Sultanato di Pasai

Sultanato Pasai
Dati amministrativi
Nome ufficialeSamudera Darussalam
Lingue ufficialiMalese
CapitalePasai
Politica
Forma di StatoMonarchia
Capo di StatoMalik ul Salih (1267–1297)
Zainal Abidin IV (1514–1517)
Nascita1267 con Malik ul Salih
CausaIncoronazione del primo sultano
Fine1521 con Zainal Abidin IV
CausaInvasione dei portoghesi
Territorio e popolazione
Bacino geograficoSud-est asiatico
Territorio originaleIndonesia
Economia
ValutaMonete Dirham
Religione e società
Religione di StatoIslam sunnita
Pasai.jpg
Mappa di Pasai, odierna Lhokseumawe di Sumatra, provincia di Aceh.
Evoluzione storica
Preceduto daSrivijaya
Succeduto daBendera aceh.svg Sultanato di Aceh
Flag of Portugal (1750).svg Impero portoghese
Ora parte diIndonesia Indonesia

Il Samudera Pasai, noto anche come Samudera, Pasai, Samudera Darussalam o Pacem, fu un regno portuale islamico della costa settentrionale di Sumatra esistito dal XIII al XVI secolo. Si crede che il regno fosse fondato da Merah Silu, che si convertì in seguito all'Islam e adottò il nome di Malik ul Salih nell'anno 1267 d.C.

VI sono poche prove che consentono uno studio storico del regno.[1]

EtimologiaModifica

In base al Hikayat Raja-raja Pasai, 'Samudera' potrebbe essere forse derivade dal termine Semudera ([səmudəra]), ossia "grossa formica".[2] Tale nome fu dato da Merah Silu quando scoprì una formica grande come un gatto mentre stava cacciando su un'"altitudine".[2] Eventualmente, il posto divenne la fondazione di uno stato, il cui nome adottato fu appunto "Semudera".[2]

È teorizzato anche "Samudera" che derivasse da Samudra, che vuol dire "oceano" in sanscrita e Tamil.

La letteratura sopra citata indica anche l'origine del nome "Pasai", che proviene da Si-Pasai, il cane da caccia del Sultano Malik al Salleh, che divenne Merah Silu dopo essersi convertito all'Islam.[2][3] La leggenda narra che il sultano Malik al Salleh, mentre si trovava a caccia con un cane, avesse incontrato un cervo che non ebbe paura del cane, ed anzi gli abbaiò addosso. Stupito, il sultano lo ritenne un buon segno per fondare un nuovo stato per il figlio, il sultano Malik Al Tahir.[3] Il cane morì dopo che lo stato fu fondato.[3] Malik al Salleh lo seppellì lì e arrivò a dare il nome al luogo di sepoltura.[3]

Nel XIV secolo, il viaggiatore italiano Odorico da Pordenone usò il nome Sumoltra per Samudra, e, come conseguenza, gli scrittori europei usarono forme simili del nome per riferirsi alla stessa isola di Sumatra.[4][5]

StoriaModifica

Pasai esportò la sua cultura, e soprattutto la sua lingua — una forma primitiva di malese scritta nell'alfabeto Jawi — a un certo numero di isole of islands; in seguito, tale lingua divenne la lingua franca tra i commercianti delle odierne Indonesia e Malesia.

I musulmani provenienti dall'Arabia de dall'India commerciavano in Indonesia e Cine per molti secoli. Una lapide nella Giava orientale porta una data corrispondente al 1082. Tuttavia, una prova sostanziale dell'Islam in Indonesia apparve per la prima volta nella parte settentrionale del Sumatra alla fine del XIII secolo, dove esistevano due regni islamici commerciali, ovvero quello di Pasai e quello di Peureulak, o Perlak. Una tomba reale del 1297 a Samudra è iscritta interamente in lingua araba. Nel XV secolo, si verificò uno sviluppo di molti regni portuali, tutti dominati da principi islamici locali, dalla costa nord id Giava a oriente fino a Ternate e Tidore nelle Isole Molucche. Marco Polo vi trascorse cinque mesi, e menzionò Ferlec, Basma e Samara (Samudera) nelle sue storie, in quello che sarebbe stato chiamato Il Milione. Un altro famoso viaggiatore, Ibn Battuta, un viaggiatore marocchino, durante il suo viaggio in Cina trascorse 15 giorni a Samudera.

La fondazione dei primi centri islamici in Indonesia era probabilmente il risultato di varie circostante commerciali. Nel XIII secolo, il crollo di Srivijaya portò dei commercianti stranieri ai porti di Sumatra, nel golfo del Bengala, al sicuro dai covi dei pirati all'estremo meridionale dello stretto di Malacca. Il Sumatra settentrionale aveva un entroterra ricco in oro e foreste, oltre che di pepe, che veniva coltivato all'inizio del XV secolo, e fu accessibile a tutti i mercanti dell'arcipelago che volevano incontrare le navi dall'Oceano Indiano.

 
La campan di Cakra Donya fu un dono[6] da Zheng He durante il suo viaggio a Pasai.

Nel 1345, Ibn Battuta visitò Samudra Pasai, dove scrisse nel suo viaggio che il sovrano di quel regno era un islamico e un pio, che fece i suoi doveri religiosi con non poco zelo. Il madh'hab che osservava era l'Imam Al-Shafi‘i. A quel tempo, Samudera Pasai era il confine del Dār al-Islām, perché nessun territorio ad est era governato da un sovrano islamico. Ibn Battuta lodò la gentilezza e l'ospitalità dimostrata dal sultano di Samudera Pasai; lì vi rimase per circa due settimane nella città di mura di legno come ospite del sultano. Trascorse le due settimane, il sultano gli diede una quantità di scorte sufficienti per viaggiare in Cina, dove ci arrivò con una delle giunche del sultano..[7]

Alla fine del XIV, Samudra-Pasai era diventato un fiorente centro commerciale, dando il via a sua volta, nel XV secolo, a un periodo di splendore al porto di Malacca, meglio protetto, nella costa sudovest della penisola malese. Il regno di Majapahit, però, attaccò e saccheggiò il palazzo nel mezzo del XIV secolo.

Il potere economico e politico di Pasai dipendeva quasi interamente dagli stranieri. Probabilmente, i commercianti e insegnanti islamici parteciparono alla sua amministrazione fin dall'inizio, ed erano in grado di introdurre delle pratiche religiose come per sentirsi a casa. Le prime rive islamiche in Indonesia, soprattutto Pasai, erano in un certo senso delle creazioni genuine dell'Islam, che comandavano la lealtà della popolazione locale e incoraggiavano le attività scolastiche. In modo simile, nuovi regni portuali si formarono nella costa settentrionale di Giava. Tomé Pires, autore del Suma Oriental, scrivendo poco dopo il 1511 sulle oscure origini etniche dei fondatori di Cheribon, Demak, Japara, e Gresik. Questi stati costieri servirono come punti di commercio con India e Cina, e soprattutto con Malacca, un importatore del riso giavanese. I sovrani di Malacca, nonostante la loro origine prestigiosa che risale al Srivijaya, accettà l'Islam precisamente per attrarre commercianti islamici e giavanesi nel loro porto.

I portoghesi occuparono Pasai nel 1521, 10 anni dopo la loro conquista di Malacca. Grazie ai portoghesi, il luogo divenne noto in Europe come "Pacem".[8] In seguito, il Sultanato di Aceh avrebbe preso il controllo di Pasai.

Lista dei sovraniModifica

La seguente è la lista dei sovrani che dominarono il Sultanato di Samudera Pasai:-[9]

No Periodo Sultano / Gelar Note ed eventi storici importanti
1 1267–1297 Sultano Malikussaleh (Meurah Silu) Fondatore del Samudra Pasai
2 1297–1326 Sultano Al-Malik azh-Zhahir I / Muhammad I Introdusse le monete d'oro
3 1326 – 133? Sultano Ahmad I Attaccò il regno di Karang Baru, a Tamiang
4 133? – 1349 Sultano Al-Malik azh-Zhahir II Fu visitato da Ibnu Batutah
5 1349–1406 Sultano Zainal Abidin I Il suo regno fu attaccato da Majapahit
6 1406–1428 Ratu Nahrasyiyah Il suo regno segna l'età doro di Samudra Pasai
7 1428–1438 Sultano Zainal Abidin II
8 1438–1462 Sultano Shalahuddin
9 1462–1464 Sultano Ahmad II
10 1464–1466 Sultano Abu Zaid Ahmad III
11 1466–1466 Sultano Ahmad IV
12 1466–1468 Sultano Mahmud
13 1468–1474 Sultano Zainal Abidin III Fu rovesciato dal fratello
14 1474–1495 Sultano Muhammad Syah II
15 1495–1495 Sultano Al-Kamil
16 1495–1506 Sultano Adlullah
17 1506–1507 Sultano Muhammad Syah III Noto per aver avuto due tombe
18 1507–1509 Sultano Abdullah
19 1509–1514 Sultano Ahmad V Presa di Malacca (1511)
20 1514–1517 Sultano Zainal Abidin IV

NoteModifica

  1. ^ Ricklefs, M.C. 1991. A History of Modern Indonesia since c.1300. 2nd Edition, Stanford: Stanford University Press, p. 15. ISBN 0-333-57690-X
  2. ^ a b c d J. P. Mead, A Romanized Version of the Hikayat Raja-Raja Pasai, in Journal of the Straits Branch of the Royal Asiatic Society, n. 66, 1º gennaio 1914, p. 9, JSTOR 41561000.
  3. ^ a b c d J. P. Mead, A Romanized Version of the Hikayat Raja-Raja Pasai, in Journal of the Straits Branch of the Royal Asiatic Society, n. 66, 1º gennaio 1914, p. 17, JSTOR 41561000.
  4. ^ Sir Henry Yule (a cura di), Cathay and the Way Thither: Being a Collection of Medieval Notices of China, Issue 36, pp. 86-87.
  5. ^ William Marsden, History of Sumatra, containing an account of the government (etc.), 1811, pp. 4-10.
  6. ^ Justine Vaisutis, Indonesia, Lonely Planet, January 2007, pp. 419–, ISBN 978-1-74104-435-5.
  7. ^ Ibn Battuta's Trip: Chapter 9 Through the Straits of Malacca to China 1345 – 1346, in The Travels of Ibn Battuta A Virtual Tour with the 14th Century Traveler, Berkeley.edu. URL consultato il 14 giugno 2013 (archiviato dall'url originale il 17 marzo 2013).
  8. ^ Journal of the Malaysian Branch of the Royal Asiatic Society, Volume 33, Parts 1–4. Quote: "The Portuguese knew Pasai as Pacem."
  9. ^ Taqiyuddin Muhammad, Daulah Shalihiyyah Di Sumatera, CISAH, 2011, pp. 115-186.

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Storia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Storia