Super Smash Bros. Melee

videogioco del 2001
Super Smash Bros. Melee
videogioco
Super Smash Bros Melee promo.jpg
Panoramica dei personaggi
PiattaformaNintendo GameCube
Data di pubblicazioneGiappone 21 novembre 2001
Stati Uniti 3 dicembre 2001
Europa 24 maggio 2002
Australia 31 maggio 2002
GenerePicchiaduro a incontri
OrigineGiappone
SviluppoHAL Laboratory
PubblicazioneNintendo
DirezioneMasahiro Sakurai
ProduzioneMasayoshi Tanimura, Hiroaki Suga, Shigeru Miyamoto, Kenji Miki
DesignMasahiro Sakurai, Hitoshi Kobayashi
ProgrammazioneYoshiki Suzuki
MusicheHirokazu Ando, Shogo Sakai, Tadashi Ikegami, Takuto Kitsuta
Modalità di giocoSingolo giocatore, multigiocatore (fino a 4)
Periferiche di inputGamepad
Fascia di etàCEROA · DJCTQ: 14 · ELSPA: 11-14 · ESRBT · OFLC (AU): G8+ · PEGI: 3+ · USK: 12
SerieSuper Smash Bros.
Preceduto daSuper Smash Bros.
Seguito daSuper Smash Bros. Brawl

Super Smash Bros. Melee è un videogioco per la console Nintendo GameCube.

È stato uno dei primi giochi usciti al lancio della console. È un picchiaduro dove i personaggi più famosi di proprietà della Nintendo (tra i quali spiccano personaggi da serie come Mario, The Legend of Zelda, Pokémon e F-Zero) combattono in vari scenari provenienti dalle rispettive serie di videogiochi.

Il primo capitolo della serie, Super Smash Bros., era uscito nel 1999 per la console Nintendo 64.

Con 7.09 milioni di copie vendute nel mondo, è attualmente il videogioco più venduto in assoluto per Nintendo GameCube secondo i dati del Guinness World Records.

Secondo IGN è uno dei migliori videogiochi di tutti i tempi.

Nel 2008 è stato pubblicato il sequel per Nintendo Wii, Super Smash Bros. Brawl.

Modalità di giocoModifica

Lo scopo generale del gioco (escludendo le numerose modalità) è quello di buttare fuori dallo scenario i propri avversari; diversamente dalla solita "barra di vita" dei classici picchiaduro, il danno qui è calcolato attraverso un sistema di percentuale, che aumenta con ogni colpo subito. Più è alta la percentuale, più il personaggio cui fa riferimento si alleggerisce divenendo quindi più facile da scaraventare fuori dallo schermo.

La modalità di gioco in singolo è suddivisa in Classic mode, dove si combatte contro gli avversari in vari livelli fino al nemico finale Master Hand (assieme a Crazy Hand nei livelli più difficili), e l'Adventure mode, dove si prosegue in grandi piattaforme fino alla fine usando le capacità dei personaggi. Ci sono svariati livelli di gioco nell'avventura, e alla fine si deve battere Bowser, il classico nemico di Mario.

Altre modalità introdotte sono gli "Eventi" e la "Modalità All Star". La prima si suddivide in un vasto numero di sfide per il giocatore (in tutto 51) ,da giocare con un personaggio imposto o a scelta, alla fine delle quali si sfiderà nell'ultimo evento Giga Bowser, Ganondorf e Mewtwo. La seconda consiste nel combattere contro tutti i personaggi del gioco con un'unica vita e con pochi strumenti di recupero, presenti solo nella zona intermedia delle sfide.

Il Gameplay di questo piccolo "museo ambulante" non rispecchia pienamente il cliché del classico picchiaduro, si discosta dal genere venendo più influenzato dal gameplay di un party-game. Le mosse in sé non richiedono complicate sequenze di tasti, basta la semplice pressione del tasto B accompagnato da un direzione per effettuare le quattro mosse speciali uniche per ogni personaggio, o la pressione del tasto A più una direzione per eseguire una smash (che può anche essere caricata per sprigionare una potenza inarrestabile). Il salto doppio (o triplo se contiamo quella che più o meno per ogni personaggio costituisce un effettivo terzo salto, SU + B), le prese, lo scudo, la schivata e l'utilizzo di oggetti molteplici oggetti completano il gameplay. Gli oggetti annoverano ogni meraviglia del mondo Nintendo: Mazze Da Baseball, Spade Laser, Pokéball, Bob-omb, Warp Star, Treasure Scoop, Green Shell e Red Shell sono solo alcuni degli oggetti a disposizione. Le modalità poi sono molteplici, in Singolo sono presenti dall'avventura, agli event match ai minigiochi.

La modalità multigiocatore è ovviamente infinita, secondo la classica tradizione Nintendo. Punto di forza del gioco è indubbiamente la componente multiplayer. Anche qui le modalità sono molte e varie, inoltre è possibile effettuare scontri con 4 personaggi contemporaneamente sullo schermo.

TrofeiModifica

Oltre alle modalità principali c'è anche la raccolta di trofei. I trofei sono statuette di personaggi, accessori o oggetti collezionabili nel gioco. Quasi ogni azione viene premiata con alcuni gettoni che possono essere spesi nella lotteria per ottenere i trofei.

Ci sono 293 trofei nella versione nord americana e in quella Giappone se mentre in quella PAL ce ne sono 290. I tre trofei in più sono Tamagon di Devil World (commercializzato solo in Giappone), Samus Aran senza il suo casco e Mario che cavalca Yoshi. I modi per ottenere trofei, oltre spendendo gettoni alla lotteria, sono svariati e imprevedibili: si passa dal vincerli con determinati punti nell'Home-Run Contest fino alla sopravvivenza di 15 minuti del Multi-Man Melee.

MinigiochiModifica

Oltre ai classici combattimenti contro amici o contro il computer, esistono tre minigiochi che si distaccano dal tema della lotta. Essi sono:

  • Home-Run Contest: in questa modalità l'obiettivo consiste nell'infliggere il più alto danno possibile al Sandbag (sacco d'allenamento), posizionato in una piattaforma, dopodiché colpire con l'Home-Run Bat il sacco, che volerà lontano. L'obiettivo è farlo atterrare il più lontano possibile. Nella versione PAL (europea) la distanza è misurata in metri, in quella americana si usano i "feet" (piedi). Alcuni professionisti sono riusciti a fare 9999.9 piedi con Ganondorf (nella versione americana e in quella giapponese è possibile, per mezzo di un bug, raggiungerli anche con gli Ice Climbers).
  • Target Test: nel tempo limite di due minuti, bisogna colpire con il proprio personaggio i 10 bersagli presenti nello stage (variano da personaggio a personaggio). Se il tempo è buono, si viene premiati con dei trofei.
  • Multi-Man Melee: questa modalità è un survivor di resistenza contro un gran numero di avversari e si divide in: 10-Man Melee, 100-Man Melee, 3-Minute Melee, 15-Minute Melee, Endless Melee e Cruel Melee. Come si intuisce dai nomi, bisogna rispettivamente: uccidere 10 nemici (i Wire Frames), ucciderne 100, sopravvivere per 3 minuti, sopravvivere per 15 minuti, ucciderne il più possibile e combattere contro delle versioni molto più potenti dei Wire Frames.

PersonaggiModifica

Sono presenti nel gioco tutti i personaggi di Super Smash Bros., sia gli 8 giocabili sin dall'inizio che i 4 sbloccabili, con l'unica differenza che 2 dei 4 sbloccabili sono disponibili sin dall'inizio; in più sono stati aggiunti altri 9 personaggi sbloccabili per un totale di 25.

Inoltre ci sono tre boss non utilizzabili: Master Hand e Crazy Hand (nei livelli più difficili possono combattere insieme), e Giga Bowser, una versione ingrandita di Bowser. Nemici comuni sono i Fighting Wire Frames.

Appare per la prima volta il personaggio di Sandbag, per il minigioco Home-Run Contest

Serie Personaggi
Super Mario Bros.
Super Smash Bros
The Legend of Zelda
Donkey Kong
Pokémon
Kirby
Yoshi's Island
Star Fox
Metroid
F-Zero
Fire Emblem
EarthBound (Mother)
Ice Climber
  • Ice Climbers
Game & Watch

IndiscrezioniModifica

Sonic e TailsModifica

Nel numero di aprile 2002, la rivista di videogiochi Electronic Gaming Monthly disse, ingannando molti giocatori, che i personaggi del famoso gioco SEGA (Sonic e Tails) erano sbloccabili[2]. Per averli era necessario uccidere 20 nemici nella modalità Cruel Mode; poi Sonic e Tails sarebbero comparsi e dopo averli battuti sarebbero stati utilizzabili. Si trattava, come era possibile dedurre dalla data di pubblicazione della rivista, di un pesce d'aprile.[3]

Sonic è un personaggio giocabile nel sequel Super Smash Bros. Brawl, mentre Tails compare solo come trofeo collezionabile.

ToadModifica

Toad è usato da Peach come arma di difesa nelle battaglie. Sono cominciate a circolare delle voci che Toad sarebbe stato sbloccabile se si fossero colpiti tutti i crediti finali, ma sono false.[2]

NoteModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Nintendo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Nintendo