spagnolo delle Fiandre, impiegava stradioti armati di lance negli anni '70 del '500 e nel 1576 si trovavano stradioti albanesi a Bruxelles.[39] Durante la tregua dei dodici anni (1609-1621), Teodoro Paleologo (* Pesaro 1578 ca.; Clifton, Landulph, Cornovaglia 1636) si trovava come mercenario nei paesi bassi per conto degli inglesi.[83]

Gran BretagnaModifica

Anche in Gran Bretagna sotto Enrico VIII, durante le guerre anglo-scozzesi (1514-1541)[84] e l'assedio di Boulogne (1544) vennero impiegati unità di stradioti[39] comandati dai capitani greci Tommaso Bua di Argos, Teodoro Luchisi e Antonio Stesinos. Il primo divenne colonnello e comandante della guarnigione di 550 stradioti[63] a Calais che allora apparteneva alla Gran Bretagna.[85]

Nella guerra civile inglese (1642-1651) tra realisti e parlamentaristi combattevano i fratelli Teodoro [parlamentarista] (*1609)[86] e Giovanni Paleologo [realista] (* 1611)[86] come ufficiali di alto rango l'uno contro l'altro per entrambe le parti. Tombe dei Paleologi si trovano nella chiesa parrocchiale St. Leonard and St. Dilpe[87][88] il 20 October 1636 (Byzantinium and England, S. 201) in Landulph in Cornovaglia, nell'abbazia di Westminster a Londra e nelle Barbados.[89]

NoteModifica

  1. ^ a b stradiòtto, in Treccani.it – Vocabolario Treccani on line, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 15 marzo 2011. URL consultato il 13 ottobre 2017.
  2. ^ Tardivel, 1991.
  3. ^ Liddell H., Scott R., A Greek-English Lexicon, στρατιώτης
  4. ^ a b c Stradioti: Balkan Mercenaries in Fifteenth and Sixteenth Century Italy
  5. ^ Folengo-Mullaney, 2008.
  6. ^ Stathis Birtachas, p. 125
  7. ^ a b c d Marino Sanuto, Commentarii della Guerra di Ferrara tra li Viniziani ed il Duca ErcolSpandouniose d’Este nel 1482, Venezia, Giuseppe Piccotti, 1829, p. 114.
  8. ^ Kostas Mpires, Οι Αρβανίτες, Οι Δωριέων του Νεώτερου Ελληνισμού, Atene, 1960, p. 191-192.
  9. ^ a b c d e Stradioti: Balkan Mercenaries in Fifteenth and Sixteenth Century Italy, p. 7
  10. ^ Georgios Theotokis, p. 327
  11. ^ (DE) Hermann Wiesflecker, Österreich im Zeitalter Maximilians I.: die Vereinigung der Länder zum frühmodernen Staat: der Aufstieg zur Weltmacht, Verlag für Geschichte und Politik, 1999, p. 270, ISBN 3-7028-0363-7.
  12. ^ a b Stathis Birtachas, p. 124
  13. ^ Niccolò Machiavelli, Il principe, ISBN 978-88-97313-36-6.
  14. ^ a b Piero Del Negro, Guerra ed eserciti da Machiavelli a Napoleone, Laterza, 2012, p. 3, ISBN 978-88-581-0047-9.
  15. ^ Angiolo Lenci, Il leone, l'aquila e la gatta: Venezia e la Lega di Cambrai: guerra e fortificazioni dalla battiglia di Agnadello all'assedio di Padova del 1509, Padova, Il Poligrafo, 2002, p. 30.
  16. ^ a b Marino Sanuto, La spedizione di Carlo VIII in Italia, Venezia, Marco Visentini, 1883, p. 509.
  17. ^ Piero Del Negro, p. 6
  18. ^ Angiolo Lenci, p. 36
  19. ^ Francesco Tajani, Capo III, 2, Le istorie albanesi, Palermo, Fratelli Jovane, 1886, p. 47.
  20. ^ Stathis Birtachas, p. 127
  21. ^ Pietro Bembo, Della Istoria Viniziana, Libro I, Venezia, 1790, p. 37.
  22. ^ Stathis Birtachas, p. 129
  23. ^ Georgios Theotokis, p. 328
  24. ^ (EN) Fernand Braudel, The Mediterranean and the Mediterranean World in the Age of Philip II., Volume 1, Berkeley, 1996, p. 48, ISBN 978-0-520-20308-2.
  25. ^ a b Nicolle-McBide, 1988.
  26. ^ B. N. Floria, "Vykhodtsy iz Balkanakh stran na russkoi sluzhbe," Balkanskia issledovaniia. 3. Osloboditel'nye dvizheniia na Balkanakh (Moscow, 1978), pp. 57-63.
  27. ^ Donald M. Nicol, Byzantium and Venice: A Study in Diplomatic and Cultural relations, Cambridge, New York, Cambridge University Press, 1988, p. 37.
  28. ^ Come Palaiologos, Spandounios, Laskaris, Rhalles, Comnenos, Psendakis, Maniatis, Spyliotis, Alexopoulos, Psaris, Zacharopoulos, Klirakopoulos, e Kondomitis.
  29. ^ Come Soimiris, Vlastimiris e Voicha
  30. ^ Hoerder, 2002, p. 63.
  31. ^ Downing, 1992.
  32. ^ a b (EN) Jonathan Shepard, The uses of the Franks in eleventh-century Byzantium. In: Anglo-Norman Studies, Cambridge, Cambridge University Press, 1993, p. 279.
  33. ^ (EN) João Vicente Dias, Il confine e oltre: La visione bizantina delle regioni a ridosso della frontiera orientale. In: Porphyra, Anno IV, Volume IX (PDF), Cambridge, Cambridge University Press, 2007, p. 101.
  34. ^ Stradioti, su treccani.it. URL consultato il 17 maggio 2019.
  35. ^ Impero Romano d'Oriente: L'esercito romano del X e XI Secolo, su imperobizantino.it. URL consultato il 17 maggio 2019.
  36. ^ (DE) Steven Runciman, Geschichte der Kreuzzüge, Monaco, Beck, 1978, p. 62.
  37. ^ (EN) Charles M. Brand, The Turkish Element in Byzantium, Eleventh-Twelfth Centuries. In: Dumbarton Oaks Papers, Volume 43, 1989, p. 62.
  38. ^ Maria Gabriella Belgiorno de Stefano, Le comunità albanesi in Italia: libertà di lingua e di religione, su riviste.unimi.it. URL consultato il 19 maggio 2019.
  39. ^ a b c d (EN) Noel Malcolm, Agents of Empire: Knights, Corsairs, Jesuits and Spies in the Sixteenth Mediterranean World, Oxford, Oxford University Press, 2015, p. 15, ISBN 978-0-19-026278-5.
  40. ^ Stradioti: Balkan Mercenaries in Fifteenth and Sixteenth Century Italy, p. 8
  41. ^ Stathis Birtachas, p. 136
  42. ^ a b c d Balkan foreign legions in eighteenth-century Italy, p. 36
  43. ^ (EN) M. E. Mallett, J. R. Hale, The military organization of a Renaissance state. Venice c. 1400 to 1617, Cambridge, Cambridge University Press, 1984, p. 101, ISBN 0-521-24842-6.
  44. ^ M. E. Mallett, J. R. Hale, p. 126
  45. ^ M. E. Mallett, J. R. Hale, p. 132
  46. ^ a b c Stradioti: Balkan Mercenaries in Fifteenth and Sixteenth Century Italy, p. 9
  47. ^ a b Stradioti: Balkan Mercenaries in Fifteenth and Sixteenth Century Italy, p. 6
  48. ^ Coriolano Cippico, Della guerre de' Veneziani nell'Asia dal 1470 al 1473, Venezia, Carlo Palese, 1796, p. X.
  49. ^ La spedizione di Carlo VIII in Italia, p. 313
  50. ^ (EN) John Seargeant Cyprian Bridge, A History of France from the Death of Louis XI. Volume 2, Oxford, Oxford University Press, 1924, p. 263.
  51. ^ (EN) Frederick Lewis Taylor, The Art of War in Italy, 1494-1529, Cambridge, Cambridge University Press, 1921, p. 72.
  52. ^ Stradioti. Soldati albanesi in Italia (sec. XV-XIX), p. 26-30
  53. ^ (EN) Nicholas C. Pappas, Balkan foreign legions in eighteenth-century Italy: The Reggimento Real Macedone and its successors (PDF), New York, Columbia University Press, 1981, p. 35.
  54. ^ Salvatore Bono, I corsari barbareschi, Edizion RAI Radiotelevisione Italiana, 1964, p. 136.
  55. ^ J. K. Hassiotis, La comunità greca di Napoli et i moti insurrezionali nella penisola Balcanica meridionale durante la seconda metà del XVI secolo. In: Balkan Studies. Band 10, Nr. 2, 1969, p. 280.
  56. ^ J. K. Hassiotis, p. 281
  57. ^ Matteo Mandalà, Albanesi in Sicilia (PDF), Palermo, A.C. Mirror, 2003, p. 31.
  58. ^ Attanasio Lehasca, Cenno storico dei servigi militari prestati nel regno delle due Sicilie dai greci epiroti albanesi e macedoni in epoche diverse, Corfù, 1843, p. 9.
  59. ^ Vincenzo Dorsa, Su gli Albanesi: ricerche e pensieri, Napoli, Tipografia Trani, 1847, p. 61.
  60. ^ Augusto Placanica, Storia della Calabria: dall’antichità ai giorni nostri, Roma, Donzelli Editore, 1999, p. 180, ISBN 88-7989-483-8.
  61. ^ Francesco Tajani, p. 7
  62. ^ (EN) Jann Tibbetts, 50 Great Military Leaders of All Time, New Delhi, Alpha Editions, 2016, p. 575, ISBN 978-93-85505-66-9.
  63. ^ a b (EN) Wim Decock, Jordan J. Ballor, Michael Germann, Laurent Waelkens, Law and religion: the legal teachings of the Protestant and Catholic Reformations, Göttingen, Vandenhoeck & Ruprecht, 2014, p. 222, ISBN 978-3-647-55074-9.
  64. ^ (ES) Jerónimo Zurita, Guillermo Redondo Veintemillas, Carmen Morte García, Historia del rey don Hernando el Catholico: de las empresas y ligas de Italia (PDF), Saragossa, Institución Fernándo el Católico, 1998, p. 222.
  65. ^ a b c J. K. Hassiotis, La comunità greca di Napoli et i moti insurrezionali nella penisola Balcanica meridionale durante la seconda metà del XVI secolo in: Balkan Studies, Volume 10, n° 2, Salonicco, Institute for Balkan Studies, 1969, p. 282.
  66. ^ Archivo General de Simancas, E 1011-1016
  67. ^ a b J. K. Hassiotis, p. 283
  68. ^ J. K. Hassiotis, p. 284
  69. ^ Archivo General de Simancas, 1010, num. 40,41, 42, 43, 44 ff., E 1011, num. 156, 165,197, 207 segg.
  70. ^ Archivo General de Simancas, E 1011, num. 208: Lettera dei Çamen, scritto a Himarë il 14 agosto 1532 con richieste a Lomellino di sostenere la loro rivolta; num. 218: Lomellino scrive da Lecce al viceré don Pedro de Toledo, marchese di Villafranca. il 16 ottobre 1532, riguardo alla sua mediazione positiva nella causa dei Çamen.
  71. ^ Archivo General de Simancas, E 1016, num. 54: Copia di una lettera del metropolita di Corone (Benedetto) al marchese di Tripalda (senza data) dove chiede l'aiuto e la promessa nella rivolta degli abitanti di Morea.
  72. ^ Attanasio Lehasca, p. 7)
  73. ^ a b (DE) Eugène Fieffé, Geschichte der Fremd-Truppen im Dienste Frankreichs, von ihrer Entstehung bis auf unsere Tage …, Monaco, Deschler, 1857, p. 77.
  74. ^ Giuseppe Gullino, Storia della Repubblica veneta, Brescia, La Scuola, 2010, p. 114, ISBN 88-350-2630-X.
  75. ^ M. E. Mallett, J. R. Hale, p. 114
  76. ^ M. E. Mallett, J. R. Hale, p. 158
  77. ^ a b Paolo Petta, p. 39
  78. ^ M. E. Mallett, J. R. Hale, p. 56
  79. ^ M. E. Mallett, J. R. Hale, p. 73
  80. ^ Filippo Di Comines, Delle Mémorie Di Filippo Di Comines, Caualiero, & Signore d'Argentone, Venezia, Bertani, 1640, p. 276.
  81. ^ Eugène Fieffé, p. 78
  82. ^ Eugène Fieffé, S. 79.
  83. ^ (EN) Donald M. Nicol, Byzantinium and England in: Balkan Studies, Institute for Balkan Studies, 1974, p. 202.
  84. ^ Jonathan Harris, Shorter Notice. Greek Emigres in the West, 1400-1520. In: English Historical Review (2000), su academic.oup.com. URL consultato il 31 maggio 2019.
  85. ^ (EN) Gilbert John Millar, The Albanians: Sixteenth- Century Mercenaries Christians from the Ottoman Empire who served in European armies. In: History today.Volume 26, London, 1976, p. 470-472.
  86. ^ a b Byzantinium and England, p. 202
  87. ^ La chiesa St. Leonard and St. Dilpe è conosciuta come il luogo di riposo del sopra citato Teodoro Paleologo (* 1578 ca. Pesaro (Byzantinium and England, p. 201); padre dei fratelli). Teodoro morì a casa di Sir Nicholas Lower a Clifton, Landulph e fu sepolto nella chiesa di St. Leonard and St. Dilpe il 20 October 1636 (Byzantinium and England, S. 201). La sua lapide commemorativa in ottone è visibile nel coro e recita così:
    HERE LYETH THE BODY OF THEODORO PALEOLOGVS / OF PESARO IN ITALY DESCENDEN FROM YE IMPERIAL / LYNE OF YE LAST CHRISTIAN EMPORERS OF GREECE / BEING THE SONNE OF CAMILO YE SONNE OF PROSPER / THE SONNE OF THEODORO THE SONNE OF IOHN / Y SONNE OF THOMAS SECOND BROTHER TO COSTANTIN / PALEOLOGVS THE 8TH OF THAT NAME AND LAST OF / YE LYNE YT RAYGNED IN COSTANTINOPLE VNTILL SVB / DEWED BY THE TURKES WHO MARRIED WITH MARY / YE DAUGHTER OF WILLIAM BALLS OF HADLYE IN / SOUFFOLKE GENT. & HAD ISSVE 5 CHILDREN THEO / DORO IOHN FERDINANDO MARIA & DOROTHY & DEPARTED THIS LIFE AT CLYTON YE 21YH OF IANVARY 1636.
    (Qui giace il corpo di Teodoro Paleologi [padre] di Pesaro in Italia; discendente dalla linea imperiale degli ultimi imperatori cristiani della Grecia. È il figlio di Camillo, figlio di Prosper, figlio di Teodoro, figlio di Giovanni, figlio di Tommaso secondo fratello di Costantino Paleologi 8° di questo nome e l'ultimo che ha regnato a Costantinopoli fino alla conquista da parte dei turchi; ha sposato Mary, figlia di William Balls di Hadley in Souffolke Gent e aveva 5 figli: Teodoro [seppellito in Westminster Abbey], Giovanni, Ferdinando [seppelito alle Barbados] Maria e Dorothea e finisce questa vita a Clyton il 21 gennaio [sic!] 1636.)
  88. ^ (EN) John Thomas Towson, A visit to the tomb of Theodoro Paleologus (PDF). URL consultato il 7 giugno 2019.
  89. ^ The Palaeologus Family

BibliografiaModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica