Svjatoslav Ševčuk

arcivescovo cattolico ucraino
Svjatoslav Ševčuk
arcivescovo della Chiesa greco-cattolica ucraina
Sviatoslav Shevchuk Senate of Poland 01.JPG
Sua Beatitudine Svjatoslav Ševčuk
Coat of arms of Sviatoslav Shevchuk.svg
ГОСПОДЬ ПРОСВѢЩЕНІЄ МОЄ І СПАСИТЕЛЬ МОЙ
 
TitoloKiev-Halyč degli Ucraini
Incarichi attuali
Incarichi ricoperti
 
Nato5 maggio 1970 (50 anni) a Stryj
Ordinato diacono21 maggio 1994 dal vescovo Philemon Kurchaba, C.SS.R.
Ordinato presbitero26 giugno 1994 dal cardinale Myroslav Ivan Ljubačivs'kyj
Nominato vescovo14 gennaio 2009 da papa Benedetto XVI
Consacrato vescovo7 aprile 2009 dall'arcivescovo Ihor Voz'njak, C.SS.R.
Elevato arcivescovo23 marzo 2011 dal Sinodo della Chiesa Greco-Cattolica Ucraina (confermato il 25 marzo 2011 da papa Benedetto XVI)
 

Svjatoslav Ševčuk (Stryj, 5 maggio 1970) è un arcivescovo cattolico ucraino.

BiografiaModifica

Dopo l'ordinazione sacerdotale del 26 giugno 1994, ha conseguito la laurea in Teologia Morale presso la Pontificia Università San Tommaso d'Aquino in Roma nel 1999.

Tornato in patria ha svolto diversi incarichi, tra i quali quello di vicerettore del seminario dello "Spirito Santo" a Leopoli.

Il 14 gennaio 2009 papa Benedetto XVI lo ha nominato vescovo titolare di Castra di Galba e ausiliare dell'eparchia di Santa Maria del Patrocinio in Buenos Aires. Ha ricevuto la consacrazione episcopale il successivo 7 aprile dall'arcivescovo Ihor Voz'njak.

Della stessa diocesi è stato nominato amministratore apostolico il 10 aprile 2010.

Dopo le dimissioni del cardinale Ljubomyr Huzar del 10 febbraio 2011 dalla carica di arcivescovo maggiore di Kiev-Halyč per motivi di salute, il sinodo della Chiesa greco-cattolica ucraina lo ha eletto il 23 marzo successivo come nuovo arcivescovo maggiore. Nel contempo ha assunto anche la guida dell'arcieparchia di Kiev, sede propria dell'arcivescovo maggiore, e la presidenza del Sinodo della Chiesa greco-cattolica ucraina. Con i suoi 40 anni al momento dell'elezione, è il più giovane arcivescovo maggiore di Kiev-Halyč, e capo di una Chiesa cattolica orientale della storia.

Il 25 marzo, due giorni dopo l'elezione ad arcivescovo maggiore, Benedetto XVI gli ha confermato la sua elezione.

Il 22 giugno lo stesso pontefice lo ha nominato membro della Congregazione per le Chiese Orientali.

Genealogia episcopaleModifica

Successione apostolicaModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN302820569 · ISNI (EN0000 0004 0939 9812 · LCCN (ENno2016111625 · GND (DE1154809749 · WorldCat Identities (ENlccn-no2016111625