Apri il menu principale
Sunifredo II
Conte di Urgell
In carica 897 - 948
Predecessore Goffredo I
Successore Mirò I di Barcellona
Nome completo Sunifredo
Nascita verso la fine IX secolo
Morte 948
Padre Goffredo I
Madre Guinidilda d'Empúries
Consorte Adelaide
Figli Borrell
Armengol e
Gisela

Sunifredo, Sunifredo anche in spagnolo, in portoghese e 'in galiziano, Sunifred in francese e in catalano. Sunicfredus in latino (verso la fine IX secolo948), fu conte di Urgell dall'897 alla sua morte.

OrigineModifica

Era il figlio maschio quintogenito del conte d'Urgell, della Cerdagna, di Girona, di Conflent, d'Osona, e di Barcellona, Goffredo il Villoso[1] e di Guinidilda († prima del 904), che, secondo la storica britannica Alison Weir era figlia di Baldovino I delle Fiandre[2], anche secondo la Crónica de San Juan de la Peña, al capitolo XXIII[3] e l'Ex Gestis Comitum Barcinonensium[4] e di Giuditta, la figlia del re dei Franchi occidentali, Carlo il Calvo[5]. Mentre alcuni storici catalani sostengono che fosse d'origine catalana, forse figlia di Mirò I (quindi nipote di Goffredo il Villoso) conte di Rossiglione, oppure di Borrell, Conte di Cerdagna, Urgell e Osona[6] oppure ancora di Sunifredo[7].

Contea di Barcellona
Casato di Barcellona

Goffredo
Figli
Goffredo II Borrell I
Figli
  • Riquilda
Sunyer I
Figli
Mirò I
Borrell II
Figli
Raimondo Borrell III
Figli
Berengario Raimondo I
Figli
Raimondo Berengario I
Figli
  • Arnau di Barcellona
  • Berengario di Barcellona
  • Pietro Raimondo di Barcellona
  • Raimondo Berengario II el Cap d'Estopes ("Testa di Stoppia")
  • Berengario Raimondo II el Fratricida ("il Fratricida")
  • Inès o Agnese di Barcellona
  • Sancha di Barcellona
Raimondo Berengario II
Figli
Berengario Raimondo II
Raimondo Berengario III
Figli
Raimondo Berengario IV
Modifica

BiografiaModifica

 
La penisola iberica nella prima metà del X secolo. La marca di Spagna è vassallo del regno di Francia

Riguardo alla sua origine lo storico catalano Pròsper de Bofarull i Mascaró afferma che viene confermata da una donazione fatta nel 939 dal conte Sunifredo in onore dei suoi genitori che si trova nell'archivio del monastero di San Pablo del Campo[8]. Sunifredo successe al padre, nell'897, quando unitamente ai fratelli Goffredo Borrell (che guidava i fratelli), Miró e Sunyer, ereditò le contee di Barcellona, Girona, Osona, Cerdagna e Urgell, che, in un secondo tempo, furono così divise:

  • a Goffredo Borrell e Sunyer, ancora in minor età, andarono le contee di Barcellona, Girona ed Osona,
  • a Sunifredo la contea d'Urgell, ed
  • a Miró le contee di Cerdagna e Conflent.

Che a Sunifredo fosse toccata la contea di Urgell è confermato ancora dal Bofarull i Mascaró tramite una donazione del 936, fatta assieme alla moglie, dove si definisce conte d'Urgell. Questa notizia è stata tratta dai Capitularia Regnum Francorum di Stephano Baluzio[8].
Da quest'ultima donazione si conosce il nome della moglie, Adelaide, che, ancora secondo il Bofarull i Mascaró, era la figlia di suo fratello Sunyer[8]; questa convinzione è dedotta da una donazione del 907, di una contessa Adelaide (Adalaiz), che si dichiara figlia del conte Sunyer (Suniario) e della contessa Richilde (Richildis), la donazione MMXLII della Coleccion diplomatica del Contado de Besalù, Tomo XV-IV,[9].
Mentre secondo altri era Adelaide di Tolosa, la figlia di Armengol conte di Rouergue[10][11].

Di Sunifredo non si hanno altre notizie.

Alla morte di Sunifredo, nel 948, in quanto i figli maschi gli erano premorti, la contea passò il nipoti, i conti di Barcellona, Mirò I (948-966) e Borrell II (948-992), che, dopo la morte del fratello, regnò da solo.

La moglie, Adelaide, l'anno dopo, si ritirò nel convento di Sant Joan de les Abadesses, vicino a Ripoll[12],

DiscendenzaModifica

Sunifredo e Adelaibe ebbero un[8] figlio, mentre secondo altri ne ebbero tre[10]:

  • Borrell di Urgell (?-dopo il 12 luglio 936, ma molto probabilmente, prima del padre, morto nel 948), che è citato nella donazione di cui sopra, del 936, assieme ai genitori[8]
  • Armengol (?-?), molto probabilmente premorto al padre[12]
  • Gisela che sposò Bernardo di Conflent[12]

NoteModifica

BibliografiaModifica

Fonti primarieModifica

Letteratura storiograficaModifica

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica