Supermercato

tipologia di esercizio commerciale
Disambiguazione – Se stai cercando la sitcom italiana, vedi Il supermercato.
Disambiguazione – "Supermarket" rimanda qui. Se stai cercando altri significati, vedi Supermarket (disambigua).

Il supermercato[1] è un punto vendita della grande distribuzione organizzata (GDO). È caratterizzato dall'essere un punto vendita al dettaglio self-service di prodotti di largo consumo con una superficie compresa tra 400  e i 2 500 m².

Supermercato brasiliano a San Paolo

Caratteristiche dell'attività modifica

Il fatturato è il principale indicatore della dimensione di un supermercato e della sua capacità di "fare massa" (massa critica), per avere un forte potere contrattuale verso i fornitori e ottenere prezzi più bassi.

Per l'elevato afflusso di liquidità, la grande distribuzione è un'attività che si è pensato di abbinare a quella . Gli incassi divengono in parte depositi della banca, che servono ad espandere il credito con riserva frazionaria. Un solido esempio è la Unipol e la Lega delle Cooperative.[senza fonte]

All'interno di un gruppo di società, il supermercato fornisce la liquidità necessaria a pagare i salari, i fornitori e gli altri costi, riducendo il ricorso a temporanei indebitamenti con le banche per il pagamento delle spese correnti (indice di una gestione negativa dell'impresa). In questo senso aumenta l'autonomia finanziaria di una società.

Lo sfasamento temporale fra gli incassi e il pagamento dei fornitori consente per brevi periodi di disporre di una notevole liquidità che può essere reinvestita con profitto dal personale che si occupa di finanza all'interno della grande distribuzione. I ritardi nel pagamento dei fornitori possono dipendere da una momentanea crisi di liquidità, ma anche dal fatto che questa viene impegnata con profitto altrove.

Il supermercato in genere dispone di posti per carne fresca o altri prodotti freschi, latticini, prodotti di gastronomia, prodotti da forno e altri prodotti alimentari. Lo spazio sugli scaffali è riservato anche ai prodotti in scatola e confezionati e a vari articoli non alimentari come stoviglie, detergenti per la casa, prodotti farmaceutici e articoli per animali domestici. Alcuni supermercati vendono anche altri prodotti per la casa consumati regolarmente, come alcol (dove consentito), medicine e abbigliamento, mentre alcuni vendono una gamma molto più ampia di prodotti non alimentari: DVD, attrezzature sportive, giochi da tavolo e articoli stagionali (carta da regalo natalizia, uova di Pasqua, uniformi scolastiche, regali a tema San Valentino, regali per la festa della mamma, regali per la festa del papà e Halloween).

Spesso, ad esempio, i supermercati vendono questi prodotti stagionali con largo anticipo; le uniformi scolastiche possono essere vendute prima dell'inizio delle vacanze estive nella regione e i regali di Natale possono apparire sugli scaffali prima che arrivi Halloween.

Un supermercato più grande a servizio completo combinato con un grande magazzino è talvolta noto come ipermercato. Altri servizi possono includere quelli di banche, bar, centri per l'infanzia/asili nido, assicurazioni (e altri servizi finanziari), vendita di telefoni cellulari, elaborazione di foto, noleggio di film, farmacie e stazioni di servizio. Se il punto di ristoro in un supermercato è sufficientemente consistente, la struttura può essere chiamata "grocerant" ("drogheria"), una combinazione di "grocery" e "restaurant"[2].

Il supermercato tradizionale occupa una grande superficie, solitamente su un unico livello. Di solito è situato vicino a una zona residenziale per essere comodo per i consumatori. L'attrattiva fondamentale è la disponibilità di un'ampia scelta di prodotti sotto un unico tetto, a prezzi relativamente bassi. Altri vantaggi includono la facilità di parcheggio e spesso la comodità di orari di shopping che si estendono fino alla sera o addirittura 24 ore al giorno. I supermercati solitamente stanziano ingenti budget per la pubblicità, tipicamente attraverso giornali e televisione. Presentano anche elaborate esposizioni di prodotti in negozio.

I supermercati sono tipicamente catene di negozi, rifornite dai centri di distribuzione delle loro società madri, aumentando così le opportunità di economie di scala. I supermercati solitamente offrono prodotti a prezzi relativamente bassi sfruttando il loro potere d’acquisto per acquistare beni dai produttori a prezzi inferiori rispetto ai negozi più piccoli. Riducono inoltre al minimo i costi di finanziamento pagando la merce almeno 30 giorni dopo la ricezione e alcuni estraggono termini di credito di 90 giorni o più dai fornitori. Alcuni prodotti (tipicamente alimenti di base come pane, latte e zucchero) vengono venduti molto occasionalmente come "loss leader" (una strategia di prezzo in cui un prodotto viene venduto a un prezzo inferiore al suo costo di mercato[3]) in modo da attirare acquirenti nel loro negozio. I supermercati compensano i loro bassi margini con un elevato volume di vendite e con articoli a margine più elevato acquistati dai clienti. Il self-service con carrelli della spesa o cestini riduce i costi di manodopera e molte catene di supermercati stanno tentando un’ulteriore riduzione passando alle casse self-service.

Storia modifica

 
Il Piggly Wiggly store (a Memphis, nel Tennessee) nel 1918. Il primo supermercato (di frutta e verdura) al mondo, aperto nel 1916.

Il primo supermercato aprì negli Stati Uniti nel 1916, nel Tennesse[4][5].

Storicamente, i primi rivenditori erano venditori ambulanti che commercializzavano la loro merce per le strade; tuttavia, negli anni '20, le vendite di prodotti alimentari al dettaglio negli Stati Uniti si erano spostate principalmente verso piccoli negozi di alimentari all'angolo[6]. A quell'epoca, il modello di business standard del commercio al dettaglio di generi alimentari prevedeva che un impiegato andasse a prendere i prodotti dagli scaffali dietro il bancone del commerciante mentre i clienti aspettavano davanti al bancone, indicando gli articoli che desideravano[6]. La maggior parte degli alimenti e delle merci non venivano forniti in confezioni di dimensioni consumer confezionate singolarmente, quindi l'impiegato doveva misurare e confezionare la quantità precisa desiderata[6]. I commercianti non pubblicavano i prezzi, il che costringeva i clienti a contrattare e contrattare con gli impiegati per raggiungere prezzi equi per i loro acquisti[6]. Questo modello di business era già consolidato in Europa da diversi secoli. Offriva ampie opportunità di interazione sociale: molti consideravano questo stile di shopping come "un'occasione sociale" e spesso "si fermavano per conversare con il personale o altri clienti"[7].

Queste pratiche erano per natura lente, richiedevano un’elevata intensità di manodopera ed erano piuttosto costose. Il numero di clienti che potevano essere assistiti contemporaneamente era limitato dal numero del personale impiegato nel negozio. Fare la spesa spesso comportava anche viaggi in più negozi specializzati, come un fruttivendolo, una macelleria, una panetteria, una pescheria e un negozio di prodotti secchi, oltre a un emporio. Il latte e altri prodotti di breve durata venivano consegnati da un lattaio.

Il concetto di un mercato alimentare poco costoso che si basa sulle economie di scala è stato sviluppato da Vincent Astor. Fondò l'Astor Market nel 1915, investendo 750.000 dollari della sua fortuna in un angolo di 165′ x 125′ (50×38 metri) tra la 95esima e Broadway, Manhattan, creando, in effetti, un mini-centro commerciale all'aperto che vendeva carne, frutta, altri prodotti alimentari e fiori[8]. L'aspettativa era che i clienti arrivassero da grandi distanze ("miglia intorno"), ma alla fine, anche attirare persone da dieci isolati di distanza era difficile, e il mercato crollò nel 1917[9][10][11].

La Great Atlantic & Pacific Tea Company (A&P), fondata nel 1859, è stata una delle prime catene di negozi di alimentari in Canada e negli Stati Uniti. Divenne comune nelle città del Nord America negli anni '20. Le prime catene come A&P non vendevano carne fresca o prodotti agricoli. Durante gli anni '20, per ridurre il fastidio di visitare più negozi, le catene di negozi di alimentari statunitensi come A&P introdussero il negozio combinato[12]. Si trattava di un negozio di alimentari che riuniva diversi reparti sotto lo stesso tetto, ma generalmente manteneva il tradizionale sistema di commessi che prelevavano i prodotti dagli scaffali su richiesta[12]. Nel 1929, solo un negozio di alimentari su tre negli Stati Uniti era un negozio combinato[12].

Il concetto di negozio di alimentari self-service è antecedente al supermercato; fu sviluppato dall'imprenditore Clarence Saunders nei suoi negozi Piggly Wiggly, il primo dei quali aprì nel 1916[13]. Saunders ottenne diversi brevetti per le idee che incorporò nei suoi negozi[14][15][16][17]. I negozi furono un successo finanziario e Saunders iniziò a offrire franchising.

Da allora la tendenza generale è stata quella di rifornire gli scaffali durante la notte in modo che i clienti, il giorno successivo, possano ritirare la propria merce e portarla davanti al negozio per pagarla.

Storicamente si è discusso molto sull’origine del supermercato. Ad esempio, le catene di negozi di alimentari della California meridionale Alpha Beta e Ralphs hanno entrambe forti pretese di essere il primo supermercato[18]. Nel 1930, entrambe le catene gestivano già più negozi di alimentari self-service da 1.100 [18]. Tuttavia, nel 1930, entrambe le catene non erano ancora veri e propri supermercati in senso moderno perché i loro prezzi rimanevano piuttosto alti[18]; Una delle caratteristiche più importanti che definiscono il supermercato è il cibo a buon mercato[19]. Il loro principale punto di forza era il parcheggio gratuito[18]. Altri forti contendenti in Texas includevano Weingarten's e Henke & Pillot[20].

Per porre fine al dibattito, il Food Marketing Institute, in collaborazione con lo Smithsonian Institution e con il finanziamento di HJ Heinz, ha studiato la questione. Hanno definito gli attributi di un supermercato come "self-service, reparti prodotti separati, prezzi scontati, marketing e vendite in grande quantità"[21]. Stabilirono che il primo vero supermercato negli Stati Uniti fu aperto da un ex dipendente della Kroger, Michael J. Cullen, il 4 agosto 1930, all'interno di un ex garage di 560 m2 in Jamaica, nel Queens, nella città di New York[21][22]. Il negozio King Kullen operava secondo la logica di "accumularlo e venderlo a buon mercato"[19]. Il layout è stato progettato da Joseph Unger, che ha ideato il concetto di clienti che utilizzano cestini per raccogliere la spesa prima di effettuare il check-out allo sportello. Ciò che era esposto in vendita nel negozio "aveva i prezzi chiaramente indicati", il che significa che i consumatori non avrebbero più avuto bisogno di contrattare sui prezzi[19]. Cullen descriveva questo negozio come "il più grande distruttore di prezzi al mondo"[19][23]. Al momento della sua morte nel 1936, c'erano diciassette negozi King Kullen in funzione. Sebbene Saunders avesse portato al mondo il self-service, i negozi di uniformi e il marketing a livello nazionale, Cullen ha sviluppato questa idea aggiungendo reparti alimentari separati, vendendo grandi volumi di cibo a prezzi scontati e aggiungendo un parcheggio[21].

I primi supermercati come King Kullen erano chiamati "mercati economici" dagli esperti del settore dell'epoca; questo fu presto sostituito dalla frase "super mercato"[19]. La frase composta venne poi chiusa fino a diventare il termine moderno "supermercato"[13].

Altre catene di alimentari americane affermate negli anni '30, come Kroger e Safeway Inc. inizialmente resistettero all'idea di Cullen, ma alla fine furono costrette a costruire i propri supermercati mentre l'economia sprofondava nella Grande Depressione. I consumatori americani divennero straordinariamente sensibili ai prezzi a un livello mai sperimentato prima[21]. Kroger fece un ulteriore passo avanti con l'idea e fu il pioniere del primo supermercato circondato su tutti e quattro i lati da un parcheggio[21]. Una volta che le grandi catene si unirono alla tendenza dei supermercati, il nuovo formato di vendita al dettaglio si diffuse. Il numero di supermercati americani divenne quasi triplicato, passando da 1.200 in 32 stati nel 1936 a oltre 3.000 in 47 stati nel 1937[19]. Nel 1950 erano ben oltre 15.000[24]. Un segno del successo del formato supermercato nel ridurre i costi del lavoro, le spese generali e i prezzi dei prodotti alimentari è stato il fatto che la percentuale del reddito disponibile speso dai consumatori americani per il cibo è crollata “dal 21% nel 1930 al 16% nel 1940”[19]. L’era moderna del “cibo a buon mercato” era iniziata[19].

Quando le grandi catene di negozi iniziarono a dominare il panorama alimentare americano con le loro basse spese generali e i prezzi bassi (schiacciando al tempo stesso numerosi piccoli negozi indipendenti lungo il percorso), una reazione a questa radicale alterazione delle infrastrutture di distribuzione alimentare apparve sotto forma di numerose campagne anti-catene. L’idea del “monopsonio”, proposta dall’economista di Cambridge Joan Robinson nel 1933, secondo cui un singolo acquirente potrebbe avere la meglio su un mercato di più venditori, divenne un forte espediente retorico anti-catena. Con la reazione pubblica è arrivata la pressione politica per uniformare il campo di gioco per i venditori più piccoli che non possono permettersi il lusso delle economie di scala. Nel 1936, il Robinson-Patman Act fu implementato come un modo per impedire a catene così grandi di usare il loro potere d'acquisto per ottenere vantaggi rispetto ai piccoli negozi, sebbene l'atto non fosse ben applicato e non avesse molto impatto su tali catene[25].

I supermercati proliferarono rapidamente sia in Canada che negli Stati Uniti con la crescita della proprietà automobilistica e dello sviluppo suburbano dopo la seconda guerra mondiale. La maggior parte dei supermercati nordamericani si trova nei centri commerciali suburbani come negozio di riferimento insieme ad altri rivenditori più piccoli. Sono generalmente regionali piuttosto che nazionali nel marchio della loro azienda.

In Canada, la più grande azienda di questo tipo è Loblaw, che gestisce negozi con una varietà di insegne mirate a diversi segmenti e regioni, tra cui Fortinos, Zehrs, No Frills, Real Canadian Superstore e Loblaws, la fondazione dell'azienda. Il primo supermercato del Québec fu aperto nel 1934 a Montréal, sotto l'insegna Steinberg's[26].

Nel Regno Unito, lo shopping self-service ha impiegato più tempo per affermarsi. Ancora nel 1947 nel paese esistevano solo dieci negozi self-service[27]. Nel 1951, l'ex marinaio della Marina statunitense Patrick Galvani, genero del presidente di Express Dairies, propose al consiglio di amministrazione di aprire una catena di supermercati in tutto il paese. Il primo supermercato del Regno Unito con il nuovo marchio Premier Supermarkets aprì a Streatham, nel sud di Londra[28], prendendo dieci volte di più a settimana rispetto all'emporio britannico medio dell'epoca. Altre catene presero piede, e dopo che Galvani perse nel 1960 contro Jack Cohen di Tesco per acquistare la catena 212 Irwin's, il settore subì un grande consolidamento, dando vita ai "quattro grandi" dominanti nel Regno Unito di oggi: Tesco, Asda, Sainsbury's e Morrison.

Negli anni '50, i supermercati emettevano spesso francobolli commerciali come incentivi per i clienti. Oggi, la maggior parte delle catene emette "tessere associative", "tessere club" o "carte fedeltà" specifiche del negozio. Questi in genere consentono al titolare della carta di ricevere sconti speciali riservati ai membri su determinati articoli quando il dispositivo simile a una carta di credito viene scansionato alla cassa[29]. Le vendite di dati selezionati generati dalle carte club stanno diventando un flusso di entrate significativo per alcuni supermercati.

In molti paesi i supermercati tradizionali devono affrontare una forte concorrenza da parte di discount come Wal-Mart, Aldi e Lidl, che in genere non sono sindacalizzati e operano con un migliore potere d'acquisto. Esiste altra concorrenza da parte di club di magazzino come Costco che offrono risparmi ai clienti che acquistano in grandi quantità. I supermercati, come quelli gestiti da Wal-Mart e Asda, offrono spesso un'ampia gamma di beni e servizi oltre agli alimenti. In Australia, Aldi, Woolworths e Coles sono i principali attori che gestiscono il settore con una forte concorrenza tra tutti e tre. La crescente quota di mercato di Aldi ha costretto gli altri due a tagliare i prezzi e ad aumentare la gamma di prodotti a marchio del distributore[30]. La proliferazione di tali magazzini e ipermercati ha contribuito alla continua scomparsa di piccoli negozi di alimentari locali, alla crescente dipendenza dall'automobile e all'espansione suburbana a causa della necessità di grandi superfici e dell'aumento del traffico veicolare. Ad esempio, nel 2009 il 51% delle vendite interne di Wal-Mart, pari a 251 miliardi di dollari, provenivano da prodotti alimentari[31]. Alcuni critici considerano anticoncorrenziale la pratica comune delle catene di vendere con il metodo "loss leader". Sono anche diffidenti nei confronti del potere negoziale che le grandi, spesso multinazionali, hanno con i fornitori di tutto il mondo.[32].

Eurozona modifica

A partire dal secondo dopoguerra cominciarono ad affermarsi in Europa catene di supermercati formate da società cooperative, a volte con la denominazione "Coop" (come la Coop italiana, quella svizzera, quella norvegese, etc.).

 
Negozio S-market con servizio 24 ore su 24, 7 giorni su 7 a Klaukkala, Finlandia, 2022.

Tra il 1973 e il 1985, a causa delle due crisi petrolifere, si verificò in tutto l'occidente una crescita dell'inflazione fino al 20-25% che annullò il potere di acquisto ottenuto dai lavoratori dipendenti con gli aumenti salariali di quel periodo. Analoga impennata dei prezzi si manifestò nel periodo dell'introduzione dell'euro, nei paesi aderenti all'eurozona. Mentre i supermercati aderirono ai programmi del Governo di conversione lira/euro per calmierare i prezzi, un controllo sulla piccola distribuzione si mostrò oggettivamente difficile. I prezzi in Italia risultano aumentati anche più del doppio dal 2002 al 2022[33], con un adeguamento al costo della vita quasi uguale a quello dei paesi del Nordeuropa.[34]

A partire dagli anni '90-2000 cominciarono a riscuotere successo i discount, tra cui la catena tedesca Lidl si è imposta a livello europeo.

Italia modifica

Una catena italiana molto famosa è stata la Standa, che nel 1988 entrò a far parte del gruppo Fininvest e divenne un vero e proprio fenomeno di costume (con il celebre slogan "La Casa degli italiani").[35]

Disciplina normativa modifica

Nel 1971, i commercianti si unirono in un'associazione che nell'interesse della categoria si oppose all'apertura dei grandi centri commerciali, ottenendo come risultato l'emanazione della legge 426/1971[36] che introdusse l'obbligo di licenze regionali per la GDO, limiti al numero di supermercati in base ai residenti nel raggio di alcuni chilometri dal centro commerciale, distanze minime fra due centri, e altri benefici quali 44 ore di lavoro settimanali, chiusura il festivo e un giorno alla settimana scelto localmente.

Il decreto Bersani del 2007 abolì l'obbligo di una distanza minima e di proporzionalità al bacino potenziale di clienti. Con la liberalizzazione degli orari degli esercizi commerciali, stabilita con la legge 22 dicembre 2011 n. 214[37], non sussiste più l'obbligo della chiusura domenicale o festiva.

Supermercati attivi solo online (21° secolo) modifica

 
Frigoriferi per il ritiro degli ordini in negozio presso un negozio Save-On-Foods nella Columbia Britannica, Canada.

Durante la bolla delle dot-com, venne fondato Webvan, un supermercato esclusivamente online, che dopo tre anni fallì e fu acquisito da Amazon. Il supermercato online britannico Ocado, che utilizza un elevato grado di automazione nei suoi magazzini[38], è stato il primo supermercato online di successo. Ocado si espanse fornendo servizi ad altre aziende di supermercati come Waitrose e Morrisons.

I negozi di alimentari come Walmart utilizzano servizi di consegna di cibo offerti da terze parti come DoorDash[39]. Altri servizi di consegna di cibo online, come Deliveroo nel Regno Unito, hanno iniziato a prestare particolare attenzione alla consegna ai supermercati[40].

I robot per le consegne sono offerti da varie aziende che collaborano con i supermercati.

I centri di micro-adempimento (MFC - Micro-fulfillment centers) sono magazzini relativamente piccoli con sofisticati sistemi automatizzati di impacchettamento che preparano gli ordini per il ritiro e la consegna[41]. Una volta completato l'ordine, il cliente potrà ritirarlo (“click-and-collect”[42]) oppure farlo evadere tramite consegna a domicilio[43]. I supermercati stanno investendo in centri di micro-adempimento con la speranza che l'automazione possa contribuire a ridurre i costi del commercio online e dell'e-commerce accorciando le distanze dal negozio a casa e accelerando le consegne. Molti ritengono che gli MFC siano la chiave per evadere con profitto gli ordini online[44].

Tipi modifica

Classificazione statunitense modifica

L'associazione statunitense dell'industria alimentare FMI, basandosi sulla ricerca di Willard Bishop, definisce i seguenti formati (tipi di negozi) che vendono generi alimentari[45]:

Tipo di negozio Definizione secondo la FMI Food Industry Association/Bishop
Drogheria tradizionale
Supermercato tradizionale Negozi che offrono una linea completa di generi alimentari, carne e prodotti agricoli con un fatturato annuo di almeno 2 milioni di dollari e fino al 15% delle vendite in prodotti generali (GM) e prodotti per la salute e la bellezza (HBC). Questi negozi in genere trasportano da 15.000 a 60.000 SKU[46] (a seconda delle dimensioni del negozio) e possono offrire un servizio di gastronomia, di panetteria e/o una farmacia, ad esempio Albertsons, Safeway, Kroger e Prime Supermarket.
Formato fresco Diversamente dai supermercati tradizionali e dai tradizionali negozi di alimenti naturali, i negozi di prodotti freschi mettono in risalto i prodotti deperibili e offrono assortimenti del centro commerciale che differiscono da quelli dei rivenditori tradizionali, soprattutto nelle aree di prodotti etnici, naturali e biologici, ad esempio Whole Foods, The Fresh Market e alcuni indipendenti.
Formato sconto ad assortimento limitato Un negozio di alimentari a basso prezzo con un buon rapporto qualità-prezzo che offre un assortimento limitato di articoli deperibili e del negozio centrale (meno di 2.000 SKU), ad esempio Aldi, Lidl, Trader Joe's e Save-A-Lot.
Super warehouse Un ibrido ad alto volume tra un grande supermercato tradizionale e un magazzino. I negozi "super warehouse" in genere offrono una gamma completa di reparti di servizio, prodotti deperibili di qualità e prezzi ridotti, ad esempio Cub Foods, Food 4 Less e Smart & Final.
Altro (piccoli generi alimentari - Convenience store) Il piccolo negozio di alimentari all'angolo che offre una selezione limitata di generi di prima necessità e altri beni di prima necessità. Questi negozi da asporto generano circa 1 milione di dollari di affari all'anno, ad esempio 7-Eleven, FamilyMart, Alfamart
Generi alimentari non tradizionali
Club all'ingrosso Un ibrido di vendita al dettaglio/all'ingrosso con una selezione varia e una varietà limitata di prodotti presentati in un ambiente di tipo magazzino. Questi negozi di circa 120.000 piedi quadrati (circa 36.500 metri) hanno una percentuale di GM/HBC compresa tra il 60% e il 70% e una linea di generi alimentari dedicata ai grandi formati e alle vendite all'ingrosso. Gli abbonamenti includono sia account aziendali che gruppi di consumatori, ad esempio Sam's Club, Costco e BJ's.
Supercentro Un ibrido tra un grande supermercato tradizionale e un grande magazzino. I supercentri offrono un'ampia varietà di prodotti alimentari, oltre a prodotti non alimentari. Questi negozi hanno una superficie media di oltre 170.000 piedi quadri (circa 51.800 metri quadri) e in genere dedicano fino al 40% dello spazio ai prodotti alimentari, ad esempio Walmart Supercenter, Super Target, Meijer e Kroger Marketplace.
Negozio di varietà Un piccolo formato di negozio che tradizionalmente vendeva beni di prima necessità e soprammobili, ma ora le vendite di cibo e articoli di consumo a prezzi aggressivi rappresentano almeno il 20% e fino al 66% del loro volume, ad esempio Dollar General, Dollar Tree, Action, Pep&Co, Poundland e Family Dollar.
Farmacia Un negozio di farmaci con prescrizione medica che genera almeno il 20% delle vendite totali da materiali di consumo, articoli generici e articoli stagionali. Questo canale comprende le principali catene di farmacie come Walgreens, DM, AS Watson e CVS.
Merchandiser di massa Un grande negozio che vende principalmente articoli di linea dura, abbigliamento, elettronica e articoli sportivi, ma vende anche generi alimentari e articoli alimentari non commestibili. Questo canale include i tradizionali Walmart, Kmart e Target.
Militare

(commissari)

Un formato che assomiglia a un negozio di alimentari convenzionale che vende generi alimentari e materiali di consumo, ma è limitato all'uso da parte del personale militare attivo o in pensione. Ai civili di solito non è consentito fare acquisti in questi negozi (denominati commissari).
E-Commerce (alimentari e di consumo) Prodotti alimentari e di consumo ordinati tramite Internet tramite qualsiasi dispositivo, indipendentemente dal metodo di pagamento o di evasione. Questo canale include Amazon e Peapod, nonché l'attività di e-commerce generata dai tradizionali rivenditori fisici, ad esempio Coborns (Coborns Delivers) e ShopRite (ShopRite from Home e ShopRite Delivers). Gli altri segmenti di vendita al dettaglio non tradizionali di cui sopra includono la loro attività di e-commerce.

Supermercati biologici ed ecologici modifica

Alcuni supermercati si stanno concentrando sulla vendita di più (o addirittura esclusivamente) prodotti biologici certificati[47][48]. Altri stanno cercando di differenziarsi vendendo meno (o nessun) prodotto contenente olio di palma[49]. Ciò poiché la domanda di olio di palma è uno dei principali motori della distruzione delle foreste pluviali. In risposta alla crescente preoccupazione per l'uso massiccio di plastica a base di petrolio per gli imballaggi alimentari, sono in aumento i cosiddetti supermercati e generi alimentari "zero rifiuti" e "senza plastica"[50][51][52].

Crescita nei paesi in via di sviluppo modifica

 
Lato esterno di un supermercato La Anonima in Argentina.

A partire dagli anni ’90, il settore alimentare nei paesi in via di sviluppo si è trasformato rapidamente, in particolare in America Latina, Sud-Est asiatico, India, Cina e Sudafrica. Con la crescita si è accompagnata una notevole concorrenza e un certo grado di consolidamento[53]. La crescita è stata guidata dall’aumento del benessere e dall’ascesa della classe media; l'ingresso delle donne nel mondo del lavoro con un conseguente incentivo alla ricerca di cibi facili da preparare; la crescita dell'uso dei frigoriferi, che rende possibile fare acquisti settimanali invece che giornalieri; e la crescita del possesso di automobili, che facilita i viaggi verso negozi lontani e gli acquisti di grandi quantità di beni. Le opportunità offerte da questo potenziale hanno incoraggiato diverse aziende europee a investire in questi mercati (principalmente in Asia) e aziende americane a investire in America Latina e Cina. Anche le aziende locali sono entrate nel mercato. Lo sviluppo iniziale dei supermercati è stato ora seguito dalla crescita degli ipermercati[54]. Inoltre ci sono stati investimenti da parte di aziende come Makro e Metro Cash and Carry in operazioni Cash and Carry su larga scala.

Sebbene la crescita delle vendite di cibi lavorati in questi paesi sia stata molto più rapida rispetto alla crescita delle vendite di alimenti freschi, la natura imperativa dei supermercati per realizzare economie di scala negli acquisti significa che l’espansione di essi in questi paesi ha importanti ripercussioni per le piccole imprese, in particolare su aziende agricole che coltivano prodotti deperibili (destinati cioè a deteriorarsi, alterarsi o avariarsi in brevi tempi). Si sono sviluppate nuove catene di approvvigionamento (supply chiain, ossia il processo che permette di portare sul mercato un prodotto o servizio, trasferendolo dal fornitore al cliente[55]) che comportano la formazione di "cluster" (una concentrazione geografica di aziende, fornitori e istituzioni associate interconnesse in un particolare campo), grossisti specializzati, agricoltori che organizzano l’approvvigionamento e associazioni o cooperative di agricoltori[56]. In alcuni casi i supermercati hanno organizzato i propri acquisti presso piccoli agricoltori; in altri i mercati all’ingrosso si sono adattati per soddisfare le esigenze dei supermercati[57].

Merce tipica del supermercato modifica

 
Frutta esposta in un supermercato in Giappone.

I supermercati più grandi nel Nord America e in Europa vendono generalmente molti articoli di molte marche, dimensioni e varietà. L'editore statunitense Supermarket News elenca, ad esempio, le seguenti categorie[58]:

  • Panetteria (pasticceria confezionata e talvolta panetteria di servizio e/o panetteria in loco)
  • Bevande (analcoliche confezionate, a volte anche alcoliche se le leggi lo consentono)
  • Non alimentare e farmacia (ad esempio sigarette, biglietti della lotteria e farmaci da banco, come consentito dalle leggi), noleggio di DVD, libri e riviste, compresi tabloid, biglietti di auguri, giocattoli, articoli per la casa come lampadine, tappeti, tende, eccetera
  • Cura personale, ad esempio cosmetici, saponi, shampoo
  • "Produce" (termine usato per indicare frutta e verdura fresca)
  • Floreale (fiori e piante)
  • Gastronomia (affettati, formaggi, ecc.)
  • Cibi preparati (confezionati e surgelati)
  • Carne (fresca confezionata, congelata, talvolta con servizio di macelleria)
  • Frutti di mare (freschi confezionati, congelati, a volte con servizio di macelleria)
  • Latticini (prodotti lattiero-caseari e uova)
  • Igiene (ad esempio detersivi, carta igienica, prodotti per la pulizia della casa)
  • Multiculturale (cibi etnici)
  • Alimenti secchi sfusi
  • Prodotti per animali come cibo, giocattoli, gabbie, cucce, eccetera

Gli ipermercati hanno una gamma più ampia di categorie non alimentari come abbigliamento, elettronica, decorazioni per la casa ed elettrodomestici.

Strategie di layout modifica

 
Le casse del supermercato Sainsbury's del Regno Unito.

La maggior parte della merce arriva al supermercato già imballata. I pacchi vengono posizionati sugli scaffali, disposti in corsie e sezioni in base alla tipologia di articolo. Alcuni articoli, come i prodotti freschi, vengono conservati nei contenitori. Quelli che necessitano di una catena del freddo intatta si trovano in vetrine a temperatura controllata.

Mentre il marchio e la pubblicità del negozio differiscono da azienda ad azienda, il layout di un supermercato rimane praticamente invariato. Sebbene le grandi aziende trascorrano il loro tempo offrendo ai consumatori una piacevole esperienza di acquisto, la progettazione di un supermercato è direttamente collegata al marketing in-store che i supermercati devono condurre per indurre gli acquirenti a spendere più soldi mentre sono lì.

Ogni aspetto del negozio è mappato e viene prestata attenzione al colore, al testo e alla struttura della superficie. Il layout complessivo di un supermercato è un progetto di visual merchandising che gioca un ruolo importante. I negozi possono utilizzare in modo creativo un layout per alterare la percezione dell'atmosfera da parte dei clienti. In alternativa, possono valorizzare l'atmosfera del negozio attraverso la comunicazione visiva (segni e grafica), l'illuminazione, i colori e i profumi[59]. Ad esempio, per dare la sensazione che il supermercato sia sano, i prodotti freschi sono deliberatamente posizionati nella parte anteriore del negozio. In termini di prodotti da forno, i supermercati solitamente dedicano dai 30 ai 40 piedi di spazio (tra i 9 e i 12 metri circa) alle panetterie[60].

I supermercati sono progettati per "dare a ogni sezione di prodotto un senso di differenza individuale e questo è evidente nella progettazione di quelli che vengono chiamati i reparti di ancoraggio: prodotti freschi, latticini, specialità gastronomiche, carne e panetteria"[61]. Ogni sezione ha rivestimenti del pavimento, stile, illuminazione diversi e talvolta anche banchi di servizi individuali per consentire agli acquirenti di sentirsi come se ci fossero più mercati all'interno di un unico supermercato.

Gli esperti di marketing utilizzano tecniche ben studiate per cercare di controllare il comportamento di acquisto. Alcuni ritengono che il layout di un supermercato consista di alcune regole pratiche e di tre principi di layout[61]. I prodotti ad alto rendimento vengono collocati in aree separate del negozio per continuare ad attirare il consumatore attraverso di esso. I prodotti ad alto impulso e ad alto margine vengono posizionati nelle aree predominanti per attirare l'attenzione. I prodotti Power vengono posizionati su entrambi i lati del corridoio per creare una maggiore consapevolezza del prodotto, e le testate terminali vengono utilizzate per ricevere un'elevata esposizione di un determinato prodotto sia su offerte speciali, promozioni o in una campagna, o su una nuova linea.

Il primo principio del layout è la circolazione. Essa viene creata disponendo i prodotti in modo che il supermercato possa controllare il flusso di traffico del consumatore. Insieme a questo percorso, ci saranno articoli ad alto rendimento e ad alto impulso che influenzeranno il consumatore a fare acquisti che non aveva originariamente previsto. Le aree di servizio come i bagni sono collocate in un luogo che attira il consumatore oltre determinati prodotti per creare acquisti extra. Gli articoli di prima necessità come pane e latte si trovano nella parte posteriore del negozio per favorire l'inizio della circolazione. I banchi dei cassieri sono posti in posizione tale da favorire la circolazione. Nella maggior parte dei supermercati l’ingresso sarà sul lato destro perché alcune ricerche suggeriscono che i consumatori che si spostano in senso antiorario spendono di più[62]. Tuttavia, altri ricercatori hanno sostenuto che i consumatori che si muovono in direzione oraria possono formare migliori mappe mentali del negozio che portano a loro volta a maggiori vendite[63].

Il secondo principio del layout è il coordinamento. Esso è la disposizione organizzata del prodotto che promuove le vendite. Prodotti come le linee a vendita rapida e a vendita lenta sono collocati in posizioni strategiche a sostegno del piano di vendita complessivo. I manager a volte collocano articoli diversi in luoghi di vendita rapida per aumentare il fatturato o promuovere una nuova linea.

Il terzo principio è la comodità del consumatore. Il layout di un supermercato è progettato per creare un elevato grado di comodità per il consumatore per rendere piacevole l'esperienza di acquisto e aumentare la spesa del cliente[64]. Ciò avviene attraverso la natura del merchandising e dell'inserimento di prodotti. Esistono molte idee e teorie diverse in relazione al layout e al modo in cui il layout del prodotto può influenzare gli acquisti effettuati. Una teoria suggerisce che alcuni prodotti debbano essere posizionati insieme o vicini tra loro nel caso in cui siano di natura simile o complementare, per aumentare la spesa media del cliente[65]. Questa strategia viene utilizzata per creare somiglianze nelle vendite tra categorie diverse. In altre parole, il dentifricio è accanto o adiacente agli spazzolini da denti e il tè e il caffè sono lungo lo stesso corridoio dei biscotti dolci. Questi prodotti si completano a vicenda e posizionarli vicini è un modo in cui gli esperti di marketing cercano di aumentare gli acquisti[65].

Per quanto riguarda il posizionamento verticale, i marchi generici economici tendono a trovarsi sugli scaffali più bassi, i prodotti attraenti per i bambini sono posizionati a metà coscia e i marchi più redditizi sono posizionati all’altezza degli occhi[64].

Il quarto principio è l'uso della psicologia del colore e della posizione del cibo[66], usato anche nel branding dei fast food.

Gli psicologi che studiano i consumatori suggeriscono che la maggior parte degli acquirenti tende ad entrare nel negozio e fare i primi acquisti alla loro destra[62]. Alcuni supermercati, quindi, scelgono di posizionare l'ingresso sul lato sinistro poiché il consumatore probabilmente girerà a destra all'entrata, e questo consente ad esso di fare un giro completo in senso antiorario attorno al negozio prima di tornare alle casse. Ciò suggerisce che gli operatori di marketing dei supermercati dovrebbero utilizzare questa teoria a proprio vantaggio posizionando le loro esposizioni temporanee di prodotti sul lato destro per invogliarvi a effettuare un acquisto non pianificato. Inoltre, le estremità dei corridoi sono molto apprezzate dalle aziende produttrici, che pagano cifre molto alte per collocare in quelle strategiche posizioni i loro prodotti[67]. Queste estremità del corridoio vengono utilizzate per indurre i clienti a effettuare un acquisto immediato e anche per invogliarli a fare acquisti lungo il corridoio. Il luogo più ovvio in cui la disposizione del supermercato influenza i consumatori è la cassa. Ad ogni cassa si trovano piccoli espositori di caramelle, riviste e bevande per tentare gli acquirenti mentre aspettano di essere serviti[62].

Critiche modifica

La grande scala dei supermercati, pur migliorando spesso i costi e l’efficienza per i clienti, può esercitare una pressione economica significativa sui fornitori e sui negozianti più piccoli[68][69][70][71][72]. I supermercati spesso generano considerevoli rifiuti alimentari, sebbene le tecnologie moderne come le unità di metanogenesi possano essere in grado di trasformare i rifiuti in una fonte economica di energia[73][74][75]. Inoltre, il monitoraggio degli acquisti può aiutare poiché i supermercati possono così dimensionare meglio le proprie scorte (di beni deperibili), riducendo il deterioramento degli alimenti.

Elenco delle principali catene di supermercati modifica

Catena Sede centrale Paesi serviti (oltre alla sede) Mappa
7-Eleven Giappone

Stati Uniti

Australia, Canada, Cina, Cambogia, Danimarca, Hong Kong, Israele, Macao, Malesia, Messico, Norvegia, Filippine, Singapore, Corea del Sud, Svezia, Taiwan, Tailandia  
Aeon Giappone Australia, Cambogia, Cina, Hong Kong, India, Indonesia, Laos, Malesia, Mongolia, Filippine, Corea del Sud, Singapore, Taiwan, Tailandia, Vietnam
 
Ahold Delhaize Olanda Belgio (come Albert Heijn e Delhaize), Repubblica Ceca (come Albert), Grecia (come Alfa-Beta Vassilopoulos), Indonesia (come Super Indo), Paesi Bassi (come Albert Heijn, Gall&Gall e Etos), Lussemburgo (come Delhaize), Portogallo (come Pingo Doce), Romania (come Mega Image), Serbia (come Maxi), Stati Uniti (come Food Lion, Giant, Hannaford, Stop & Shop)  
Aldi Nord Germania Belgio, Danimarca, Francia, Lussemburgo, Paesi Bassi, Polonia, Portogallo, Spagna, Stati Uniti (con il marchio Trader Joe's)  
Aldi Süd Germania Australia, Austria (come Hofer), Cina, Ungheria, Irlanda, Italia, Slovenia (come Hofer), Svizzera, Regno Unito, Stati Uniti  
Aldi Germania (Sud e Nord) Australia (Süd), Austria (Süd come Hofer), Cina (Süd), Ungheria (Süd), Irlanda (Süd), Italia (Süd), Slovenia (Süd come Hofer), Svizzera (Süd), Regno Unito (Süd), Stati Uniti (Süd), Belgio (Nord), Danimarca (Nord), Francia (Nord), Lussemburgo (Nord), Paesi Bassi (Nord), Polonia (Nord), Portogallo (Nord), Spagna (Nord), Stati Uniti (Nord marchiato come Trader Joe's)  
Edeka Germania Danimarca
Extra Germania
Tengelmann Group Germania
Minimal Germania Polonia
Auchan Francia Spagna, Lussemburgo, Portogallo, Polonia, Romania, Ungheria, Russia, Ucraina, Taiwan, Senegal, Mauritania, Tagikistan, Tunisia
Big C Tailandia Laos, Vietnam
Billa Austria Bulgaria, Repubblica Ceca, Slovacchia
BİM Turchia Marocco, Egitto  
Carrefour Francia Algeria, Argentina, Armenia, Bahrein, Belgio, Brasile, Camerun, Cina, Cipro, Repubblica Dominicana, Egitto, Georgia, Indonesia, Irak, Israele, Italia, Costa d'Avorio, Giordania, Kenya, Kuwait, Libano, Marocco, Oman, Pakistan ("Hyper Star"), Polonia, Qatar, Romania, Arabia Saudita, Senegal, Spagna, Taiwan, Bahamas, Tunisia, Turchia, Uganda, Emirati Arabi Uniti  
Champion Francia Belgio, Spagna, Polonia, Grecia, Turchia, Argentina, Brasile
Casino Francia Argentina (Grupo Éxito), Brasile (GPA), Camerun (Bao), Colombia (Grupo Éxito), Uruguay (Grupo Éxito)
CBA Ungheria Bulgaria, Croazia, Repubblica Ceca, Lituania, Polonia, Romania, Serbia, Slovacchia  
Cencosud Chile Argentina, Brasile, Colombia, Perù
Chedraui Messico Stati Uniti  
Conad Italia Albania, Cina, Kosovo, Malta, San Marino  
Co-op Atlantic Canada atlantico
Coop amba Danimarca
Coop Hungary Ungheria
Coop Italia Italia San Marino
Coop Nederlands Olanda
Coop Norge Norvegia
Coop (Puerto Rico) Porto Rico
Coop (Sweden) Svezia
Co-op Food Regno Unito
Coop Svizzera Liechtenstein
Co-op Food Regno Unito
Cora Francia Belgio, Lussemburgo, Romania  
Costco Stati Uniti Australia, Canada, Giappone, Messico, Corea del Sud, Spagna, Taiwan, Regno Unito, Francia, Cina,  
Crai Italia Albania, Malta, San Marino  
Denner Svizzera Liechtenstein
Dunnes Irlanda Spagna, Regno Unito, Portogallo  
Leclere Francia Andorra, Polonia, Portogallo, Riunione, Slovenia, Spagna
Géant Casino Francia Martinica, Gibuti, Uruguay, Qatar, Tunisia, Guadalupa, Guyana, Wallis-et-Futuna, Libia
Dominick's Stati Uniti
e-mart Corea del Sud Mongolia, Vietnam
Eataly Italia Brasile, Canada, Francia, Germania, Giappone, Kuwait, Qatar, Russia, Arabia Saudita, Corea del Sud, Svezia, Turchia, Emirati Arabi Uniti, Regno Unito, Stati Uniti
Eurospin Italia Slovenia, Croazia  
Famila Germania Italia (affiliato di Selex)  
FamilyMart Giappone Cina, Indonesia, Malesia, Filippine, Taiwan, Tailandia, Vietnam  
Four Square supermarkets Nuova Zelanda Australia
H-E-B Stati Uniti Messico  
Intermarché Francia Belgio, Portogallo, Polonia, Monaco
Isetan Giappone Cina, Malesia, Singapore, Taiwan, Tailandia
Ito-Yokado Giappone Cina  
Jeronimo Martins Portogallo La Colombia marchiata ARA, la Polonia marchiata Biedronka
JUSCO Giappone Cina (continente e Hong Kong), Malesia, Taiwan
Kaufland Germania Bulgaria, Croazia, Repubblica Ceca, Montenegro, Moldavia, Polonia, Romania, Slovacchia  
Kesko Finlandia Bielorussia, Estonia, Lettonia, Lituania, Norvegia, Russia, Svezia  
Konzum Croazia Bosnia ed Erzegovina, Serbia (con il marchio Idea)  
Lidl Germania Austria, Belgio, Bulgaria, Croazia, Cipro, Repubblica Ceca, Danimarca, Estonia, Finlandia, Francia, Grecia, Ungheria, Irlanda, Italia, Lettonia, Lituania, Lussemburgo, Malta, Paesi Bassi, Polonia, Portogallo, Romania, Serbia, Slovacchia, Slovenia, Spagna, Svezia, Svizzera, Regno Unito, Stati Uniti  
Lotte Mart Corea del Sud Cina, Indonesia, Vietnam
Lulu Hypermarket Emirati Arabi Uniti Bahrein, Arabia Saudita, Kuwait, Oman, Qatar, Egitto, India, Yemen, Indonesia
Makro (SHV Holdings) Argentina, Brasile, Colombia, Venezuela
Makro (CP All) Tailandia Cambogia, Cina, India, Myanmar
Maxima Group Lituania Lettonia, Estonia, Bulgaria (marchio T-Market), Polonia (marchio Stokrotka)  
Maxvalu Tokai Giappone Thailandia (marchiato come MaxValu e MaxValu Tanjai)
Meny Norvegia Danimarca
Mercator Slovenia Bosnia ed Erzegovina, Croazia, Montenegro, Serbia
Mercator-S Serbia
Metro Germania Austria, Belgio, Bulgaria, Croazia, Repubblica Ceca (come Makro), Francia, Grecia, Ungheria, India, Italia, Giappone, Moldavia, Marocco, Paesi Bassi (come Makro), Pakistan, Polonia (come Makro), Portogallo (come Makro), Romania, Russia, Serbia, Slovacchia, Spagna (come Makro), Turchia, Ucraina
Migros Svizzera Liechtenstein, Francia, Germania (come tegut…)
Migros Türk Turchia Azerbaigian, Kirghizistan, Kazakistan, Macedonia del Nord, Russia
MPreis Austria Italia
Netto Danimarca Germania, Polonia, Regno Unito, Svezia, Lituania, Lettonia, Estonia, Norvegia, Svezia, Islanda, Isole Faroe, Groenlandia
Netto UK Regno Unito
Netto (Les Mousquetaires) Francia Polonia, Portogallo
Netto Marken-Discount Germania
Northern Canada Stati Uniti (Alaska)
PARKnSHOP Hong Kong Cina, Macao
Parkson Malaysia Cina, Vietnam, Laos, Indonesia e Myanmar
Penny Germania Austria, Bulgaria, Ungheria, Italia, Repubblica Ceca, Romania, Turchia
Prisma Finlandia Estonia, Russia
REMA 1000 Norvegia Danimarca
Rimi Baltic Lettonia Estonia, Lituania  
Selex Italia San Marino
Selgros Germania Polonia, Romania, Russia  
SISA Italia Grecia  
SPAR Olanda Albania, Australia, Austria, Belgio, Botswana, Cina, Croazia, Repubblica Ceca, Danimarca, Francia, Germania, Grecia, Ungheria, India, Irlanda, Italia, Giappone, Mauritius, Montenegro, Namibia, Norvegia, Pakistan, Polonia, Romania, Russia, Slovenia, Sudafrica, Spagna, Sri Lanka, Portogallo, Svizzera, Regno Unito, Ucraina, Zambia, Zimbabwe  
Stockmann Finlandia Estonia, Lettonia, Russia  
SuperValu Irlanda Spagna, Regno Unito (Irlanda del Nord)
SuperValu Irlanda Spagna, Regno Unito (Irlanda del Nord)  
SuperValu Stati Uniti
SuperValue Nuova Zelanda
Tesco Regno Unito Repubblica Ceca, Ungheria, India, Irlanda, Malesia, Slovacchia, Francia, Giappone, Stati Uniti, Corea del Sud, Turchia, Polonia, Tailandia  
Tía SA Ecuador Colombia, Uruguay
TF Value Mart Malaysia Malaysia
Veropoulos Grecia Macedonia del Nord, Serbia
Walmart Stati Uniti Argentina, Brasile, Canada, Cile (come Lider), Cina, Costa Rica, El Salvador, Guatemala, Honduras, Messico, Nicaragua, Regno Unito (come ASDA)  
Wellcome Hong Kong Filippine, Taiwan  
Whole Foods Market Stati Uniti Canada, Regno Unito
Woolworths Supermarkets Australia Nuova Zelanda (etichettata Countdown dal 2010)
A&P Stati Uniti
Albertsons Stati Uniti
Barber's Super Market Stati Uniti
BI-LO Stati Uniti
BI-LO Australia
Byerly's Stati Uniti
Cub Stati Uniti
Remke Markets Stati Uniti
Giant Food Stores Stati Uniti
Grand Union Stati Uniti
Food City Stati Uniti
Food Lion Stati Uniti
FOODWAY Discount Foods Stati Uniti
Ingles Stati Uniti
Jewel Stati Uniti
Kohl's Stati Uniti
Kowalski's Stati Uniti
Kroger Stati Uniti
Piggly Wiggly Stati Uniti
Safeway Stati Uniti Canada, Regno Unito, Australia (ribattezzata Woolworths nel 2008), Germania Ovest, Messico, Arabia Saudita, Giordania
Winn-Dixie Stati Uniti
Dominion Canada
Sobey's Canada
Provigo Canada
IGA Stati Uniti Canada, Australia, Filippine, Dominica
IGA (Australia) Australia
Metro Canada
Maxi (Canada) Canada
Maxi (Serbia) Serbia
ICA Gruppen Svezia Lettonia, Norvegia, Lituania, Estonia
Norma Germania Francia, Repubblica Ceca, Austria
PLUS Olanda
Plus Germania Austria, Spagna, Polonia, Ungheria, Repubblica Ceca, Romania, Portogallo, Cipro, Grecia, Bulgaria, Stati Uniti
Ahold Olanda Polonia  
Ahold Olanda Belgio, Germania
Konsum Germania
Kooperativa Förbundet Svezia
ASDA Regno Unito
Budgens Regno Unito
Happy Shopper Regno Unito
Marks & Spencer Regno Unito
Victor Value Regno Unito
Sainsbury's Regno Unito
Waitrose Regno Unito Gran Bretagna e Isole del Canale
Ralphs Stati Uniti
Smith's Food and Drug Stati Uniti
Vons Stati Uniti
Morrisons Regno Unito
Colruyt Belgio
GB Belgio
Ed Francia
Leader Price Francia Gibuti, Camerun, Vanuatu, Guinea, Togo, Capo Verde, Mauritania, Serbia, Marocco, Saint Martin, Libano, Guyana francese, Belgio, Egitto, Martinica, Emirati Arabi Uniti, Madagascar, Arabia Saudita, Giordania, Kuwait, Italia, Guadalupa, Riunione
Franprix Francia
Inno Belgio
Monoprix Francia
Système U Francia
Uniprix Canada
Rainbow Foods Stati Uniti
Fry's Food and Drug Stati Uniti
Amigo Porto Rico
Econo Porto Rico
Obs Norvegia
Bilka Danimarca
Pueblo Uruguay
Safeway UK Regno Unito
Lucky Stores Stati Uniti
Kwik Save Regno Unito
Somerfield Regno Unito
Co-op Regno Unito
Save-Mart Stati Uniti
Super de Boer Olanda
Kmart Stati Uniti
Carrs-Safeway Stati Uniti
Genuardi's Stati Uniti
Pavilions Stati Uniti
Randalls Stati Uniti
Tom Thumb Stati Uniti
Farmer Jack Stati Uniti
Meijer Stati Uniti
Spartan Stores Stati Uniti
Iceland Regno Unito Irlanda, Repubblica Ceca, Spagna, Portogallo, Malta, Norvegia
FoodLand Stati Uniti
Foodland Australia
[Retail Group] Australia
Foodland Hawaii Stati Uniti
Loblaws Canada
Loeb Canada
Stater Bros. Stati Uniti
Bashas' Stati Uniti
QFC Stati Uniti
Raley's Supermarkets Stati Uniti
Wild Oats Markets Stati Uniti
Coles Australia
Kmart Australia Australia
Big W Australia
Myer Australia
Big Fresh Nuova Zelanda
Franklins Australia
Countdown Nuova Zelanda
Foodtown Nuova Zelanda
New World Nuova Zelanda
Pak'nSave Nuova Zelanda
Woolworths (New Zealand supermarket chain) Nuova Zelanda
C1000 Olanda
Jumbo Olanda
Jumbo Chile Chile Argentina, Colombia
Weingarten's Stati Uniti
Gima Romania
Mega Image Romania
Amigo Supermarkets Porto Rico
Zellers Canada
Zehrs Canada
XXL Romania
Profi Romania
Wegmans Regno Unito
Esselunga Italia
Standa Italia
Supermercado La Franco Italiana Venezuela
Happy Harry's Stati Uniti
Great Food Hall Hong Kong
Taste Hong Kong
Gourmet Hong Kong
Atlantic Superstore Canada
Hannaford Stati Uniti
Price Chopper Stati Uniti
Price Chopper Stati Uniti
Price Chopper (New Zealand) Nuova Zelanda
FreshCo Canada
Shaw's and Star Market Stati Uniti
Star Market Stati Uniti
Alfa-Beta Vassilopoulos Grecia
Supermercados Gigante Messico
CTown Supermarkets Stati Uniti
The Food Emporium Stati Uniti
Key Food Stati Uniti
Shop-Rite (Canada) Canada
Shop-Rite (Isle of Man) Isola di Man
Shoprite Holdings Ltd Sudafrica Namibia, Zambia, Zimbabwe, Uganda
ShopRite (United States) Stati Uniti
Waldbaum's Stati Uniti
Fairway Market Stati Uniti
Fairway Markets Canada
Fareway Stati Uniti
Trader Joe's Stati Uniti
Kooperativa Förbundet Svezia
RIMI Norvegia
REWE Germania
REWE Group Germania Francia, Ucraina, Svizzera, Polonia, Croazia, Romania, Russia, Bulgaria, Slovacchia, Ungheria, Repubblica Ceca, Italia, Austria
Metro AG Germania Moldavia, Slovacchia, Kazakistan, Serbia, Pakistan, Portogallo, Croazia, Bulgaria, Austria, Repubblica Ceca, Ungheria, Paesi Bassi, Argentina, Ucraina, Polonia, Romania, Turchia, Spagna, Italia, Russia, Francia
PrisXtra Svezia
Your Independent Grocer Canada
Lojas Americanas Brasile
Bompreço Brasile
Cold Storage Singapore Malaysia
NTUC FairPrice Singapore
Giant (hypermarket) Malaysia Singapore, Brunei, Cambogia, Indonesia, Vietnam
Save-A-Lot Stati Uniti
Bruno's Stati Uniti
Giant Food (Landover) Stati Uniti
Tops Friendly Markets Stati Uniti
Tops Supermarket Tailandia
99 Ranch Market Stati Uniti
Quinnsworth Irlanda
Pingo Doce Portogallo
Booths Regno Unito
Hong Kong Supermarket Stati Uniti
Food Basics Canada
A&P Canada Canada
No Frills Canada
Giant Eagle Stati Uniti
Seafood City Stati Uniti Canada
Shun Fat Supermarket Stati Uniti
Publix Stati Uniti
EG Group Regno Unito Germania, Francia, Belgio, Paesi Bassi, Lussemburgo, Italia, Stati Uniti, Australia, Irlanda
Shoppers Food & Pharmacy Stati Uniti
Farm Fresh Food & Pharmacy Stati Uniti
Acme Markets Stati Uniti
Super Saver Foods Stati Uniti
Hy-Vee Stati Uniti
City Market Stati Uniti
City Market (Mexico) Messico
Dillons Stati Uniti
Hilander Foods Stati Uniti
JayC Food Stores Stati Uniti
City Market (US grocery store chain) Stati Uniti
Owen's Market Stati Uniti
Carr's Regno Unito
Delhaize Group Belgio Repubblica Ceca, Lussemburgo, Grecia, Romania, Serbia, Stati Uniti, Indonesia
Real Germania Polonia
Castorama Francia Polonia
Nomi Polonia
MediaMarkt Germania Austria, Belgio, Ungheria, Italia, Lussemburgo, Paesi Bassi, Polonia, Spagna, Svizzera, Turchia
IKEA Svezia Norvegia, Danimarca, Svizzera, Germania, Giappone, Australia, Hong Kong, Canada, Austria, Paesi Bassi, Singapore, Spagna, Francia, Islanda, Arabia Saudita, Belgio, Kuwait, Stati Uniti, Regno Unito, Italia, Ungheria, Polonia, Repubblica Ceca, Serbia, Emirati Arabi Uniti, Slovacchia, Taiwan, Finlandia, Malesia, Cina, Russia, Grecia, Israele, Portogallo, Turchia, Cipro, Romania, Irlanda, Repubblica Dominicana, Bulgaria, Tailandia, Macao, Lituania, Porto Rico, Egitto, Qatar, Croazia, Indonesia, Giordania, Corea del Sud, Marocco, Bahrein, India, Lettonia, Estonia, Ucraina, Messico, Filippine, Slovenia, Cile, Oman, Colombia
Office Depot Stati Uniti
Albert Czech Republic Repubblica Ceca
Biedronka Polonia
Scott's Food & Pharmacy Stati Uniti
Tempo Centar Serbia
Extra Norvegia
Coop Forum Svezia
Pressbyrån Svezia
Continente Portogallo
Sonae Portogallo
Ultra Food & Drug Canada
Tesco Ireland Irlanda
Caprabo Spagna Andorra
Julius Meinl Austria
Centra Irlanda
The Cope Irlanda
Fortinos Canada
Les Mousquetaires Francia
Alcampo Spagna
Daiei Giappone
Aurrerá Messico
Soriana Messico
Comercial Mexicana Messico
Kingfisher plc Regno Unito
S Group Finlandia
Overwaitea Foods Canada
Kopeyka Russia
Pyaterochka Russia
Seiyu Group Giappone
Albert Heijn Olanda Belgio
Save-On-Foods Canada
Nakumatt Kenia
Uchumi Kenia
Coin Italia
UPIM Italia
Watsons Hong Kong Cina continentale, Indonesia, Macao, Malesia, Filippine, Singapore, Taiwan, Tailandia, Turchia, Ucraina, Emirati Arabi Uniti, Vietnam, Arabia Saudita, Qatar
Circle K Stati Uniti Cambogia, Canada, Cina, Costa Rica, Danimarca, Egitto, Estonia, Guam, Honduras, Hong Kong, Indonesia, Irlanda, Lettonia, Lituania, Macao, Malesia, Messico, Marocco, Nuova Zelanda, Norvegia, Filippine, Polonia, Sudafrica, Svezia, Emirati Arabi Uniti, Vietnam
Hero Indonesia
Sogo Giappone Cina, Hong Kong, Taiwan, Indonesia, Malesia, Singapore, Tailandia, Regno Unito
Yaohan Giappone Hong Kong, Macao, Malesia, Singapore, Tailandia, Indonesia
Meidi-Ya Giappone Singapore
UNY Giappone Cina, Hong Kong
Flemings Australia
Lotus's Tailandia Malaysia
Krónan Islanda
Action Supermarkets Australia
Compre Bem Brasile
Extra Hipermercados Brasile
Sendas Brasile

Note modifica

  1. ^ supermercato - Treccani, su Treccani. URL consultato il 9 gennaio 2024.
  2. ^ Zlati Meyer, Why 'Grocerants' are the new trend, taking bite out of restaurants, in USA Today, 5 aprile 2017. URL consultato il 6 aprile 2017.
    «The phenomenon is growing fast enough both in prevalence and sophistication that the food industry has coined a name for these combination grocery stores and eateries – the 'grocerant.'»
  3. ^ loss leader. The American Heritage® Dictionary of the English Language: Fourth Edition. 2000., su web.archive.org, 26 luglio 2008. URL consultato il 9 gennaio 2024 (archiviato dall'url originale il 26 luglio 2008).
  4. ^ Cento anni fa il primo supermarket della storia, su La Stampa, 6 settembre 2016. URL consultato il 9 gennaio 2024.
  5. ^ L'invenzione del supermercato, su la Repubblica, 6 settembre 2021. URL consultato il 9 gennaio 2024.
  6. ^ a b c d Wendy Wiedenhoft Murphy, Consumer Culture and Society, Thousand Oaks, California, SAGE Publications, 2017, p. 95, ISBN 9781483358147. URL consultato l'8 gennaio 2023.
  7. ^ Ettore Vadini, Public Space and an Interdisciplinary Approach to Design, Rome, Edizioni Nuova Cultura, 28 febbraio 2018, p. 77, ISBN 9788868129958.
  8. ^ Opening of the Astor market, New York City, 1915, su loc.gov, Library of Congress, 1915.
  9. ^ (EN) The Western Fruit Jobber, 1917. URL consultato il 9 gennaio 2024.
  10. ^ Christopher Gray, The Astor Legacy in Brick and Stone, in The New York Times, 10 settembre 2006.
  11. ^ Christopher Gray, Streetscapes: Thalia Theater; a closed revival house that may itself be revived, in The New York Times, 5 luglio 1987.
  12. ^ a b c Andrew Deener, The Problem with Feeding Cities: The Social Transformation of Infrastructure, Abundance, and Inequality in America, Chicago, University of Chicago Press, 2020, p. 72, ISBN 9780226703077. URL consultato l'8 gennaio 2023.
  13. ^ a b Andrew Deener, The Problem with Feeding Cities: The Social Transformation of Infrastructure, Abundance, and Inequality in America, Chicago, University of Chicago Press, 2020, p. 73, ISBN 9780226703077. URL consultato l'8 gennaio 2023.
  14. ^ Self-serving store., su patents.google.com.
  15. ^ Lighting system for self-serving stores, su patents.google.com.
  16. ^ Self-serving store, su patents.google.com.
  17. ^ Arrangement and construction of store fixtures, su patents.google.com.
  18. ^ a b c d Marc Levinson, The Great A&P and the Struggle for Small Business in America, New York, Hill and Wang, 2011, p. 128, ISBN 9781429969024. URL consultato l'8 gennaio 2023.
  19. ^ a b c d e f g h Andrew Deener, The Problem with Feeding Cities: The Social Transformation of Infrastructure, Abundance, and Inequality in America, Chicago, University of Chicago Press, 2020, p. 74, ISBN 9780226703077. URL consultato l'8 gennaio 2023.
  20. ^ Dana Burke, Old timey Houston grocery stores – Did you shop at any of these?, in Houston Chronicle, 1º maggio 2020.
  21. ^ a b c d e Ryan Mathews, "1926–1936: Entrepreneurs and Enterprise: A Look at Industry Pioneers like King Kullen and J. Frank Grimes, and the Institution They Created (Special Report: Social Change & the Supermarket)", Progressive Grocer 75, no. 12 (December 1996): 39–43.
  22. ^ Benjamin Lorr, The long takeoff of skyrocketing food prices, su The Globe and Mail, 13 gennaio 2023. URL consultato il 7 novembre 2023.
    «His first store, the King Kullen ... opened in August, 1930, in the Queens borough of New York, to immediate and astounding success.»
  23. ^ Marc Levinson, The Great A&P and the Struggle for Small Business in America, New York, Hill and Wang, 2011, p. 129, ISBN 9781429969024. URL consultato l'8 gennaio 2023.
  24. ^ Peter Coleman, Shopping Environments: Evolution, Planning and Design, Amsterdam, Elsevier, 2006, p. 40, ISBN 9780750660013.
  25. ^ Hamilton, Shane. "Supermarkets, Free Markets, and the Problem of Buying Power in the Postwar United States", in What's Good For Business: Business and Politics Since World War II, eds. Julian Zelizer and Kim Phillips-Fein (Oxford University Press, 2012).
  26. ^ "Steinberg Inc". The Canadian Encyclopedia
  27. ^ Jane Hamlett, Regulating UK supermarkets: an oral-history perspective, su historyandpolicy.org, United Kingdom, History & Policy, aprile 2008. URL consultato il 9 dicembre 2010 (archiviato dall'url originale il 7 agosto 2011).
  28. ^ Helen Gregory, It's a super anniversary: it's 50 years since the first full size self-service supermarket was unveiled in the UK, in The Grocer, 3 novembre 2001. URL consultato il 30 giugno 2010 (archiviato dall'url originale l'8 luglio 2012).
  29. ^ Chiara Mauri, Card loyalty. A new emerging issue in grocery retailing., in Journal of Retailing and Consumer Services, vol. 10, n. 1, 2003, pp. 13–25, DOI:10.1016/S0969-6989(02)00036-X.
  30. ^ Supermarkets and Grocery Stores – Australia Market Research Report, su IBISWorld (archiviato dall'url originale il 10 marzo 2020).
  31. ^ Csipak, James J., Rohit Rampal, and Laurent Josien. "The Effect of a Wal-Mart Supercenter on Supermarket Food Prices: The Case of the City of Plattsburgh in Upstate New York". Academy of Marketing Studies Journal 2 (2014): 251. Academic OneFile. Web. 5 November 2015.
  32. ^ Josephine Moulds, Supermarkets behaving badly – how suppliers can get a fairer deal, su The Guardian, 25 giugno 2015 (archiviato dall'url originale il 31 luglio 2015).
  33. ^ La stangata dell’euro: in 20 anni i prezzi sono aumentati del 150%, ma gli stipendi solo del 50%, su La Stampa, 26 febbraio 2022. URL consultato il 6 maggio 2023.
  34. ^ ICA Handla Online, su handlaprivatkund.ica.se. URL consultato il 6 maggio 2023.
    «Supermercato del centro di Stoccolma, in Svezia; vedere la voce "Mejeri & Ost" per un confronto dei prezzi dei prodotti caseari, a partire dal latte. Si ricordi che 10 Kr. = 1 €, all'incirca.»
  35. ^ BERLUSCONI COMPRA LA STANDA, su La Repubblica, 15 luglio 1988. URL consultato il 6 maggio 2023.
  36. ^ § 22.5.24 - L. 11 giugno 1971, n. 426. [*] Disciplina del commercio., su edizionieuropee.it. URL consultato il 9 gennaio 2024.
  37. ^ Gazzetta Ufficiale, su gazzettaufficiale.it. URL consultato il 21 settembre 2022.
  38. ^ Supermarket Secrets: episodio 2, On Demand, BBC One, 30 aprile 2019.
  39. ^ DoorDash and Walmart Join Forces to Accelerate Retailer’s Online Grocery Delivery Offering, su Walmart Corporate, 24 aprile 2018 (archiviato dall'url originale il 21 agosto 2023).
  40. ^ Morrisons and Deliveroo join up to offer grocery home delivery, su Morrisons Corporate, 7 aprile 2020 (archiviato dall'url originale il 1º giugno 2023).
  41. ^ Carol Abel, The Small, But Mighty, Micro-fulfillment Center, in Food Marketing Institute, 9 agosto 2019. URL consultato l'11 maggio 2020.
  42. ^ click and collect, su shopify.com.
  43. ^ Jim Dudlicek, Digital-First Grocery: A Look Inside Micro Fulfillment at Albertsons, in Progressive Grocer, 17 marzo 2020. URL consultato l'11 maggio 2020 (archiviato dall'url originale il 14 aprile 2020).
  44. ^ Jennifer Smith, Grocery Delivery Goes Small With Micro-Fulfillment Centers, in The Wall Street Journal, 27 gennaio 2020. URL consultato l'11 maggio 2020.
  45. ^ Willard Bishop. The Future of Food Retailing, 2014, as referenced in "Supermarket facts", FMI site, accessed July 13, 2020
  46. ^ SKU: acronimo di Stock Keeping Unit, il numero univoco utilizzato dalle aziende per tracciare l'inventario
  47. ^ The Organic Retail Revolution
  48. ^ Organic food sector booming in France
  49. ^ Iceland to be first UK supermarket to cut palm oil from own-brand products
  50. ^ Grocery stores are packed with plastic. Some are changing.
  51. ^ Britain's first plastic-free supermarket zones open
  52. ^ The Rise of 'Zero-Waste' Grocery Stores
  53. ^ Thomas Reardon, Peter Timmer e Julio Berdegue, The Rapid Rise of Supermarkets in Developing Countries: Induced Organizational, Institutional, and Technological Change in Agrifood Systems (PDF), in Journal of Agricultural and Development Economics, vol. 1, n. 2, Agricultural and Development Economics Division, Food and Agriculture Organization of the United Nations, 2004 (archiviato dall'url originale il 27 aprile 2022).
  54. ^ Reardon et al, op cit
  55. ^ Mecalux, Supply chain: cos'è e come funziona la catena di approvvigionamento, su www.mecalux.it. URL consultato il 29 gennaio 2024.
  56. ^ Kevin Chen, Andrew W. Shepherd & Carlos A. da Silva, "Changes in food retailing in Asia".
  57. ^ Andrew W. Shepherd and Eva Gálvez. "The response of traditional marketing channels to the growth of supermarkets and to the demand for safer and higher quality fruit and vegetables, with particular reference to Asia". Proceedings of the International Symposium on Fresh Produce Supply Chain Management, Chiang Mai 2006. pp. 304–313. FAO, Bangkok.[1]
  58. ^ "Product Categories", Supermarket News, accessed July 15, 2020
  59. ^ Gajanayake, R., Gajanayake, S., Surangi, H 2011, "The impact of selected visual merchandising techniques on patronage intentions in supermarkets", International Conference on Business and Economic Research, p. 1130–1165
  60. ^ NACS Magazine – Category Close Up: Take Bread to the Bank, su nacsonline.com. URL consultato il 6 dicembre 2011 (archiviato dall'url originale il 23 febbraio 2012).
  61. ^ a b Aghazedah, S 2005, "Layout strategies for some of the operations", Management Research News, vol. 28, no. 10, pp. 31–46. Retrieved 8 May 2012, Business Source Complete, EBSCO host.
  62. ^ a b c Karen Browne, Trolley Psychology: Choice unlocks the psychological secrets of the supermarket and shows you how to avoid spending more than you mean to, in Australian Consumer's Association Choice Magazine, n. 4, aprile 2010, p. 60.
  63. ^ Andrea Groeppel-Klein e Benedikt Bartmann, Turning Bias and Walking Patterns: Consumers' Orientation in a Discount Store, in Marketing ZFP, vol. 31, JRM 1, 2009, pp. 43–56, DOI:10.15358/0344-1369-2009-JRM-1-43.
  64. ^ a b Michael Y. Park, How to Buy Food: The Psychology of the Supermarket, in Bon Appetit, 30 ottobre 2014. URL consultato il 27 febbraio 2017.
  65. ^ a b Bezawada, R Balachander, S Kannan, PK Venkatesh, S 2009, "Cross-Category Effects of Aisle and Display Placements: A Spatial Modeling Approach and Insights", Journal of Marketing, vol. 73, no. 3, pp. 99–117, 3 May 2012, Business Source Complete.
  66. ^ By Yelena Moroz Alpert, Real Simple, How color affects your spending – CNN, CNN. URL consultato il 3 marzo 2018.
  67. ^ Browne, 2010
  68. ^ Louis P. Bucklin, Competitive Impact of a New Supermarket, in Journal of Marketing Research, vol. 4, n. 4, novembre 1967, pp. 356–361, DOI:10.2307/3149873, JSTOR 3149873.
  69. ^ Senate takes look at slotting fees, Associated Press, 15 settembre 1999.
  70. ^ Unfair trading practices / supply chain, su eesc.europa.eu, European Economic and Social Committee, 11 luglio 2013.
  71. ^ Ten Reasons Supermarket Mergers Are Bad for Consumers, su foe.co.uk, Friends of the Earth, 13 gennaio 2003 (archiviato dall'url originale il 5 aprile 2004).
  72. ^ Growers demand inquiry, ombudsman sought, TVNZ, 5 luglio 2010 (archiviato dall'url originale l'8 luglio 2010).
  73. ^ Mukherjee SN, Kumar S, Leachate from market refuse and biomethanation study, in Environmental Monitoring and Assessment, vol. 135, n. 1, dicembre 2007, pp. 49–53, DOI:10.1007/s10661-007-9703-5, PMID 17505906.
  74. ^ Methanisatie – 2009, het jaar van de biomethanisering?, su energymag.be, 15 settembre 2014 (archiviato dall'url originale il 15 settembre 2014).
  75. ^ Biomethanation, in Asia Biomass Handbook, Japan Institute of Energy, 2008. URL consultato l'11 agosto 2017 (archiviato dall'url originale il 2 giugno 2015).

Voci correlate modifica

Altri progetti modifica

Collegamenti esterni modifica

Controllo di autoritàThesaurus BNCF 16258 · LCCN (ENsh85130623 · GND (DE4058631-5 · BNF (FRcb11937759r (data) · J9U (ENHE987007551033305171 · NDL (ENJA00571693