Apri il menu principale

T-14 Armata

carro armato da combattimento russo
T-14 Armata
9may2015Moscow-01 (cropped).jpg
Un T-14 Armata a Mosca alla parata per il Giorno della Vittoria (9 maggio 2015)
Descrizione
Tipocarro armato da combattimento
Equipaggio3
CostruttoreUralvagonzavod
Data entrata in servizio2015
Utilizzatore principaleRussia Russia
Esemplari20
Costo unitario$3.7 milioni[1][2]
Dimensioni e peso
Lunghezza10,8 m
Larghezza3,5 m
Altezza3,3m
Peso48 t
Propulsione e tecnica
Motoremotore diesel ChTZ 12Н360 (A-85-3A)
Potenza1.500 hp
Rapporto peso/potenza31 hp/t
Prestazioni
Velocità80-90 km/h[3]
Armamento e corazzatura
Armamento primarioun cannone 2A82-1M da 125 mm / 2A83 152 mm[3]
Armamento secondariouna mitragliatrice Kord da 12,7 mm
una mitragliatrice PKTM da 7,62 mm
fonti citate nel corpo del testo
voci di veicoli militari presenti su Wikipedia

Il T-14 Armata è un carro armato russo di ultima generazione, presentato pubblicamente il 9 maggio 2015 giorno del settantesimo anniversario della vittoria sovietica sui nazisti nella Grande Guerra Patriottica, la denominazione in Russia e nelle nazioni sorte dallo scioglimento dell'Unione Sovietica, della Seconda guerra mondiale.

Prodotto dall'azienda Uralvagonzavod interamente in Russia, diverrà il mezzo corazzato principale dell'Esercito della Federazione russa. Si tratta del primo carro armato prodotto e sviluppato in Russia dalla fine della guerra fredda e dell'URSS.

Se inizialmente l'Esercito russo aveva pianificato l'acquisto e la produzione di 2300 carri armati T-14 nel periodo 2015-2020, a causa della recente crisi economica e della situazione finanziaria del Paese, la stima è stata rivista e la Russia si aspetta di produrre 100 T-14 entro il 2020.[4] I primi carri verranno consegnati alla Divisione Taman dopo il 2020.[5]

Indice

Caratteristiche tecnicheModifica

Il T-14 è caratterizzato da una torretta compatta automatizzata dotata di un cannone ad anima liscia da 152[6]/125 mm 2A83/2A82 con caricamento automatico ed una riserva di circa 32 colpi nel caricatore e altri 12 circa in una riserva secondaria, in grado di sparare munizioni esplosive, perforanti a distacco di sabot (APFSDS), a carica cava, missili e altri tipi di munizioni, una mitragliatrice da 12,7 mm che può essere sostituita con un cannoncino da 30 mm. Le armi sono a controllo remoto automatizzato per ingaggiare automaticamente i bersagli, utile in particolare per il cannoncino da 30 mm contro aerei lenti ed elicotteri.

L'equipaggio è di tre persone (pilota, capocarro e servente/addetto agli armamenti), alloggiate nello scafo in posizione anteriore, all'interno di una cellula di sicurezza.

Il motore ha circa 1.500 (1200-2000) HP ed è posteriore.

La massa è stimata in circa 48+1[7] t.

La corazzatura è stata aumentata e migliorata nella composizione, portando il livello di protezione equivalente massimo a circa 1024 mm contro proietti APFSDS (2000 m).[6]

Corazzatura: il veicolo dispone di una corazza composita con spessore equivalente a 900 mm di RHA. A questa si aggiungono la corazza reattiva Malachit e il sistema di protezione attiva Afghanit che include un radar a onde millimetriche per rilevare, monitorare e intercettare munizioni anticarro in arrivo.

In più ci sarebbe il sistema melograni (mascheratura) + matrice a scansione elettronica attiva (100 000 m).[6][8][9]

NoteModifica

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Mezzi corazzati: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mezzi corazzati