Apri il menu principale

Tachicardia sinusale inappropriata

sindrome in cui la frequenza cardiaca sinusale è elevata di quanto dovrebbe essere e sono presenti sintomi; la frequenza cardiaca a riposo può superare i 100 batt/min e un minimo sforzo fisico l'aumenta in maniera improvvisa e importante
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
Tachicardia sinusale inappropriata
SinusTach.jpg
Elettrocardiogramma che mostra una tachicardia sinusale. La frequenza cardiaca è di circa 150 battiti per minuto.
Classificazione e risorse esterne (EN)

La tachicardia sinusale inappropriata (TSI) è una sindrome in cui la frequenza cardiaca sinusale è più elevata di quanto dovrebbe essere e sono presenti sintomi legati a tale tachicardia; la frequenza cardiaca a riposo può superare i 100 batt/min e un minimo sforzo fisico l'aumenta in maniera improvvisa e importante.

La frequenza cardiaca normale è compresa fra i 60 e 100 batt/min, mentre non esiste un valore specifico che definisca la TSI: in genere i pazienti presentano valori diurni superiori ai 100 bpm, con medie che si aggirano sui 90 batt/min e non correlate a situazioni fisiologiche di aumento della domanda[1]

EpidemiologiaModifica

Sono colpiti un alto numero di pazienti giovani e in particolare, le donne. Non è chiaro ciò che sta alla base della TSI, ma è certo che si presenta in modo improvviso e che ha una durata non prevedibile, infatti può durare alcune settimane o anche mesi, e poi cessare senza motivo apparente[2]. Gli studi condotti per studiare la sindrome non sono molti e spesso con un campione ridotto, sebbene vi siano evidenze che la prognosi a medio e lungo termine sia benigna[3].

PatogenesiModifica

Non si può tralasciare la funzione che svolge il nodo del seno nel mantenere in ritmo sinusale il nostro cuore, se si vuole risalire ai meccanismi responsabili della TSI. Il nodo del seno ha una struttura complessa e sottoposta al controllo del sistema nervoso autonomo, attraverso una numero notevole di correnti ioniche[4]; le più note, quella del calcio e la corrente If,[5], sono le più direttamente coinvolte nel mantenimento del ritmo sinusale, anche se non sembrerebbero responsabili della TSI.

Attraverso un complicato meccanismo di regolazione del ritmo a partenza parasimpatica,[6] si arriverebbe alla riduzione della corrente If attivando i recettori muscarinici M2 implicati nell'attivazione dei canali del calcio e del potassio[7], in tal caso la stimolazione simpatica, attivando la parte alta del nodo del seno, potrebbe portare ad un'iperstimolazione dei canali Ik e conseguente facilitazione nel mantenimento della TSI[5]

L'eccesso di catecolamine o l'attivazione simpatica possono provocare la TSI, in quanto l'attivazione fasica parasimpatica, viene superata dall'attivazione tonica simpatica, come sosteneva Kimura già nel 1985. In realtà, vi sono altre ipotesi che considerando un problema intrinseco del nodo del seno o una disautonomia, potrebbero giustificare l'automantenersi della tachicardia (Low, 1998).

ComplicanzeModifica

Solo in rari casi sono state correlate forme di cardiomiopatia dilatativa secondarie alla tachicardia[8], più spesso si trattano di casi clinici isolati[9] e talora in età pediatrica.[10]

ClinicaModifica

La diagnosi di TSI è una diagnosi per esclusione, infatti può essere fatta solo in presenza di una tachicardia sinusale prolungata e recidivante, non spiegabile in altro modo.

Esami di laboratorio e strumentaliModifica

Test cardiovascolari come lo studio elettrofisiologico non sono utili, se non per escludere la presenza di una tachicardia da rientro o similari.[11]

La normalità dell'onda P dell'elettrocardiogramma ci orienta sulla possibilità di TSI.

Diagnosi differenzialeModifica

È fondamentale distinguere la TSI dalla cosiddetta «tachicardia sinusale appropriata» e dalla "Sindrome della tachicardia posturale ortostatica" o STPO[12], che raggruppa sintomi simili e sovrapponibili, fra cui cardiopalmo, astenia, vertigini e lipotimie, anche se ciò non è possibile con un semplice elettrocardiogramma, che mostra l'aumento della frequenza e l'origine pur sempre sinusale del ritmo.

La tachicardia sinusale è una condizione transitoria e reversibile: le frequenze raggiunte sono correlate alle cause come l'attività fisica, l'assunzione di caffeina, bevande alcoliche, ansia, etc., mentre nella TSI l'accelerazione della frequenza per sforzi minimi è eccessiva e il recupero della stessa è molto lento e non si riduce sino a livelli normali.

Prima di porre diagnosi di TSI debbono essere considerate altre cause di tachicardia sinusale appropriata, come quelle elencate di seguito:

Farmaci, sostanze eccitanti, interventi Condizioni cliniche

Se la tachicardia appare gradualmente con le modificazioni della postura, potrebbe essere utile eseguire un tilt test per confermare la STPO, viceversa l'improvviso aumento della frequenza orienterà verso la TSI. Molto spesso le due forme di tachicardia vengono confuse,[12] anche perché i sintomi sono molto simili:

Tachicardia sinusale inappropriata Sindrome della Tachicardia Posturale Ortostatica
Abnorme accelerazione del ritmo sinusale a riposo o per minimo sforzo, non spiegabile con situazioni note Intolleranza alla stazione eretta, che si manifesta con i cambi di postura
La frequenza a riposo supera i 100 bpm, con medie di 90 bmp durante le 24 ore Aumento di 30 bpm rispetto al basale, o frequenza di 120 bpm per almeno 10 minuti dopo il passaggio dalla posizione supina a quella eretta, senza registrazione di ipotensione ortostatica
Diagnosticabile per esclusione Diagnosticabile con il Tilt test

Non esiste un vero protocollo per la diagnosi di questa tachicardia, ma è importante accertarsi della possibile presenza di cause note di scatenamento dei sintomi ed escluse queste, valutare con il paziente la possibilità e la necessità di trattamento.

TrattamentoModifica

Il trattamento della TSI, alle conoscenze attuali, è piuttosto controverso, poiché la sola riduzione della frequenza non sempre elimina i sintomi.

Trattamento farmacologicoModifica

Farmaci come i beta bloccanti sono stati spesso impiegati e talora confrontati con l'allenamento fisico:[13] non vi sono state sostanziali differenze, se si eccettua la maggior ipotensione legata all'utilizzo del propranololo.

Un discorso a parte va fatto per l'ivabradina: numerosi studi hanno dimostrato il valore potenziale dell'antagonista della corrente If, in pazienti affetti da TSI[14]. È stata documentata una riduzione significativa delle frequenze cardiache, senza alcuna influenza sulla pressione arteriosa, e una miglior resistenza allo sforzo. La buona tolleranza al farmaco e le risposte positive finora ottenute, ne consigliano l'utilizzo, seppure con un'indicazione attualmente ritenuta off label.

Trattamento chirurgicoModifica

Negli ultimi anni, con maggiore frequenza che in passato, è stato proposto l'utilizzo di metodiche invasive quali l'ablazione transcatetere con radiofrequenza[15]: gli studi condotti su un numero limitato di pazienti non hanno individuato alcun beneficio effettivo e duraturo, rispetto alla terapia conservativa. Si sono piuttosto evidenziate complicanze[16], che ne hanno ridimensionato le indicazioni.

NoteModifica

  1. ^ Frequenza cardiaca e rischio cardiovascolare
  2. ^ AM. Still, P. Raatikainen; A. Ylitalo; H. Kauma; M. Ikäheimo; Y. Antero Kesäniemi; HV. Huikuri, Prevalence, characteristics and natural course of inappropriate sinus tachycardia., in Europace, vol. 7, nº 2, marzo 2005, pp. 104-12, DOI:10.1016/j.eupc.2004.12.007, PMID 15763524.
  3. ^ JC. Rubenstein, M. Freher; A. Kadish; JJ. Goldberger, Diurnal heart rate patterns in inappropriate sinus tachycardia., in Pacing Clin Electrophysiol, vol. 33, nº 8, agosto 2010, pp. 911-9, DOI:10.1111/j.1540-8159.2010.02725.x, PMID 20353418.
  4. ^ MR. Boyett, H. Honjo; I. Kodama, The sinoatrial node, a heterogeneous pacemaker structure., in Cardiovasc Res, vol. 47, nº 4, settembre 2000, pp. 658-87, PMID 10974216.
  5. ^ a b D. DiFrancesco, The role of the funny current in pacemaker activity., in Circ Res, vol. 106, nº 3, febbraio 2010, pp. 434-46, DOI:10.1161/CIRCRESAHA.109.208041, PMID 20167941.
  6. ^ Mechanism of 'inappropriate' sinus tachycardia. Role of sympathovagal balance.
  7. ^ C. Cifelli, RA. Rose; H. Zhang; J. Voigtlaender-Bolz; SS. Bolz; PH. Backx; SP. Heximer, RGS4 regulates parasympathetic signaling and heart rate control in the sinoatrial node., in Circ Res, vol. 103, nº 5, agosto 2008, pp. 527-35, DOI:10.1161/CIRCRESAHA.108.180984, PMID 18658048.
  8. ^ P. Nerheim, S. Birger-Botkin; L. Piracha; B. Olshansky, Heart failure and sudden death in patients with tachycardia-induced cardiomyopathy and recurrent tachycardia., in Circulation, vol. 110, nº 3, luglio 2004, pp. 247-52, DOI:10.1161/01.CIR.0000135472.28234.CC, PMID 15226218.
  9. ^ PF. Winum, G. Cayla; M. Rubini; L. Beck; P. Messner-Pellenc, A case of cardiomyopathy induced by inappropriate sinus tachycardia and cured by ivabradine., in Pacing Clin Electrophysiol, vol. 32, nº 7, luglio 2009, pp. 942-4, DOI:10.1111/j.1540-8159.2009.02414.x, PMID 19572874.
  10. ^ E. Romeo, N. Grimaldi; B. Sarubbi; M. D'Alto; G. Santarpia; G. Scognamiglio; MG. Russo; R. Calabrò, A pediatric case of cardiomyopathy induced by inappropriate sinus tachycardia: efficacy of ivabradine., in Pediatr Cardiol, vol. 32, nº 6, agosto 2011, pp. 842-5, DOI:10.1007/s00246-011-9964-1, PMID 21479666.
  11. ^ DS. Frankel, D. Lin; N. Anastasio; SE. Mountantonakis; S. Dixit; EP. Gerstenfeld; MD. Hutchinson; MP. Riley; FE. Marchlinski; DJ. Callans, Frequent additional tachyarrhythmias in patients with inappropriate sinus tachycardia undergoing sinus node modification: an important cause of symptom recurrence., in J Cardiovasc Electrophysiol, vol. 23, nº 8, agosto 2012, pp. 835-9, DOI:10.1111/j.1540-8167.2012.02297.x, PMID 22471900.
  12. ^ a b S. Carew, MO. Connor; J. Cooke; R. Conway; C. Sheehy; A. Costelloe; D. Lyons, A review of postural orthostatic tachycardia syndrome., in Europace, vol. 11, nº 1, gennaio 2009, pp. 18-25, DOI:10.1093/europace/eun324, PMID 19088364.
  13. ^ Q. Fu, TB. Vangundy; S. Shibata; RJ. Auchus; GH. Williams; BD. Levine, Exercise training versus propranolol in the treatment of the postural orthostatic tachycardia syndrome., in Hypertension, vol. 58, nº 2, agosto 2011, pp. 167-75, DOI:10.1161/HYPERTENSIONAHA.111.172262, PMID 21690484.
  14. ^ E. Kaplinsky, FP. Comes; LS. Urondo; FP. Ayma, Efficacy of ivabradine in four patients with inappropriate sinus tachycardia: a three month-long experience based on electrocardiographic, Holter monitoring, exercise tolerance and quality of life assessments., in Cardiol J, vol. 17, nº 2, 2010, pp. 166-71, PMID 20544616.
  15. ^ M. Takemoto, Y. Mukai; S. Inoue; T. Matoba; M. Nishizaka; T. Ide; A. Chishaki; K. Sunagawa, Usefulness of non-contact mapping for radiofrequency catheter ablation of inappropriate sinus tachycardia: new procedural strategy and long-term clinical outcome., in Intern Med, vol. 51, nº 4, 2012, pp. 357-62, PMID 22333369.
  16. ^ R. Vatasescu, T. Shalganov; A. Kardos; K. Jalabadze; D. Paprika; M. Gyorgy; T. Szili-Torok, Right diaphragmatic paralysis following endocardial cryothermal ablation of inappropriate sinus tachycardia., in Europace, vol. 8, nº 10, ottobre 2006, pp. 904-6, DOI:10.1093/europace/eul089, PMID 16887866.

BibliografiaModifica

  • (EN) Olshansky B., What’s so inappropriate about sinus tachycardia?, in J Cardiovasc Electrophysiol, vol. 19, 2008, pp. 977-8.
  • (EN) Kimura T, Uchida W, Satoh S., Predominance of postsynaptic mechanism in vagal suppression of sympathetic tachycardia in the dog., in J Pharmacol Exp Ther, vol. 235, 1985, pp. 793-7.
  • (EN) Low PA., Autonomic neuropathies., in Curr Opin Neurol, vol. 11, 1998, pp. 531-7.
  • (EN) Shen WK, Low PA, Jahangir A, et al., Is sinus node modification appropriate for inappropriate sinus tachycardia with features of postural orthostatic tachycardia syndrome?, in Pacing Clin Electrophysiol, vol. 24, 2001, pp. 217-30.
  • (EN) Zellerhoff S, Hinterseer M, Felix Krull B, et al., Ivabradine in patients with inappropriate sinus tachycardia., in Naunyn Schmiedebergs Arch Pharmacol, vol. 382, 2010, pp. 483-6.
  • (EN) Calo L, Rebecchi M, Sette A, et al., Efficacy of ivabradine administration in patients affected by inappropriate sinus tachycardia., in Heart Rhythm, vol. 7, 2010, pp. 1318-23.

Voci correlateModifica

  Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina