Stranger Things

Serie televisiva statunitense
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Stranger Things (disambigua).
Stranger Things
Stranger Things logo.png
Logo della serie televisiva
Titolo originale Stranger Things
Paese Stati Uniti d'America
Anno 2016 – in produzione
Formato serie TV
Genere fantascienza, horror, fantasy, thriller
Stagioni 1 Modifica su Wikidata
Episodi 8 Modifica su Wikidata
Durata 41-55 min (episodio)
Lingua originale inglese
Rapporto 2:1
Crediti
Ideatore Matt e Ross Duffer
Interpreti e personaggi
Doppiatori e personaggi
Produttore esecutivo Matt Duffer, Ross Duffer, Shawn Levy, Dan Cohen
Casa di produzione Camp Hero Productions, 21 Laps Entertainment, Monkey Massacre
Prima visione
Distribuzione originale
Dal 15 luglio 2016
Al in corso
Distributore Netflix
Distribuzione in italiano
Dal 15 luglio 2016
Al in corso
Distributore Netflix

Stranger Things è una serie televisiva statunitense di fantascienza ideata da Matt e Ross Duffer e prodotta da Camp Hero Productions e 21 Laps Entertainment per la piattaforma di streaming Netflix.

Ambientata negli anni ottanta in una fittizia piccola città dell'Indiana, è incentrata sugli eventi legati alla misteriosa sparizione di un bambino e all'apparizione di una ragazza dotata di poteri telecinetici fuggita da un laboratorio segreto. La prima stagione è stata pubblicata su Netflix il 15 luglio 2016, in tutti i paesi in cui il servizio è disponibile. Una seconda è prevista per il 27 ottobre 2017.[1]

La serie è stata accolta positivamente dalla critica, che ha lodato la caratterizzazione dei personaggi, il cast e l'atmosfera che omaggia il cinema di fantascienza degli anni ottanta.

Indice

TramaModifica

Prima stagioneModifica

  Lo stesso argomento in dettaglio: Episodi di Stranger Things (prima stagione).

Il 6 novembre 1983 a Hawkins, una remota e tranquilla cittadina dell'Indiana, il dodicenne Will Byers, membro di un ristretto gruppo di quattro amici fraterni, sparisce in circostanze misteriose; allo stesso tempo in un laboratorio segreto nei dintorni della stessa cittadina un ricercatore è vittima di un'inquietante creatura. Dallo stesso laboratorio Hawkins, una stramba ragazzina approfitta della confusione generata dall'incidente per fuggire. Dopo aver trovato rifugio in un ristorante, inseguita da agenti del laboratorio, continua la sua fuga imbattendosi nei tre migliori amici di Will: Mike, Dustin e Lucas, che si erano messi sulle tracce del fidato compagno svanito nel nulla. La ragazza, che si identifica con il numero tatuato sul suo braccio, "Undici", crea un legame in particolare con Mike, il quale accetta di nasconderla nella sua abitazione.

"Undici", a conoscenza delle sorti di Will, aiuta i ragazzi a cercarlo, spiegando loro come sia finito in un'altra dimensione paragonata a un "sottosopra" del mondo reale, popolato da mostruose creature. Le indagini della polizia locale, guidate dall'agente Hopper, sono ostacolate dal laboratorio Hawkins, che inscena anche una finta morte del bambino. La madre di quest'ultimo, Joyce, vive nel frattempo bizzarre esperienze soprannaturali nella propria casa, nelle quali il figlio riesce a mettersi brevemente in contatto con lei, mentre Jonathan, il fratello maggiore di Will, inizia a indagare con Nancy, sorella di Mike, su una creatura che potrebbe aver rapito il fratello e un'altra ragazza del luogo. Le ricerche di Hopper, Joyce, Jonathan, Nancy e di tutti i ragazzi convergono presto insieme contrapposte al tentativo degli agenti del laboratorio di insabbiare quanto stia avvenendo nella città e ricatturare Undici.

EpisodiModifica

Stagione Episodi Pubblicazione USA Pubblicazione Italia
Prima stagione 8 2016 2016

Personaggi e interpretiModifica

Personaggi principaliModifica

  • Joyce Byers (stagione 1-in corso), interpretata da Winona Ryder, doppiata da Giuppy Izzo.
    Madre del dodicenne scomparso Will Byers e del figlio maggiore Jonathan, con i quali vive da separata dopo aver divorziato dal marito Lonnie.
  • Jim Hopper (stagione 1-in corso), interpretato da David Harbour, doppiato da Alessandro Budroni.
    È il capo della polizia di Hawkins, si è separato dalla moglie dopo la morte della figlia, evento che gli ha causato anche problemi di alcolismo.
  • Michael "Mike" Wheeler (stagione 1-in corso), interpretato da Finn Wolfhard, doppiato da Tommaso Di Giacomo.
    È uno dei membri del gruppo di amici di cui fa parte anche Will, nonché fratello di Nancy; è un ragazzo intelligente e intraprendente che spesso fa da "capobanda" al gruppo.
  • "Undici" (stagione 1-in corso), interpretata da Millie Bobby Brown, doppiata da Chiara Fabiano.
    È la bambina misteriosa incontrata da Mike, che trova rifugio presso la sua abitazione mentre è in fuga da un laboratorio segreto. È dotata di poteri telecinetici. Nata come Jane Ives, era stata rapita dagli agenti del laboratorio subito dopo la nascita. È Mike a introdurla per la prima volta al mondo esterno, in cui le gaufre della Kellog's Eggo divengono presto il suo cibo preferito.
  • Dustin Henderson (stagione 1-in corso), interpretato da Gaten Matarazzo, doppiato da Mattia Fabiano.
    Uno dei migliori amici di Mike e Will, è un ragazzo simpatico e sagace. Soffre di disostosi cleidocranica che gli provoca sigmatismo.
  • Lucas Sinclair (stagione 1-in corso), interpretato da Caleb McLaughlin, doppiato da Luca De Ambrosis.
    Altro stretto amico di Mike e Will, è un ragazzo coraggioso e intraprendente.
  • Nancy Wheeler (stagione 1-in corso), interpretata da Natalia Dyer, doppiata da Veronica Benassi.
    È la sorella maggiore di Mike; una ragazza tenace alla ricerca della sua indipendenza.
  • Jonathan Byers (stagione 1-in corso), interpretato da Charlie Heaton, doppiato da Federico Campaiola.
    È il fratello maggiore di Will, un ragazzo schivo e solitario.
  • Karen Wheeler (stagione 1-in corso), interpretata da Cara Buono, doppiata da Annunziata Di Somma.
    È la madre di Mike e Nancy.
  • Dr. Martin Brenner (stagione 1), interpretato da Matthew Modine, doppiato da Stefano Benassi.
    È uno dei principali scienziati e responsabili che gestiscono il laboratorio segreto dal quale è fuggita Undici, che cerca di catturare.
  • Will Byers (stagione 2-in corso, ricorrente 1), interpretato da Noah Schnapp, doppiato da Lorenzo Farina.
    È il bambino che scompare misteriosamente nel primo episodio, stretto amico di Mike, Dustin e Lucas.
  • Steve Harrington (stagione 2-in corso, ricorrente 1), interpretato da Joe Keery, doppiato da Alessandro Ward.
    È il popolare ragazzo che Nancy inizia a frequentare.
  • Max (stagione 2-in corso), interpretato da Sadie Sink.
    È una ragazza dal passato complicato, con un aspetto e uno stile da maschiaccio.
  • Billy (stagione 2-in corso), interpretato da Dacre Montgomery.
    È il fratellastro di Max, più grande di lei, dal comportamento violento e poco prevedibile.

Personaggi secondariModifica

Personaggi introdotti nella prima stagioneModifica

  • Barbara "Barb" Holland (stagione 1), interpretata da Shannon Purser, doppiata da Ludovica Bebi.
    Miglior amica di Nancy, scompare in circostanze misteriose.
  • Lonnie Byers (stagione 1-in corso), interpretato da Ross Partridge, doppiato da Davide Marzi.
    È l'ex marito di Joyce e padre naturale di Will e Jonathan.
  • Il Demogorgone (stagione 1), impersonato da Mark Steger.
    La malvagia creatura denominata così da Mike, Lucas e Dustin.
  • Agenti Powell e Callahan (stagione 1-in corso), interpretati da Rob Morgan e John Reynolds, doppiati da Francesco Meoni e da Emanuele Ruzza.
    Due agenti del dipartimento di polizia della città.
  • Scott Clarke (stagione 1-in corso), interpretato da Randall P. Havens, doppiato da Alessandro Quarta.
    Insegnate della scuola frequentata da Mike, Lucas e Dustin. Incoraggia il trio nelle loro ricerche e apre loro il mondo sulla tecnologia e sulla scienza.
  • Terry Ives (stagione 1), interpretata da Aimee Mullins.
    Madre biologica di "Undici".
  • Connie Frazier (stagione 1), interpretata da Catherine Dyer, doppiata da Carmen Iovine.
    Aiutante di del dottor Brenner.
  • Troy (stagione 1), interpretato da Peyton Wich, doppiato da Lorenzo Crisci.
    Bullo della scuola frequentata dai ragazzi.
  • James (stagione 1), interpretato da Cade Jones, doppiato da Federico Bebi.
    Altro bullo della scuola.
  • Carol e Tommy H (stagione 1-in corso), interpretati da Chelsea Talmadge e Chester Rushing.
    Coppia di amici e fidanzati che frequenta molto spesso Steve.
  • Holly Wheeler (stagione 1-in corso), interpretata da Anniston e Tinsley Price.
    È la sorella minore di Mike e Nancy.
  • Benny Hammond (stagione 1), interpretato da Chris Sullivan.
    Amico di Hopper.
  • Florence "Flo" (stagione 1-in corso), interpretata da Susan Shalhoub Larkin.
    Impiegata del dipartimento di polizia.
  • Ted Wheeler (stagione 1-in corso), interpretato da Joe Chrest, doppiato da Lucio Saccone.
    È il marito di Karen, nonché padre di Mike e Nancy.

Personaggi introdotti nella seconda stagioneModifica

  • Bob Newby (stagione 2-in corso), interpretato da Sean Astin.
    Ex compagno di scuola di Joyce e Hopper che ora gestisce un'emittente radio locale.
  • Dr. Owens (stagione 2-in corso), interpretato da Paul Reiser.
    Agente del Dipartimento dell'energia incaricato di contenere gli accadimenti di Hawkins.
  • Roman (stagione 2-in corso), interpretata da Linnea Berthelsen.
    È una misteriosa ragazza, segnata da un trauma vissuto da bambina, la quale sembra collegata agli eventi soprannaturali di Hawkins pur essendo originaria di un'altra città.
  • Murray Bauman (stagione 2-in corso), interpretato da Brett Gelman.
    È un cospirazionista con un passato da giornalista.
  • Neil Mayfield (stagione 2-in corso), interpretato da Will Chase.
    Padre della recente famiglia che arriva a Hawkins dalla California.

ProduzioneModifica

ConcezioneModifica

Matt e Ross Duffer, ideatori e produttori della serie

Ideata dai fratelli Matt e Ross Duffer, già autori e registi del film thriller Hidden, e inizialmente nota con il titolo di lavorazione Montauk, dall'omonima località nei pressi di East Hampton (stato di New York) in cui doveva essere ambientata, la serie venne annunciata per la prima volta il 2 aprile 2015, descritta come «una lettera d'amore ai classici degli anni ottanta che hanno affascinato una generazione».[2][3] Accreditati come "The Duffer Brothers", i due creatori spiegarono infatti di aver concepito Stranger Things con lo scopo di omaggiare i classici del cinema e della letteratura fantastica degli anni ottanta, cercando di trasmettere agli spettatori moderni le stesse sensazioni generate da opere quali i classici di Steven Spielberg e John Carpenter o i romanzi di Stephen King, in grado di stimolare l'immaginazione e il desiderio di avventura del pubblico.[4]

I Duffer spiegarono di aver avuto l'idea di scrivere una storia che ruota attorno alle ricerche di un bambino scomparso dopo la visione del film Prisoners, scegliendo di dotarla di elementi soprannaturali con un minimo di fondamento scientifico, in modo da renderla più credibile e quindi più paurosa, optando quindi per far provenire il mostro protagonista da un'altra dimensione invece di darle un'origine religiosa o spirituale.[5] La scelta di ambientare la storia negli anni ottanta, oltre che per poter meglio omaggiare le molte opere che hanno influenzato la loro formazione personale e professionale, fu anche legata al fatto di poter sfruttare la paranoia legata alla guerra fredda e agli esperimenti paramilitari segreti come il progetto MKULTRA, oltre che per esprimere un sentimento di nostalgia verso un tempo in cui, senza telefonia mobile e internet, uscire fuori di casa si traduceva più spesso in un'avventura.[5][6]

Per le scene di paura, i due spiegarono inoltre di essersi voluti focalizzare più sul terrore e la suspense che sul gore,[7] mentre tra le molte opere a cui si sono specificatamente ispirati e che dichiararono di aver appositamente rivisto per prepararsi alla produzione sono incluse E.T. l'extra-terrestre, Stand by Me - Ricordo di un'estate, I Goonies, La cosa e Nightmare - Dal profondo della notte.[8] Prima di approdare a Netflix, il progetto fu proposto a produttori esecutivi legati a varie emittenti statunitensi, collezionando numerose bocciature; in particolare molti produttori espressero perplessità per il fatto che i protagonisti sono bambini ma è una serie pensata anche per gli adulti, chiedendo ai due autori di trasformarla in una serie per ragazzi o rendere il detective Hopper protagonista principale.[5]

I Duffer sono anche i principali autori e registi della serie, ricoprendo i panni di showrunner oltre che di produttori esecutivi insieme a Shawn Levy e Dan Cohen.[3] La trama principale della prima stagione venne concepita per essere autoconclusiva, come se fosse un lungo film di otto ore. In merito alla seconda stagione, confermata il 31 agosto 2016,[9] i Duffer spiegarono quindi di considerarla come un sequel più che una stagione successiva, in cui si possa esplorare meglio la mitologia della serie oltre che narrare gli sviluppi nelle vite dei protagonisti.[7] Nelle intenzioni degli autori, la seconda stagione avrà tonalità più oscure e sarà ambientata un anno dopo gli eventi della prima, ovvero nell'autunno 1984, continuando ad ispirarsi allo stile di Spielberg e ai film cult usciti in quel periodo, in particolare Indiana Jones e il tempio maledetto.[10]

CastModifica

Winona Ryder e David Harbour figurano tra i protagonisti adulti della serie

Il 15 giugno 2015 fu annunciata la presenza nel cast principale dell'iconica attrice cinematografica degli anni ottanta e novanta Winona Ryder, per la prima volta protagonista in una serie televisiva, e David Harbour per i ruoli della madre del bambino scomparso, Joyce, e del poliziotto Hopper.[11]

I protagonisti più giovani furono annunciati tutti il 20 agosto 2015, dopo una lunga selezione che coinvolse centinaia di giovani attori e aspiranti tali da varie parti del mondo.[12] Finn Wolfhard, in precedenza apparso in un episodio di The 100, interpreta Mike; Millie Bobby Brown, che si era fatta conoscere come co-protagonista della serie Intruders, interpreta Undici; Gaten Matarazzo, attore teatrale apparso in un episodio di The Blacklist è Dustin; per il ruolo di Lucas fu ingaggiato Caleb McLaughlin, anche lui attore teatrale; per il ruolo di Will fu scelto Noah Schnapp, apparso in Il ponte delle spie; per quello di Nancy fu scelta Natalia Dyer, già protagonista del film indipendente I Believe in Unicorns; mentre Jonathan è interpretato da Charlie Heaton, che in precedenza aveva preso parte solo a produzioni minori.[12] Cara Buono e Matthew Modine furono invece ingaggiati rispettivamente il 1º settembre e il 27 ottobre seguenti.[13][14]

Per le audizioni dei ragazzi furono utilizzate scene dal primo episodio e dal film Stand by Me - Ricordo di un'estate; i quattro protagonisti più piccoli della serie, tutti tra gli undici e i dodici anni, furono selezionati, sotto la guida della direttrice del casting Carmen Cuba, tra 906 bambini e 307 bambine.[15] I Duffer dissero di aver convinto Millie Bobby Brown – e i suoi genitori – a radersi i capelli anche facendole vedere un'immagine di Charlize Theron da Mad Max: Fury Road.[16] Alla ragazza fu spiegato di prendere come riferimento il film E.T. per il rapporto che avrebbe dovuto costruire con il personaggio di Finn Wolfhard all'inizio della serie.[17]

Gaten Matarazzo, la cui voce al termine della produzione della prima stagione era cambiata così tanto da venire escluso dalla registrazione di dialoghi aggiuntivi, e Caleb McLaughlin si erano in precedenza conosciuti lavorando a Broadway, ma non avevano recitato insieme, mentre Winona Ryder e Matthew Modine in precedenza erano apparsi insieme nel video musicale di Roy Orbison A Love So Beautiful.[8] La Ryder, che era stata la prima scelta per la parte di Joyce,[15] sul set chiese un'acconciatura simile a quella di Meryl Streep in Silkwood,[6] mentre per gli ultimi episodi della prima stagione fu Caleb McLaughlin a chiedere di indossare una bandana mimetica.[8]

Sean Astin e Paul Reiser sono tra le new entry della seconda stagione

Il 14 ottobre 2016 fu annunciato che Joe Kerry e Noah Schnapp, interpreti rispettivamente di Steve Harrington e Will, erano stati promossi al cast principale della serie in vista della produzione della seconda stagione; nella stessa data venne riportato l'ingresso nel cast di Sadie Sink e Dacre Montgomery, per i ruoli dei nuovi personaggi di Max e Billy.[18] Il seguente 7 novembre furono ingaggiati anche Sean Astin, Paul Reiser e Linnea Berthelsen, interpreti di Bob Newby, del dottor Owens e di Roman,[19] mentre il 18 novembre si unì al cast ricorrente anche Brett Gelman, per il ruolo di Murray Bauman.[20]

Location e ripreseModifica

Anche se ambientata in Indiana, la prima stagione venne filmata nei dintorni di Jackson, in Georgia, dal mese di novembre 2015 al mese di marzo 2016.[21][22][23] Sede delle riprese furono anche Atlanta, Stockbridge, Douglasville, Palmetto e il campus dell'Università Emory.[23][24][25][26]

In origine gli autori avevano intenzione di girare e ambientare la serie a Montauk, nella costa meridionale di Long Island, pensando di ricreare un'ambientazione simile a quella dell'Isola di Amity di Lo squalo, spostandosi poi in Georgia per esigenze di produzione.[6] La città di Hawkins in cui si svolge la storia non è invece legata a un luogo particolare, ma è pensata per rappresentare una generica cittadina statunitense.[6] Mediamente furono necessari undici giorni di ripresa per episodio, un tempo un po' superiore a quello usualmente impiegato per un tipico episodio di una serie televisiva.[27] L'abitudine di Netflix di pubblicare tutti gli episodi insieme consentì ai produttori di spendere più tempo per perfezionarli, potendo ricontrollare e modificare, a produzione quasi ultimata, anche quelli girati nelle prime settimane, consegnando infine l'opera completa per la data prevista.[27]

Fu usata una camera della Red Digital Cinema Camera Company con sensore Red Dragon, aggiungendo un apposito filtro film grain (grana pellicola) per dare un effetto vintage che richiamasse le pellicole degli anni ottanta.[7]

Per le scene nel laboratorio, Millie Bobby Brown venne fatta immergere in una vasca da immersione, indossando un casco della Sea Trek pensato per immersioni a bassa profondità, dal peso di circa 30 kg fuori dall'acqua e quasi 7 kg una volta immerso.[8] Nella vasca, i registi comunicavano con lei attraverso un auricolare radio; per farla galleggiare, al suo interno fu versata più di mezza tonnellata di solfato di magnesio.[8]

Effetti speciali e visiviModifica

Per riprodurre le creature mostruose della serie fu usata una combinazione di protesi, animatronica e CGI, non affidandosi quindi solo alle immagini generate al computer; gli effetti sono curati dalla Spectral Motion, che aveva già lavorato a vari film di Guillermo del Toro.[7][8]

I mostri furono concepiti dai Duffer con l'aiuto del concept artist Aaron Sims, traendo ispirazione dai lavori di Hans Ruedi Giger, Clive Barker, Guillermo del Toro e Masahiro Ito; la coppia di autori descrisse i personaggi come «mostri senza volto, con lunghe braccia e una testa che si apre come un fiore disgustoso quando è ora di mangiare», paragonandoli agli squali di Lo squalo per diversi aspetti, tra cui il modo con cui sconfinano dalla propria dimensione e seguono le prede attratti dal sangue.[28] La dimensione alternativa, il "sottosopra", fu pensata come un'ombra oscura del mondo normale, prendendo a riferimento il videogioco Silent Hill e, per la visuale, il film Alien.[29]

Per le scene innevate presenti nel finale della prima stagione furono necessarie venti tonnellate di ghiaccio importate dalla Florida.[30]

SiglaModifica

La sigla, realizzata da Imaginary Forces, si ispira ai lavori di Richard Greenberg, disegnatore delle grafiche dei titoli di testa per vari film classici, tra cui Alien, Stati di allucinazione, Superman e I Goonies.[8] Greenberg è infatti noto per l'uso delle lettere che compongono il titolo di un film per creare ipnotiche combinazioni di movimenti, colori e ombre.[15] In particolare, si scelse di ricalcare lo stile dei titoli delle copertine dei libri di Stephen King, aggiungendo dopo la sigla anche titoli di "capitoli" in ogni episodio proprio per dare la sensazione allo spettatore di visionare un'opera letteraria del noto scrittore.[7]

Le lettere del titolo e la loro dissolvenza ricordano in particolare la copertina originale di Cose preziose e i titoli di testa di La zona morta.[31] Il logo della sequenza iniziale, in un articolo del Telegraph definita «un'ode alla tipografia», usa una versione modificata del font con grazie ITC Benguiat (dal nome dell'ideatore Ed Benguiat che lo concepì nel 1978), mentre per i nomi degli attori è usato il font senza grazie ITC Avant Garde; entrambi prodotti dalla International Typeface Corporation.[32][33] L'estremo primo piano sulle lettere rosso incandenscente del titolo contribuisce al tentativo di sollecitare emozioni nello spettatore, provocando disagio o paura.[32]

Colonna sonoraModifica

Le musiche originali della colonna sonora sono composte da Michael Stein e Kyle Dixon, ex membri di una band synth chiamata Survive. Con tale band avevano in precedenza eseguito alcune tracce per il film The Guest, esperienza grazie alla quale il loro lavoro fu notato dai fratelli Duffer.[34] Stein e Dixon scrissero oltre tredici ore di musica originale per la prima stagione.[34]

I fratelli Duffer spiegarono di aver deciso sin dall'inizio di usare musica elettronica, che rievoca bene la musica degli anni ottanta, e di aver testato l'idea producendo un finto trailer con scene estratte da 25 film classici, tra cui E.T., rimontate con musiche da film di John Carpenter come The Fog e 1997: Fuga da New York.[34] Incoraggiati dal risultato scelsero di provare lo stesso trailer con i brani synth che avevano udito nel film The Guest: non molto tempo dopo contattorono Stein e Dixon e affidarono loro la colonna sonora, usando la loro musica anche durante le audizioni del cast.[34][35] I due musicisti usarono principalmente un sintetizzatore Prophet-6, ispirandosi allo stile di Carpenter e alle produzioni del gruppo tedesco Tangerine Dream.[36]

Prima stagioneModifica

Tra i brani utilizzati nella prima stagione figurano anche molti brani rock degli anni settanta e ottanta; la colonna sonora include parti di:[37][38]

 
The Clash nel 1980; il loro brano Should I Stay or Should I Go ricorre più volte durante la prima stagione

Le musiche originali composte da Stein e Dixon sono raccolte in due album dal titolo Stranger Things, Vol. 1 (A Netflix Original Series Soundtrack) e Stranger Things, Vol. 2 (A Netflix Original Series Soundtrack) distribuiti dalla Lakeshore Records. Il primo, pubblicato online il 12 agosto 2016 e su CD dal seguente 16 settembre, include trentasei brani:[39]

  1. Stranger Things – 1:07
  2. Kids – 2:38
  3. Nancy and Barb – 1:05
  4. This Isn't You – 2:23
  5. Lay-Z-Boy – 1:34
  6. Friendship – 1:12
  7. Eleven – 3:14
  8. A Kiss – 1:25
  9. Castle Byers – 2:47
  10. Hawkins – 5:00
  11. The Upside Down – 5:07
  12. After Sarah – 1:25
  1. One Blink For Yes – 1:46
  2. Photos In the Woods – 4:32
  3. Fresh Blood – 1:16
  4. Lamps – 1:15
  5. Hallucinations – 1:36
  6. Hanging Lights – 1:33
  7. Biking To School – 0:44
  8. Are You Sure? – 2:26
  9. Agents – 0:50
  10. Papa – 1:27
  11. Cops Are Good At Finding – 1:08
  12. No Weapons – 3:24
  1. Walking Through the Upside Down – 1:19
  2. She'll Kill You – 2:05
  3. Run Away – 1:47
  4. No Autopsy – 1:03
  5. Dispatch – 0:41
  6. Joyce and Lonnie Fighting – 1:02
  7. Lights Out – 1:04
  8. Hazmat Suits – 1:43
  9. Theoretically – 1:33
  10. You Can Talk To Me – 0:53
  11. What Else Is There To Do? – 1:59
  12. Hawkins Lab – 2:37

Durata totale: 68:40

Il secondo volume, pubblicato online il 19 agosto 2016 online e su CD dal seguente 23 settembre, ne include trentanove:[40][41]

  1. Hopper Sneaks In – 1:38
  2. I Know What I Saw – 2:43
  3. Rolling Out the Pool – 1:12
  4. Over – 1:38
  5. Gearing Up – 1:57
  6. Flickering – 0:46
  7. First Kiss – 1:46
  8. Crying – 1:16
  9. Walking Down the Tracks – 0:54
  10. Where's Barb? – 1:57
  11. Speak of the Devil – 2:49
  12. Danger Danger – 2:57
  13. Tribulations – 1:13
  1. Flashback – 1:37
  2. Kids Two – 2:56
  3. Talking to Australia – 0:59
  4. Night of the Seventh – 1:35
  5. See Any Rain? – 0:41
  6. Coffee & Contemplation – 1:12
  7. Inside the Black Room – 1:27
  8. Starts to Rain – 1:33
  9. Eleven Is Gone – 1:54
  10. Time For A 187 – 0:57
  11. Something in the House – 2:08
  12. Still Pretty – 1:50
  13. Abilities – 1:32
  1. Tendril – 0:26
  2. They Found Us – 3:00
  3. Bad Men – 1:06
  4. Spiked Bat – 1:17
  5. Making Contact – 2:01
  6. What Do You Know? – 1:54
  7. It's Not My Boy – 2:07
  8. Something in the Wall – 1:35
  9. Let's Go – 0:38
  10. Leap of Faith – 3:30
  11. In Pursuit – 2:17
  12. Breaking and Entering – 4:52
  13. Stranger Things (Extended) – 5:25

Durata totale: 73:15

Promozione e distribuzioneModifica

Il 18 maggio 2016 furono svelate le prime immagini tratte dalla serie.[42] Il primo poster e il primo trailer vennero invece diffusi il 9 giugno 2016; la locandina includeva lo stesso logo della serie utilizzato nella sigla e una scena notturna che vede Mike, Dustin e Lucas in bicicletta sopraggiungere nei pressi di una quarta bicicletta abbandonata a terra in una semi-isolata area boschiva.[43] Il seguente 30 giugno fu pubblicato un secondo video promozionale e un nuovo poster.[44] Il logo presente nell'immagine promozionale stavolta è accompagnato da una scena fumettistica in cui compaiono di nuovo Mike, Dustin e Lucas in bicicletta sovrastati da "Undici" intenta a usare i suoi poteri telecinetici distendendo la mano di fronte a sé; a fare da cornice circolare alla ragazza sono inoltre presenti Jonathan con in mano la sua macchina fotografica, Nancy con in mano una mazza da baseball, Joyce, Will e Hopper.[44] Sullo sfondo un cielo stellato e da un lato una parete adornata da luci natalizie con incise delle lettere; in basso si nota anche un'area recintata da un'alta rete con davanti un uomo completamente coperto da una tuta protettiva.[44]

Il 14 luglio 2016 vennero diffusi i primi otto minuti della serie.[45] Il giorno seguente, come era stato annunciato il precedente 17 gennaio, vennero pubblicati tutti gli otto episodi che compongono la prima stagione.[46] Dopo la distribuzione della prima stagione online fu pubblicato un video a 360 gradi per dispositivi in grado di visualizzare la realtà virtuale, il primo del genere pubblicato da Netflix, il quale propone di assumere i panni del personaggio Joyce Byers mentre tenta di comunicare con il figlio nella propria casa.[47]

Il 31 agosto 2016 la serie è stata rinnovata per una seconda stagione di nove episodi,[9] la cui pubblicazione è prevista per il 27 ottobre 2017, in prossimità di Halloween.[1] Un primo video promozionale è stato trasmesso il 5 febbraio 2017 durante il Super Bowl LI; il breve teaser, dopo l'inizio con un vecchio spot televisivo delle gaufre Eggo, include una scena con i ragazzi protagonisti in costume da ghostbusters e un'altra che richiama Incontri ravvicinati del terzo tipo.[48] Il 22 luglio 2017 alla serie è stato dedicato un panel al Comic-Con di San Diego con la presenza dei fratelli Duffer e del cast principale, durante il quale è stato mostrato un primo trailer della seconda stagione; per l'occasione sono anche stati esposti vari costumi e oggetti di scena e i visitatori hanno avuto l'occasione di vivere un'esperienza di realtà virtuale ambientata nella casa di Will interagendo con il "sottosopra".[49][50][51] Nell'agosto 2017 Matt Duffer annunciò che la serie era stata rinnovata per una terza stagione.[52]

AccoglienzaModifica

CriticaModifica

(EN)

« This summer's best movie isn't a movie, it's Stranger Things »

(IT)

« Il miglior film dell'estate non è un film, è Stranger Things. »

(Commento di Frank Pallotta della CNN[53])

La prima stagione venne accolta positivamente dalla critica. Sull'aggregatore di recensioni Rotten Tomatoes registra un indice di gradimento del 95%, con un voto medio di 8,2 su 10 basato su 63 recensioni e un giudizio riassuntivo che recita: «Emozionante, straziante, e talvolta spaventosa, Stranger Things è un appassionante omaggio ai film di Spielberg e alla televisione vintage degli anni ottanta».[54] Su Metacritic registra invece un punteggio di 76 su 100 basato su 34 recensioni.[55]

Secondo Mary McNamara del Los Angeles Times è una celebrazione della nostalgia verso il periodo in cui è ambientata, che riesce ad onorare le opere alle quali si ispira raccontando una storia paurosa e dolce allo stesso tempo.[56] La critica apprezzò particolarmente le interpretazioni del cast, in particolare dei più piccoli.[56] Anche Daniel D'Addario del TIME parlò di «nostalgia che funziona», che risulta «calda e accogliente» grazie alla profonda predilezione verso le opere su cui si basa.[57] Per Maureen Ryan di Variety richiama Stand by Me e X-Files, risultando nel complesso come un lungo omaggio alle opere di Steven Spielberg, in particolar modo E.T..[58] Come le opere di Spielberg, la serie fa infatti uso di consolidate convenzioni del genere fantascientifico per esplorare ansie in cui è facile identificarsi, dai timori dei genitori nel veder crescere i figli alle paure che si celano tra amici anche di lunga data sul fatto che potrebbero non conoscersi affatto, le quali fanno da cornice all'aspetto più magico: l'inaspettato legame che si sviluppa tra i bambini e la strana visitatrice dall'aspetto intimidatorio ma che cela misteri potenzialmente meravigliosi.[58] Secondo la Ryan, Winona Ryder riuscì inoltre a far risultare paurose e commoventi scene che avrebbero potuto facilmente diventare ridicole e frutto di cliché, mentre il successo della serie risiede anche nel «misto di innocenza, cameratismo, sarcasmo e paura» trasmesso dai ragazzi e in particolare alla «perfetta» interpretazione di Millie Bobby Brown.[58]

Per Jen Chaney di Vulture è in grado di ricordare allo spettatore come l'infanzia può facilmente terminare in un istante e come i propri riferimenti nella pop culture possono aiutare, molto tempo dopo, a ritrovarla.[59] Per Chaney gli autori riuscirono ad ottenere un buon bilanciamento tra l'aspetto metacinematografico e il tentativo di produrre un nuovo esempio di paranoico, magico e spaventoso realismo degno di essere affiancato alle opere di Spielberg, Stephen King, John Carpenter e Wes Craven.[59] Altri critici come Hank Stuever e Chuck Bowen fecero invece notare la presenza di buchi narrativi e come ai contesti famigliari rappresentati sia stata data poca profondità e originalità.[60][61]

Più di un commentatore la descrisse come se fosse un film scritto da Stephen King, diretto da Steven Spielberg e musicato da John Carpenter.[62][63] Lo stesso Stephen King ebbe occasione di paragonarla al meglio delle sue opere, giudicandola su Twitter come «puro divertimento», un'opera da "A+" (massimo voto scolastico) e da non perdere, in cui «Winona Ryder eccelle».[64]

Reazioni del pubblicoModifica

Netflix non offre dati sul numero di visioni generate dai prodotti presenti sulla sua piattaforma, tuttavia la popolarità guadagnata dall'opera nelle settimane seguenti il debutto, in particolare sui social network, fu sottolineata da diverse testate. Venne ad esempio segnalato come abbia rapidamente ispirato saggi sull'amicizia d'infanzia, sulla rappresentazione delle donne nella serie e sul potere della nostalgia, oltre che la produzione di vari meme e un generatore di immagini GIF ispirato alla scena in cui Will comunica con la madre usando le luci natalizie.[33][65][66] Un particolare riscontro venne conseguito dal personaggio di Barbara Holland, chiamato nella serie anche semplicemente "Barb" e interpretata dall'assoluta esordiente Shannon Purser: definita da un articolo del Financial Times come un'«improbabile nuova icona di stile»,[67] Barb fu oggetto di diversi omaggi e vide vari utenti della rete paragonare a lei il proprio aspetto degli anni ottanta.[65][68]

La casa indipendente Infamous Quests nel mese di agosto 2016 omaggiò la serie pubblicando un omonimo videogioco gratuito di avventura punta e clicca per pc dalla grafica rétro,[69] mentre nel mese di ottobre 2016 divenne virale il corto animato A Stranger Things Christmas, ideato da Leigh Lahav e Oren Mendez, che propone un seguito al finale della prima stagione ispirato ai Peanuts.[70][71]

Primi cosplay dedicati ai protagonisti della serie erano già stati avvistati al Comic-Con di San Diego di fine luglio 2016;[53] costumi a tema Stranger Things registrarono poi una certa popolarità in occasione del seguente Halloween.[72][73]

RiconoscimentiModifica

Golden GlobeModifica

L'8 gennaio 2017, alla 74ª edizione dei Golden Globe, la fiction venne nominata come miglior serie televisiva drammatica, mentre Winona Ryder fu candidata alla miglior interpretazione di un'attrice in una serie TV drammatica.[74]

Emmy AwardsModifica

Per la 69ª edizione dei Primetime Emmy Awards, che sarà celebrata il 17 settembre 2017, la serie ha ricevuto complessivamente diciotto candidature, risultando tra i programmi più nominati:[75]

  • candidatura alla miglior serie drammatica
  • candidatura al miglior attore non protagonista in una serie drammatica a David Harbour
  • candidatura alla miglior attrice non protagonista in una serie drammatica a Millie Bobby Brown
  • candidatura alla miglior attrice guest star in una serie drammatica a Shannon Purser, per l'episodio Capitolo tre - Luci natalizie
  • candidatura alla miglior regia per una serie drammatica a Matt e Ross Duffer, per l'episodio Capitolo primo - La scomparsa di Will Byers
  • candidatura alla miglior sceneggiatura per una serie drammatica a Matt e Ross Duffer, per l'episodio Capitolo primo - La scomparsa di Will Byers
  • candidatura alle migliori acconciature per una serie single-camera a Sarah Hindsgaul ed Evelyn Roach, per l'episodio Capitolo due - La stramba di Maple Street
  • candidatura al miglior casting per una serie drammatica a Carmen Cuba, Tara Feldstein Bennett e Chase Paris
  • candidatura alla miglior supervisione musicale a Nora Felder, per l'episodio Capitolo due - La stramba di Maple Street
  • candidatura al miglior tema musicale originale di una sigla a Michael Stein e Kyle Dixon
  • candidatura al miglior design di una sigla a Michelle Dougherty, Peter Frankfurt, Arisu Kashiwagi e Eric Demeusy
  • candidatura alla miglior fotografia per una serie single-camera con episodi di oltre 30 minuti a Tim Ives, per l'episodio Capitolo otto - Il sottosopra
  • candidatura al miglior montaggio video per una serie drammatica single-camera Kevin D. Ross, per l'episodio Capitolo sette - La vasca da bagno
  • candidatura al miglior montaggio video per una serie drammatica single-camera Dean Zimmerman, per l'episodio Capitolo primo - La scomparsa di Will Byers
  • candidatura al miglior montaggio audio per una serie televisiva a Bradley North, Craig Henighan, Jordan Wilby, Jonathan Golodner, Tiffany S. Griffth, Sam Munoz, David Klotz, Noel Vought e Ginger Geary, per l'episodio Capitolo otto - Il sottosopra
  • candidatura al miglior missaggio per una serie commedia o drammatica con episodi di oltre 30 minuti a Joe Barnett, Adam Jenkins, Chris Durfy e Bill Higley, per l'episodio Capitolo otto - Il sottosopra
  • candidatura alla miglior scenografia per una serie in costume a Chris Trujillo (scenografo), William Davis (direttore artistico) e Jess Royal (decoratrice di set), per l'episodio Capitolo primo - La scomparsa di Will Byers
  • candidatura al miglior trucco per una serie single-camera (non prostetico) a Myke Michaels e Teresa Vest, per l'episodio episodio Capitolo sei - Il mostro

Inoltre il video a 360 gradi Stranger Things - Virtual Reality / 360 Experience fu candidato come miglior realizzazione creativa nell'interattività multimediale per un programma scritturato.[75]

Grammy AwardsModifica

Il 12 febbraio 2017, alla 59ª edizione dei Grammy Awards, i due volumi che comprendono la colonna sonora della prima stagione (Stranger Things Volume 1 e Stranger Things Volume 2) furono nominati nella categoria miglior composizione di colonna sonora per arti visive.[76]

Altri riconoscimentiModifica

ACE Eddie Awards

Il 27 gennaio 2017, alla 67ª edizione degli ACE Eddie Awards, assegnati annualmente dall'American Cinema Editors, Dean Zimmerman e Kevin D. Ross ottennero una nomination ciascuno nella categoria miglior montaggio per una serie di un'ora non commerciale, rispettivamente grazie agli episodi Capitolo primo - La scomparsa di Will Byers e Capitolo sette - La vasca da bagno.[77]

American Film Institute Awards

In occasione degli AFI Awards 2016, annunciati l'8 dicembre 2016 e celebrati il seguente 7 gennaio, l'American Film Institute inserì Stranger Things tra i dieci programmi televisivi dell'anno.[78]

Art Directors Guild Awards

L'11 febbraio 2017, alla 21ª edizione degli Art Directors Guild Awards, premi che si prefiggono di riconoscere le eccellenze nelle produzioni di scenografie, lo scenografo Chris Trujillo venne candidato nella categoria riservata alle serie televisive in costume o fantasy di un'ora girate in modalità single-camera, per gli episodi Capitolo primo - La scomparsa di Will Byers, Capitolo tre - Luci natalizie e Capitolo otto - Il sottosopra.[79]

Bram Stoker Awards

Ai Bram Stoker Awards per l'anno 2016, celebrati il 29 aprile 2017, Matt e Ross Duffer vennero candidati due volte nella categoria per la miglior sceneggiatura, grazie agli episodi Capitolo primo - La scomparsa di Will Byers e Capitolo otto - Il sottosopra.[80]

British Academy Television Awards

Il 14 maggio 2017, ai British Academy Television Awards, Stranger Things venne nominata come miglior programma televisivo internazionale.[81]

CAS Awards

Il 18 febbraio 2017, alla 53ª edizione dei CAS Awards, assegnati dalla Cinema Audio Society, Chris Durfy, Joe Barnett, Adam Jenkins, Judah Getz e John Guentner furono candidati nella categoria miglior serie TV di un'ora grazie all'episodio Capitolo sette - La vasca da bagno.[82]

Costume Designers Guild Awards

Alla 19ª edizione dei Costume Designers Guild Awards, celebrati il 21 febbraio 2017, le costumiste Kimberly Adams e Malgosia Turzanska risultarono candidate nella categoria miglior serie televisiva in costume.[83]

Critics' Choice Awards

L'11 dicembre 2016, alla 22ª cerimonia dei Critics' Choice Awards, la serie venne nominata come miglior serie televisiva drammatica e miglior serie meritevole di binge watching.[84]

DGA Awards

Il 4 febbraio 2017, alla 69ª edizione dei DGA Awards, assegnati annualmente dalla Directors Guild of America, Matt e Ross Duffer, insieme alla squadra di regia composta da Timothy Lonsdale, Richard Denault, Maria Battle Campbell, Kristina M. Peterson, Simeon Jones e Franchesca Winters, vennero nominati nella categoria riservata alle serie televisive drammatiche per l'episodio Capitolo primo - La scomparsa di Will Byers.[85]

Golden Reel Awards

Il 19 febbraio 2017, alla 64ª edizione dei Golden Reel Awards, assegnati dalla Motion Picture Sound Editors, David Klotz vinse il premio al miglior montaggio sonoro per programmi televisivi dalla durata fino a 75 minuti nella sottocategoria colonna sonora; mentre Jacob McNaughton

Il 19 febbraio 2017, alla 64ª edizione dei Golden Reel Awards, assegnati dalla Motion Picture Sound Editors per i migliori montaggi sonori, David Klotz vinse il premio alla miglior colonna sonora per programmi TV di breve durata grazie all'episodio Capitolo tre - Luci natalizie, mentre Bradley North, Jacob McNaughton, Noel Vought, Craig Henighan, Jordan Wilby e Jonathan Golodner risultarono candidati in nella categoria per gli effetti sonori per programmi TV di breve durata grazie all'episodio Capitolo otto - Il sottosopra.[86][87]

Hollywood Music in Media Awards

Nel mese di novembre 2016, alla 7ª edizione degli Hollywood Music in Media Awards, Nora Felder vinse il premio per la miglior supervisione musicale per una serie televisiva. Alla stessa edizione Kyle Dixon e Michael Stein erano stati nominati entrambi nelle categorie miglior sigla per una serie televisiva o digitale e miglior colonna sonora per una serie o miniserie televisiva.[88][89]

Hugo Awards

Agli Hugo Awards 2017, celebrati l'11 agosto 2017, Matt e Ross Duffer furono candidati al premio Hugo per la miglior rappresentazione drammatica, forma lunga.[90]

Location Managers Guild Awards

Alla 4ª edizione dei Location Managers Guild Awards, celebrati l'8 aprile 2017, Tony Holley fu candidato nella categoria per le migliori location in una serie televisiva in costume.[91]

Make-Up Artists and Hair Stylists Guild Awards

Il 19 febbraio 2017, ai Make-Up Artists and Hair Stylists Guild Awards, le truccatrici Amy L. Forsythe e Samantha Smith vennero candidate nella categoria dedicata al miglior trucco per personaggi di una serie televisiva in costume, mentre Sarah Hindsgaul e Evelyn Roach sono candidate nella categoria miglior acconciature per personaggi di una serie televisiva in costume.[92]

MTV Movie & TV Awards

Agli MTV Movie & TV Awards 2017, celebrati il 7 maggio dello stesso anno, Stranger Things vinse il premio serie televisiva dell'anno, mentre Millie Bobby Brown vinse il premio al miglior attore in una serie televisiva; Millie Bobby Brown era candidata anche nella categoria miglior eroe, e il Demogorgone come miglior cattivo.[93][94]

National Television Awards

Il 25 gennaio 2017, ai National Television Awards Stranger Things era nominata come miglior serie televisiva in costume.[95]

Peabody Awards

Ai Peabody Awards per l'anno 2016, annunciati il 12 aprile 2017 e celebrati il seguente 20 maggio in una serata di gala, la serie venne candidata come miglior programma d'intrattenimento.[96]

People's Choice Awards

Il 18 gennaio 2017, alla 43ª cerimonia dei People's Choice Awards, la serie risultò candidata nelle categorie serie TV preferita e serie TV sci-fi/fantasy "premium" preferita, mentre Millie Bobby Brown fu nominata come attrice preferita in una serie TV sci-fi/fantasy.[97]

Producers Guild Awards

Il 28 gennaio 2017, alla 28ª cerimonia dei Producers Guild Awards, i produttori Matt Duffer, Ross Duffer, Shawn Levy, Dan Cohen e Iain Paterson vinsero il premio Norman Felton per il miglior produttore di televisione episodica drammatica.[98]

Satellite Awards

Il 19 febbraio 2017, alla 21ª edizione dei Satellite Awards, Stranger Things venne candidata come miglior serie televisiva di genere, mentre Winona Ryder fu nominata come miglior attrice in una serie TV drammatica.[99]

Saturn Awards

Alla 43ª edizione dei Saturn Awards, celebrata il 28 giugno 2017, Stranger Things fu riconosciuta miglior serie televisiva distribuita attraverso un nuovo media e Millie Bobby Brown vinse il premio al miglior giovane attore in una serie televisiva; Winona Ryder era inoltre candidata come miglior attrice in una serie televisiva.[100][101]

Screen Actors Guild Awards

Il 29 gennaio 2017, alla 23ª edizione degli Screen Actors Guild Awards, il cast della serie (Millie Bobby Brown, Cara Buono, Joe Chrest, Natalia Dyer, David Harbour, Charlie Heaton, Joe Keery, Gaten Matarazzo, Caleb McLaughlin, Matthew Modine, Rob Morgan, John Paul Reynolds, Winona Ryder, Noah Schnapp, Mark Steger e Finn Wolfhard) vinse il premio per la miglior interpretazione di un cast corale in una serie TV drammatica; inoltre Millie Bobby Brown e Winona Ryder erano entrambe state candidate alla miglior interpretazione di un'attrice in una serie TV drammatica.[102][103]

Society of Camera Operators Awards

L'11 febbraio 2017, alla cerimonia dei Society of Camera Operators Awards, Bob Gorelick fu candidato come miglior operatore di ripresa televisivo.[104]

TCA Awards

Alla 33ª edizione dei Television Critics Association Awards, celebrata il 5 agosto 2017, Stranger Things è candidata nelle categorie programma dell'anno, miglior realizzazione drammatica e miglior nuovo programma televisivo.[105]

Teen Choice Awards

Ai Teen Choice Awards 2017 la serie è candidata come miglior serie sci-fi/fantasy e miglior serie emergente; Millie Bobby Brown e Finn Wolfhard sono entrambi candidati nella categoria miglior star televisiva emergente.[106][107]

VES Awards

Il 7 febbraio 2017, alla 15ª edizione dei VES Awards, assegnati dalla Visual Effects Society, Marc Kolbe, Aaron Sims e Olcun Tan furono candidati nella categoria migliori effetti visivi in un episodio fotorealistico per la raffigurazione del Demogorgone.[108]

Writers Guild of America Awards

Il 19 febbraio 2017, alla 69ª edizione dei Writers Guild of America Awards, Paul Dichter, Justin Doble, Matt e Ross Duffer, Jessica Mecklenburg, Jessie Nickson-Lopez e Alison Tatlock vennero nominati grazie a Stranger Things nelle categorie miglior serie TV drammatica e miglior nuova serie televisiva.[109]

NoteModifica

  1. ^ a b (EN) Kimberly Roots, Stranger Things Season 2 Gets New Premiere Date at Netflix — See Poster, in TVLine, 11 luglio 2017. URL consultato l'11 luglio 2017.
  2. ^ (EN) Netflix to premiere original series 'Montauk' in 2016, Reuters, 2 aprile 2015.
  3. ^ a b (EN) Netflix Orders Supernatural Drama Series From Matt & Ross Duffer, Shawn Levy, in Deadline, 2 aprile 2015.
  4. ^ (EN) Christopher Hooton, Stranger Things on Netflix: First trailer for creepy new Winona Ryder drama, in Independent, 9 giugno 2016. URL consultato il 19 luglio 2016.
  5. ^ a b c (EN) Kory Grow, 'Stranger Things': How Two Brothers Created Summer's Biggest TV Hit, in Rolling Stone, 3 agosto 2016. URL consultato il 13 agosto 2016.
  6. ^ a b c d (EN) Jen Chaney, Stranger Things’ Duffer Brothers on ’80s Cinema, Fighting Over Kid Actors, and How They Cast Winona Ryder, in Vulture, 15 luglio 2016. URL consultato il 19 luglio 2016.
  7. ^ a b c d e (EN) Emma Thrower, Stranger Things: behind-the-scenes with The Duffer Brothers, in Empire, 14 luglio 2016. URL consultato il 19 luglio 2016.
  8. ^ a b c d e f g (EN) Taryn Davies, Facts you need to know about Netflix’s Stranger Things, in The Fuss, 13 luglio 2016. URL consultato il 19 luglio 2016.
  9. ^ a b (EN) Michael Ausiello, Stranger Things Renewed for (Slightly) Bigger Season 2, Set in Year (Spoiler), in TVLine, Penske Media Corporation, 31 agosto 2016. URL consultato il 31 agosto 2016.
  10. ^ Valeria Rusconi, 'Stranger Things', la seconda stagione sarà "folle" e ispirata a 'Indiana Jones', in la Repubblica, Gruppo Editoriale L'Espresso, 26 agosto 2016.
  11. ^ (EN) Michael Ausiello, Scoop: Winona Ryder to Headline Untitled Netflix Supernatural Thriller, in TVLine, 15 giugno 2015.
  12. ^ a b (EN) Nellie Andreeva, Duffer Bros. Netflix Supernatural Drama Series Sets Young Cast, Gets Title, in Deadline, 20 agosto 2015.
  13. ^ (EN) Denise Petski, Cara Buono Joins Netflix’s ‘Stranger Things’; Dean Cain In ‘Lady Dynamite’, in Deadline, 1º settembre 2015.
  14. ^ (EN) Linda Ge, Netflix’s ‘Stranger Things’ Adds Matthew Modine to Cast (Exclusive), in The Wrap, 27 ottobre 2015.
  15. ^ a b c (EN) The Duffer Brothers, Stranger Things premiere: The Duffer Brothers introduce their new Netflix series, in Entertainment Weekly, 15 luglio 2016.
  16. ^ (EN) The Duffer Brothers, Stranger Things episode 2: The Duffer Brothers on finding their Eleven, in Entertainment Weekly, 16 luglio 2016.
  17. ^ (EN) The Duffer Brothers, Meet ‘Stranger Things’ Breakout Millie Bobby Brown, aka Lucky Number Eleven, in Entertainment Weekly, 19 luglio 2016.
  18. ^ (EN) Lesley Goldberg, 'Stranger Things' Adds Pair to Cast, Promotes Duo to Regular for Season 2, in The Hollywood Reporter, 14 ottobre 2016. URL consultato il 14 ottobre 2016.
  19. ^ (EN) Lesley Goldberg, 'Stranger Things': Sean Astin, Paul Reiser Among Trio Cast in Season 2, in The Hollywood Reporter, 7 novembre 2016. URL consultato il 7 novembre 2016.
  20. ^ (EN) Lesley Goldberg, 'Stranger Things' Enlists Brett Gelman for Season 2 (Exclusive), in The Hollywood Reporter, 18 novembre 2016. URL consultato il 18 novembre 2016.
  21. ^ (EN) ‘Stranger Things’ shoots on Jackson square, in Jacksonprogess-argus.com, 24 novembre 2015.
  22. ^ (EN) Doug Gross, New Netflix Show 'Stranger Things' Films in Georgia, in Patch, 19 luglio 2016.
  23. ^ a b (EN) Matt Walljasper, What’s Filming in Atlanta Now? Baby Driver, Hidden Figures, and Thank You for Your Service, in Atlanta, 24 marzo 2016.
  24. ^ (EN) Matt Walljasper, What’s Filming in Atlanta Now? Tupac biopic, Jennifer Aniston’s The Yellow Birds, and Middle School: The Worst Years of My Life, in Atlanta, 24 marzo 2016.
  25. ^ (EN) Matt Walljasper, What’s Filming in Atlanta Now? All Eyez On Me, Empire spinoff Star, and a preview of the year ahead, in Atlanta, 21 gennaio 2016.
  26. ^ (EN) Matt Walljasper, What’s filming in Atlanta now? Edgar Wright’s Baby Driver, Thank You For Your Service, and All Eyez On Me, in Atlanta, 22 febbraio 2016.
  27. ^ a b (EN) Jack Giroux, Interview: ‘Stranger Things’ Producers on Influences, Marketing, the Possibility of Future Seasons and More, in /Film, 21 luglio 2016. URL consultato il 22 luglio 2016.
  28. ^ (EN) The Duffer Brothers, Stranger Things episode 6: How the Duffer Brothers created their monster, in Entertainment Weekly, 20 luglio 2016. URL consultato il 20 luglio 2016.
  29. ^ (EN) Geoff Berkshire, ‘Stranger Things’ Finale: Duffer Brothers Talk Cliffhangers, Death and Season 2, in Variety, 18 luglio 2016. URL consultato il 20 luglio 2016.
  30. ^ (EN) The Duffer Brothers, Stranger Things finale: The Duffer Brothers reveal 'most challenging episode' of season, in Entertainment Weekly, 22 luglio 2016. URL consultato il 22 luglio 2016.
  31. ^ Scott Tobias
  32. ^ a b (EN) Sarah Gless, The Typography of ‘Stranger Things’, in Nelson Cash, 27 luglio 2016. URL consultato il 13 agosto 2016.
  33. ^ a b (EN) Alice Vincent, Stranger Things: meet the design genius behind TV's most talked about title font, in The Telegraph, 4 agosto 2016. URL consultato il 13 agosto 2016.
  34. ^ a b c d (EN) The Duffer Brothers, Stranger Things episode 5: The Duffer Brothers on the perfect soundtrack, in Entertainment Weekly, 19 luglio 2016.
  35. ^ (EN) Gil Kaufman, 'Stranger Things' Co-Composer Shares the Story Behind 2016's Most Unlikely Musical Sensation, in Billboard, 29 agosto 2016. URL consultato il 30 agosto 2016.
  36. ^ (EN) Jennifer Maerz, Obsessed with “Stranger Things?” Meet the musicians behind the show’s spine-chilling synth score, in Salon, 23 luglio 2016. URL consultato il 26 luglio 2016.
  37. ^ (EN) Michael Nordine, ‘Stranger Things’: Listen to a Spotify Playlist of the Show’s Biggest Hits, from ‘White Rabbit’ to ‘Heroes’, in Indiewire, 17 luglio 2016. URL consultato il 19 luglio 2016.
  38. ^ (EN) Quinn Keaney, We Need to Talk About How Amazing the Music in Stranger Things Is, in POPSUGAR, 24 luglio 2016. URL consultato il 26 luglio 2016.
  39. ^ (EN) Gil Kaufman, Stream the Spooky 'Stranger Things' Soundtrack, in Billboard, 12 agosto 2016. URL consultato il 12 agosto 2016.
  40. ^ (EN) Alex Young, The soundtrack to Stranger Things is being released this Friday, in Consequence of Sound, 10 agosto 2016. URL consultato il 12 agosto 2016.
  41. ^ (EN) Gil Kaufman, Listen to Volume 2 of 'Stranger Things' Soundtrack, in Billboard, 19 agosto 2016. URL consultato il 30 agosto 2016.
  42. ^ (EN) Dave Trumbore, Netflix’s ‘Stranger Things’ Features Winona Ryder & Co. in the Series’ First Images, in Collider, 18 maggio 2016. URL consultato il 20 luglio 2016.
  43. ^ (EN) Eric Goldman, Stranger Things: See the Spooky Key Art for the New Netflix Series, in IGN, 9 giugno 2016. URL consultato il 20 luglio 2016.
  44. ^ a b c (EN) Sean K. Cureton, Stranger Things Trailer #2 & Poster: Nothing Is Stranger Than Believing, in Screen Rant, 30 giugno 2016. URL consultato il 20 luglio 2016.
  45. ^ (EN) Tim Stack, Stranger Things: See the terrifying first 8 minutes of Netflix's new series — exclusive, in Entertainment Weekly, 14 luglio 2016. URL consultato il 20 luglio 2016.
  46. ^ (EN) Lisa de Moraes, Netflix Unveils Premiere Dates For ‘Orange Is The New Black,’ ‘The Get Down,’ ‘Flaked’ And Others, in Deadline, 17 luglio 2016. URL consultato il 20 luglio 2016.
  47. ^ (EN) How to watch the creepy new 3D Stranger Things virtual reality film, in The Telegraph, 5 agosto 2016. URL consultato il 13 agosto 2016.
  48. ^ (EN) Todd VanDerWerff, Stranger Things season 2 arrives this Halloween. Watch the first trailer now., in Vox, 5 febbraio 2017. URL consultato il 6 febbraio 2017.
  49. ^ (EN) Alexander Zalben, Stranger Things 2 Panel Turns San Diego Comic-Con Upside Down, in TV Guide, 22 luglio 2017. URL consultato il 22 luglio 2017.
  50. ^ (EN) Steve Weintraub, ‘Stranger Things’ SDCC Images Reveal Props, Costumes, and Barb’s Memorial, in Collider, 20 luglio 2017. URL consultato il 22 luglio 2017.
  51. ^ (EN) Sandy Cohen, ‘Blade Runner 2049,’ ‘Stranger Things’ bring VR to Comic-Con, in The Seattle Times, 20 luglio 2017. URL consultato il 22 luglio 2017.
  52. ^ (EN) Jordan Crucchiola, The Duffer Brothers Confirm Stranger Things Will Get a Third Season (and Possibly a Fourth), su Vulture, 21 agosto 2017. URL consultato il 22 agosto 2017.
  53. ^ a b (EN) Frank Pallotta, This summer's best movie isn't a movie, it's 'Stranger Things', in CNN, 12 agosto 2016. URL consultato il 12 agosto 2016.
  54. ^ (EN) Stranger Things: Season 1, in Rotten Tomatoes. URL consultato il 23 luglio 2017.
  55. ^ (EN) Stranger Things - Season 1, su Metacritic. URL consultato il 23 luglio 2017.
  56. ^ a b (EN) Mary McNamara, Earth tones, rotary phones and Winona Ryder: Netflix's 'Stranger Things' is totally '80s, in Los Angeles Times, 15 luglio 2016. URL consultato il 20 luglio 2016.
  57. ^ (EN) Daniel D'Addario, Review: Stranger Things Is Nostalgia That Works, in Los Angeles Times, 14 luglio 2016. URL consultato il 20 luglio 2016.
  58. ^ a b c (EN) Maureen Ryan, TV Review: ‘Stranger Things’, in Variety, 11 luglio 2016. URL consultato il 20 luglio 2016.
  59. ^ a b (EN) Jen Chaney, Stranger Things Is a Throwback to ’80s Chills and Spielbergian Thrills, in Vulture, 11 luglio 2016. URL consultato il 20 luglio 2016.
  60. ^ (EN) Hank Stuever, Summer TV Preview 2016, in The Washington Post, 16 giugno 2016. URL consultato il 20 luglio 2016.
  61. ^ (EN) Chuck Bowen, Stranger Things: Season One, in Slant, 15 luglio 2016. URL consultato il 20 luglio 2016.
  62. ^ (EN) Ned Lannamann, Steven Spielberg + Stephen King = Stranger Things, in The Portland Mercury, 12 luglio 2016. URL consultato il 20 luglio 2016.
  63. ^ (EN) Aaron B. Peterson, Stranger Things - Series Review, in The Hollywood Outsider, 18 luglio 2016. URL consultato il 20 luglio 2016.
  64. ^ (EN) Dustin Kemp, Stephen King's "Stranger Things" Obsession: This Will Persuade you, in Inquisitr, 19 luglio 2016. URL consultato il 21 luglio 2016.
  65. ^ a b (EN) Gil Kaufman, The Story Behind the 'Stranger Things' Rap 'R.I.P. Barb', in Billboard, 10 agosto 2016. URL consultato il 13 agosto 2016.
  66. ^ (EN) Whitney Brandt, Feeling Meme-ish: Stranger Things, in Paste, 5 agosto 2016. URL consultato il 13 agosto 2016.
  67. ^ (EN) Jo Ellison, Barb: ‘Stranger Things’’ unlikely new style icon, in Financial Times, 9 agosto 2016. URL consultato il 13 agosto 2016.
  68. ^ (EN) Alice Vincent, 'I am Barb': people are sharing their high school photos in solidarity with Stranger Things's most tragic character, in The Telegraph, 10 agosto 2016. URL consultato il 13 agosto 2016.
  69. ^ (EN) Don Reisinger, 'Stranger Things' Gets Old-School PC Game Treatment, in PCMag, Ziff Davis, 30 agosto 2016.
  70. ^ Come sarebbe "Stranger Things” in versione "Peanuts”? Così, in Rolling Stone, 28 ottobre 2016. URL consultato il 28 ottobre 2016.
  71. ^ (EN) Gael Fashingbauer Cooper, 'Stranger Things' meets Peanuts in animated mashup, in cnet, 27 ottobre 2016. URL consultato il 28 ottobre 2016.
  72. ^ (EN) Derek Lawrence, This Stranger Things Demogorgon costume is horrifying enough for Halloween, in Entertainment Weekly, 17 ottobre 2016. URL consultato il 28 ottobre 2016.
  73. ^ (EN) Chloe Melas, 'Stranger Things' star Millie Bobby Brown on being a Halloween costume, in CNN, 25 ottobre 2016. URL consultato il 28 ottobre 2016.
  74. ^ (EN) Golden Globes 2017: The Complete List of Nominations, in The Hollywood Reporter, 12 dicembre 2016. URL consultato il 12 dicembre 2016.
  75. ^ a b (EN) 'Westworld' and 'Saturday Night Live' lead the 2017 Emmy nominations. Here's the complete list, in Los Angeles Times, 13 luglio 2017. URL consultato il 17 luglio 2017.
  76. ^ (EN) Christian Holub, Stranger Things soundtracks score Grammy nods, in Entertainment Weekly, 6 dicembre 2016. URL consultato il 12 dicembre 2016.
  77. ^ (EN) Patrick Hipes, ACE Eddie Awards Nominations: ‘Moonlight’, ‘La La Land’ & ‘Deadpool’ Make Cut, in Deadline, 3 gennaio 2017. URL consultato il 6 gennaio 2017.
  78. ^ (EN) Kristopher Tapley, ‘Moonlight,’ ‘Silence,’ ‘Stranger Things’ Among AFI Awards Official Selections, in Variety, 11 dicembre 2016. URL consultato il 12 dicembre 2016.
  79. ^ (EN) Patrick Hipes, Art Directors Guild Awards Nominations: ‘Rogue One’, ‘Game Of Thrones’ & More, in Deadline, 5 gennaio 2017. URL consultato il 6 gennaio 2017.
  80. ^ (EN) Angela Bennett, 2016 Bram Stoker Awards Final Ballot, in Horror World, 23 febbraio 2017. URL consultato il 17 luglio 2017.
  81. ^ (EN) autoreJack Shepherd, BAFTA TV awards 2017: Winners list in full, in Independent, 15 maggio 2017. URL consultato il 17 luglio 2017.
  82. ^ (EN) Denise Petski, ‘La La Land’, ‘Rogue One’, ‘Hacksaw Ridge’ Among Cinema Audio Society Nominees, in Deadline, 10 gennaio 2017. URL consultato il 10 gennaio 2017.
  83. ^ (EN) Adam Tschorn, 'La La Land,' 'Hidden Figures,' 'Nocturnal Animals,' 'The Crown' among nominees for Costume Designers Guild Awards, in Los Angeles Times, 12 gennaio 2017. URL consultato il 17 luglio 2017.
  84. ^ (EN) Critics' Choice Awards 2016 winners list: La La Land, People v. O.J dominate, in Entertainment Weekly, 11 dicembre 2016. URL consultato il 12 dicembre 2016.
  85. ^ (EN) Patrick Hipes, DGA TV Awards Nominations: ‘Stranger Things’, ‘Westworld’ & ‘Atlanta’ On List; Docus Include ‘OJ: Made In America’, in Deadline, 11 gennaio 2017. URL consultato l'11 gennaio 2017.
  86. ^ (EN) Patrick Hipes, Motion Pictures Sound Editors’ Golden Reel Nominees Announced, in Deadline, 27 gennaio 2017. URL consultato il 27 gennaio 2017.
  87. ^ (EN) Liz Calvario, Motion Pictures Sound Editors’ Golden Reel Awards: ‘Hacksaw Ridge,’ ‘Westworld’ Among Winners – Full List, in Deadline, 19 febbraio 2017. URL consultato il 17 luglio 2017.
  88. ^ (EN) Hollywood Music in Media Award Winners in Film, TV, & Video Games 2017, in SoundtracksAndTrailerMusic.com, 19 novembre 2016. URL consultato il 12 dicembre 2016.
  89. ^ (EN) The 7th Annual Hollywood Music in Media Awards Announces Winners in Film, TV, & Video Games, in hmmawards.com, 18 novembre 2016. URL consultato il 12 dicembre 2016.
  90. ^ (EN) Katharine Trendacosta, Here Are the 2017 Hugo Awards Finalists, in io9.gizmodo.com, 4 aprile 2017. URL consultato il 17 luglio 2017.
  91. ^ (EN) Carolyn Giardina, 'Hidden Figures,' 'La La Land' Among Location Managers Guild Award Nominees, in The Hollywood Reporter, 22 febbraio 2017. URL consultato il 17 luglio 2017.
  92. ^ (EN) Denise Petski, ‘Fantastic Beasts’, ‘La La Land’ Among Make-Up Artists & Hair Stylists Guild Awards Nominees, in Deadline, 11 gennaio 2017. URL consultato l'11 gennaio 2017.
  93. ^ (EN) Crystal Bell, Here Are Your 2017 MTV Movie & TV Awards Nominations: See The Full List, in MTV News, 7 aprile 2017. URL consultato l'11 luglio 2017.
  94. ^ Mario Manca, Mtv Movie and Tv Awards 2017: la notte di Emma e Eleven, in Vanity Fair, 8 maggio 2017. URL consultato l'11 luglio 2017.
  95. ^ (EN) The National Television Awards 2017 – winners in full, in Radio Times, 26 gennaio 2017. URL consultato il 17 luglio 2017.
  96. ^ (EN) Hilary Lewis, Peabody Awards: 'Atlanta,' 'Lemonade,' 'Stranger Things' Among Finalists, in The Hollywood Reporter, 5 aprile 2017. URL consultato il 17 luglio 2017.
  97. ^ (EN) Patrick Hipes, People’s Choice Awards Nominees Set, in Deadline, 15 novembre 2016. URL consultato il 12 dicembre 2016.
  98. ^ (EN) PGA Awards: The Complete Winners List, in The Hollywood Reporter, 28 gennaio 2017. URL consultato il 29 gennaio 2017.
  99. ^ (EN) Gregg Kilday, Satellite Award Nominees Revealed, in The Hollywood Reporter, 29 novembre 2016. URL consultato il 12 dicembre 2016.
  100. ^ (EN) Dave McNary, ‘Rogue One,’ ‘Walking Dead’ Lead Saturn Awards Nominations, in Variety, 2 marzo 2017. URL consultato il 17 luglio 2017.
  101. ^ (EN) Jonathan Barkan, Saturn Awards 2017: The Winners Have Been Announced!, in Dread Central, 28 giugno 2017. URL consultato il 17 luglio 2017.
  102. ^ (EN) The 23rd Annual Screen Actors Guild Awards, in sagawards.org. URL consultato il 30 gennaio 2017.
  103. ^ (EN) SAG Awards: The Complete Winners List, in The Hollywood Reporter, 29 gennaio 2017. URL consultato il 30 gennaio 2017.
  104. ^ (EN) Carolyn Giardina, 'La La Land' Camera Operator Tops SOC Awards, in The Hollywood Reporter, 11 febbraio 2017. URL consultato il 30 giugno 2017.
  105. ^ (EN) Alex Gilyadov, Stranger Things, The Leftovers Among TCA Awards Nominees, in IGN, 19 giugno 2017. URL consultato il 30 giugno 2017.
  106. ^ (EN) Lindsay Macdonald, The Flash and Pretty Little Liars Headline the Teen Choice Awards Nominations, in TV Guide, 19 giugno 2017. URL consultato il 17 luglio 2017.
  107. ^ (EN) Keisha Hatchett, Teen Choice Awards Reveals Full List of Nominees — Did Your Favorite 'Ship Make the Cut?, in TV Guide, 12 luglio 2017. URL consultato il 17 luglio 2017.
  108. ^ (EN) Erik Pedersen, VES Awards: ‘Rogue One’ Leads With 7 Film Noms; ‘Game Of Thrones’ Slays TV Rivals, in Deadline, 10 gennaio 2017. URL consultato il 10 gennaio 2017.
  109. ^ (EN) Denise Petski, WGA TV Nominations: ‘The Americans’, ‘Stranger Things’, ‘Westworld’, ‘This Is Us’ Among Nominees, in Deadline, 5 dicembre 2016. URL consultato il 12 dicembre 2016.

BibliografiaModifica

Collegamenti esterniModifica