Strage di Liegi

La strage di Liegi è un fatto avvenuto il 13 dicembre 2011 alle ore 12:33 nella città di Liegi, nella regione Vallonia in Belgio.

Strage di Liegi
20100722 liege13.JPG
La pensilina su Place Saint-Lambert, a Liegi. L'assassino era in piedi e si è ucciso sulla piattaforma a destra.
Tipoomicidio di massa
Data13 dicembre 2011
12:33
LuogoLiegi
StatoBelgio Belgio
Coordinate50°38′42″N 5°34′22″E / 50.645°N 5.572778°E50.645; 5.572778
ResponsabiliNordine Amrani
Conseguenze
Morti7 (incluso l'attentatore)
Feriti125

Gli antefattiModifica

Nel 2003 l'attentatore, Nordine Amrani, nato a Ixelles il 15 novembre 1978 da immigrati marocchini, era stato condannato per stupro e abusi sessuali e nel 2008 per coltivazione illegale di canapa e detenzione illegale di armi, ma era stato rilasciato dal carcere nell'ottobre 2010 ed al momento dei fatti si trovava in libertà condizionale.

 
Fucile da battaglia FAL

Quella mattina Nordine Amrani si sarebbe dovuto recare a un controllo della polizia.[1] Invece di andare alla stazione di polizia, egli uccise una donna di 45 anni che stava facendo le pulizie presso l'abitazione del suo vicino - il cadavere della donna è stato reperito nel garage di Amrani - e proseguì per piazza Saint-Lambert.[2]

I fattiModifica

L'attentatore lanciò granate a una fermata dei bus e sparò tra la folla con un fucile da battaglia FN FAL sulla gente che stava frequentando il mercatino di Natale in piazza Saint-Lambert.[1][3] Amrani, prima di suicidarsi, uccise cinque persone: tre giovani di 15, 17 e 20 anni, un bimbo di 17 mesi e una donna di 75 anni (dichiarata clinicamente morta il 15 dicembre 2011 e deceduta due giorni dopo).[3] Amrani inoltre ferì 125 persone, sette delle quali in maniera grave.[4]

NoteModifica

  1. ^ a b La strage a Liegi, su ilpost.it, 13 dicembre 2011. URL consultato il 20 luglio 2014.
  2. ^ Strage di Liegi, trovato cadavere di una donna a casa di Nordine Amrani, su blitzquotidiano.it, 14 dicembre 2011. URL consultato il 20 luglio 2014.
  3. ^ a b (FR) Liège : un bébé de 17 mois parmi les victimes, su lesoir.be, 13 dicembre 2011. URL consultato il 20 luglio 2014.
  4. ^ Il video amatoriale della strage di Liegi, su blitzquotidiano.it, 14 dicembre 2011. URL consultato il 20 luglio 2014.

Collegamenti esterniModifica