Sylvie

attrice francese
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando il nome proprio di persona femminile, vedi Silvia.
Sylvie nel film Ecco la felicità! (1940)

Sylvie, pseudonimo di Louise Pauline Mainguené, conosciuta anche come Louise Sylvie, (Parigi, 3 gennaio 1883Compiègne, 5 gennaio 1970), è stata un'attrice francese.

Biografia artisticaModifica

Figlia di un marinaio e di un'insegnante, Sylvie entrò giovanissima in conservatorio dove ebbe modo di studiare recitazione. Nel 1903 iniziò la carriera teatrale e nel 1905 ottenne il primo successo con la commedia The Old Heidelberg e nel cinema muto, nel quale comunque riuscì ad eccellere con ruoli importanti in grandi film come Germinal, ove ebbe il ruolo di Catherine Maheu. Ottenne una parte di rilievo in Delitto e castigo di Pierre Chenal nel 1935.

Dopo essersi dedicata principalmente al teatro, negli anni cinquanta e sessanta, apparve spesso sul grande schermo nei panni di anziana signora autoritaria, contraddistinta dallo sguardo severo e intenso. Divenne nota in Italia per aver interpretato il ruolo della signora Cristina nel film Don Camillo (1952), collaborando ad una coproduzione italo-francese che la pose a fianco del regista connazionale Julien Duvivier e degli attori francesi Fernandel (nel ruolo di Don Camillo) e Charles Vissières (nel ruolo del vescovo di Reggio Emilia).

Sylvie recitò in numerosi film per il cinema in ruoli secondari, ma fu soprattutto l'ultimo in Una vecchia signora indegna (1965) che la vide protagonista ormai più che ottantenne, e la consacrò definitivamente, dandole nuova visibilità e il riconoscimento al suo talento.

Nel 1965 apparve ancora una volta sul piccolo schermo italiano interpretando il ruolo della misteriosa Lady Hodwyn nello sceneggiato televisivo Belfagor ovvero Il fantasma del Louvre, dove recitò con Juliette Gréco.

Sulla scia di questo trionfo popolare, decide di ritirarsi dalle scene. A Pierre Dumayet, che la intervisterà nel 1969 nella trasmissione Vocations, dichiarerà con fierezza "Non mi sono persa la mia vecchiaia!" ("Je n'ai pas raté ma vieillesse!")

Muore il 5 gennaio 1970, appena due giorni dopo il suo 87º compleanno. È sepolta nel cimitero del piccolo villaggio di Saint-Guyomard, situato nella regione della Bretagna.

CitazioniModifica

"La vie m'a menée, j'ai été toutes ces femmes, et moi, qu'est-ce que j'étais là-dedans? Rien. En scène, j'étais Jeanne d'Albret, la reine de Navarre; le rideau tombé, j'étais Louise Sylvie, c'est-à-dire zéro!" (Sylvie in risposta a Pierre Dumayet, Vocations, 1969)

FilmografiaModifica

 
Sylvie con Fernandel nel film Don Camillo (1952)

Doppiatrici italianeModifica

TeatroModifica

  • 1903: L'Absent de Georges Mitchell, Théâtre de l'Odéon
  • 1904: La Déserteuse de Eugène Brieux et Jean Sigaux, Théâtre de l'Odéon
  • 1914: Un grand bourgeois d'Émile Fabre, mise en scène Firmin Gémier, Théâtre Antoine
  • 1951: La Maison de Bernarda Alba de Federico García Lorca, mise en scène Janine Guyon, Théâtre de l'Œuvre

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN49409502 · ISNI (EN0000 0001 1638 4588 · LCCN (ENno2001013384 · BNF (FRcb139002329 (data) · WorldCat Identities (ENlccn-no2001013384