Apri il menu principale

Suore francescane dello Spirito Santo

Le Suore Francescane dello Spirito Santo (in francese Franciscaines du Saint-Esprit de Montpellier) sono un istituto religioso femminile di diritto pontificio.[1]

Cenni storiciModifica

La congregazione fu fondata a Saint-Chinian il 19 marzo 1861 da Caroline Baron (1820-1882), in religione madre Francesca dello Spirito Santo, con l'approvazione di Charles-Thomas Thibault, vescovo di Montpellier.[2]

Il 15 aprile 1861 la fondatrice, insieme con quattro compagne, aprì una scuola nel castello di Montpellier, che rimase la casa madre dell'istituto fino al 1895.[2]

Le francescane dello Spirito Santo si diffusero rapidamente nel Mezzogiorno della Francia. La prima casa all'estero fu aperta nel 1903 in Spagna e nel 1940 le prime missionarie della congregazione si stabilirono in Perù.[3]

La congregazione, aggregata all'Ordine dei frati minori cappuccini dal 10 settembre 1920, ricevette il pontificio decreto di lode nel 1930; l'approvazione definitiva dell'istituto e delle sue costituzioni giunse nel 1939.[3]

Attività e diffusioneModifica

Le suore si dedicano principalmente all'istruzione della gioventù e all'assistenza ad ammalati e poveri.[3]

Sono presenti in Europa (Francia, Italia, Spagna), in Africa (Repubblica Centrafricana, Repubblica Democratica del Congo) e nelle Americhe (Colombia, Perù);[4] la sede generalizia è a Miranda de Ebro.[1]

Alla fine del 2008 la congregazione contava 282 religiose in 46 case.[1]

NoteModifica

  1. ^ a b c Ann. Pont. 2010, p. 1571.
  2. ^ a b Mariano d'Alatri, DIP, vol. IV (1977), col. 442.
  3. ^ a b c Mariano d'Alatri, DIP, vol. IV (1977), col. 443.
  4. ^ Casas, su franciscanasmontpellier.org. URL consultato il 23 settembre 2013.

BibliografiaModifica

  • Annuario Pontificio per l'anno 2010, Libreria Editrice Vaticana, Città del Vaticano 2010. ISBN 978-88-209-8355-0.
  • Guerrino Pelliccia e Giancarlo Rocca (curr.), Dizionario degli Istituti di Perfezione (DIP), 10 voll., Edizioni paoline, Milano 1974-2003.

Collegamenti esterniModifica

  Portale Cattolicesimo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cattolicesimo