Apri il menu principale

Sundrarit (V secoloVI secolo) è stato un condottiero, duca longobardo, duca di Pavia, comandante dell'esercito reale, vissuto tra V e VI secolo.

Si formò come guerriero al servizio di re Agilulfo (590-616), che, in seguito, gli concesse il titolo di duca di Pavia e proprietà nell'alta valle del Trebbia, assieme al reddito della metà delle saline del feudo monastico, dove nel 614 venne fondata la celebre Abbazia di Bobbio dall'abate irlandese san Colombano.

Dopo la morte di Agilulfo fu a capo dell'esercito, come generale supremo dei longobardi, per la regina Teodolinda, reggente in nome del figlio minorenne Adaloaldo (616-626) e combatté, tra il 617 e il 619, contro l'esarca bizantino Eleuterio, che aveva iniziato una campagna di guerra, sconfiggendolo[1]. Eleuterio, respinto, dovette acconciarsi a trattare. Ottenne una tregua che confermava l'obbligo del pagamento di 500 libbre d'oro annue già imposto da Agilulfo all'esarca Callinico[2], come anche racconta l'anonimo continuatore del Chronicon di Prospero Aquitano:

(LA)

«Eleutherius adversus Langobardos saepe inito bello vincitur per Sundrarium maxime Longobardorum ducem, qui apud Agilulfum bellicis rebus instructus erat. Animum amiserat Eleutherius et cum saepe suorum ruinam cerneret, pacem cum Longobardis fecit, ca tamen condicione, ut quinque centenaria, quae dudum, cum ad obsidendam Romam Agilulfus rex venisset, per singulos annos dare longobardis statuerant, persolverent Romani.»

(IT)

«Eleuterio, iniziata una guerra con i Longobardi, venne battuto ripetutamente da Sundrarit, generale supremo dei Longobardi, che si era formato alla scuola di Agilulfo. Persosi d’animo di fronte alle frequenti sconfitte dei suoi, stipulò la pace con i Longobardi, però a condizione che i Romani versassero il tributo annuale di cinque centenaria, già stabilito quando re Agilulfo aveva assediato Roma»

(Auctari Auniensis Extrema, 22.)

Indice

NoteModifica

BibliografiaModifica

Fonti primarieModifica

Altre fontiModifica

  • R. Cecci Continuatio Prosperi Haveniensi, in Archivio Muratoriano, XXXII [1922], p. 640
  • "Auctarii Havniensi Extrema", in "Monumenta Germaniae Historica", "Auctores Antiquissimi", IX, Chronica minora, I.
  • "Codice Diplomatico del Monastero di San Colombano sino all'anno MCCVIII", Roma 1918.

Letteratura storiograficaModifica