Apri il menu principale
Supersix
Stato Italia Italia
Lingua italiano
Tipo generalista
Target tutti
Versioni Supersix (1ª versione)
(data di lancio: 1º maggio 1988)
Supersix (2ª versione)
(data di lancio: 3 giugno 2019)
Data chiusura 3 ottobre 2008 (1ª versione)
Sito supersixtv.net

supersix24.it

Diffusione
Terrestre

Supersix (Italia)
DVB-T - FTA, in syndication
SD
Streaming
Segnale della syndication (tramite Lombardia TV Sport)
Canale friulano (24 ore su 24)

Supersix è una syndication nazionale italiana attiva in analogico dal 1988 al 2008 e dal 2019 sul digitale terrestre.

Indice

PalinsestoModifica

1988-2008Modifica

Il palinsesto prevedeva principalmente rubriche (alcune a sfondo musicale), cartoni, telefilm e soap opera.

Inizialmente le trasmissioni musicali, tra le quali Power Hour, erano in collaborazione con la TV musicale britannica Music Box e ritrasmesse con l'aggiunta dei sottotitoli. Negli anni a seguire furono realizzate proprie produzioni musicali con conduttori quali Guido Cavalleri e Federica Panicucci, e Videoone, programma di successo con Rosalinda Celentano e Roberto Onofri, e fu acquistato il marchio dell'allora smembrato network Euro TV di proprietà dell'ex patron della Parmalat Callisto Tanzi. L'emittente si arricchì di un catalogo di programmi di vario genere, tra i quali i cartoni animati giapponesi messi in onda nello spazio Bimbo One: Ken il guerriero, La maga Chappy, Arbegas, La piccola Nell, Astrorobot Contatto Y, Doraemon, Julie rosa di bosco, Fiabe e leggende giapponesi, Star Blazers, The Monkey, Peline Story, Blue Noah, Mechander Robot, L'invincibile shogun, Fantaman, Daikengo, Gackeen, il robot magnetico, Coccinella, Bryger, Grand Prix e il campionissimo. Andavano in onda anche il programma sportivo Catch the Catch, che trasmetteva gli incontri della New Japan Pro Wrestling, condotto da Tony Fusaro, e telefilm come L'albero delle mele.[senza fonte]

A marzo 2008 la società fu rilevata dal gruppo Sitcom, che per un breve periodo utilizzò il circuito solo per ripetere l'emittente Facile TV, e il 3 ottobre 2008 lo dismise definitivamente.

Dal 2018Modifica

A giugno 2018 Supersix fu rifondata da un nuovo editore inizialmente sotto forma di canale autonomo, disponibile sul digitale terrestre nella zona di Udine all'LCN 699 sul mux Ran TV e visibile altrove in streaming attraverso il suo sito web www.supersixtv.net e l'app ufficiale per dispositivi Android. La programmazione è composta da rubriche di vario genere, tra cui Mondo crociera, Girovagando in Trentino, 80 Nostalgia, Salute News e Pianeta salute, alcuni film, telefilm e cartoni animati.

Dal 2019Modifica

Dal 3 giugno 2019, come comunicato dalla pagina Facebook dell'emittente, Supersix torna ad essere una syndication a diffusione interregionale grazie a diverse emittenti affiliate. Vengono separate la gestione del circuito, a cui viene ora dedicato il sito precedente, e quella del canale friulano attivo 24 ore su 24, che da fine maggio assume il logo "Supersix24" e per cui nasce il nuovo sito www.supersix24.it[1]. Il nuovo circuito Supersix trasmette tutti i giorni dalle 16 alle 19 (e la stessa fascia è in onda anche la mattina dalle 5:30 alle 8:30): propone per la prima ora diversi programmi musicali, e a partire dalle 17 il contenitore Ka-Boom (rinascita dell'omonima emittente televisiva) dedicato all'animazione giapponese per tutte le età e prodotto da Dynit[2]. Inoltre i cartoni di Ka-Boom sono replicati anche alle 13:30 in parte e alle 22:00 solo su Supersix24. La capofila della syndication è Lombardia TV Sport, il cui segnale è ripetuto da tutte le altre emittenti affiliate (esclusa Supersix24).

Emittenti affiliateModifica

Dal 2019Modifica

Oltre al canale proprio Supersix24 disponibile nel Friuli-Venezia Giulia, il circuito Supersix è visibile anche attraverso le seguenti emittenti affiliate.

  • parte della Lombardia e dell'Emilia e Piemonte orientale
    • Lombardia TV Sport
  • Veneto, parte del Piemonte e dell'Emilia-Romagna, Friuli-Venezia Giulia (tranne Trieste e Gorizia) e Trentino Alto-Adige
    • Primafree
  • Friuli-Venezia Giulia e parte del Veneto
    • Media24
  • Liguria (solo provincia di Genova)
    • Antenna Blu Eventi
  • Emilia-Romagna
    • DI.TV - One TV Emilia R.
  • Trentino Alto-Adige
    • Alto Adige TV
  • Puglia
    • Sharing TV
  • Sicilia
    • Prima TV
    • Siracusa TVS Live (solo provincia di Siracusa)
  • Lazio (esclusa Viterbo)
    • Teletibur

Le emittenti Lombardia TV Sport, Media24, One TV Emilia, Alto Adige TV, Sharing TV, Prima TV e Teletibur sono presenti sin dalla nascita del circuito, mentre le altre si sono aggiunte in seguito. Le emittenti RTM (Puglia), Persona TV (Sicilia) e Trentino TV sono state segnalate prima della nascita del circuito assieme alle precedenti, tuttavia non hanno trasmesso Supersix e sono state poi eliminate dai successivi comunicati e dal sito ufficiale della syndication.

Emittenti affiliate in passato (1988-2008)Modifica

NoteModifica

  1. ^ Supersix, su Supersix, Facebook, 30 maggio 2019. URL consultato il 2 giugno 2019 (archiviato il 1º giugno 2019).
  2. ^ Roberto Addari, Ka-Boom, ritorna il canale tv dedicato ai cartoni animati, in MangaForever, 31 maggio 2019. URL consultato il 2 giugno 2019.

Collegamenti esterniModifica

  Portale Televisione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di televisione