Apri il menu principale
Stubbe - Von Fall zu Fall
PaeseGermania
Anno1995-2014
Formatoserie TV
Generepoliziesco
Episodi50
Durata90 min. (episodio)
Lingua originaleTedesco
Crediti
RegiaPeter Kahane
Christa Mühl
Thomas Jacob
SceneggiaturaPeter Kahane
...
Interpreti e personaggi
MusicheJürgen Ecke
Tamás Kahane
Casa di produzioneFernseh GmbH, Polyphon Film- und Fernsehgesellschaft
Prima visione
Prima TV originale
Dal14 ottobre 1995
Al18 gennaio 2014
Rete televisivaZDF
Prima TV in italiano
Dalinedita
Rete televisivainedita

'Stubbe - Von Fall zu Fall' ("Stubbe - Di caso in caso"; titolo alternativo: Von Fall zu Fall - Stubbe[1]) è una serie televisiva tedesca di genere poliziesco, prodotta dal 1995 al 2014 da Fernseh GmbH e da Polyphon Film- und Fernsehgesellschaft[1][2]. Protagonista, nel ruolo di Wilfried Stubbe, è l'attore Wolfgang Stumph; altri interpreti principali sono Lutz Mackensy, Stephanie Stumph, Renate Krößner, Marie Gruber e Margret Homayer.[1][2][3]

La serie, trasmessa dall'emittente ZDF, si compone di 50 episodi, della durata di 90 minuti ciascuno, più uno speciale.[1][3][4][5] Il primo episodio, intitolato Stubbes Erbschaft[5], fu trasmesso in prima visione il 14 ottobre 1995[1][3][5]; l'ultimo, intitolato Mordfall Maria[5], il 18 gennaio 2014[5].

Indice

TramaModifica

Protagonista delle vicende è il commissario capo Wilfried Stubbe, che da Dresda viene trasferito ad Amburgo.[1][3] Ad affiancarlo nelle indagini è il collega Bernd Zimmermann.[1][3]

Premi e riconoscimentiModifica

NoteModifica

  1. ^ a b c d e f g (DE) Stubbe - Von Fall zu Fall - Info, Wunschliste. URL consultato l'8 giugno 2018.
  2. ^ a b (DE) Stubbe - Von Fall zu Fall - Cast & Crew, Fernsehserien.de. URL consultato l'8 giugno 2018.
  3. ^ a b c d e (DE) Stubbe - Von Fall zu Fall - Infos zur Fernsehserie, Fernsehserien.de. URL consultato l'8 giugno 2018.
  4. ^ (DE) Stubbe - Von Fall zu Fall - Episoden, Wunschliste. URL consultato l'8 giugno 2018.
  5. ^ a b c d e (DE) Stubbe - Von Fall zu Fall- Episodenguide, Fernsehserien.de. URL consultato l'8 giugno 2018.

Collegamenti esterniModifica