Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando la valle svizzera nella regione Albula (Canton Grigioni), vedi Val Sursette.
Surses
comune
Surses – Stemma
Surses – Veduta
Tinizong, capoluogo comunale
Localizzazione
StatoSvizzera Svizzera
CantoneWappen Graubünden matt.svg Grigioni
RegioneAlbula
Amministrazione
Lingue ufficialitedesco
romancio
Data di istituzione2016
Territorio
Coordinate46°35′52″N 9°36′00″E / 46.597778°N 9.6°E46.597778; 9.6 (Surses)Coordinate: 46°35′52″N 9°36′00″E / 46.597778°N 9.6°E46.597778; 9.6 (Surses)
Altitudine1 398 m s.l.m.
Superficie323,77 km²
Abitanti2 356 (2018)
Densità7,28 ab./km²
Frazionivedi elenco
Comuni confinantiAlbula, Andeer, Avers, Bergün Filisur, Bever, Bregaglia, Ferrera, Sils im Engadin, Silvaplana, Zillis-Reischen
Altre informazioni
Cod. postale7452, 7453, 7454, 7455, 7456, 7457, 7460, 7662, 7663, 7464
Prefisso081
Fuso orarioUTC+1
Codice OFS3543
TargaGR
Cartografia
Mappa di localizzazione: Svizzera
Surses
Surses
Surses – Mappa
Sito istituzionale

Surses (toponimo romancio) è un comune svizzero di 2 356 abitanti del Canton Grigioni, nella regione Albula.

Geografia fisicaModifica

StoriaModifica

Il comune di Surses è stato istituito il 1º gennaio 2016 con la fusione dei comuni soppressi di Bivio, Cunter, Marmorera, Mulegns, Riom-Parsonz, Salouf, Savognin, Sur e Tinizong-Rona; capoluogo comunale è Tinizong[1][2]. Il comune di Riom-Parsonz era stato istituito nel 1979 con la fusione dei comuni soppressi di Parsonz e Riom, quello di Tinizong-Rona nel 1998 con la fusione dei comuni soppressi di Rona e Tinizong.

Monumenti e luoghi d'interesseModifica

Geografia antropicaModifica

FrazioniModifica

Le frazioni di Surses sono[1]:

NoteModifica

  1. ^ a b Surses, in Dizionario storico della Svizzera, 22 settembre 2016. URL consultato il 12 ottobre 2020.
  2. ^ (DERM) Sito istituzionale del comune di Surses, su surses.ch. URL consultato il 12 ottobre 2020.
  3. ^ Jürg Simonett, Bivio, in Dizionario storico della Svizzera, 8 dicembre 2016. URL consultato il 12 ottobre 2020.
  4. ^ Gion Peder Thöni, Cunter, in Dizionario storico della Svizzera, 8 dicembre 2016. URL consultato il 12 ottobre 2020.
  5. ^ Gion Peder Thöni, Burvagn, in Dizionario storico della Svizzera, 8 dicembre 2016. URL consultato il 12 ottobre 2020.
  6. ^ Gion Peder Thöni, Marmorera, in Dizionario storico della Svizzera, 8 dicembre 2016. URL consultato il 12 ottobre 2020.
  7. ^ Gion Peder Thöni, Mulegns, in Dizionario storico della Svizzera, 9 dicembre 2016. URL consultato il 12 ottobre 2020.
  8. ^ Riom-Parsonz, in Dizionario storico della Svizzera, 9 dicembre 2016. URL consultato il 12 ottobre 2020.
  9. ^ Gion Peder Thöni, Parsonz, in Dizionario storico della Svizzera, 9 dicembre 2016. URL consultato il 12 ottobre 2020.
  10. ^ Jürg Rageth, Gion Peder Thöni, Riom, in Dizionario storico della Svizzera, 9 dicembre 2016. URL consultato il 12 ottobre 2020.
  11. ^ Gion Peder Thöni, Salouf, in Dizionario storico della Svizzera, 9 dicembre 2016. URL consultato il 12 ottobre 2020.
  12. ^ Jürg Rageth, Jürg Simonett, Savognin, in Dizionario storico della Svizzera, 9 dicembre 2016. URL consultato il 12 ottobre 2020.
  13. ^ Gion Peder Thöni, Sur, in Dizionario storico della Svizzera, 12 luglio 2017. URL consultato il 12 ottobre 2020.
  14. ^ Tinizong-Rona, in Dizionario storico della Svizzera, 9 dicembre 2016. URL consultato il 12 ottobre 2020.
  15. ^ Gion Peder Thöni, Rona, in Dizionario storico della Svizzera, 9 dicembre 2016. URL consultato il 12 ottobre 2020.
  16. ^ Gion Peder Thöni, Tinizong, in Dizionario storico della Svizzera, 19 dicembre 2016. URL consultato il 12 ottobre 2020.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN945148269799105230007 · WorldCat Identities (ENviaf-945148269799105230007
  Portale Svizzera: accedi alle voci di Wikipedia che parlano della Svizzera