Tabella cronologica dei regni della Penisola iberica

(Questa tabella è puramente orientativa. Mancano i vari governatori arabi e musulmani di al-Andalus, dopo la deposizione (1031) dell'ultimo califfo di Cordova, Hishām III.)

La storia e la cronologia dei regni che si crearono, nella penisola iberica, dopo la caduta dell'Impero romano d'Occidente e le invasioni dei diversi popoli germanici può essere datata dall'inizio del V secolo d.C.

La configurazione della Spagna come Stato moderno si iniziò a definire nella parte finale della Reconquista con l'unificazione dei distinti regni cristiani (gli stessi che si vennero a formare dopo l'invasione araba del 711) e si può considerare terminata con la guerra di successione spagnola.

Il Portogallo invece iniziò a conformarsi come entità statuale indipendente fin dal XII secolo, raggiungendo le dimensioni attuali nell'ambito della penisola iberica (senza cioè le Azzorre e Madera, occupate successivamente) attorno alla metà del XIII secolo, con la riconquista dell'Algarve (1249-1250).

Indice

Alto Medioevo: i regni barbariModifica

Regno vandalo Regno visigoto Regno svevo
Gunderico (406-428)
Ataulfo (410-415) Ermerico (409-438)
Nell'anno 410 firmò un foedus con Roma per cui si stabilì nella Penisola iberica.
Sigerico (415)
Walia (415-418)
Rechila (438-448)
Genserico (428-429)
Nell'anno 429 attraversò lo Stretto di Gibilterra e si stabilì nel Nordafrica.
Teodorico I (418-451)
--- Torismondo (451-453) Rechiaro (448-456)
Convertito al arianesimo nell'anno 449.
Teodorico II (453-466) 1ª divisione del regno svevo:
- Framta (456-457)
- Aiulfo (456-457)
Riunificazione:
Maldraso (457-459)
Eurico (466-484) 2ª divisione del regno svevo:
- Fromaro (459-463)
- Ricimondo (459-463)
- Remismondo (459-469)
Riunificazione:
Remismondo (463-469)
Convertito all'arianesimo nell'anno 465.
Alarico II (484-507) Período oscuro:
Teodemondo (??) (469-550)
Gesalico (507-510)
Amalarico (510-531)
Teudi (531-548)
Teudiselo (548-549)
Agila I (549-551)
Atanagildo (551-567) Carriarico (550-559)
Convertito al cattolicesimo nell'anno 550.
Liuva I (568-572) Teodemaro (559-570)
Primo Concilio di Braga (561-563)
Miro (570-583)
Secondo Concilio di Braga (572)
Leovigildo (572-586) Eborico (583-584)
chiamato anche Eurico
Andeca (584-585)
gli svevi sono sottomessi dai visigoti
Malarico (585-586)
pretendente al trono, battuto e imprigionato
Recaredo I (586-601)
Convertito al cattolicesimo, nel 589, al
III Concilio di Toledo
---
Liuva II (601-603)
Viterico (603-610)
Gundemaro (610-612)
Sisebuto (612-621)
Recaredo II (621)
Suintila (621-631)
nel 629, fu il primo re di totius Spaniae.
Sisenando (631-636)
Chintila (636-639)
Tulga (639-642)
Chindasvindo (642-653)
Reccesvindo (653-672)
Vamba (672-680)
Ervige (680-687)
Egica (687-700)
Witiza (700-710)
Roderico (710-711)
Agila II (711-714/716)
Ardo (714/716-720/721)

al-AndalusModifica

Wālī di al-AndalusModifica

Emiri di al-AndalusModifica

Califfi di al-AndalusModifica

Prima TaifaModifica

Impero almoravideModifica

Seconda TaifaModifica

Impero almohadeModifica

Regno di GranadaModifica

Regni cristiani durante la ReconquistaModifica

Regno del Portogallo Regno di Galizia Regno delle Asturie Regno di León Regno di Castiglia Regno di Navarra Regno di Aragona Contea di Barcellona
--- --- Pelagio
(718-737)
--- --- --- --- ---
--- --- Favila o Fáfila
(737-739)
--- --- --- --- ---
--- Alfonso I il Cattolico
(739-757)
si proclamò re delle Asturie.
--- --- --- --- ---
--- Fruela I
(757-768)
--- --- --- --- ---
--- Aurelio
(768-774)
--- --- --- --- ---
--- Silo
(774-783)
--- --- --- --- ---
--- Mauregato
(783-789)
--- --- --- --- ---
--- Bermudo I il Diacono
(789-791)
--- --- --- Aureolus
(802-809)
conte d'Aragona
---
--- Alfonso II il Casto
(791-842)
--- Aznar I
(809-823)
conte d'Aragona
Berà
(801-820)
Inigo I Arista
(
810-852)
re di Pamplona
Garcia I Galindez
(823-833)
conte d'Aragona
Rampò
(820-826)
Bernardo di Settimania
1º regno
(826-832)
Berengario

il Saggio
(832-835)

Bernardo di Settimania
2º regno
(836-844)
--- Ramiro I
(842-850)
Jimeno I Garces

(ca. 850-860)
co-reggente

Galindo Garces
(833-844)
conte d'Aragona
Sunifredo I
(844-848)
Guglielmo di Settimania
(848-850)
Alerano e Isembardo
(850-852)
Ordoño I
(850-866)

Nominò i suoi vassalli Rodrigo di Castiglia (ca. 850-873) e Vímara Peres (868-873),

rispettivamente, conte di Castiglia e conte del Portogallo.

Garcia I Iniguez
(852-870)
re di Pamplona
Galindo II Aznarez
(844-867)
conte d'Aragona
Odalrico
(852-858)
Garcia II Jimenez
(870-882)
re di Pamplona
Unifredo
(858-864)
Inigo II Garces
(882-905)
re di Pamplona
co-reggente
Bernardo di Gotia
(865-878)
Alfonso III Magno
(866-910)

Nominò Lucídio Vimaranes (873-922) conte del Portogallo e

Diego Rodriguez Porcelos (873 - ca. 885) conte di Castiglia,

a quale successe Nuño Muñoz (ca. 899-ca. 909).

Fortunato Garces
il Monaco
(882-905)
re di Pamplona e poi re di Navarra
Aznar II Galindez
(867-893)
conte d'Aragona
Goffredo

il Villoso
(878-897)

Ordono II
(910-924)

Nominò Diego Fernandes (922-926)

conte del Portogallo.
Nel 914 si proclamò re di León.

Fruela II
(910-924)
García I di León
(910-914)

Nominò Gonzalo Fernández (ca.909-916) conte di Burgos.

Sancho I Garcés

(905-925)

Galindo III Aznarez
(893-922)
conte d'Aragona
Borrell I
(898-911)
Ordono II
(914-924)

Nominò Fernando Ansurez (916-929)

conte di Castiglia.

Sunyer I
(911-947)
Fruela II
(924-925)
Unendo i tre regni (Asturie, Leon e Galizia) si proclamò re di León.
Alfonso Froilaz
(925-926)

Nominò Mendo I Gonçalves (926-943)

conte del Portogallo.

Alfonso Froilaz
(925)
Andregoto Galíndez
(922-940)
contessa d'Aragona,
sola sino al 933,
poi col marito
Garcia Sanchez I.
Sancho Ordóñez
(926-929)
Alfonso IV
(925-929)
Jimeno II Garces
(925-931)
reggente
Alfonso IV
(929-930)

Nominò Gutier Nuñez (929-931) conte di Castiglia.

Ramiro II
(930-951)

Nominò Mumadona Dias (943-950) contessa del Portogallo,

alla quale successe il figlio Gonzalo Mendes (950-997).

Fernán González
(931-970)
primo conte di Castiglia indipendente
dai re di León
Garcia Sanchez I (925-970)
sotto reggenza, prima dello zio, Jimeno, e, dal 931 al 935. della madre, Toda di Navarra.
Dal 933 al 940, governò anche l'Aragona con la moglie, Andregoto Galíndez, e poi sino al 970, da solo
Ordoño III
(951-956)
Mirò col fratello Borrell II
(947-966)
Sancho I (956-967)
intramezzato da Ordoño IV di León (958-960)
Ramiro III
(967-984)
Garcia Fernandez
(970-995)

conte di Castiglia

Sancho Garces II Abarca
(970-994)
Eredita la Contea di Aragona.
Borrell II
(966-992)
Bermudo II il Gottoso
(984-999)

Nominò Mendo II Gonçalves (997-1008) conte del Portogallo.

Sancho Garces
(995-1017)

conte di Castiglia

Garcia Sanchez II il Tremolante

(994-1000)

Raimondo Borrell III
(992-1017)
Alfonso V
(999- 1028)

Nominò Alvito Nunes (1008-1016) conte del Portogallo,

al quale successe il figlio Nuno I Alvites (1016-1028).

Garcia Sanchez
(1017-1029)

conte di Castiglia

Sancho Garces III il Grande
(1000-1035)
conte di Sobrarbe dal 1016.
Berengario Raimondo I

lo Storpio
1018-1035

Munia
(1029-1032)

contessa di Castiglia
e dal 1017 anche contessa di Ribagorza.

Sancho Garces III, il Grande
(1032-1035)
subentrò alla moglie Munia in Castiglia e Ribagorza.
Bermudo III
(1028- 1037)

Nominò Mendo III Nunes (1028-1050) conte del Portogallo.

Ferdinando I
il Grande
(1035-1037)

re di Castiglia.

Garcia Sanchez III
(1035-1054)
Ramiro I
(1035-1063)

re d'Aragona annesse Sobrarbe e Ribagorza, nel 1045, alla morte del fratellastro Gonzalo.

Raimondo Berengario I
il Vecchio
1035-1076
Ferdinando I (1037-1065), re di Castiglia, assieme alla moglie Sancha I, regina di León,
unione dinastica dei regni di Castiglia e di León.

Nominò Nuno II Mendes (1050-1071) conte del Portogallo.

Garcia di Galizia
(1065-1072)
Alfonso VI
(1065-1072)
Sancho II
(1065-1072)
Sancho Garces IV
(1054-1076)
Sancho Ramírez
(1063-1076)
Alfonso VI
(1072-1109)
unione dei regni di Castiglia, di León e di Galizia.

Al marito della figlia Urraca, Raimondo di Borgogna (1093-1107), assegnò il governo della Galizia,

mentre a Enrico di Borgogna (1093-1112), promesso sposo della figlia naturale Teresa, assegnò, in subordine alla Galizia, la contea del Portogallo.

A quest'ultimo successe la stessa Teresa (1112-1128) come contessa del Portogallo.

Conquistò il Regno di Toledo.
Il suo rapporto con il Cid fu burrascoso.

Sancho Ramírez
(1076-1094)
re di Navarra come Sancho V e

re d'Aragona come Sancho I.

Raimondo Berengario II Testa di Stoppia
(1076-1082)
Pietro I
(1094-1104)
Berengario Raimondo II
il Fratricida
(1076-1097)
coregnante
Alfonso Raimundez
(1112-1126)
Re di Galizia
Urraca
(1109-1126)
Il marito, Alfonso I di Aragona, fu re consorte sino alla separazione, nel 1114.
Alfonso I il Battagliero
(1104-1134)
Raimondo Berengario III
il Grande
(1082-1131)
Alfonso VII Raimundez l'Imperatore
(1126-1157)

Nominò il cugino Alfonso Henriques (1128-1139) conte del Portogallo.

Garcia Ramirez IV
(1134-1150)
Ramiro II, il Monaco
(1134-1137)
Raimondo Berengario IV
il Santo
(1131-1162) sposò l'erede al trono d'Aragona Petronilla
creando l'unione dinastica coi conti di Barcellona e la Corona di Aragona.
Alfonso I Henriques
il Conquistatore

(1139-1185)
re del Portogallo.

Ferdinando II
(1157-1188)
Sancho III
(1157-1158)
Petronilla
(1137-1162)

sposò Raimondo Berengario IV creando l'unione dinastica coi conti di Barcellona e la Corona di Aragona.

Alfonso VIII
(1158-1214)
Sancho VI
(1150-1194)
Alfonso II il Casto
(1162-1196)

Alfonso I come conte di Barcellona.

Sancho I
il Popolatore
(1185-1211)

conquistò il Regno dell'Algarve.

Alfonso IX
(1188- 1230)
Sancho VII, il Forte
(1194-1234)
Enrico I
(1214-1217)
Pietro II il Cattolico
(1196-1213)
Pietro I come conte di Barcellona.
Berenguela
(1217)
Giacomo I il Conquistatore
(1213-1276)
conquistò il Regno di Maiorca e
il Regno di Valencia
Alfonso II
il Grasso
(1211-1223)
Sancha II e Dolce I (1230)
regine de jure per poche settimane poi cedettero il trono al loro fratellastro.
Ferdinando III

il Santo
(1217-1230)

Sancho II il Pio

(1223-1247)

Ferdinando III il Santo
(1230-1252)
Conquistò il Regno di Cordova, il Regno di Jaén e il Regno di Siviglia e

creò della Corona di Castiglia.

Tebaldo I
(1234-1253)
Alfonso III
il Restauratore

(1247-1279)

Tebaldo II
(1253-1270)
Alfonso X, il Saggio
(1252-1284)

Conquistò il Regno di Murcia.

Enrico I
(1270-1274)
Dionigi I il Giusto

(1279-1325)

Giovanna I
(1274-1305)
col marito
Filippo I il Bello
(1285-1305)
Pietro III il Grande
(1276-1285)
Pietro I come re di Valencia e

Pietro II come conte di Barcellona,
conquistò la Sicilia.

Sancho IV
(1284-1295)
Alfonso III il Generoso

(1285-1291)
Alfonso I come re di Valencia e

Alfonso II come conte di Barcellona,
conquistò Minorca.

Giacomo II il Giusto
(1291-1327)
conquistò il Regno di Sardegna
Ferdinando IV il Chiamato
(1295-1312)
Luigi I l'Attaccabrighe
(1305-1316)
Giovanni I
il Postumo
(1316)
Alfonso XI
(1312-1350)
Filippo II il Lungo
(1316-1322)
Alfonso IV l'Ardito

(1325-1357)

Carlo I il Bello
(1322-1328)
Alfonso IV il Buono

(1327-1333)
Alfonso II come re di Valencia e Alfonso III come conte di Barcellona.

Giovanna II
(1328-1349)
col marito
Filippo III
(1328-1343)
Pietro IV il Cerimonioso

(1336-1387)
Pietro II come re di Valencia e

Pietro III come conte di Barcellona,
depose il re di Maiorca.

Pietro I il Giustiziere
(1357-1367)
Pietro I il Crudele
(1350-1369)
Carlo II il Malvagio
(1349-1387)
Ferdinando I
(1369-1383)
Enrico II il Bastardo
(1369-1379)
Beatrice
(1383-1385)

La madre, Eleonora Telles de Menezes, esercitò la reggenza.

Giovanni I
(1379-1390)
Giovanni I
(1385-1433)
Enrico III l'Infermo
(1390-1406)
Carlo III il Nobile
(1387-1425)
Giovanni I il Cacciatore
(1387-1396)
Martino I l'Umano
(1396-1410)

Martino II come re di Sicilia,

morì senza eredi

Edoardo I
(1433-1438)
Giovanni II
(1406-1454)
Ferdinando I
(1412-1416)
Bianca I
(1425-1441)
col marito Giovanni II
(1425-1479)
che si oppose ai figli
Carlo IV
(1441-1461)
e Bianca II
(1461-1464)
Alfonso V il Magnanimo

(1416-1458)
Alfonso I come re di Sicilia,

Alfonso III come re di Valencia,
Alfonso IV come re di Barcellona,
conquistò il Regno di Napoli.

Alfonso V
(1438-1477)
Enrico IV l'Impotente
(1454-1474)
Giovanni II
(1458-1479)
nel periodo della Guerra contro Giovanni II (1462-1472) tenne solo il regno di Aragona e Valencia.
Intanto, furono conti di Barcellona:
Giovanni II
(1477-1495)
Isabella I la Cattolica
(1474-1504)

Conquistò, insieme al marito Ferdinando, il Regno di Granada.

Eleonora
col marito
Gastone
(1479)
Ferdinando II il Cattolico

(1479-1516)
re di Sicilia, di Valencia e di Maiorca
e conte di Barcellona,
Ferdinando III come re di Napoli.

Francesco Febo
(1479-1483)
Manuele I

il Fortunato
(1495-1521)

Giovanna la Pazza

(1504-1555)

Tra il 1506 e il 1506 fu posta sotto la reggenza del marito Filippo,

mentre dal 1506 al 1555 fu sotto la reggenza del padre Ferdinando.

Caterina
(1483-1518)
col marito Giovanni III
(1483-1516).
Nel 1512 la bassa Navarra fu conquistata da Ferdinando, mentre sull'alta Navarra regnarono Enrico II

(1517-1555) e Giovanna III

(1555-1572), poi fu riunita alla Francia.

Filippo I il Bello

(1504-1506)

marito di Giovanna e reggente

Ferdinando V il Cattolico, marito di Isabella I,

fu reggente di Castiglia (1507-1516) e re di bassa Navarra (1512-1516),

Ferdinando II come re d'Aragona.

Giovanni III il Pio

(1521-1557)

Carlo I

(1516-1556)

sovrano delle corone d'Aragona e Castiglia e re di Sicilia e di Sardegna,

Carlo V come come Imperatore, Carlo II come duca di Borgogna e Carlo IV come re di Napoli.

Sebastiano I

il Desiderato

(1557-1578)

Filippo II il Prudente

(1556-1598)

sovrano delle corone d'Aragona e Castiglia, signore dei Paesi Bassi e conte di Borgogna,

Filippo I come re di Sicilia, di Napoli, di Sardegna e duca di Milano.

Enrico I il Casto

(1578-1580)

Antonio I

il Determinato

(1580)

contese il trono a Filippo e continuò a regnare sulle Azzorre sino al 1583.

Filippo II il Prudente

(1581-1598)

sovrano delle corone d'Aragona e Castiglia, signore dei Paesi Bassi e conte di Borgogna,

Filippo I come re del Portogallo, di Sicilia, di Napoli, di Sardegna e duca di Milano.

Per l'elenco completo dei re di Spagna e del Portogallo, dell'età moderna:

 Lo stesso argomento in dettaglio: Sovrani di Spagna e Sovrani del Portogallo.

BibliografiaModifica

  • Storia del Mondo Medievale, 7 voll., Milano, Garzanti, 1978 e successive ristampe (traduzione parziale della The Cambridge Medieval History, Cambridge University Press, 1911).
  • M. Manitius, "Le migrazioni germaniche, 378-412", cap. VIII, vol. I (La fine del mondo antico) della Storia del Mondo Medievale, pp. 246–274.
  • Ludwig Schmidt e Christian Pfister, "I regni germanici in Gallia", cap. IX, vol. I (La fine del mondo antico) della Storia del Mondo Medievale, pp. 275–300.
  • Ludwig Schmidt, "I suebi, gli alani, e i vandali in Spagna, 409-429. La dominazione vandalica in Africa 429-533", cap. X, vol. I (La fine del mondo antico) della Storia del Mondo Medievale, pp. 301–319.
  • Ernst Barker, "L'Italia e l'occidente dal 410 al 476", cap. XII, vol. I (La fine del mondo antico) della Storia del Mondo Medievale, pp. 373–419.
  • Maurice Doumoulin, "Il regno d'Italia sotto Odoacre e Teodorico", cap. XIII, vol. I (La fine del mondo antico) della Storia del Mondo Medievale, pp. 420–444.
  • Charles Diehl, "Giustiniano. La restaurazione imperiale in occidente", cap. XVIII, vol. I (La fine del mondo antico) della Storia del Mondo Medievale, pp. 572–596.
  • Christian Pfister, "La Gallia sotto i franchi merovingi: vicende storiche", cap. XXI, vol. I (La fine del mondo antico) della Storia del Mondo Medievale, pp. 688–711.
  • Rafael Altamira, "La Spagna sotto i Visigoti", cap. XXIII, vol. I (La fine del mondo antico) della Storia del Mondo Medievale, pp. 743–779.
  • L.M. Hartmann e W.H. Hutton, "L'Italia e l'Africa imperiali: amministrazione. Gregorio Magno", cap. XXV, vol. I (La fine del mondo antico) della Storia del Mondo Medievale, pp. 810–853.
  • C.H. Becker, "L'espansione dei saraceni in Africa e in Europa", cap. III, vol. II (L'espansione islamica e la nascita dell'Europa feudale) della Storia del Mondo Medievale, pp. 70–96.
  • M. Canard, "Bisanzio e il mondo musulmano alla metà dell'XI secolo", cap. IX, vol. II (L'espansione islamica e la nascita dell'Europa feudale) della Storia del Mondo Medievale, pp. 273–312.
  • Gerhard Seeliger, "Conquiste e incoronazione a imperatore di Carlomagno", cap. XII, vol. II (L'espansione islamica e la nascita dell'Europa feudale) della Storia del Mondo Medievale, pp. 358–396.
  • Rafael Altamira, "Il califfato occidentale", cap. XVI, vol. II (L'espansione islamica e la nascita dell'Europa feudale) della Storia del Mondo Medievale, pp. 477–515.
  • René Poupardin, "Ludovico il Pio", cap. XVIII, vol. II (L'espansione islamica e la nascita dell'Europa feudale) della Storia del Mondo Medievale, pp. 558–582.
  • René Poupardin, I regni carolingi (840-918), in «Storia del mondo medievale», vol. II, 1999, pp. 583–635
  • Louis Alphen, Francia, Gli ultimi Carolingi e l'ascesa di Ugo Capeto (888-987), in «Storia del mondo medievale», vol. II, 1999, pp. 636–661
  • Allen Mawer, "I vichinghi", cap. XXIII, vol. II (L'espansione islamica e la nascita dell'Europa feudale) della Storia del Mondo Medievale, pp. 734–769.
  • Harold Dexter Hazeltine, "Il diritto romano e il diritto canonico nel Medioevo", cap. VIII, vol. V (Il trionfo del Papato e lo sviluppo comunale) della Storia del Mondo Medievale, pp. 295–369.
  • Hastings Rashdall, Le università medievali, in Storia del mondo medievale, vol. V, 1999, pp. 657–704
  • Frederick Maurice Powicke, I regni di Filippo Augusto e Luigi VIII di Francia, in «Storia del mondo medievale», vol. V, 1999, pp. 776–828
  • Charles Petit-Dutaillis, Luigi IX il Santo, in «Storia del mondo medievale», vol. V, 1999, pp. 829–864
  • Rafael Altamira, "La Spagna (1031-1248)", cap. XXI, vol. V (Il trionfo del Papato e lo sviluppo comunale) della Storia del Mondo Medievale, pp. 865–896.
  • Romolo Caccese, Italia: 1313-1414, in Storia del mondo medievale, vol. VI, 1999, pp. 297–331
  • Hilda Johnstone, Francia: gli ultimi Capetingi, in Storia del mondo medievale, vol. VI, 1999, pp. 569–607
  • A. Coville, Francia. La guerra dei cent'anni (fino al 1380), in «Storia del mondo medievale», vol. VI, 1999, pp. 608–641.
  • Guillaime Mollat, I papi di Avignone e il grande scisma, in «Storia del mondo medievale», vol. VI, 1999, pp. 531–568.
  • Cecil Roth, Gli ebrei nel Medioevo, in Storia del mondo medievale, vol. VI, 1999, pp. 848–883
  • Rafael Altamira, "Spagna 1412-1516", cap. XV, vol. VII (L'autunno del Medioevo e la nascita del mondo moderno) della Storia del Mondo Medievale, pp. 546–575.
  • Edgar Prestage, "Il Portogallo nel Medioevo", cap. XVI, vol. VII (L'autunno del Medioevo e la nascita del mondo moderno) della Storia del Mondo Medievale, pp. 576–610.
  • Joseph Calmette, Il regno di Carlo VII e la fine della guerra dei cent'anni in Francia, in Storia del mondo medievale, vol. VII, 1999, pp. 611–656
  • Charles Petit-Dutaillis, Francia: Luigi XI, in Storia del mondo medievale, vol. VII, 1999, pp. 657–695

Voci correlateModifica