Tabanıyassi Mehmed Pascià

Tabanıyassi Mehmed Pascià

Gran visir dell'Impero ottomano
Durata mandato 18 maggio 1632 –
2 febbraio 1637
Monarca Murad IV
Predecessore Topal Recep Pascià
Successore Bayram Pascià

Beilerbei d'Egitto
Durata mandato 1628 –
1630
Predecessore Bayram Pascià
Successore Koca Musa Pascià

Tabanıyassi Mehmed Pascià letteralmente Mehmed Pascià Piedi piatti (Drama, 1589Costantinopoli, 2 febbraio 1637) è stato un politico ottomano di origine albanese. Fu Beilerbei dell'Eyalet d'Egitto dal settembre 1628 all'ottobre 1630.[1] Ha servito come Gran Visir dal 18 maggio 1632 al 1637 sotto il sultano Murat IV. Durante i primi anni del suo mandato, ebbe il sostegno del sultano grazie al suo servizio nella campagna nell'Iran nordoccidentale (nota come Campagna di Revan). Tuttavia, dopo il ritorno del sultano a Costantinopoli, Mehmed Pascià non è riuscito a difendere il forte di Revan (l'odierna Erevan) dal contrattacco persiano e il sultano lo licenziò dal suo incarico. Negli ultimi anni della sua vita fu nominato governatore di Silistra. Nel 1637, Murat IV divenne sospettoso nei confronti di Mehmed Pascià e lo accusò di aver tentato di iniziare una rivolta in alcune parti dell'Impero. Il sultano lo imprigionò prima nella fortezza di Yedikule e poi lo giustiziò, facendolo annegare, il 2 febbraio 1637.[2]

NoteModifica

  1. ^ Rhoads Murphey, Ottoman warfare, 1500-1700, 1999, p. 228, ISBN 1-85728-388-0, OCLC 40589544. URL consultato il 26 aprile 2021.
  2. ^ (TR) Ayhan Buz, Sokullu'dan Damat Ferit'e Osmanlı sadrazamları, Neden Kitap, 2009, p. 92, ISBN 978-975-254-278-5, OCLC 1089178490. URL consultato il 26 aprile 2021.

Voci correlateModifica