Suore dello Spirito Santo (Ariano Irpino)

congregazione cattolica femminile
Stemma della Congregazione

Le Suore dello Spirito Santo sono un istituto religioso femminile di diritto pontificio.[1]

Cenni storiciModifica

La congregazione deriva dal monastero delle Benedettine Cassinesi di Ariano Irpino, presso il quale esisteva anche un educandato. Il monastero venne soppresso il 7 luglio 1866 e le benedettine, per poter continuare la loro attività, chiesero al vescovo Francesco Trotta di trasformare la comunità monastica in congregazione religiosa: la congregazione venne eretta con decreto dell'8 dicembre 1877.[2]

Il nuovo vescovo di Ariano, il lazzarista Andrea D'Agostino, riorganizzò la congregazione e diede alle suore delle nuove costituzioni, più consone alla loro attività educativa. Per questo, assieme a Giuseppina Arcucci, prima superiora generale della congregazione, D'Agostino è considerato fondatore delle suore dello Spirito Santo.[2]

L'istituto venne approvato dalla Santa Sede il 23 dicembre 1948[3]. Nella casa madre di Ariano Irpino sono ubicati il sepolcro della fondatrice[4] e il museo "Arcucci" a lei dedicato[5].

Attività e diffusioneModifica

Le religiose si dedicano principalmente all'istruzione e all'educazione cristiana della gioventù e ad altre opere caritative.[3]

Oltre che in Italia, la congregazione è presente, dal 1986, nelle Filippine (fino al 1974 era presente anche in Canada)[3] nonché, dal 2002, in Indonesia[6]. La sede generalizia è a Roma.[1]

Alla fine del 2008 la congregazione contava 100 religiose in 11 case.[1]

NoteModifica

  1. ^ a b c Ann. Pont. 2010, p. 1683.
  2. ^ a b L. Chierotti, DIP, vol. VIII (1988), col. 2021.
  3. ^ a b c L. Chierotti, DIP, vol. VIII (1988), col. 2022.
  4. ^ Il museo "Arcucci", su Ariano Sacra. URL consultato il 14 ottobre 2017 (archiviato il 26 febbraio 2017).
  5. ^ Museo "Giuseppina Arcucci", su Touring Club. URL consultato il 14 ottobre 2017 (archiviato il 14 ottobre 2017).
  6. ^ Indonesia - Maumere, su Suore dello Spirito Santo. URL consultato l'11 ottobre 2017 (archiviato l'11 ottobre 2017).

BibliografiaModifica

  • Annuario Pontificio per l'anno 2010, Libreria Editrice Vaticana, Città del Vaticano 2010. ISBN 978-88-209-8355-0.
  • Guerrino Pelliccia e Giancarlo Rocca (curr.), Dizionario degli Istituti di Perfezione (DIP), 10 voll., Edizioni paoline, Milano 1974-2003.

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Cattolicesimo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cattolicesimo