Apri il menu principale

Suore della Provvidenza rosminiane

Le Suore della Provvidenza Rosminiane (in latino Congregatio Sororum a Providentia) sono un istituto religioso femminile di diritto pontificio: le suore di questa congregazione pospongono al loro nome la sigla S.P.R.[1]

Cenni storiciModifica

 
Antonio Rosmini

La congregazione fu fondata nel 1832 dal sacerdote e filosofo Antonio Rosmini:[2] le prime religiose furono reclutate nelle valli dell'alto Novarese dal missionario rosminiano lorenese Jean-Baptiste Loevenbruck e la loro formazione fu affidata alle suore della Provvidenza di Portieux, dalle quali l'istituto prese la denominazione.[3]

La prima casa e il noviziato della congregazione furono stabiliti inizialmente a Locarno; la sede centrale fu poi trasferita a Domodossola e, nel 1856, a Borgomanero.[3]

Le suore rosminiane si diffusero rapidamente in varie regioni d'Italia, soprattutto in Piemonte e in Lombardia; nel 1843 fu aperta la prima casa all'estero, a Loughborough, e nel 1955 le religiose iniziarono a lavorare nelle missioni in Tanzania e Venezuela.[4]

Rosmini diresse personalmente, come superiore, la congregazione: anche se lo stesso fondatore aveva designato una superiora, la "carissima madre" Giovanna Antonietti, Rosmini e i suoi successori nella carica di preposito generale dell'Istituto della Carità continuarono a dirigere le suore assistendo la superiora generale e il suo consiglio.[3]

L'istituto ricevette il pontificio decreto di lode l'8 aprile 1946 e le sue costituzioni furono approvate definitivamente il 6 aprile 1959.[2]

Attività e diffusioneModifica

Il fine dell'istituto è la carità del prossimo in qualsiasi forma, secondo gli inviti della Chiesa. In particolare, le suore si dedicano all'istruzione e all'educazione della gioventù, alla cura di orfani, anziani e ammalati, al lavoro nelle parrocchie e nelle missioni.[3]

Oltre che in Italia, le suore sono presenti in Irlanda, Regno Unito, Tanzania e Venezuela:[5] la sede generalizia è in via Aurelia a Roma.[1]

Alla fine del 2011, la congregazione contava 264 religiose in 37 case.[1]

NoteModifica

  1. ^ a b c Ann. Pont. 2013, p. 1617.
  2. ^ a b Ave Franchi, DIP, vol. VII (1983), col. 1091.
  3. ^ a b c d Ave Franchi, DIP, vol. VII (1983), col. 1092.
  4. ^ Ave Franchi, DIP, vol. VII (1983), col. 1093.
  5. ^ Rosminiane-Suore della Provvidenza, su webdiocesi.chiesacattolica.it. URL consultato il 30 settembre 2016.

BibliografiaModifica

  • Annuario pontificio per l'anno 2013, Libreria Editrice Vaticana, Città del Vaticano 2013. ISBN 978-88-209-9070-1.
  • Guerrino Pelliccia e Giancarlo Rocca (curr.), Dizionario degli Istituti di Perfezione (DIP), 10 voll., Edizioni paoline, Milano 1974-2003.
  Portale Cattolicesimo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cattolicesimo